lunedí, 11 dicembre 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

press    regate    volvo ocean race    vela    campionati invernali    laser    canoa    windsurf    confitarma    nautica    lega italiana vela    extreme sailing series    fincantieri   

NAUTICA

Otam svela il nuovo 100 HT prestazioni ad alto tasso di personalizzazione

otam svela il nuovo 100 ht prestazioni ad alto tasso di personalizzazione
redazione

OTAM – con oltre 60 anni di esperienza nel powerboating – presenta il suo nuovo OTAM 100 HT, uno yacht che nasce dalla volontà del cantiere italiano di ampliare la propria gamma fino a una dimensione mai raggiunta fino a oggi, senza per questo mai perdere il DNA OTAM: essenzialità, sportività e un design iconico, riconoscibile fino dal primo sguardo. 
Al centro del progetto, opera di Umberto Tagliavini, spiccano l’ottimizzazione assoluta degli spazi e un’attenzione estrema alla privacy, con la creazione di percorsi dedicati all’equipaggio, pensati proprio per garantire la minima interazione con gli ospiti. L’alto tasso di personalizzazione, caratteristica del brand OTAM, si riflette anche su questo 30 metri.
Nella prima configurazione sviluppata dal cantiere italiano, troviamo un pozzetto talmente ampio da ospitare, oltre al classico grande prendisole poppiero – posizionato sopra il garage del tender (che può raggiungere i 4,20 metri di lunghezza) – anche due divani laterali, oltre a una zona dining per 8-10 persone. La presenza dell’hardtop assicura al tavolo da pranzo e ai due divani laterali un riparo costante dal vento e dal sole diretto, mentre per riparare il prendisole è stato pensato un bimini integrato nella sovrastruttura.
Al fine di creare una grande area vivibile capace di “integrare” il pozzetto e il main saloon, OTAM ha optato per una soluzione particolare: una delle due porte di accesso al ponte principale è scorrevole, mentre l’altra si abbassa e si annega tra le paratie che dividono la sala macchina dalla zona equipaggio. In questo modo gli ospiti in pozzetto potranno interagire senza ostacoli con quelli presenti nella sezione poppiera del main saloon.
Qui, tra le molte soluzioni pensate dal cantiere, l’armatore potrà optare per esempio tra una zona cinema o un’area bar. Proseguendo verso prua – a proposito, il main deck occupa una superficie calpestabile di ben 37 metri quadri – a dritta viene proposto un day toilet per gli ospiti, mentre intorno al grande tavolo da pranzo trovano posto a sedere ben dieci persone.
A prua il cantiere – insieme ad Umberto Tagliavini - ha previsto una terza area dining, anch’essa per 8-10 persone, e un ampio prendisole. Entrambi possono essere goduti dagli ospiti anche nelle ore più calde grazie alla possibilità di avere un bimini customizzabile. Sempre nell’ottica della massima personalizzazione possibile, l’armatore potrà optare per la classica unicità delle linee OTAM o, perché no, addirittura optare per un helipad touch&go.
Sottocoperta, il lower deck occupa una superficie calpestabile di ben 80 metri quadri, dove l’area dedicata all’armatore e ai suoi ospiti è totalmente separata da quella per l’equipaggio. Più precisamente, il committente ha a disposizione ben 60 metri quadri per realizzare il suo layout ideale.
Nella proposta concepita da OTAM, l’armatore può godere di un’enorme suite a centro barca che sfrutta l’intero baglio (6,63 metri), assicurando così 20 metri quadri utilizzabili, con un bagno privato dotato di una grande doccia separata. Questo layout prevede poi a prua una cabina VIP di ben 14 metri quadri e due ulteriori cabine doppie, tutte con il proprio bagno privato.
L’equipaggio accede alla propria area tramite una scala dedicata, ad ulteriore garanzia della massima privacy: qui trova, disposti su ben 24 metri quadri, la cucina, una spaziosa dinette e due cabine doppie con bagno privato. Il massimo dell’efficienza e della sicurezza nella gestione della parte tecnica è garantito tra le altre cose dall’accesso diretto che l’equipaggio ha direttamente dai propri alloggi alla sala macchine. 
Il carattere sportivo proprio di ogni OTAM è poi evidenziato dalla proposta di montare due propulsori MTU da 2600 cavalli ciascuno, accoppiati a trasmissioni Arneson. 


20/09/2017 18:16:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Invernale Riva di Traiano: l'arcobaleno non basta

Ancora una volta poco vento sul campo di regata di Riva di Traiano. Partiti solo i X2 e subito fermati. Una sola regata disputata in tre giornate.

Quarta giornata all'Invernale del Circeo

In IRC 1 Primo CAVALLO PAZZO l'X35 di Enrico Danielli portacolori del RYCC Savoia con Raimondo Cappa al timone, autore di una prova magistrale, rimanendo sempre al centro del campo di regata

La Talisker Whisky Atlantic Challenge

L’oceano Atlantico attraversato a bordo di una canoa che per tutto il corso dell’impresa rappresenta l’unico riparo dalle intemperie e dai pericoli e Solbian realizza un’installazione senza precedenti

Extreme Sailing Series: Alinghi vince l'ultimo Act

Il team svizzero chiude al secondo posto il Circuito delle Extreme Sailing Series 2017

Volvo Ocean Race: domani la In-port race di Città del Capo

L'8 dicembrei torna in mare per la In-port race di Città del Capo, dopo che le barche sono state sottoposte a un'attenta manutenzione e i velisti hanno ricaricato le batterie in vista delle prossime, intense, settimane nell'Oceano meridionale

Pershing presenta il nuovo Owner Set by Poltrona Frau

E celebra i primi 10 anni di sodalizio fra due icone del Made in Italy

Dolphin e Meteor animano il 27° Cimento del Garda

La classifica provvisoria è guidata da "Fantastica" di Anna e Giulia Navoni, alla barra Davide Bianchini, team Campione Italiano in carica

Volvo Ocean Race: Dongfeng Race Team vince la In-port di Città del Capo red-line

Secondi dopo una grande rimonta gli spagnoli di MAPFRE, che mantengono la testa della classifica e terzo AkzoNobel

Fincantieri: varata a Marghera “Nieuw Statendam”

Madrina della cerimonia è stata Anne Marie Bartels, socia élite del programma fedeltà President’s Club di Holland America Line e che da giovane fu tra le prime ad attraversare l’Atlantico da Rotterdam a New York

Ultimo appuntamento di Autunno In Mare con la XV Edizione del Trofeo Nicolaiano

Il trofeo Nicolaiano organizzato dal Centro Universitario Sportivo di Bari ha una connotazione speciale inserendosi nell’ampio progetto di grande solidarietà

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci