lunedí, 26 giugno 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

52 super series    alcatel j/70    altura    vela paralimpica    azzurra    swan    fraglia vela riva    calvi network    optimist    vela olimpica    j/70   

NAUTICA

Oceanic Yachts 76 by Canados

oceanic yachts 76 by canados
redazione

Considerando la crescente domanda per la gamma Oceanic, Canados è lieta di introdurre il suo nuovo modello entry-level di Expedition veloci - Oceanic Yacht 76’.
L’Oceanic 76’ è stato varato e consegnato al suo armatore il primo Agosto 2016 ed è stato ufficialmente introdotto al pubblico e all’industria nautica in occasione del Cannes Yachting Festival 2016.
Questa consegna rappresenta una vera pietra miliare per il cantiere simbolo di Roma, in quanto è il primo nuovo modello ad essere lanciato da quando Michel Karsenti ha acquisito Canados. L’imbarcazione è stata costruita e consegnata partendo da zero in 5 mesi, con un solo giorno di ritardo rispetto alla data contrattuale, nonostante gli ordini di modifica del cliente.
Durante il varo della barca, è stata organizzata una festa con il personale del cantiere e il cliente. In questa occasione, Karsenti ha tenuto un discorso rivolto ai dipendenti Canados. Ha dichiarato: "Sono veramente orgoglioso di vedere in acqua oggi il nostro nuovo primo modello realizzato in un tempo record. Sono ancora più orgoglioso del fatto che, nonostante la complicazione tecnica di questo specifico modello e i suoi cinque mesi di realizzazione, ci sia stato un solo giorno di ritardo, nonostante il contratto consenta fino a 12 giorni di proroga. Ma il mio vero motivo di vanto è quello di lavorare con persone come voi. Avete lavorato sette giorni su sette per fare un cliente felice, per consegnare un yacht superbo e questa è la vera testimonianza della filosofia del cantiere e ciò che rende così unica Canados...”.
Il proprietario e sua moglie, che erano presenti alla festa, sono andati avanti offrendo un breve discorso ai lavoratori Canados, dicendo: "Quando abbiamo firmato il contratto, eravamo convinti che la barca non poteva essere finita alla data promessa, ma la Oceanic 76 'GT era veramente la barca più desiderabile per noi. Oggi, posso dire che non riusciamo a credere a quello che vediamo. Il rispetto dei tempi di consegna, l’incredibile qualità nei minimi dettagli è oltre le aspettative! Oggi siamo molto orgogliosi di essere parte della famiglia Canados. La barca che avete costruito per noi è veramente un superyacht in un piccolo formato. Abbiamo già avuto 5 barche costruite in Italia e lasciatemelo dire, Canados rappresenta il simbolo dell’eccellenza italiana. Grazie mille!"
Questo primo modello è stato venduto prima che il progetto fosse stato presentato ufficialmente.
Come per i modelli Oceanic Yachts più grandi, il 76’ beneficia dell’eccezionale carena a step "Displaning" che consente all’imbarcazione di muoversi a basse velocità in totale comfort con consumi ridotti. Questa concezione di scafo permette inoltre all’imbarcazione di navigare a una velocità planante dai 26 ai 30 nodi, a seconda della motorizzazione a scelta del cliente.
Questo primo modello è spinto da due Caterpillar C18 da 1.150 cv, per una velocità di crociera da 16 a 20 nodi e una velocità massima di 26 nodi.
Oceanic 76’ offre - eccezionali spazi esterni sia sul ponte di poppa sia sul fly bridge di grandi dimensioni totalmente protetto dal suo hard-top a forma di ala.
L'intera sovrastruttura è realizzata in Kevlar/Aramat per aumentare la stabilità, abbassando il centro di gravità al massimo.
Dotato di un sistema di stabilizzazione giroscopica Seakeeper 16, l'Oceanic 76' rimarrà di lato su un’onda di 2 metri senza muoversi, permettendo agli ospiti di pranzare comodamente sul flying bridge.
Il nuovo Oceanic 76’ è disponibile in diverse versioni a 3 o 4 cabine (tutte sul ponte inferiore) mentre sono due le versioni del ponte principale, con cucina completamente chiusa a prua sia con cucina aperta a poppa “american-style”. Quest’ultima si affaccia sia sul salone principale sia sul ponte di poppa, che è un’area essenziale della vita di bordo con il suo tavolo da pranzo all'aperto e il suo ampio salotto a U. Il tender garage ospita un tender di 3,85 metri, mentre la piattaforma da bagno idraulica, di serie, permette di trasportare una moto d’acqua a tre posti.
Il ponte principale offre una spettacolare vista sul mare, grazie alle finestrature laterali continue in vetro di grandi dimensioni. La timoniera wide-body è dotata di due porte a pantografo che permettono una facile circolazione e una maggiore privacy per gli ospiti quando l'equipaggio è al lavoro sullo yacht.
Anche le cabine del ponte inferiore beneficiano di molta luce naturale, grazie ai caratteristici oblò orizzontali Canados che offrono un'ampia superficie e una resistenza ottimale.
Il ponte di prua è dotato di una zona pranzo e dell’accesso alla cabina equipaggio per due.
In generale, la concezione di Oceanic 76’ è in linea diretta con il resto della gamma Oceanic – composta dai modelli 95', 120' e 140' – per la sua facile manutenzione, una gestione molto semplice e superiori capacità marine e di stabilità. Come ogni yacht Canados, il DNA dei suoi interni artigianali costruiti su misura daranno la sensazione di trovarsi a bordo di un superyacht in termini di qualità, materiali e tessuti.
Canados è felice di annunciare l’accordo con Cristiano Gatto Design, con sede a Venezia, per offrire ai propri clienti l'assistenza di un designer di livello mondiale la cui reputazione di progetti vincitori di premi non è seconda a nessuno.
Cristiano Gatto – che ha avuto un’esperienza precedente con Canados progettando l'interno di un 108’ e un 120' per clienti di Karsenti – commenta: "Lavorare con Canados richiede disciplina dal punto di vista del design, nel senso che dobbiamo adattare alcuni dei nostri disegni moderni a una manifattura tradizionale che, al giorno d'oggi, si trova di rado ovunque. Sono davvero orgoglioso, insieme a tutta la squadra di Cristiano Gatto Design: come sappiamo dalla realtà, tutto è possibile da Canados e ogni dettaglio sarà sempre prodotto nel miglior modo possibile. Abbiamo sperimentato un’ottima collaborazione con Canados in passato e so che i loro interni possono superare solamente la mia squadra e le aspettative del cliente. Devo anche dire che è molto comodo visitare il cantiere nel corso di un progetto, e “saltare” dalla barca in produzione al capannone di 2000 mq dove si trova la falegnameria per discutere di eventuali dettagli con gli eccezionali artigiani Canados".


17/10/2016 12:15:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Campionato Italiano Assoluto d’Altura: due prove per tutta la flotta

Ottimo avvio nelle acque di Monfalcone per il massimo appuntamento tricolore d’altura

I ragazzi di Simone Camba riportano a Cagliari Azuree

I ragazzi di NewSardiniaSail porteranno a Cagliari dalla Grecia Azuree, la barca a vela dell'associazione. Un'esperienza preziosa per i giovani in affido dal Dipartimento di Giustizia

Tutto pronto per la 21.A Edizione della Cooking Cup con il nuovo Title Sponsor Prosecco Doc

Compagnia della Vela di Venezia e Barcolana assieme per lo sport marketing nelle regate in Alto Adriatico

Dopo il trionfo europeo Petite Terrible-Adria Ferries rientra in Italia per il terzo evento di stagione

Alcatel J/70 Cup, che prenderà il via venerdì 23 giugno grazie all'organizzazione di J/70 Italian Class, con il supporto della Fraglia Vela Riva

Sled si porta al comando nella prima giornata dell'Audi Sailing Week

L'americano Sled timonato dall'armatore Takashi Okura ha condotto i giochi fin dal primo gate di poppa, con un distacco di circa 150 metri sul secondo classificato, l'inglese Alegre con alla tattica il velista di America's Cup, Andy Horton

Tutto pronto per il XXII Trofeo Challenge Ammiraglio Giuseppe Francese

Al via la manifestazione dedicata ad un uomo che ha dato tanto alla Versilia e alla città di Viareggio

VIDEO - America's Cup: è ancora New Zealand

Peter Burling sta massacrando James Spithill, alla faccia di chi non credeva che fosse abbastanza aggressivo o forte in partenza

Silvia Zennaro sale in prima posizione nella terza giornata di regata a Kiel

Carolina Albano (CV Muggia) scende in 16° posizione a causa dei tre 14° posti di oggi e Valentina Balbi (YCI) scende anche lei in classifica e ora occupa la 23° posizione

Una frizzante prima giornata a Riva del Garda

Un pomeriggio tipico gardesano, con un'Ora inizialmente raffinata e tesa fino a 20 nodi, poi in diminuzione, ha assegnato la prima vittoria della serie alla neocampionessa europea Claudia Rossi a bordo di Petite Terrible-Adria Ferries

Conclusa l’Argentario Sailing Week - Panerai Classic Yachts Challenge 2017

Una menzione particolare va a Linnet (1905) di Patrizio Bertelli con Pietro D’Alì al timone, che ha girato la prima boa di bolina del percorso odierno al primo posto in tempo reale davanti a imbarcazioni di maggiori dimensioni e dello stesso progettista

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci