sabato, 18 novembre 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

surf    clima    j24    melges 40    volvo ocean race    protagonist    disabili    riva    nautica    windsurf    attualità    guardia costiera    mare   

SUZUKI

Nuovo Suzuki DF100B: un fuoribordo da record


Il Suzuki DF100B è un’unità che s’impone all’attenzione dell’utenza per la tecnologia che lo caratterizza e lo porta a primeggiare in un ambito, quello della leggerezza, di grande rilevanza per questo tipo di propulsori. Grazie al suo peso di soli 157 kg, infatti, il Suzuki DF100B diviene il 100 HP in assoluto più leggero e, quindi, anche quello caratterizzato dal rapporto peso/potenza più favorevole fra i fuoribordo di pari cavalli. Una caratteristica fondamentale che gli permette di regalare emozioni sportive anche all’armatore di un natante di medie dimensioni.
Assieme ai DF70A, DF80A e DF90A, declinati dalla stessa unità termica, il 100 HP porta in dote delle caratteristiche tecniche che ben rappresentano il livello tecnologico raggiunto dalla gamma Suzuki. Anche in questo caso ci troviamo di fronte a un motore estremamente compatto, oltre che leggero, grazie alla particolare soluzione adottata per l’albero di trasmissione, che è disassato. Ciò ha permesso di realizzare un fuoribordo dagli ingombri contenuti, col baricentro più vicino allo specchio di poppa, migliorandone il bilanciamento e riducendo le vibrazioni.
Accanto a tale peculiarità il Suzuki DF100B vanta un rapporto di riduzione a due stadi - il primo stadio è tra l'albero a gomiti e l'albero motore, il secondo all'interno della scatola degli ingranaggi – pari a 2,59 : 1, anch’esso da primato per fuoribordo di pari potenza. Una soluzione che rende disponibile un valore di coppia più elevato, consentendo al propulsore di montare un'elica di grande diametro e quindi dal regresso ridotto, appositamente studiata in fase progettuale per garantire un'elevata efficienza propulsiva. Così il DF100B riesce a fornire prestazioni ottimali anche quando deve spingere barche dal dislocamento cospicuo, risultando brillante in accelerazione e in termini di velocità massima.
Il DF100B, come il resto della gamma, si caratterizza per l’adozione del sistema Lean Burn, il sistema di combustione magra messo a punto da Suzuki, che variando il rapporto fra la quantità di combustibile - la benzina - e il comburente - l’ossigeno contenuto nell’aria - a favore di quest’ultimo, taglia significativamente consumi ed emissioni nocive del motore, soprattutto nella navigazione a velocità di crociera costante.
L’unità termica del DF100B è di 1.502 cc, con un’architettura a quattro cilindri in linea e un sistema di distribuzione a 16 valvole con doppio albero a camme in testa. E’ dotato di un raffinato impianto di gestione elettronica capace di supervisionarne il funzionamento istante per istante, in termini d’iniezione, accensione ecc.. In tale ambito s’inserisce l’Easy Start System, il sistema di avviamento semplificato di Suzuki, che non richiede più di tenere la chiave girata fino all’accensione del motore: basta girare la chiave e rilasciarla, perché il sistema farà azionare automaticamente il motorino d’avviamento, finché il motore non sarà in moto.
Fra le ulteriori peculiarità che accomunano il nuovo DF100B ai citati 70, 80 e 90 HP Suzuki, c’è il piede del fuoribordo. Per arrivare a proporre il miglior fuoribordo 4-tempi, Suzuki persegue un costante lavoro di ricerca e sviluppo che riguarda anche la parte immersa dell’unità. Grazie a uno studio particolareggiato in termini idrodinamici, è stata realizzata una forma del piede estremamente efficiente, fino al 36% migliore rispetto ad altri disegni convenzionali.
Come su ogni fuoribordo Suzuki, a partire dal DF40A e fino al DF350A, la distribuzione sul DF100B è affidata a una catena in luogo della più consueta cinghia. Tale soluzione garantisce una maggiore affidabilità e soprattutto non necessita di manutenzione. La catena opera, infatti, in un bagno d’olio ed è regolata da un tenditore idraulico automatico, risultando in questo modo sempre lubrificata e regolata correttamente.
Una novità introdotta sull’unità termica, che riguarda specificamente il solo Suzuki DF100B, è il Water Detecting System. Grazie a un apposito filtro posto sul circuito di alimentazione, un sensore al suo interno avverte chi è al timone, attraverso una spia e un avvisatore acustico, dell’eventuale presenza di acqua nel carburante. In tal modo si evitano problemi come la scarsa combustione, la minor disponibilità di potenza e la corrosione.
A proposito di corrosione, anche questo nuovo Suzuki sfrutta tutto il know-how messo a punto dal costruttore giapponese nei suoi oltre 50 anni di attività, per proteggere i propri motori dalle aggressioni provenienti dagli agenti atmosferici, dal sole e soprattutto dall’acqua salata. Il DF100B adotta infatti la speciale Finitura Suzuki Anti Corrosione, basata sull’utilizzo di una speciale pellicola che riveste ogni parte metallica del fuoribordo, sulla quale vengono poi stesi vari strati di primer epossidico, vernice acrilica – Black Metallic o White, a seconda si scelga la versione con livrea Nebular Black o White del motore – e rivestimento trasparente “Topcoat”, sempre acrilico.
Ancora una piccola e significativa innovazione va segnalata nella presenza di un sistema meccanico, semplice ed estremamente funzionale, denominato Tilt Limit System. Grazie a esso si può regolare il limite entro il quale far inclinare il fuoribordo, quando si deve sollevare il piede fuori dall’acqua oppure nelle operazioni di varo e alaggio. Evitando l’inclinazione oltre un certo angolo, si possono prevenire danni alla barca e/o a ciò che c’è intorno.
Parlando ancora di dettagli, capaci di fare la differenza, il nuovo DF100B, progettato per durare a lungo, ha un sistema molto efficace per la rimozione di ogni di residuo dal circuito di raffreddamento, sia esso sale, sabbia o eventuale altra sporcizia. Grazie a due distinti ingressi da dove poter immettere acqua dolce nel circuito, l’impianto di raffreddamento può essere manutenuto con rapidità e massima efficacia, anche se l’operazione viene effettuata con la barca in acqua, prevenendo pericolosi accumuli che potrebbero minare l’integrità del motore stesso.
Infine, una segnalazione ai diportisti che volessero utilizzare questo motore anche per andare a pesca: fra gli optional disponibili per il DF100B c’è anche il Suzuki Troll Mode System, un utile sistema che consente di regolare la velocità minima della barca semplicemente attraverso un tasto e non con la monoleva di gas e marcia; un sistema utilissimo per chi pratica la pesca a traina. Una soluzione “user friendly” dove basta premere l'interruttore di comando in modalità Troll, per regolare il minimo a intervalli di 50 giri/min, da 650 fino a 1.200 rpm. Un tuning, una sintonia fine della potenza erogata che dà la possibilità di intervenire con precisione a ogni minima variazione delle condizioni di pesca, intese come direzione e intensità del vento, del moto ondoso o della corrente, affinché la velocità della barca sia assolutamente stabile e costante.


24/10/2017 20:41:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Ad Otranto la III regata "Piu' Vela per Tutti"

In onore di Lele Coluccia, grande uomo di mare

"Caccia ai pirati somali” il libro di Gualtiero Mattesi

L’Ammiraglio Mattesi, Comandante del gruppo di 5 navi sotto insegne NATO nell’operazione «Ocean Shields», ha spiegato che i pirati attuali, altro non sono che criminali senza scrupoli

Marina Cala de’ Medici, riprendono i lavori in diga foranea per l’allungamento della berma sommersa

Stamani l’incontro in Porto della 4ª Commissione Consiliare del Comune di Rosignano M.mo col Prof. Aminti per l’aggiornamento sullo stato lavori

Transat Jacques Vabre: strambata involontaria per Giancarlo Pedote

Inizio di regata movimentata per Fabrice Amedeo e Giancarlo Pedote, che però reagiscono cercando di recuperare una posizione, miglio dopo miglio

Volvo Ocean Race: incontri ravvicinati del tipo equatoriale

Per la prima volta dall’inizio della seconda tappa, sono meno di 50 le miglia che separano il leader dal settimo team, la flotta si è compattata e le calme equatoriali stanno rispettando la loro fama

FVG Marinas: il 2017 si chiude con un +30% di transiti

Rete FVG Marinas Network: è tempo di bilanci. 30% in più di transiti nei Marina del Friuli Venezia Giulia nella stagione turistica

Montura presenta la linea Keep Sailing

Linea di abbigliamento destinato alla nautica e all'agonismo velico ricca di soluzioni innovative e realizzata con tecnologie applicate per la prima volta nel mondo della vela

La vela d’altura protagonista a Viareggio per la chiusura della stagione agonistica del Club Nautico Versilia

La tradizionale manifestazione è stata affiancata da una graditissima novità che invitava i regatanti a raccontare, attraverso immagini fotografiche, tutte le fasi della regata, il proprio equipaggio, la propria barca o le imbarcazioni avversarie

Transat Jacques Vabre: vittoria e record per Sodebò

Thomas Coville e Jean Luc Nélias hanno tagliato il traguardo della 13ma Transat Jacques Vabre vincendo nella categoria Ultimes davanti a Sebastien Josse e Thomas Rouxel

Nauta firma il Tender 48’ dei cantieri Maxi Dolphin di Erbusco

Nasce come progetto di imbarcazione veloce da appoggio e connessione per un superyacht di maggiori dimensioni; è dotata di un bottazzo continuo e morbido di protezione che agevola l’appoggio alla barca “madre”

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci