giovedí, 27 aprile 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

alinghi    gc32    regate    coppa del mondo    j70    andrea mura    protagonist    barcolana    solitari    vela    turismo    vele d'epoca    cio    nautica    half ton    rotte golose    5.5    j24   

RECORD

New York: Soldini partito per il record sull'Atlantico

new york soldini partito per il record sull atlantico
redazione

Vela, Record New York/Cap Lizard - Stamattina alle 7.20 GMT (9.20 italiane, 3.20 locali), davanti al faro di Ambrose, nella baia di NewYork, sotto un cielo nuvoloso, Maserati ha tagliato la linea di partenza per tentare di battere il record di traversata atlantica da New York a CapeLizard (UK). 2.925 miglia in nord Atlantico, passando tra gli iceberg a suddell'isola di Terranova, da percorrere in meno di 6 giorni, 17 ore, 52 minuti e 39 secondi, il tempo record realizzato nel 2003 dal monoscafo Mari Cha IV dell'inglese Robert Miller.

“L'attesa è stata lunghissima ma abbiamo fatto bene ad aspettare”, spiega Soldini prima di mollare gli ormeggi. “Sembra che questa sia la bassa pressione perfetta per tentare un record così impegnativo come quello del nord Atlantico. Cercheremo di cavalcare al meglio l'onda del vento e di arrivare in Inghilterra con ilrecord in tasca. Siamo tutti molto carichi e fiduciosi”.

A bordo un equipaggio internazionale di capaci velisti e navigatori oceanici: oltre a Soldini (skipper), l'americano Brad Van Liew (navigatore), lo spagnolo Javier de la Plaza (timoniere, pit e capoturno), i francesi Sebastien Audigane (timoniere e trimmer) e Ronan Le Goff (timoniere e prodiere), gli italiani Guido Broggi (boat captain) e Corrado Rossignoli (prodiere), l'inglese Tom Gall (aiuto prodiere).

L'impresa di Soldini e compagni è tutt'altro che semplice. Alle difficoltà della rotta (venti forti, mare formato, iceberg, temperatura dell'acqua a 2-4 gradi) e della gestionemeteorologica si aggiungono le diverse caratteristiche dell'”avversario” rispetto a Maserati. Mari Cha IV è un maxy yacht di 140 piedi (il doppio del VOR70 Maserati), costruito per battere i principali record del mondo. Interamente in fibra di carbonio, dotato di chiglia basculante, ha un dislocamento di cinquanta tonnellate. Il piano velico è suddiviso su due alberi, ciascuno lungo 45 metri. Durante il record NY-Cape Lizard, stabilito tra il 2 e il 9 ottobre 2003, a bordo di Mari Cha IV, oltre all'armatore Robert Miller, c'era un equipaggio di ventitré persone (neozelandesi, inglesi e francesi).


09/05/2012 18:45:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Il CNRT contro i "Furbetti del Trackerino"

Dalla prossima regata verranno certificati i tracking delle barche e la loro traccia costituirà una prova in sede di proteste

Torna la Duecento: la XXIII edizione dal 5 al 7 maggio

A meno 2 settimane dal via, oltre 50 iscritti

Prosecco moldavo? No grazie!

La questione riguarda la vicenda – ben nota al Consorzio Prosecco Doc - del "Prosecco Pronto", prodotto in Moldavia dalla Bulgari Winery

Torna Corri sull’acqua – Windsurf 4 Amputees

Oltre 20 ragazzi con diverse amputazioni agli arti inferiori grazie ai quali è stato possibile, modificando l'aspetto tecnico e la didattica, studiare e approfondire le problematiche specifiche per l'apprendimento del windsurf

FIV: un concorso per il Poster della Coppa Primavela

Il disegno di Letizia Turturiello vincitore nel 2016

Dopa la RomaX2 che fai? TATtacchi alla Lunga Bolina!

Tanti reduci dalla Roma per si troveranno alla partenza della Lunga Bolina, calendarizzata strategicamente una settimana dopo con cui parte il TAT

222 Minisolo, al via la II edizione

Modalità solitario per il terzo appuntamento del Campionato Italiano Mini 6.50

Iniziata la 1^ Selezione Nazionale Optimist di Bari

Vento sui 10 nodi in calare ha visto primi di batteria i romani Nuccorini e Gradoni

Winexpress, il bicchiere di vino monodose entra in cambusa

E' una novità tutta italiana, pensata, realizzata e distribuita dalla Vinicola Consoli di Olevano Romano

Sport Images di Stefano Fusco vince la 6ª edizione della Coastal Race

È stata una bella regata e siamo felicissimi di aver vinto - sono le parole di Stefano Fusco, armatore e timoniere di Sport Images - ha premiato il lavoro di gruppo"

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci