venerdí, 18 ottobre 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

giancarlo pedote    regate    giovanni soldini    veleziana    middle sea race    nautica    sup    j70    cnsm    sicurezza in mare    optimist    match race    mini transat    finn    vele d'epoca   

ECOLOGIA

Mowgli di Nannini fa rotta su Cala de Medici

mowgli di nannini fa rotta su cala de medici
redazione

Il Class 40 Mowgli, timonato da Marco Nannini, che naviga sotto i colori di Verde come Vela, iniziativa promossa dalla rete d’impresa Boat Ecology,  è partito ieri alle 11,20 dalla banchina Fucile, in una bella giornata estiva che ha garantito, oltre che un sole splendente, anche 6 nodi di vento alla partenza e 10 nodi di maestrale per tutta la navigazione. Rotta su Cala Dei Medici, Rosignano (LI), 35 miglia di navigazione verso la seconda tappa di questa crociera che ha l’intento di verificare lo stato di cultura ecologica del diporto e delle sue strutture costiere, dimostrando, nel contempo, come sia possibile ridurre l’impatto ambientale anche quando si veleggia. Mowgli ha navigato sempre con le vele issate, senza mai utilizzare il motore. A bordo, il team di Verde come vela e un ospite importante: il professor Antonio Perfetti, biologo e responsabile di gestione area marina protetta Secche della Meloria, area marina gestita dall’ente parco regionale Migliarino San Rossore Massacciucoli.

 

L’area marina protetta è in vigore dallo scorso maggio; attualmente si trova in una fase di transizione e con tutta probabilità il monitoraggio puntuale da parte della capitaneria di porto (ora impegnata all’Isola del Giglio nelle operazioni di rigalleggiamento e di spostamento della Costa Concordia) per il controllo delle imbarcazioni inizierà dalla fine di settembre. Il parco marino si estende per 9000 ettari ed è suddiviso in tre zone A,B,C: la A interdetta alla navigazione; la B dove possono accedere solo se imbarcazioni con determinati requisiti consultabili in Internet (nel sito della area marina Secche della Meloria, www.ampsecchedellameloria.it); la C l’area dove le restrizioni sono minori. I diportisti potranno presto prenotare online nel sito del Ministero dell’Ambiente e acquistare i permessi per accedere al parco marino.

 

«I vincoli di fruibilità dell’area marina non devono essere visti come un limite fine a se stesso» ha commentato il professore Antonio Perfetti «ma come uno stimolo a diminuire l’impatto ambientale, da un lato, e dall’altro ad aiutare l’industria nautica a incrementare la propria attività per rendere le imbarcazioni più conformi al rispetto dei vincoli. L’iniziativa di Verde come Vela, in questo contesto, è il testimone importante del messaggio di sostenibilità ambientale, perché mostra come la tecnologia stia facendo passi da gigante, garantendo la possibilità di essere autonomi nell’utilizzo di risorse rinnovabili. Sono felice di questa esperienza, mi sono reso conto di come con poco una barca può essere realmente autosufficiente».

 

E L’autosufficienza di Mowgli è stata dimostrata proprio ieri, giornata in cui la barca ha utilizzato esclusivamente il sistema eolico, l’idrogeneratore e i pannelli fotovoltaici. I dati (vedi allegato) testimoniano non solo che la barca è riuscita a essere autosufficiente ma che è anche riuscita a produrre un’energia superiore al fabbisogno richiesto dalle 35 miglia percorse.

 

«Veleggiando a 6 nodi, solo con i sistemi fotovoltaico ed eolico, producevamo 6 Ampere ma ne consumavano 10 A (con pilota automatico inserito)» riferisce Alberto Buogo, responsabile del progetto. «Con l’idrogeneratore abbiamo prodotto 15 A: quindi 5 in più del fabbisogno richiesto. Il picco massimo di produzione è stato di 27,5 Ampere grazie al sistema fotovoltaico, all’idrogeneratore, senza il sistema eolico, ad un’andatura di 8 nodi. Il consumo medio della giornata è stato di 10 A, con pilota automatico inserito, con gli strumenti navigazione, il pc degli operatori-video a bordo collegati».

 

Si ricorda che Mowgli per produrre energia usa la luce del sole, la forza del vento e dell'acqua del mare.

 

Domani mattina il Class 40 di Verde come Vela, salperà per affrontare 40 miglia di navigazione alla volta di Punta Ala.

 

Le prossime tappe

19 luglio si salpa da Punta Ala (GR) verso Gaeta, saliranno a bordo Andrea Marconetti e Maurizio Rosazza Prin, amici di Verde come Vela, nonché secondo e terzo classificato a Masterchef 2013 e inventori di Chissenefood, imbarcati non nel loro ruolo di chef, ma di ospiti che condividono l'idea che sia possibile vivere con un impatto ambientale ridotto.

Il 21 luglio partenza per Cala Galera, all’Argentario, quarta tappa; sarà anche coinvolta la scuola di vela.

Il 22 luglio la barca sarà a Riva di Traiano (Roma).

Il 23 luglio, l’ ultima tappa dello “Stivale” è alla base nautica Flavio Gioia di Gaeta (LT).

Il 24 luglio rotta sulla Sardegna: Olbia e Cagliari chiuderanno il viaggio documentario con una veleggiata ambientale e incontri istituzionali.

 

Il viaggio di Verde come Vela può essere seguito attraverso il diario di bordo e il blog delle persone imbarcate con accesso dal sito www.verdecomevela.org.


18/07/2014 09:40:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Barcolana Classic: al via anche il 12 metri S.I. “Kookaburra III”

Al via domani a Trieste la regata dedicata alle vele d'epoca, classiche e spirit of tradition. In acqua anche “Kookaburra III” storico 12 metri dell'America's Cup

Barcolana: il Team MSC presente anche quest'anno

Anche quest’anno il team di vela di MSC, azienda leader nei trasporti marittimi containerizzati, gareggerà con la barca classe Psaros33

Mini Transat: Marco Buonanni, "Una birra e si riparte"

Marco Buonanni (769) ha tagliato il traguardo della prima tappa del Mini-Transat La Boulangère in 33a posizione nei Serie questo martedì alle 14:48:25 (ora italiana) a Las Palmas de Grand Canaria

Mondiale Melges 24: la rabbia di "Bombarda"

2019 Melges World Championship - Villasimius . Andrea Pozzi: "E' un Mondiale fuori dal mondo"

Mondiale Melges 24: in testa Bombarda e Maidollis

Maidollis e Bombarda sono seguiti, in classifica generale, da Monsoon di Bruce Ayres, terzo con 28 punti

Tripletta di Kookaburra III alla Barcolana Classic

Kookaburra III, il 12 metri Stazza Internazionale in acqua con XL EXTRALIGHT, si è aggiudicato per il terzo anno consecutivo la Barcolana Classic nella categoria Spirit of Tradition

Europeo Hansa: bronzo per il team della LNI Palermo

Il team della Lega Navale Italiana, sezione Palermo formato da Claudia Di Miceli e Simona Pasqua conquista il podio portando a casa il terzo posto nella classifica femminile in doppio

Windfoil: partito a Cagliari il 1° Campionato Italiano

Iniziato a Cagliari, organizzato dal Windsurfing Club Cagliari, il primo Campionato Italiano Windfoil, categoria di Tavola a Vela dotata di foil che le consente di navigare a pelo d’acqua

A Maidollis il Mondiale Melges 24

Cinque i giorni di regata, con una sorprendente rimonta in poppa nell’ultima prova di Maidollis, che è salita in testa alla classifica, con un distacco di quattro punti dalla statunitense Monsoon e dodici da Bombarda

IMA announces Mediterranean Maxi Inshore and Offshore Challenge winners

The IMA Mediterranean Maxi Inshore Challenge (MMIC) spanned six events, starting with Sail Racing PalmaVela in May, and concluding with last week’s Les Voiles de Saint-Tropez

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci