venerdí, 22 febbraio 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

campionati invernali    press    barcolana    rorc caribbean 600    fincantieri    regate    vela oceanica    vele d'epoca    cnsm    dragoni    j24    mascalzone latino    caribbean 600    giovanni soldini    vela    velista dell'anno    soldini   

VELA OLIMPICA

Mondiali Aarhus: anche il 470 maschile si qualifica per Tokio

mondiali aarhus anche il 470 maschile si qualifica per tokio
redazione

Anche oggi, dopo lunga attesa a terra e successiva in acqua, si sono svolte solo alcune delle prove previste del Campionato del Mondo di vela a classi unificate, e anche oggi arriva una preziosa qualifica per l’Italia ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare) con il quinto posto odierno entrano in Medal Race e qualificano la nazione.
 

Giacomo Ferrari:
"Siamo scesi in acqua conoscendo a memoria la classifica e sapevamo quanti punti ci servivano per qualificare la nazione e per agguantare la Medal, abbiamo fatto una prima bolina perfetta dove abbiamo girato quarti e abbiamo visto che i nostri avversari diretti erano dietro, dopodiché abbiamo cercato di controllare, nell'ultima poppa abbiamo capito che era inutile andare a rischiare una protesta con il greco e abbiamo deciso di chiudere in  tranquillità in quinta posizione. Durante questa settimana ci abbiamo sempre creduto, sappiamo il nostro valore e abbiamo un gruppo di persone attorno che credono in noi, un ringraziamento speciale alla Federazione e al nostro Direttore Tecnico Michele Marchesini che durante questa settimana ha creduto fortemente in noi”.

Giulio Calabrò:
"Quest'anno il nostro obiettivo era quello di confermare il gruppo B e l'abbiamo confermato all'Europeo e sapevamo che se fossimo entrati qui ad Aarhus in Medal Race sicuramente la qualifica per nazione sarebbe arrivata e così è stato, oggi abbiamo fatto una bellissima regata e abbiamo raggiunto tutti i nostri obiettivi dell'anno. Siamo contentissimi!"


L’Italia, a differenza di quanto accadde per Rio 2016, qualifica subito le due derive in doppio, con degli equipaggi giovani che si trovano a combattere sul campo di regata con avversari di maggiore esperienza, che hanno alle spalle già diverse Olimpiadi. E’ la nuova generazione che avanza, guidata da quella che ha da poco lasciato il campo: i coach sono Gabrio Zandonà e Pietro Zucchetti, che insieme sfiorarono il podio a Londra 2012.

Gabrio Zandonà:
"Per fortuna il Direttore Tecnico Michele Marchesini e il Presidente Francesco Ettorre hanno creduto in questo progetto 470, i ragazzi sono di altissimo livello seppur giovani, aperti a nuove idee e convinti di quello che si fa, perciò il percorso per qualificare i ragazzi e le ragazze del 470 non è stato difficile. Qualifichiamo l'Italia come settima nazione nelle femmine e come sesta nei maschi, in due anni per avere una medaglia alle Olimpiadi dovremo battere 4 nazioni nelle ragazze e 3 nei ragazzi, questo è il vero obiettivo che inizia oggi e finisce fra 600 giorni”.
 

Una prova per Laser e Laser Radial, se nei primi gli italiani oggi non registrano una delle migliori giornate del Campionato - Giovanni Coccoluto (SV Guardia di Finanza) prende la seconda bandiera gialla, viene squalificato e scivola in 30esima posizione - non si può dire lo stesso del Radial, dove Silvia Zennaro (SV Guardia di Finanza) conquista un ottimo secondo posto, Carolina Albano (CV Muggia) è terza dietro di lei e Joyce Floridia (SV Guardia di Finanza) è ottava. In classifica Floridia è 31esima, Albano 27esima e Zennaro 15esima, in piena zona qualifica. Ancora due prove domani per le ragazze ed una per i ragazzi.
 

Nessuna prova per la Gold fleet dei 49er, tre per quella degli FX dove non abbiamo equipaggi, così come per i Kiteboard. Domani tornano tutti in acqua.
 

Due prove invece per i Finn che dovevano recuperare le prove perse nei giorni precedenti, con il nostro Spadoni in 31esima posizione dopo i parziali odierni di 20 e 36. Non qualifica l’Italia in questa occasione, ma la strada per Tokyo è ancora lunga e il 60% dei posti restano ancora da assegnare.
 

Domani tornano in acqua RS:X maschili e femminili ed Nacra 17 che iniziano la serie finale di regate; così anche i 49er e 49er FX; continuano a regatare anche i Laser e Laser Radial che si giocano il giorno di riposo ed i Kiteboard.
Finn e 470 maschili e femminili disputeranno la Medal Race, e noi dobbiamo seguire Giacomo Ferrari - Giulio Calabrò (Marina Militare) nei ragazzi e Benedetta Di Salle - Alessandra Dubbini (YC Italiano) nelle ragazze.

La partenza per le altre classi è prevista alle 12 e tutte le regate si possono seguire live sul sul canale YouTube di World Sailing e sul sito della Federazione Italiana Vela

 


08/08/2018 21:06:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Caribbean 600: si rovescia Argo, il rivale di Soldini. Equipaggio in salvo

Il MOD 70 americano Argo si è capovolto a Sud di Antigua, l’equipaggio è in salvo.

Fincantieri: ad Ancona al via i lavori in bacino per "Silver Moon"

Si tratta della seconda di tre navi ultra-lusso della serie “Muse” per Silversea Cruises

Andora: la classe Laser inaugura il progetto "Italia Cup Plastic Free"

Si tiene ad Andora, da venerdì 15 a domenica 17 febbraio, la prima tappa dell'Italia Cup Laser 2019. L'organizzazione della regata è affidata al Circolo Nautico Andora, su delega della Federazione Italiana Vela

Caribbean 600: sportività tra Soldini e il Team Argo

Giovanni Soldini e l’equipaggio di Maserati Multi 70 hanno accolto la richiesta del Team di Argo di posticipare la partenza della RORC Caribbean 600

Giovanni Soldini pronto per la RORC Caribbean 600

Domani il via dell’11ma edizione della RORC Caribbean 600. Previste condizioni favorevoli per la regata

La RORC Caribbean 600 di Giancarlo Simeoli

Giancarlo Simeoli ha affrontato la Caribbean 600 a bordo di Triple Lind Cookson 50 di Joseph Mele

Giovanni Soldini e Maserati alla RORC Caribbean 600

Maserati Multi 70 e Giovanni Soldini ad Antigua per la RORC Caribbean 600. L’equipaggio del trimarano italiano è pronto alla sfida con l’americano Argo. Partenza prevista per il 18 febbraio

Sydney: dopo 5 prove Australia in testa nella "ControCoppa America"

Belle riprese video ma formula ancora non convincente

Invernale Riva di Traiano: 2 nodi non bastano

Giornata estiva con un vento che non è mai andato oltre i 3 nodi, troppo pochi per disputare una regata degna di tal nome

Caribbean 600: per Soldini anche il nuovo record della regata

Il Team italiano stabilisce il nuovo record della regata: 1 giorno, 6 ore e 49 minuti Il diretto rivale Argo taglia il traguardo 7 minuti dopo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci