giovedí, 21 febbraio 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vele d'epoca    cnsm    dragoni    j24    mascalzone latino    caribbean 600    giovanni soldini    vela    campionati invernali    velista dell'anno    soldini    dakar guadalupa    regate    leggi e regolamenti    laser   

VELA OLIMPICA

Miami: poco vento alle World Cup Series

miami poco vento alle world cup series
redazione

Il secondo giorno di regate della tappa americana delle World Cup Series 2019 è stato caratterizzato da vento sui 5 nodi proveniente da nord in oscillazione che ha reso complicato lo svolgimento del programma di gare, andato in scena anche ieri a ranghi ridotti.
Negli RS:X femminili scende dalla seconda alla terza posizione l'azzurra Flavia Tartaglini (SV Guardia di Finanza), dopo un'unica prova. Al comando si trova sempre la cinese Yunxiu Lu e seconda la polacca Zofia Noceti-Klepacka. 15esima Marta Maggetti (SV Guardia di Finanza) e 28esima Veronica Fanciulli (Aeronautica Militare).
Una sola prova e tre in totale per gli RS:X maschili dove Mattia Camboni (CS Fiamme Azzurre) e Daniele Benedetti (SV Guardia di Finanza) migliorano le loro posizioni rispetto al primo giorno piazzandosi rispettivamente 13esimo e 15esimo. Primo il cinese Mengfan Gao, secondo il francese Thomas Goyard e terzo lo spagnolo Angel Granda-Roque.

Nessuna regata per i 470, maschili e femminili, le cui classifiche rimangono invariate con:

  • Giacomo Ferrari con Giulio Calabrò (Marina Militare) secondi e Matteo Capurro con Matteo Puppo (YC italiano) 21esimi;
  • Benedetta Di Salle con Alessandra Dubbini (Marina Militare/SV Guardia di Finanza) terze ed Elena Berta con Bianca Caruso (Aeronautica Militare/Marina Militare) 20esime.

Due le prove per i Laser Standard che vedono un cambio in vetta alla classifica, occupata ora dal danese Herman Tomasgaard seguito dal neozelandese Sam Meech e dal belga William de Smet. Gli italiani son: 36esimo Marco Gallo (SV Guardia di Finanza), 37esimo Gianmarco Planchestainer (SV Guardia di Finanza), 46esimo Giovanni Coccoluto (SV Guardia di Finanza) e  55esimo Nicolò Villa (CV Tivano).
Una sola prova anche ieri per i Laser Radial, nei quali si assiste a un cambio della guardia sul podio: prima la finlandese Monika Mikkola, seconda la britannica Alison Young e terza l'australiana Zoe Thomson. Sale in 17esima posizione l'azzurra Valentina Balbi (YC Italiano), seguita in 25esima da Silvia Zennaro (SV Guardia di Finanza). 39esima Francesca Frazza (FV Peschiera del Garda) e 42esima Carolina Albano (RYCC Savoia).
Una prova anche per i 49er, al cui comando si trova l'equipaggio statunitense formato da Nevin Snow e Maximiliano Agnese seguito da quello croato di Sime e Mihovil Fantela e da quello britannico di James Peters e Fynn Sterritt. 14esima posizione per Uberto Crivelli Visconti e Gianmarco Togni (Marina Militare) e 22esima per Simone Ferrarese e Valerio Galati (CV Bari/LNI Trani).
Tre prove invece per la classe 49er FX con l'equipaggio italiano di Maria Ottavia Raggio e Jana Germani (CV La Spezia - Sirena CN) che sale dalla 30esima alla 27esima posizione. Al comando si trovano le le neozelandesi Alexandra Maloney e Molly Meech seguite dalle britanniche Sophie Weguelin e Sophie Ainsworth e dalle statunitensi Stephanie Roble e Margaret Shea.
Nella classe Finn si trova al comando il finlandese Tapio Nirkko seguito dal norvegese Anders Pedersen e dal francese Jonathan Lobert.
Nei Nacra 17 sono primi i brasiliani i brasiliani Samuel Albrecht e Gabriela Nicolino de Sá, secondi gli australiani Jason Waterhouse e Lisa Darmanin e terzi gli argentini Santiago Lange e Cecilia Carranza Saroli.
Da Miami il Direttore Tecnico Michele Marchesini commenta così la lunga giornata:
"Difficile fare valutazioni dopo due giornate in condizioni così estreme e il programma in molti casi in ritardo. Ieri soprattutto, alcune prove sono state forzate al limite: regatare con quattro nodi o poco più è estremo ma evidentemente fa parte del gioco. Partire puliti, agganciare la prima pressione, gestire il rischio sono fondamentali semplici da citare, non altrettanto da realizzare nella pratica. In giorni così la capacità di tenere nervi saldi e concentrazione fanno la differenza. "
Per la giornata di oggi si spera nell'arrivo del vento per poter svolgere le regate in programma e per provare a recuperare le prove non disputate nei giorni scorsi. I primi a scendere in acqua saranno i Finn con il primo segnale di avviso previsto alle 10:00 locali (ore 16:00 in Italia) sul campo Delta. 

 


31/01/2019 09:31:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Caribbean 600: si rovescia Argo, il rivale di Soldini. Equipaggio in salvo

Il MOD 70 americano Argo si è capovolto a Sud di Antigua, l’equipaggio è in salvo.

Fincantieri: ad Ancona al via i lavori in bacino per "Silver Moon"

Si tratta della seconda di tre navi ultra-lusso della serie “Muse” per Silversea Cruises

Andora: la classe Laser inaugura il progetto "Italia Cup Plastic Free"

Si tiene ad Andora, da venerdì 15 a domenica 17 febbraio, la prima tappa dell'Italia Cup Laser 2019. L'organizzazione della regata è affidata al Circolo Nautico Andora, su delega della Federazione Italiana Vela

Giovanni Soldini pronto per la RORC Caribbean 600

Domani il via dell’11ma edizione della RORC Caribbean 600. Previste condizioni favorevoli per la regata

Domenica settima prova per l'Invernale di Riva di Traiano

Nel mezzo di quella che oramai viene chiamata “L’estate di San Valentino”, si torna in acqua domenica 17 febbraio per la settima giornata del Campionato Invernale di Riva di Traiano – Trofeo Paolo Venanzangeli

Giovanni Soldini e Maserati alla RORC Caribbean 600

Maserati Multi 70 e Giovanni Soldini ad Antigua per la RORC Caribbean 600. L’equipaggio del trimarano italiano è pronto alla sfida con l’americano Argo. Partenza prevista per il 18 febbraio

Sydney: dopo 5 prove Australia in testa nella "ControCoppa America"

Belle riprese video ma formula ancora non convincente

Caribbean 600: sportività tra Soldini e il Team Argo

Giovanni Soldini e l’equipaggio di Maserati Multi 70 hanno accolto la richiesta del Team di Argo di posticipare la partenza della RORC Caribbean 600

Invernale Riva di Traiano: 2 nodi non bastano

Giornata estiva con un vento che non è mai andato oltre i 3 nodi, troppo pochi per disputare una regata degna di tal nome

Caribbean 600: per Soldini anche il nuovo record della regata

Il Team italiano stabilisce il nuovo record della regata: 1 giorno, 6 ore e 49 minuti Il diretto rivale Argo taglia il traguardo 7 minuti dopo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci