sabato, 10 dicembre 2016


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

gaetano mura    altura    marina di varazze    52 super series    press    alinghi    vela oceanica    guardia costiera    suzuki    regate    campionati invernali    windsurf    yacht club sanremo    laser    nautica   

BARCOLANA

Maxi Jena Tempus Fugit sfiora il podio: seconda assoluta alla Barcolana, prima in classe N

maxi jena tempus fugit sfiora il podio seconda assoluta alla barcolana prima in classe
redazione

E’ stata una Barcolana di bora, con raffiche intense e una bella battaglia, che ha avvinto tutti gli spettatori. 

Maxi Jena Tempus Fugit, l’ottanta piedi di Mitja Kosmina disegnato da Andrej Justin che ha corso per i colori dello Yacht Club Hannibal, sostenuta da Marina Hannibal, Diners Club International e Colmar, è stata fin da subito protagonista della Coppa d’Autunno.

Domenica 9 ottobre allo start delle 11.30, Maxi Jena parte sopravento controllando l’avversario, prende il comando sfruttando le raffiche, corre inseguita da Alfa Romeo dei fratelli Benussi, la velocità delle barche è quasi equivalente. Prima della boa di Miramare, quando l’andatura cambia in bolina, anche il passo delle due barche si inverte, Alfa Romeo che stringe di più, passa in testa e mantiene la leadership fino al traguardo, non lasciando scampo a Maxi Jena.
Così Mitja Kosmina all’arrivo “Tutti vogliono vincere e noi ce l’abbiamo messa tutta, mi sono divertito molto dal punto di vista umano e sportivo, ora completeremo il refitting della barca per essere ancora più competitivi il prossimo anno”.
“Si sono create delle ottime sinergie tra la componente italiana e slovena e loYacht Club Hannibal è molto fiero del risultato” gli fa eco Loris Plet, Direttore YCH “abbiamo davvero dato il massimo e non rimpiangiamo le scelte fatte. Sono molto contento anche delle vittorie degli altri componenti del Team Altura”.
Soddisfatto anche il campione veneto Enrico Zennaro, a bordo di Maxi Jena dal 2002 “E’ stata una bella sfida, ci siamo divertiti e abbiamo dato il massimo, facendo un’ottima prestazione. Per metà regata eravamo convinti di vincere, ma la bolina stretta ci ha decisamente penalizzati. La prossima settimana regateremo a Venezia, dove gioco in casa e sono sicuro che ci prenderemo la nostra rivincita”.
Ottimi risultati per tutto il Team Altura YCH.
Angelica IV, Sciarelli 56 della Scuola Vela Tito Nordio, sabato 8 ottobre ha vinto la Barcolana Classic in classe A Sciarelli e la Line Honour. Al timone Piero Fabbro che ha dichiarato “E’ stata una bella edizione molto combattuta, con vento tra i 10 e 12 nodi. Nel percorso a triangolo con partenza e arrivo davanti al Faro della Vittoria, abbiamo mantenuto sempre il comando, con continui bordeggi, resi più impegnativi dai salti di vento”.
Mataran MK3, Ice 33 di Paolo Nordera, ha vinto la 48° Barcolana nella numerosa classe 4, tagliando il traguardo 30° assoluto. Ottimo risultato anche per Mummy One il Farr 30 di Alessio Querin già campione italiano Minialtura 2015, che è tornata in gran forma e si è classificata prima in classe 5 (con un ottimo 54° assoluto) e per Duvetica Grey Goose timonata da Daniele Augusti che vince la classe 1 Crociera.
Questi gli altri risultati di classe del Team Altura YCH tra i primi 150 al traguardo: Silver Age di Matteo Knapcic 5° in classe 2, Matrix di Andrea Clavarino 5° in classe 4, Barraonda di Lucio Provvidenti, 6° in classe 1, Pazza Idea di Pierluigi Bresciani 12° in classe 1, Talitha di Maurizio Merenda 12° in classe 0, Margherita di Piero Burello 16° in classe 1, Magica Luce di Danilo Valentini 20° in classe 2.
I prossimi appuntamenti per Maxi Jena Tempus Fugit sono con la Venice Hospitality Challenge che si correrà il 15 e la Veleziana il 16 ottobre.


10/10/2016 21:08:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Tir: sicurezza stradale a rischio per autisti stranieri senza formazione

Sono circa il 20% della forza lavoro alla guida nelle imprese di autotrasporto italiane, ma il coinvolgimento di patenti estere nel totale degli incidenti che vedono protagonisti mezzi pesanti supera ampiamente il 40%

Gaetano Mura: danni per Italia sdraiata da 65 nodi di vento

Gaetano Mura:"Ho lottato invano per 40 minuti che mi sono sembrati un' eternità, sotto quello sforzo, spendendo sino all'ultima goccia di energia e di forza dentro le mie braccia e tutto il mio corpo".

Invernale Riva di Traiano: di Lunatika il primo centro nella "Per2"

Vincono Lunatika (Per2), Ulika (Regata), Twins (Crociera) e Giuly del Mar (Gran Crociera) in una giornata caratterizzata da un grande equilibrio in tutte le classi

Campionato Meteor del Golfo di Napoli: Yanez vince il Trofeo Circolo Canottieri Napoli

Una flotta di 30 imbarcazioni che ospita anche alcuni team provenienti da Bracciano e dal Trasimeno

Matteo italo Ratti nuovo Presidente sezione cantieristica Confindustria Livorno Massa Carrara

Inoltre è stato eletto Graziano Giannetti, Amministratore dell’Azienda Metalquattro di Cecina

Extreme Sailing Series: Alinghi in testa dopo la prima giornata

Condizioni di vento extreme a Sydney, ma Alinghi c’è e guida la classifica provvisoria. Spettacolari le foto delle regate odierne con le imbarcazioni in full foiling

L’austriaco Christian Binder vince la 12ª edizione dell’International Christmas J24 Match Race

Atleti da 8 nazioni del vecchio continente si sono dati battaglia in un week end di regate a match race a bordo dei J24, organizzato dalla Sezione di Trieste della Lega Navale

Gaetano Mura e Italia, con il vento forte arriva il record di percorrenza in 24 ore

Passato il meridiano di Greenwich, Capo di Buona Speranza è a un passo. In arrivo un fronte con vento a 40-45 nodi

Giro di boa per la Monteargentario Winter Series e l’Argentario Coastal Race

Ottimo riscontro di partecipanti e gradimento per l’innovativa formula proposta dai Circoli dell’Argentario

RORC Transatalntic Race: MaseratiMulti70 a 142 miglia da Grenada

Vittoria per Phaedo nella categoria multiscafi

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci