martedí, 24 gennaio 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

nautica    suzuki    vela olimpica    press    guardia costiera    barcolana    roma per 1/2/tutti    alinghi    vendee globe    vela oceanica    protagonist    j70    azzurra    quantum key west 2017    52 super series   

MASCALZONE LATINO

Mascalzone Latino jr. quinto al Mondiale Melges 20 di Scarlino

mascalzone latino jr quinto al mondiale melges 20 di scarlino
redazione

Settimana agrodolce per il team Mascalzone Latino jr., che ha disputato il quarto mondiale dall’esordio a oggi della classe Melges 20 a Marina di Scarlino concludendo al quinto posto. L’equipaggio di Achille Onorato aveva ben interpretato le prime tre giornate e anche la penultima prova della serie, la settima, ritrovandosi al terzo posto nella classifica generale provvisoria sino a tre quarti della seconda ed ultima bolina del campionato. Otto regate portate a termine su dieci in programma, di cui sei molto positive, concluse con una posizione a una cifra e una media aritmetica inferiore al sesto posto, dimostrano che, guardando la classifica con un podio compreso fra i 27 punti, quelli di Pinta vincitore del titolo iridato (Michael Illbruck-John Kostecki), i 34 di Pacific Yankee, sul secondo gradino del podio (Drew Freides-Morgan Reeser) e i 46 di Mag Tiny, medaglia di bronzo (Krzysztof Krempec-Tomislav Basic), un piazzamento tra i “top three” sarebbe stato alla portata dei Mascalzoncini, considerando che in tutte e quattro le giornate di regata ha dimostrato buona forma e un passo competitivo. Dopo un giovedì del tutto positivo, un venerdì a fasi alterne (con un terzo posto e un quarantesimo, scartato), e un sabato con un validissimo quarto posto, l’equipaggio del mosquito partenopeo andava a dormire con un terzo posto provvisorio e 16 punti di distacco dalla vetta. Domenica, il giorno decisivo: sin da subito Pacific Yankee non è apparso brillante come nelle giornate precedenti, consentendo che i giochi si riaprissero. 

Tra tutti chi ha saputo trarne vantaggio è stato Pinta, vincitore del titolo mondiale, ma i Mascalzoni, tengono botta e si presentano alla vigilia dell’ottava e ultima prova in terza posizione con nove e undici punti di vantaggio sui due diretti inseguitori: Mag Tiny e WildMan. Entrambi sono protagonisti di un’ultima manche di carattere che li consentirà di chiudere al primo e al terzo posto. 

Per il team di Achille Onorato la gara conclusiva è stata buona sino a tre quarti della prima bolina, con il bronzo virtuale al collo, ma un errore tattico sul finire della stessa, pagato a caro prezzo, ha compromesso pesantemente la prestazione finale facendo si che i Mascalzoni tagliassero la linea del traguardo in ventiseiesima posizione. 

Al sesto evento del 2016 per il Melges 20 dello Yacht Club Monaco dopo la Primo Cup e le Sailing Series 2016, hanno fatto parte dell’equipaggio l’armatore-timoniere Achille Onorato, il tattico Cameron Appleton, il tailer Stefano Ciampalini e, dal gommone, il coach e sail designer Marco Savelli. 

Achille Onorato, armatore-timoniere di Mascalzone Latino jr. al termine della giornata odierna ha dichiarato: “È stata una buona settimana, nella quale siamo stati sempre presenti e fiduciosi nel risultato finale. Il bilancio è più che positivo, è il migliore ottenuto nella stagione 2016. Ma è un vero peccato aver mancato così, all’ultimo, un podio che era alla nostra portata. Questa mattina abbiamo lasciato gli ormeggi da terzi in classifica generale, siamo scesi in acqua con il coltello tra i denti: confermare quella posizione ci avrebbe fatto chiudere la stagione con il sorriso. Nel complesso, a parte un paio di errori, abbiamo fatto delle belle regate, ma i nostri avversari hanno fatto delle regate bellissime e meritano di essere sul podio. I nostri più sinceri complimenti vanno ai vincitori. Oggi abbiamo pagato un prezzo forse un po’ troppo alto, ma questo è segno di quanto sia elevato il livello della classe: d’altra parte a questo mondiale abbiamo visto una flotta numerosissima, circa il doppio dei partecipanti rispetto alle regate continentali”.



28/08/2016 21:38:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: Maitre Coq, Matteo Miceli e il pollo sbagliato

In arrivo le ultime due barche con i foil (escluso Pieter Heerema), poi inizia il Vendée Globe dei poveri

Stagione 2017, lo Yacht Club Cala de’ Medici riparte alla grande con un calendario ricco

Il primo dei corsi è in programma per il 21 gennaio e consisterà in una giornata formativa sanitario – marittima in cui verranno trattate le fondamentali conoscenze per la gestione del primo soccorso in ambiente velico e marittimo

Vendée Globe: previsto alle 18:00 l'arrivo di Le Cleac'h

Apoteosi finale per il francese che ha staccato di 85 miglia lo skipper britannico e si avvia a godersi il meritato trionfo a Les Sables d'Olonne

Vendée Globe: Armel Le Cleac'h, la sua vittoria miglio dopo miglio

Tutti i numeri della vittoria dello "Sciacallo", che ha tenuto testa a tutti i tentativi di Alex Thomson senza scomporsi quasi mai

Azimut Yachts accelera la crescita: +15% a valore nei primi 4 mesi dell’anno

La divisione del Gruppo Azimut Benetti, focalizzata sulle imbarcazioni a motore dai 12 ai 35 metri, ha raccolto ordini per oltre 221 milioni di euro

Roma per 2: i primi nomi per il 2017

In gara Matteo Miceli, Stefano Chiarotti, Ambrogio Becaria, Alberto Bona, Luca Sabiu e tutta la classe 950 che si prepara alla sua prima regata oceanica con arrivo a Riva di Traiano

Varato il nuovo superyacht di 74 metri di CRN

Spettacolare e imponente combinazione di competenza ingegneristica e design innovativo, CLOUD 9 è il frutto della stretta collaborazione tra il cantiere CRN

Seatec e Compotec 2017: sull’onda della ripresa

Complice il clima positivo che si è instaurato nel settore nautico Seatec e Compotec 2017 si stanno scaldando per un’edizione ricca di proposizioni

TP52: Quantum concreto, sorpresa Provezza in testa

Quantum Racing prende quota in classifica con un secondo e un primo posto di giornata, seconda piazza nella generale per gli americani

Friuli Venezia Giulia Marinas a Boot Düsseldorf dal 21 al 29 gennaio

Circa 7000 posti barca dai 7 ai 100 metri di lunghezza con profondità all’ormeggio in grado di accontentare tutti i diportisti

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci