sabato, 27 maggio 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cnsm    cinquecento    calvi network    j24    vela    regate    guardia costiera    j70    attualità    federagenti    brindisi-corfù    suzuki    meteor    mini 6.50    barche d'epoca    giraglia rolex cup   

CALA DE MEDICI

Marina Cala de’ Medici fa il tutto esaurito e importanti cantieri la scelgono come base per le proprie imbarcazioni

marina cala de 8217 medici fa il tutto esaurito importanti cantieri la scelgono come base per le proprie imbarcazioni
redazione

Il Porto turistico Marina Cala de’ Medici, nel biennio 2013-2015, ha praticamente raddoppiato il numero delle imbarcazioni presenti in Porto, registrando attualmente il tutto esaurito. L’incremento è stato notevole ed ha attirato l’interesse di importanti cantieri navali, i quali hanno deciso di stabilire a Cala de’ Medici proprie basi nautiche per la commercializzazione o il varo e rifinitura delle proprie imbarcazioni.
È questo il caso del cantiere Mylius Yachts, ormai da qualche tempo sulla cresta dell’onda, che ha scelto Marina Cala de’ Medici per il varo delle sue ultime tre imbarcazioni: a fine luglio sono stati, infatti, varati il nuovo Mylius 50’, “Daguet2”, di un esperto armatore francese, e il primo Mylius 76’ in versione Deck Saloon (DS), “Grillo Parlante”, un fast cruiser progettato per privilegiare gli spazi e la vivibilità di bordo e l'autonomia in navigazione. Sabato 19 novembre è stata, invece, la volta di “Oscar3”, primo nuovo Mylius 65’, versione Flush Deck (FD).
Il cantiere Mylius Yachts, con sede a Piacenza, oltre alla attività di messa in mare (montaggio di albero, chiglia e timone, collaudo impianti, prime uscite con gli armatori, ecc.) delle nuove imbarcazioni, ha stretto accordi col Marina per effettuarvi le proprie attività di assistenza post-vendita, creando un notevole indotto per gli artigiani locali chiamati a compiere tali lavorazioni. Ecco perché, oltre alle tre barche su menzionate, sono attualmente ormeggiati in Porto per la “revisione invernale” anche altri 3 Mylius: “Egi4”, primo Mylius 76’ FD varato ad aprile, “Twin Soul” (60’) e “Twin Soul 6” (65’).
Ma il cantiere Mylius Yachts non è l’unico ad aver scelto Cala de’ Medici. Nell’arco di un mese, infatti, il cantiere Solaris ha portato in Porto tre imbarcazioni nuove varate circa un anno fa: Solaris 37’, 44’ e Solaris 58’, più diverse imbarcazioni usate. Il cantiere ha anche da poco preso in affitto un fondo all’interno del Borgo Commerciale di Cala de’ Medici e, nello specifico, ha rilevato quello di Fosco Franconi, Socio storico del Marina scomparso di recente, nonché tra i fondatori del cantiere Solaris. Il cantiere ha optato per questa soluzione sia nell’ottica di dare una continuità e proseguire nel lavoro svolto da Fosco Franconi nei suoi numerosi anni di attività, sia per l’importanza strategica della zona, in grado di attirare sempre più compratori dalle ottime capacità economiche.
La Società “Duemari”, broker Solaris, sta portando inoltre in Porto anche un altro cantiere: Sirena Marine, joint venture di proprietà di un grosso industriale turco che ha rilevato il marchio italiano Azuree, rifacendo la gamma. Cantiere, il Sirena Marine, che produce due linee: la linea Azuree (con un Azurre 41’ presente a Cala de’ Medici) e una linea più di lusso chiamata “Euphoria” (con un Euphoria 54’ presente a Cala de’ Medici).
«Siamo molto felici che questi cantieri ci abbiano scelto – afferma Matteo Italo Ratti, Direttore e AD di Marina Cala de’ Medici. Scelta dovuta – prosegue Ratti - anche al grande impegno profuso dalla struttura e dal suo Management per rendere il Marina un Porto di lusso, in grado di far gola e accogliere importanti realtà del mondo della nautica come queste e, siamo sicuri, quelle che ancora verranno».
«Speriamo che la collaborazione intrapresa possa rafforzarsi ulteriormente e proseguire», conclude il Direttore e AD.


25/11/2016 18:47:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Salina Sailing Week 25/28 Maggio

Sarà una edizione con una leggera contrazione numerica dovuta alla immediatamente successiva tappa di Trapani dei Beneteau 25

Monfalcone: un "College" per imparare la vela alla Scuola Vela Tito Nordio

La Scuola Vela Tito Nordio dello Yacht Club Hannibal, la prima Scuola Vela riconosciuta dalla Federazione Italiana Vela è organizzata con il sistema del “college inglese”

Veneto e Friuli Venezia Giulia insieme nel brand "Alto Adriatico"

L’idea è di unire le forze per presentare all’estero le spiagge delle due regioni sotto un unico brand ispirato all’area geografica di appartenenza: l’Alto Adriatico

Mare: allarme plastica

Quante micro e nano plastiche ci sono in mare? E quali effetti hanno sulla catena alimentare? Da dove provengono e quali sono le soluzioni applicabili?

Riva di Traiano - La Maddalena: parte il 2 giugno la 1000 Vele per Garibaldi

125 miglia di traversata e due regate costiere nell'arcipelago de La Maddalena

America’s Cup 2017: l’italiana KASK fornitrice ufficiale dei caschi all’equipaggio inglese di Land Rover BAR

L'azienda bergamasca che da più di dieci anni rappresenta un punto di riferimento nel mondo del ciclismo e in altri comparti sportivi come lo sci alpino e l’equitazione

Bel week end di regate e podi per le squadre Optimist e Laser Fraglia Vela Riva

La Fraglia Vela Riva qualificata ai Campionati nazionali a Squadre Optimist dopo la vittoria alla "Due giorni di Ledro", organizzata dall'Associazione Velica Lago di Ledro

Lauderdale Yacht Club è il vincitore del XXXI Trofeo Marco Rizzotti

Sul podio anche la Nazionale Italia, uscita sconfitta solamente dallo scontro diretto con Lauderdale, e LISOT New York

Il Circolo Canottieri Aniene vince l'Audi - Italian Sailing League

Al secondo posto il Circolo Velico Ravennate e ottimo esordio da terzi per il Centro Velico 3V

I Mini 6.50 ricordano Simone Bianchetti

200 miglia in Adriatico per un Trofeo dedicato allo skipper romagnolo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci