sabato, 25 marzo 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

press    derive    seatec    turismo    formazione    fraglia vela riva    barcolana    regate    suzuki    cala de medici    vela oceanica    guardia costiera    circoli nautici    altura    nautica   

VELE D'EPOCA

Lo spettacolo delle Regates Royales di Cannes chiude la stagione Panerai delle vele d’epoca

lo spettacolo delle regates royales di cannes chiude la stagione panerai delle vele 8217 epoca
redazione

Con la conclusione delle Régates Royales di Cannes, ultimo appuntamento della stagione 2016, è terminata a Cannes la dodicesima edizione del Panerai Classic Yacht Challenge, il principale circuito internazionale riservato alle vele d’epoca. Oltre ottanta scafi tra i più belli della storia della vela si sono sfidati per aggiudicarsi gli orologi Panerai in premio per i vincitori dell’evento e i Trofei destinati ai trionfatori della stagione. Le tre imbarcazioni che hanno scritto il proprio nome nell’Albo d’Oro del Circuito sono state Moonbeam IV nella categoria Big Boats, Chinook tra gli Yachts d’Epoca e Ganbare tra gli Yachts Classici.
Dopo le vittorie conseguite nel 2011, 2012 e 2015, il cutter aurico Moonbeam IV, un 35 metri varato nel 1914 presso il cantiere scozzese William Fife & Son, si è aggiudicato per la quarta volta il prestigioso titolo stagionale tra le Big Boats, conquistando un primato mai raggiunto precedentemente da nessuna altra imbarcazione. L’armatore francese Xavier Tancogne e lo skipper Mikaél Créac’h hanno anche festeggiato dieci anni da quando hanno deciso di fare tornare a navigare questa barca famosa, sulla quale si era svolta la luna di miele tra il Principe Ranieri di Monaco e la diva americana Grace Kelly. Nel 2016 Moonbeam IV, che fa base in Spagna e batte il guidone del Real Club Nautico di Palma di Maiorca, ha partecipato a tre delle quattro tappe stagionali. A Cannes ha vinto nella sua classe tutte e quattro le regate disputate, battendo altre titolate Big Boats come Moonbeam of Fife (1903), Hallowe’en (1926), Elena of London (2009) e Cambria (1928).
Miglior compleanno per i cento anni dal varo non poteva essere festeggiato dal cutter aurico Chinook, sceso in mare nel 1916 presso il cantiere americano Herreshoff. Questa barca lunga 19,80 metri è uno dei quattro NY40 (New York 40) naviganti al mondo sui 14 realizzati tra il 1916 e il 1926 e ha iscritto per la seconda volta il proprio nome nell’Albo d’Oro del Trofeo Panerai tra gli Yachts d’Epoca. Stavolta a vincere è stato l’armatore Paolo Zannoni, che nel 2015 aveva acquistato Chinook dall’inglese Graham Walker, già plurivincitore del Trofeo con Rowdy del 1916, anch’esso presente a Cannes. Quest’anno Chinook ha partecipato a tutte le tappe del circuito e corso in totale 14 regate, battendo altre aspiranti al titolo finale come il Q-Class Leonore del 1925 e la stessa Rowdy.
Alla sua prima partecipazione al Panerai Classic Yachts Challenge il One Tonner Ganbare, costruito in legno di
cedro rosso nel 1973 dal cantiere Carl Eichenlaub di San Diego (USA), ha conquistato il Trofeo Panerai tra gli Yachts Classici. È stata la prima barca progettata dal californiano Doug Peterson, che presto sarebbe entrato nell’Olimpo degli yacht designer più famosi del mondo. Nel 2016 ha partecipato a tre tappe del circuito Panerai, dove si è confrontato con altre glorie come Naïf (1973), Il Moro di Venezia (1976) e Sagittarius (1971).
A Cannes sono stati anche aggiudicati i quattro prestigiosi orologi Panerai destinati ai vincitori nelle principali categorie delle Régates Royales. Tra le Big Boats ha vinto Moonbeam IV, tra gli Yachts d’Epoca Linnet (1905) di Patrizio Bertelli, decimo di diciotto scafi appartenenti alla classe New York Yacht Club 30, tra gli Yachts Classici lo sloop bermudiano Arcadia del 1969 e infine tra gli Spirit of Tradition Freya of Midgard del 2001.
La sfida Challenge of Challenges, caratterizzata dallo scontro diretto tra due imbarcazioni e aggiudicata al primo che tagliava il traguardo in tempo reale, è stata vinta ex-aequo dalla goletta Elena of London e Cambria, che inseguendosi tra loro sul campo di regata con issata tutta la velatura hanno regalato agli spettatori a terra uno spettacolo unico e affascinante. Nel raggruppamento dei 5.50 Metri S.I., dopo tre giornate di gara e otto regate disputate in totale, la vittoria finale è andata alla barca olandese Feng Shui, mentre tra i Tofinou 9.5, con tre primi posti su quattro regate disputate, è stata Pitch del 2006 a conquistare il più alto gradino del podio. Questi i vincitori delle regate di Cannes in tutte le singole categorie nelle quali è stata suddivisa la flotta: Moonbeam IV (Big Boats), Arcadia (Yachts Classici), Enterprise (Epoca Marconi > 15 mt), Arrow (Epoca Marconi < 15 mt), Linnet (Epoca Aurici), Freya of Midgard (Spirit of Tradition), Sovereign (12 Metri S.I.). La vittoria finale tra i 50 Dragoni intervenuti a Cannes, dopo 10 prove disputate, è andata infine all’imbarcazione russa Annapurna condotta dal campione di questa classe Anatoly Loginov. A Cannes sono state disputate quattro su cinque delle regate previste, l’ultima è stata annullata a causa della mancanza di vento, su percorsi costieri e a triangolo fino a 20 miglia di lunghezza, con venti di media intensità e temperature estive. La flotta era composta da 84 scafi storici, ai quali si sono aggiunte 18 imbarcazioni della classe 5.50 Metri S.I. (Stazza Internazionale) e 50 Dragoni, la classe monotipo a chiglia più diffusa al mondo, per un totale di 152 barche. Dopo undici regate tra Europa, Caraibi e USA, che hanno visto la partecipazione di circa 500 barche d’epoca, l’appuntamento con le vele d’epoca del Panerai Classic Yachts Challenge per tutti gli appassionati è fissato per aprile 2017, ad Antigua. 


27/09/2016 21:09:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Il Centro Velico Caprera compie cinquant’anni

E per l’occasione ha presentato oggi a Milano il suo progetto di responsabilita’ ambientale, etica e sociale in partnership con realta' di eccellenza

Mini 6.50: all'Arcipelago 650 si cerca il vento

Corrono insieme anche due dei protagonisti della prossima Roma per 1/2/Tutti, Ambrogio Beccaria e Luca Sabiu. DOpo i 10 nodi di ieri, oggi solo 4 nodi da Ovest per una flotta compatta

Roma per 1: la vela "No Frills" di Riva di Traiano fa tendenza

Sette solitari e diciannove equipaggi in doppio. Al momento più della metà della flotta in partenza per la Roma per1/2/Tutti non è in equipaggio

CICO 2017: Mattia Camboni è Campione Italiano con un giorno d'anticipo

Un titolo che invece è ancora in ballo nella flotta femminile, dato il distacco tra la leader Marta Maggetti (Fiamme Gialle) e l’Olimpionica di Rio Flavia Tartaglini (Fiamme Gialle)

Mini 6.50: Andrea Fornaro vince l’Arcipelago 650 in classe Proto

Di nuovo in coppia col canario Oliver Bravo de Laguna Fornaro sembra soddisfatto di questa prima regata italiana della stagione, nonostante le difficoltà dovute ad una messa a punto avvenuta praticamente in acqua

Coppa Adriatico, la novità targata Il Portodimare

La regata si disputerà a Chioggia dal 12 al 14 maggio ed ai vincitori di classe garantirà l'iscrizione gratuita al Campionato Italiano Assoluto di vela d'altura di Monfalcone

Morgan IV vince il Campionato Invernale di Vela d'Altura di Bari

Vincitori per la minialtura “Cocò” di Natuzzi Vitantonio con Marco Magrone al timone (CN Bari). A loro si aggiungono i vincitori delle diverse categorie e quelli della classe libera

La conclusione del CICO 2017 di Ostia

I titoli Italiani sono andati a Mattia Camboni (RS:X M), Francesco Marrai (Laser Standard), Joyce Floridia (Radial), Marta Maggetti (RS:X F), Ratti-Porro (Nacra 17), Tita-Zucchetti (49er)

Fincantieri: a Marghera al via i lavori in bacino per “Nieuw Statendam”

Il blocco dell’unità, lungo 11,3 metri, largo 34,8 e dal peso di 260 tonnellate, fa parte della sezione di centro nave di “Nieuw Statendam”, la cui consegna è prevista alla fine del 2018

L'Arcipelago 650 in salsa francese

All’1 e 44 minuti della mattina del 19 marzo i primi a tagliare il traguardo sono gli skipper di FRA 868 Alternative Sailing, i bravissimi Remì Aubrun e Nicolas Ferrelel

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci