sabato, 15 dicembre 2018

LIBRI

Libri: Teresa Triscari “C’era una volta… e c’è ancora”

libri teresa triscari 8220 8217 era una volta 8230 8217 232 ancora 8221
Roberto Imbastaro

Organizzata da BCsicilia, dal Comune Cefalù, dall’Associazione Premio Elsa Morante, dal Comune Palermo e dagli Amici Cinema di Francesca, si terrà martedì 10 luglio 2018 alle ore18,30 presso la Storica sala del Cinema Di Francesca a Cefalù, la presentazione del libro di Teresa Triscari “C´era una volta…e c´è ancora”. Edizione tracce. Interverranno Nicolò D’Alessandro, artista e scrittore, Marzia Cristina, lettrice, Enzo Giannone, dicitore. L’iniziativa si tiene nell´ambito della rassegna  “Incontri d’estate 2018” curata da Giovanni Cristina e Franco Nicastro e sotto l´egida di “Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018” che l´ha inserito  nella sua programmazione culturale con il fregio “Nel segno delle culture”.  
Dieci storie che nascono dall´esigenza dell´autrice di dar voce a un patrimonio di vita acquisito durante una professione svolta principalmente all´estero. 
Ma nascono anche dal convincimento che la Storia va raccontata in modo semplice, discorsivo. Gli esempi non mancano: Benigni, ne “La vita è bella”, narra la storia della deportazione di un bambino ad Auschwitz; Charlie Chaplin, ne “Il Monello” riporta la sua stessa storia di orfano “lasciato” per due anni in un orfanotrofio; Elsa Morante ne “La Storia” descrive fatti di persecuzione, privazione e violenza che lei stessa aveva vissuto, ma sempre con la leggerezza della poesia. Useppe sembrerebbe un´invenzione e invece è un bambino della Storia, come Elsa che portava il nome di un padre che non era il  suo e che, nella realtà, era un diverso.
Nel prologo  l´autrice ricorda Calvino, Sepulveda, Rodari e la stessa Morante, scrittori che hanno sempre posto l´accento sulle problematiche sociali, civili, politiche pur raccontando storie allettanti, a volte persino divertenti; pur trattando temi difficili come quello del diverso che, in Sepulveda prende i panni di un gatto che cova l´uovo di una gabbianella facendo, di fatto la parte di un uccello e, per giunta, della femmina; lui, gattone bellimbusto.
E, in queste storie, i diversi sono un po´ tutti: dall´“Albero delle due P”, che apre il libro e che è un essere antropomorfo; alla Sirenetta; ai vari ermafroditi e gay che si celano sotto le sembianze di ninfe; ai bambini abbandonati, anche loro diversi, che ci raccontano il loro bisogno di esistere, di raccontare e raccontarsi.
Di fatto il materiale umano è tutto qua, tra di noi, tra i nostri anziani, spesso  emarginati, dimenticati, oggetto di vergogna; tra i nostri bambini, non di rado  trascurati, mal sopportati, se non abbandonati e persino sfruttati, mezzo di commercio, cavie per esperimenti, come succedeva nella Romania di Ceausescu o ad Auschwitz nel periodo nazista, per non citare i tanti Paesi, anche europei, di oggi. 
Bambini che vivono e convivono con realtà fatte di continue frustrazioni; creature sempre in cerca della loro mamma; innocenti che devono tollerare espressioni come “utero in affitto” e “madre surrogata”; piccoli  che cercano sempre gli arcobaleni come diceva Charlie Chaplin. L´autrice, quella citazione di Chaplin sugli arcobaleni,  l´ha messa ad epigrafe del racconto “La bambina dei palloncini” dove c´è sì fantasia ma c´è tanto stimolo a crescere, ad andare in su, sempre più in su, come i palloncini.
Ma, soprattutto, l´arcobaleno l´ha posto sulla copertina del libro che, di fatto, si presenta con un falso indizio dando l´impressione che si tratti di  fiabe ed invece racconta storie, dove dramma e felicità  spesso si fondono e si  confondono. Come sempre nella vita.
Le dieci storie si  snodano  essenzialmente su tre filoni: la problematica politico-sociale (lotte agrarie nella Sicilia degli anni ´50); problematica sociale del diverso; problematica ambientale. Non a caso Il  libro si apre  con una storia di un albero antropomorfo (“L´albero delle due P) e si conclude con “I leagan”, storia dell´abbandono nella Romania di Ceausescu.
Molti di quei bambini, adottati poi, hanno cercato l´autrice  credendo addirittura che lei  potesse essere la loro mamma naturale. Dunque, quei piccoli non associavano un aspetto laido, perverso o deviato e deviante a chi li aveva abbandonati. E questo  ha certamente un significato

 


08/07/2018 10:11:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Ambrogio Beccaria e Geomag campioni di Francia!

Primo italiano a vincere il Campionato francese in solitario in classe serie (Championnat de France Promotion Course au Large), Ambrogio Beccaria, 27 anni, l’8 dicembre scorso Beccaria ha ricevuto la medaglia d’oro presso il Nautic de Paris

Lazio e Campania: allerta meteo sulle zone costiere per domenica 9 dicembre

Previsti anche venti di burrasca nord-occidentali, con raffiche fino a tempesta, sulla Sardegna in estensione a Sicilia e Calabria

Circolo Vela Gargnano: il bilancio del 2018

Gorla e Centomiglia, il ritorno della classe Star, i successi delle squadre giovanili, l'alternanza scuola lavoro, le Università di Brescia e Padova. Il prossimo anno si annuncia un Settembre a tutta vela con le classi Olimpiche e gli equipaggi azzurri

My Fin vince per il terzo anno il Trofeo Città di Viareggio

I portacolori del Club Nautico Versilia Bresci e Galeassi fanno poker di vittorie di giornata e si aggiudicano anche dell’edizione 2018

Seatec prepara l'edizione 2019

La collaborazione sempre più stretta, efficace e produttiva tra ICE-Agenzia e CarraraFiere porta a Seatec 60 buyer da 25 paesi e una delegazione di giornalisti esteri da 6 paesi

Sydney/Hobart: sarà ancora lotta tra Comanche e Wild Oats XI

Il record è di LDV Comanche, che lo scorso anno ha impiegato 1 giorno, 9 ore, 15 minuti e 24 secondi per coprire le 628 miglia del percorso

Conclusa la Imperia Winter Regatta

Imperia Winter Regatta per le classi 420 e 470: i fratelli Caldari si impongono nei 420 open; Frascari-Lanzetta tra le femmine, mentre il podio dell’olimpica 470 è appannaggio straniero con la vittoria tedesca di Winkel-Cipra

Optimist: presentato al Savoia il Trofeo Campobasso

Il Reale Yacht Club Canottieri Savoia organizza, dal 3 al 5 gennaio 2019, la 26esima edizione del Trofeo Marcello Campobasso, regata velica internazionale voluta dalla Federazione Italiana Vela

Star Sailors League: un bel podio per Diego Negri

Diego Negri centra il primo podio nelle Star Sailors League Finale del 2018 alle Bahamas

Cannes: confermate le Régates Royales nonostante il ritiro di Panerai

La città di Cannes e lo Yacht Club di Cannes (organizzatore dell’evento) saranno felici di dare il benvenuto ancora una volta l’élite della vela classica mondiale nella bellissima baia

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci