giovedí, 13 dicembre 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vele d'epoca    premi    seatec    recordate    star    sydney hobart    regate    protezione civile    circoli velici    golden globe race    america's cup    formazione    turismo    crociere    j24    press    campionati invernali    attualità   

52 SUPER SERIES

Land Rover BAR: come anticipare il gioco

land rover bar come anticipare il gioco
redazione

Ma mentre l’alleanza del team Land Rover BAR con il team Gladiator di Tony Langley significa che Ainslie e l’equipaggio saranno un grande gruppo con la barca Botín Partners design lanciata a fine 2016, che ha messo in evidenza le sue potenzialità arrivando seconda, a pari punti con Azzurra, all’ultima regata del 2017 a Minorca, la loro sfida è molto di più di recuperare i punti mancanti, bensì di raggiungere un feeling di squadra che è così importante in questa flotta a dir poco incandescente.
Sfortunatamente, il team ha appena perso un periodo di allenamento a causa del maltempo nel Regno Unito, ma, come spiega Ainslie, le basi della loro preparazione pre-stagionale saranno regate e gli allenamenti nel clima caldo al San Diego Yacht club nelle sede Tp52 americana di Langley, una delle tre che l’uomo d’affari britannico possiede per le sue sfide.
“La 52 SUPER SERIES è una grande opportunità per far sì che il nostro team sia attivo in acqua, regatando alcune prove difficili quest’anno. Con nessuna gara di Coppa di questo tipo, la 52 SUPER SERIES è la corsa più competitiva che esista. Non sarà un foiling, ma è un’opportunità chiave per avere il team in mare a costruire le relazioni nel core team e ad esibirsi al più alto livello”, spiega Ainslie.
“Siamo molto grati a Tony per questa opportunità. Al momento stiamo valutando con attenzione il budget dell’America’s Cup, e questo rappresenta un risparmio di cui siamo grati e quindi ci stiamo concentrando per produrne il meglio.”
Aggiunge:
“Tony è fantastico. Può essere schietto come personaggio, e mi piace, dice quello che pensa e mi piace. È molto divertente e siamo fortunati a condividere la sua passione e il modo in cui sostiene la navigazione britannica “.
Land Rover BAR porterà alcuni dei suoi uomini del team di Bermuda della 35a America’s Cup, facendo ruotare i velisti dentro e fuori se necessario, mescolando con i ragazzi del team Gladiator come Andrew Estcourt e il trimmer Jono Swain, che sarà in coppia con Joey Newton. Joe Spooner sarà al grinder. Tom Wilson farà il pit e gestirà la barca.
Mentre Langley sarà al timone con Ainslie alla tattica, Giles Scott, medaglia d’oro olimpica, appoggerà Ben come stratega, Andy McLean sarà il navigatore, Matt Cornwell è a prua e Jono McBeth, tre volte vincitore della Coppa, giocherà un ruolo chiave.
“Il team Gladiator ha regatato nel circuito per qualcosa come sei anni, e quindi ha molta esperienza. Sono anche un grande gruppo di ragazzi e quindi sarà fantastico lavorare con loro”, continua Ainslie.
Il velista olimpico più decorato è inequivocabile, come al solito, su quale sia il loro obiettivo:
“L’obiettivo è vincere. Lo è sempre”, afferma.
“Ma abbiamo un enorme rispetto per tutte le squadre che hanno fatto questo ad un così alto livello per così tanto tempo, alcune per un decennio. Guardate i ragazzi che arrivano a bordo di Phoenix, su Luna Rossa, per esempio, e poi i team affermati come Quantum e Azzurra, e ci sono anche alcuni grandi timonieri professionisti. Non ci facciamo assolutamente illusioni su quello che succederà.”
La realtà, tuttavia, è che non ci saranno scontri in mare fino a PalmaVela all’inizio di maggio, quando Ainslie e l’equipaggio si troveranno contro un altro team delle 52 SUPER SERIES in modalità regata.
“Da quello che ho visto, la barca è buona. La scorsa stagione si è dimostrata particolarmente forte di bolina e abbiamo lavorato molto duramente con North Sails e Southern Spars per migliorare il rig e le vele.
Il rig: stiamo cercando di migliorare la rigidità e l’aerodinamica. Questa è una grande opportunità per i nostri tecnici velisti e ingegneri, entrare nel progetto e di migliorare l’assetto è una sfida importante. Stiamo cercando di vedere come saranno i nuovi scafi e le nuove barche in generale. Cerchiamo sempre di imparare quello che possiamo, cosa accadrà lungo la strada e quali sono gli sviluppi in generale, ma vincere questo circuito sarà una grande prova di coerenza per tutti. Sarà una stagione affascinante.”
Per quanto riguarda la vela come tattico con l’armatore Langley al timone, Ainslie è fortemente motivato a portare avanti il ​​buon lavoro svolto da Ed Baird.
“Quello che ho imparato prima di tutto ( navigando con un armatore al timone), è che il successo dipende da una buona comunicazione ed è fondamentale per gestire le nostre aspettative. Alla fine della giornata, Tony deve essere felice e abbiamo il supporto giusto nel team che ci circonda per assicurarci che ciò accada.”
Ainslie sta godendo della possibilità di tornare sul campo di regata, rinnovando vecchie rivalità – e amicizie – con il brasiliano Robert Scheidt, cinque volteolimpionico, che salperà su New Onda di Eduardo de Souza Ramos.
“Sarà fantastico ritrovare Robert e fare qualche regata da veri antagonisti.”.


30/01/2018 10:59:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Golden Globe Race: tratta in salvo Susie Goodall

Susie Goodall è stata finalmente recuperata 2.000 miglia a ovest di Capo Horn dall'equipaggio della nave cargo registrata a Hong Kong MV Tian

Ambrogio Beccaria e Geomag campioni di Francia!

Primo italiano a vincere il Campionato francese in solitario in classe serie (Championnat de France Promotion Course au Large), Ambrogio Beccaria, 27 anni, l’8 dicembre scorso Beccaria ha ricevuto la medaglia d’oro presso il Nautic de Paris

Lazio e Campania: allerta meteo sulle zone costiere per domenica 9 dicembre

Previsti anche venti di burrasca nord-occidentali, con raffiche fino a tempesta, sulla Sardegna in estensione a Sicilia e Calabria

Circolo Vela Gargnano: il bilancio del 2018

Gorla e Centomiglia, il ritorno della classe Star, i successi delle squadre giovanili, l'alternanza scuola lavoro, le Università di Brescia e Padova. Il prossimo anno si annuncia un Settembre a tutta vela con le classi Olimpiche e gli equipaggi azzurri

America's Cup: c'è anche Malta con una sfida molto italiana

Il Team Principal dell'Altus Challenge di Malta è Pasquale Cataldi, un uomo d'affari italiano nato a Malta, fondatore e CEO della multinazionale del settore immobiliare e dello sviluppo, Altus

My Fin vince per il terzo anno il Trofeo Città di Viareggio

I portacolori del Club Nautico Versilia Bresci e Galeassi fanno poker di vittorie di giornata e si aggiudicano anche dell’edizione 2018

Sydney/Hobart: sarà ancora lotta tra Comanche e Wild Oats XI

Il record è di LDV Comanche, che lo scorso anno ha impiegato 1 giorno, 9 ore, 15 minuti e 24 secondi per coprire le 628 miglia del percorso

Seatec prepara l'edizione 2019

La collaborazione sempre più stretta, efficace e produttiva tra ICE-Agenzia e CarraraFiere porta a Seatec 60 buyer da 25 paesi e una delegazione di giornalisti esteri da 6 paesi

Fincantieri: varata a Marghera Carnival Panorama

È stata varata oggi nello stabilimento Fincantieri di Marghera, “Carnival Panorama”, nuova nave destinata a Carnival Cruise Line, brand del gruppo statunitense Carnival Corporation & plc, primo operatore al mondo del settore crocieristico

Conclusa la Imperia Winter Regatta

Imperia Winter Regatta per le classi 420 e 470: i fratelli Caldari si impongono nei 420 open; Frascari-Lanzetta tra le femmine, mentre il podio dell’olimpica 470 è appannaggio straniero con la vittoria tedesca di Winkel-Cipra

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci