giovedí, 26 aprile 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

tp52    regate    accademia navale    este 24    j24    porti    yacht club italiano    formazione    inquinamento marino    accademia navale livorno    mini6.50    confitarma    vele d'epoca    mini 6.50    melges 20    platu25    fincantieri   

VOLVO OCEAN RACE

La flotta della Volvo Ocean Race si prepara a una partenza “calda”

la flotta della volvo ocean race si prepara una partenza 8220 calda 8221
redazione

Sabato mattina, il dottore ha fatto visita alla città, con venti stabilmente sopra i 40 nodi e almeno una raffica oltre i 60. Le condizioni dovrebbe migliorare un poco per la partenza di domenica, ma le previsioni parlano comunque di 25/35 nodi.

“Sarà una partenza calda.” Ha detto il navigatore di Vestas 11th Hour Racing Simon Fisher. “Con vento da sud-est molto forte, e una volta usciti in oceano ci sarà anche mare. Migliorerà un po’ ma poi entreremo subito nel flusso da ovest e nel vero Southern Ocean. In generale sarà una tappa molto tosta.” 

“Potrebbe esserci vento per tutta la prima settimana e si potrebbe navigare veloci.” Conferma Charles Caudrelier, lo skipper di Dongfeng Race Team. “Credo sarà una tappa fantastica.”

La Leg 3, Da Città del Capo a Melbourne, in Australia ha una lunghezza teorica di 6.500 miglia. Il percorso porterà i team a navigare nei famosi Quaranta Ruggenti, la zona a sud del 40 gradi di latitudine dove si formano le tempeste che circondano l’Antartide, dove si incontrano onde altissime e venti molto intensi, il tutto condito da temperature gelide.

“Dobbiamo ricordarci che è primavera inoltrata, manca poco all’inizio dell’estate e l’inverno ha appena lasciato l’emisfero meridionale quindi l’acqua è ancora gelata.” Ha spiegato Bouwe Bekking, lo skipper di team Brunel che partecipa alla sua ottava edizione del giro del mondo. “Credo che l’aspetto più spaventoso sia che le depressioni sono ancora molto forti, e l’aria è carica di pressione. E, naturalmente, la temperatura dell’acqua farà la sua parte, spero non incontreremo iceberg, ma se è qualche grado superiore alla soglia del ghiaccio  è c’è vento da sud, a volte ci sono ghiaccioli in coperta. Ci è successo nel passato. Ai vecchi tempi questa era la tappa dove si facevano più danni Ora la barche sono più solide, ma il rischio c’è sempre.”

Decidere se e quando spingere sul pedale dell’acceleratore o meno per salvaguardare barca ed equipaggio è un equilibrio delicato e la posta in gioco è ancora più alta, dato che questa tappa assegna punteggio doppio: al vincitore infatti andranno 15 punti (7 x 2 = 14 più un punto di bonus).

“Credo abbiamo molta esperienza a bordo, e dobbiamo fare affidamento su questa esperienza dell’oceano meridionale.” Ha detto Charlie Enright, skipper di Vestas 11th Hour Racing parlando proprio della necessità di sapere quando spingere. “Non si tratta solo dei punti, dipende anche dal fatto che a Melbourne non potremo tirare in terra le barche, che le condizioni sono quelle del Southern Ocean, che non si deve assolutamente rompere e che per arrivare primi, prima bisogna arrivare.” Un vecchio detto dei marinai oceanici. 

Per Xabi Fernández, lo skipper di MAPFRE e leader della classifica, lo stopover di Città del capo ha dato ai team un’opportunità unica di ricaricare le batterie. “Dopo la prima tappa lunga, da Lisbona a Città del Capo, è sempre importante essere in testa. Come team siamo contenti, abbiamo passato giorni rilassanti, la barca è a posto e anche gli uomini stanno bene, quindi siamo pronti a partire.”


09/12/2017 18:24:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Francesca e Giovanna, facce da Mini

La Marina Militare e l'Aeronautica militare hanno affidato i loro colori a due ottime veliste come Giovanna Valsecchi e Francesca Komatar

Luise Group: nuovi uffici a Portofino, Viareggio, Capri e Castellammare di Stabia

Il viaggio partito da Napoli nel 1847 della famiglia Luise continua dunque nei porti più importanti al mondo, con l'apertura di nuovi uffici e creando addirittura a Napoli nuovi dipartimenti tecnici

“Una Vela Senza Esclusi” diventa una tappa del progetto Sailing For Health

Tante le novità di questa edizione, a partire dalla flotta che accanto alle Azzurre 600 vedrà sfidarsi anche le nuove Hansa 303, imbarcazioni affidate dal Panathlon Club Palermo alla L.N.I. e finalizzate alla formazione atletica dei ragazzi diversabili

A Brenzone i monotipi d'acqua dolce

Nella flotta dei Dolphin vince proprio il detentore del titolo tricolore, "Fantastica" della sorelle Navoni della Fraglia Desenzano, scafo condotto da Davide Bianchini (Canottieri Garda) con ben 4 primi posti su 6 manche

VOR: Scallywag è arrivato, oggi la Itajaì In-Port Race

Scallywag è arrivato nel porto di Itajaì dopo un lungo viaggio dal Cile, e affronta una corsa contro il tempo per poter prendere parte alla ottava tappa. Gli altri sei team invece si preparano per la Itajaí In-Port Race di oggi

La Settimana Velica Internazionale Accademia Navale e Città di Livorno 2018”

600 imbarcazioni, 1000 regatanti e 9 circoli velici impegnati in 15 classi di regate

Ieri Norwegian Cruise Line ha preso in consegna la Norwegian Bliss

La nuova nave di Norwegian Cruise Line debutta in Europa prima di iniziare il suo tour inaugurale intorno agli Stati Uniti. La cerimonia ufficiale di battesimo si terrà a Seattle, nello Stato di Washington

La Regata dell'Accademia Navale

Alla gara, che sarà valida anche come tappa di qualificazione per la regata “Madeira Race 950”, possono partecipare le imbarcazioni d’altura Maxi, IRC/ORC e 9.50

Lab Boat: navigare con la scienza

Lunedì a Cagliari laboratori didattici per le scuole e seminari per il pubblico

Wista Italy incontra il mondo della nautica a Genova presso lo Yacht Club

Convegno sul tema “Nautica da diporto: aggiornamenti giuridici, tecnici e fiscali. Novità e prospettive”

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci