lunedí, 25 giugno 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

marina militare    tp52    vele d'epoca    solidarietà    melges 20    regate    volvo ocean race    altura    mini 6.50    press    circoli velici   

REGATE

Keep Cool Albatravel vince la Prosecco DOC Cooking Cup 2017

keep cool albatravel vince la prosecco doc cooking cup 2017
redazione

Lo “Scorfano in tecia” di Alessandro Ramella, cuoco professionista dell’Hilton, unito ad una regata da favola condotta lungo le dieci miglia di percorso tra la bocca di porto di Malamocco e la Laguna hanno spinto verso la vittoria della Cooking Cup Prosecco Doc 2017 Keep Cool Albatravel, barca di Francesco Dal Bon e Davide Cori in gara per i colori della Compagnia della Vela. Un’edizione definita zero grazie alla nuova collaborazione con Barcolana ma che non ha perso la sua grande tradizione: quella di unire la vela alla cucina. Un grande giornata per venti barche e venti piatti preparati con cura che hanno stupito la giuria tecnica.
Per quanto riguarda la gara di vela splendido e spettacolare il testa a testa tra Keep Coll e Boè, barca del presidente della Cdv Ugo Campaner che si è comunque aggiudicato il titolo di categoria.
Gli spaghetti alla chesapeake” di Carolyn Burkhardt Pettenello, cuoco non professionista, hanno vinto il premio culinario della giuria tecnica e spinto verso il secondo posto nell’overall Truelove.
Truelove ha vinto anche il primo premio nella categoria classe 0. Nella classe 1 primo posto per Ugo Campaner su Boè (Compagnia della Vela), nella classe 2 vince Solo Lei di Stefano Vidoni (Società Nautica Laguna). Nella classe 3 bissa il successo Keep Cool Alba Travael (Compagnia della Vela) e nella classe 5 Elan 210 vittoria per Silvia Marchi (Compagnia della Vela) su Storm.
Il premio crew per il miglior equipaggio è andato a Blumarti del circolo Porto di mare di Gianfranco Bruni 
«E’ stato il nostro anno zero ed è andato alla grande – è il commento del presidente della Compagnia della vela Ugo Campaner – La Cooking Cup è uno dei pilastri della nostra attività e aver trovato in Barcolana un appoggio importante per rilanciare la regata ci riempie di soddisfazione. C’è stato divertimento in mare, divertimento tra la giuria tecnica, una giornata splendida con un vento che dopo un inizio incerto ha spinto le barche per tutte le 10 miglia del percorso dando vita anche a sfide spettacolari. Insomma, viva la Cooking Cup, complimenti a chi ha vinto sia in mare che in cucina e grazie a chi ha fatto in modo che tutto andasse nel migliore dei modi». 
Franco Favaretto, chef del Baccalàdivino, è stato anche quest’anno presidente della giuria tecnica che ha giudicato i piatti preparati a bordo delle imbarcazioni in gara alla Cooking Cup 2017.
Accanto a lui l’assaggio e la valutazione dei piatti ha visto la partecipazione di due chef che rappresentano l’innovazione e la storia della cucina: Matteo Metullio, il più giovane chef stellato e ora guida della cucina dell'Hotel Ciasa Salares dell'Alta Badia, quindi Alessandro Gavagna de La Subida di Cormonse e poi tre velisti: il pluricampione Mauro Pelaschier, il progettista di yacht Maurizio Cossutti e Claudio Demartis, veneziano di  nascita e triestino d’adozione, ideatore della Veleziana e amministratore delegato della Barcolana. I giudici hanno valutato bontà, difficoltà di esecuzione, utilizzo delle materie prime e presentazione del piatto al momento della consegna.
«Non finisco mai di stupirmi di fronte all’abilità di riuscire a cucinare piatti di altissima qualità a bordo di una barca a vela – spiega Franco Favaretto – E devo dire che con un numero inferiore di cuochi professionisti è stato un raggiunto qualitativo, di presentazione e di fantasia molto alto. Il piatto che ha vinto è stato cucinato in maniera eccellente, ha convinto tutti i giurati e devo dire la decisione è stata unanime nella scelta finale».
 
 


03/07/2017 20:30:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Assegnati a Forio i titoli di Campione Italiano ORC 2018

Altair 3 di Sandro Paniccia conferma il suo titolo. Nel Gruppo B successo diExtrema, X35 di Andrea Bazzini

Joshua e Suhaili, ecco la Storia della Vela

Eccole, affiancate dopo 50 anni a Les Sables d'Olone, JOSHUA, la barca di Bernard Moitessier, e SUHAILI di Sir Robin Knox-Johnston

Italiano Altura: due prove con vento leggero nella seconda giornata ischitana

Nelle acque dell’isola verde si sono svolte due prove di giornata nonostante un vento debole e instabile che ha costretto il Comitato di Regata di rinviare la prima partenza di quasi due ore

MASBEDO a Manifesta 12 Palermo | altri due weekend per visitare l'installazione all'Archivio di Stato di Palermo

Sabato 23 e domenica 24, e sabato 30 giugno e domenica 1 luglio, dalle ore 10 alle ore 20 l'installazione site-specific Protocollo no. 90/6 (2018) del duo MASBEDO per Manifesta 12 sarà nuovamente fruibile all’interno dell’Archivio di Stato di Palermo

Kiel: Cesare Barabino oro nel Laser 4.7

Cesare Barabino dello Yacht Club di Olbia si aggiudica la medaglia d’oro nella classe Laser 4.7 distaccando il secondo classificato, l’olandese Paul Hameeteman di ben 41 punti ...

Forio d'Ischia: parte il Campionato Italiano Altura

Le acque dell’isola di Ischia faranno da palcoscenico alle sessantatré imbarcazioni, per un totale di oltre ottocento atleti che si daranno battaglia per quattro giorni sui due campi di regata al largo di Forio d’Ischia

La Serenissima celebra la tradizione con il VI Trofeo Principato di Monaco - Vele d'Epoca in Laguna

Per il quarto anno il Trofeo, seconda tappa della “Coppa A.I.V.E. dell’Adriatico” 2018, si rivolge alle imbarcazioni classiche ed è organizzato dallo Yacht Club Venezia

Volvo Ocean Race: tappa decisiva

E’ quella in cui veramente ci si gioca il titolo. La leg 11 partirà giovedì 21 giugno da Göteborg, in Svezia, diretta all’Aja nei Paesi Bassi e sarà una sfida totale per i primi tre team della classifica generale, MAPFRE, Team Brunel e Dongfeng Race Team

Grande successo per la 30+Trenta

Il percorso costiero prevede la partenza davanti al porto di Fiumicino con arrivo al molo della marina di Riva con attenzione alle secche di Capolinaro. Il ritorno percorso inverso con arrivo al traverso del molo verde di Fiumicino

Italiano Altura: dopo la prima giornata al comando Mela ed Extrema

Le imbarcazioni hanno portato a termine una prova nel corso di una giornata caratterizzata da bel tempo e vento debole intorno ai 7-8 nodi fino al pomeriggio

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci