mercoledí, 24 maggio 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

starr    guardia costiera    nave italia    benetti    confitarma    fincantieri    regate    melges 24    ostar    j/70    calvi network    optimist    laser    fraglia vela riva    alinghi    america's cup    hobie cat16    mare    press   

CAMPIONATO INVERNALE RIVA DI TRAIANO

Invernale Riva di Traiano: di Lunatika il primo centro nella "Per2"

invernale riva di traiano di lunatika il primo centro nella quot per2 quot
Roberto Imbastaro

Giornata grigia, ma solo a terra, a Riva di Traiano, per la seconda prova del Campionato Invernale – Trofeo Paolo Venanzangeli, con anche un po’ di pioggia imprevista che non ha però infastidito più di tanto i regatanti. In fondo è un “invernale” e tutto il grigio del meteo non si è affatto visto in regata, deve la giornata è stata invece scintillante e davvero combattuta, con i “Per2” che hanno finalmente portato a termine la loro prima prova. Si è imposto, in questa divisione, il campione italiano 2016 in doppio offshore, Stefano Chiarotti, che, in coppia con Gabriele Moccia, ha portato al secondo posto in reale il suo Sun Fast 3600 Lunatika-NTT Data. “Abbiamo condotto la regata quasi sempre in testa - spiega Chiarotti – e solo dopo la boa al lasco Javal 2 ci ha passato aggiudicandosi il primo posto in reale. Ma siamo arrivati subito dopo, e quindi non avevamo nessun timore di poter perdere questa prima prova, vista la differenza di lunghezza tra le due barche. Sono stato particolarmente soddisfatto della bella bolina che abbiamo fatto alla prima boa. Ci siamo divertiti e sono contento che la concorrenza sia così forte. Sarà un campionato combattuto”.
Nella classifica finale, tra Lunatika e Javal 2 (GS 43 di Filiberto Gioia) si è infatti inserito il GS 37B Zigozago di Marco Emili, che ha conquistato un bel secondo posto.
“Sapevamo che sarebbe stata una giornata complicata per i regatanti in doppio dopo la squalifica collettiva nella prima prova -  spiega all’arrivo il direttore di regata Fabio Barrasso – ma si è risolta bene, con i social media, che ci sono venuti in soccorso. Già in partenza i “Per2” ora ricevono, tramite il gruppo Whatsapp che abbiamo creato, le coordinate con tutti i punti che devono passare. E le boe in questa classe, dopo essere state posizionate, ora vengono tenute ferme anche in caso di salto di vento”.
“Il Comitato di Regata ha fatto un gran lavoro in queste due settimane – spiega il presidente del CNRT Alessandro Farassino – con tante simulazioni per trovare la soluzione migliore per chi regata in doppio ed ha esigenze molto diverse da chi regata in equipaggio. Ci piace fare i pionieri e continuiamo a farlo. Dopo la prima regata in solitario, ora abbiamo lanciato questo primo campionato invernale in doppio. Ci sono stati errori e forse ce ne saranno ancora, ma è un'eventiualità che fa parte del gioco. Le novità vanno sperimentate in acqua e ci stiamo accorgendo che gestire un campo di regata con  4 miglia di lato non è proprio una passeggiata. Oggi, ad esempio, il vento al nostro arrivo è girato di 35°, da un 095° a 130°. Alla fine i giudici hanno fatto un gran lavoro per prendere la giusta posizione con le boe sui 120° per i Per2 e sui 110° per tutti gli altri, con un cambio successivo”.
Combattutissima anche la Classe “Regata”, dove lo Swan 45 di Andrea Masi, Ulika, si è imposto su Ars Una, il Mylius 15e25 di Biscarini/Rocchi e sul First 40 Tevere Remo Mon Ile, di Gianrocco Catalano, ed ora conduce la classifica sia in IRC sia in ORC. Ma sia Ars Una, sia Mon Ile aspettano giornate più "muscolose" per farsi valere. Presto però Ulika ribatterà con un nuovo Swan 50 e saranno davvero regate da non perdere!
Fotofinish in Classe “Crociera”, con ancora una vittoria per Francesco Sette e il suo Hanse 430 Twins. Ma Roberto Bonafede lo ha incalzato da presso, finendo secondo per soli 18”. “Abbiamo fatto un’ottima regata – conferma Francesco Sette – e continua il solito duello con Bonafede, quest’oggi con tempi particolarmente ridotti tra l’uno e l’altro. Ce la giochiamo ogni volta. Abbiamo avuto vento leggero con un po’ di onda e quindi abbiamo avuto un po’ di sofferenza durante il percorso, ma è stata comunque una regata piacevole”.
In “Gran Crociera”, Ezio Petrolini sul Mescal 959 Giuly del Mar, si è aggiudicato anche questa seconda prova davanti al Rush “Stella Polare” di Jacopo Turchetti.
Tutte le classifiche su www.cnrt.it


04/12/2016 19:52:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Cinquecento, la faccia dura dell'Adriatico

La Cinquecento X2 e XTutti è la grande vela d’altura del Circolo Nautico Santa Margherita

Firmato da Marina Cala de' Medici il protocollo di insediamento per le aree di crisi di Livorno e Piombino

Due accordi di programma tra Governo nazionale, Regione Toscana ed Enti locali relativi a progetti industriali finalizzati a garantire nuova occupazione nella aree di crisi industriale della fascia costiera

Friuli: l'adrenalina pura della "Caccia al Tonno Rosso"

In Friuli dal 16 giugno inizia la stagione della pesca al tonno rosso, un Big Game che si pratica in alto Adriatico dal 1970. E per chi ama la fotografia subacquea i fondali di Lignano saranno una scoperta incredibile

La Fraglia Vela Riva con il progetto FIV-MIUR VelaSCUOLA

In pieno svolgimento alla Fraglia Vela Riva il progetto della Federazione Italiana Vela “VelaScuola” Kinder + Sport, che fa conoscere la vela a centinaia di ragazzi

Veneto e Friuli Venezia Giulia insieme nel brand "Alto Adriatico"

L’idea è di unire le forze per presentare all’estero le spiagge delle due regioni sotto un unico brand ispirato all’area geografica di appartenenza: l’Alto Adriatico

Mare: allarme plastica

Quante micro e nano plastiche ci sono in mare? E quali effetti hanno sulla catena alimentare? Da dove provengono e quali sono le soluzioni applicabili?

Riva di Traiano - La Maddalena: parte il 2 giugno la 1000 Vele per Garibaldi

125 miglia di traversata e due regate costiere nell'arcipelago de La Maddalena

Ad Eraclea gli atleti Optimist del Circolo della Vela Mestre con Giovanni Grandi sul gradino piu’ alto del podio

Quasi 60 ragazzini, di cui 25 Juniores e 34 Cadetti, si sono sfidati nelle acque di Eraclea con un vento molto difficile, instabile e in continua rotazione verso destra, di intensità iniziale di 7 nodi e provenienza da Nord Est nella prima prova

Tutto pronto per l'Audi - Italian Sailing League

La prima selezione del 2017 organizzata dallo Yacht Club Costa Smeralda, si svolge a Porto Cervo: dodici gli equipaggi al via

Il Circolo Canottieri Aniene vince l'Audi - Italian Sailing League

Al secondo posto il Circolo Velico Ravennate e ottimo esordio da terzi per il Centro Velico 3V

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci