giovedí, 18 ottobre 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

veleziana    star    vela paralimpica    kite    ambiente    melges 24    porti    vele d'epoca    melges 32    circoli velici    invernali    soldini    regate    vela olimpica    barcolana    melges 20   

ORC

Il Portodimare sul tetto del mondo con Airis al Mondiale ORC di Trieste

il portodimare sul tetto del mondo con airis al mondiale orc di trieste
redazione

Si è concluso nella giornata di ieri l'ORC Worlds Trieste 2017, il campionato del mondo di vela d'altura che si è svolto dal 2 fino all'8 luglio nelle acque del golfo di Trieste.
Organizzato dallo Yacht Club Porto San Rocco a capo di un comitato di circoli velici del quale fanno parte Yacht Club Adriaco, Triestina della Vela, Società Velica di Barcola e Grignano, Circolo della Vela Muggia, TPK Circolo Nautico Triestino Sirena e Yachting Club Portoroz ha visto la presenza di oltre 130 imbarcazioni, provenienti da 19 nazioni in rappresentanza di Gran Bretagna, Grecia, Russia, Germania, Ucraina, Finlandia, Turchia, Norvegia, Danimarca, Olanda, Spagna, Estonia, Repubblica Ceca, Malta, Croazia, Cipro, Austria, Slovenia e Italia che si sono date battaglia sui due campi di regata allestiti sulle acque triestine.
Ad aggiudicarsi il titolo iridiato in classe C - dopo il bronzo ottenuto a bordo del GS 42 nel mondiale ORC 2012 ad Helsinki - è il Melges 32 di Cesare Bressan. Il socio de Il Portodimare grazie alle ultime due regate tiratissime, culminate con una doppietta di giornata, riesce a conquistare il titolo mondiale, superando Sease il Farr30 dei fratelli Franco e Giacomo e Loro Piana e l'altro Farr30 Mummy One Lab Met di Alessio Querin. 
A bordo di Airis oltre all'armatore Cesare Bressan hanno regatato Roberto Monti, Diogo Cayolla, Michele Gregoratto, Victor Marino, Glauco Turco Albatros, e Vittorio Zaoli.
Una scelta rischiosa, quella dell'armatore padovano di presentarsi al Campionato del Mondo ORC con una barca monotipo, che però si è rivelata vincente tanto da aggiudicarsi quattro primi posti su otto prove totali. "È stato un campionato giocato fino alla fine - commenta a caldo Cesare Bressan - tanto che la penultima prova non sapevamo i risultati e abbiamo dovuto regatare l'ultima giocandoci il tutto per tutto, dando il massimo ed essendo la barca più veloce abbiamo dovuto allungare il più possibile il distacco dai nostri rivali. È stato sicuramente un campionato abbastanza teso. Il progetto di regatare con un Melges 32 su una regata a compensi è nato l'anno scorso al mondiale di Copenaghen, abbiamo visto delle prestazioni interessanti nel gruppo C e così quest'inverno abbiamo evoluto il progetto con Maurizio Cossutti, andando a creare una chiglia nuova ed altre ulteriori modifiche, l'ultima delle quali apportata proprio dopo l'Italiano di Monfalcone, che sebbene non sia stata una manifestazione vincente per noi, è stata sicuramente fondamentale per il lavoro che siamo andati a fare".
Da sottolineare anche il bronzo conquistato in Classe A da Riccardo Ravagnan a bordo dello Swan 42 Sheraa dell'armatore Poser Maurizio e timonato da Enrico Zennaro con il ruolo di meteorologo.  
Erano in totale sei le imbarcazioni de Il Portodimare presenti alla rassegna continentale. In classe B Due R nel Vento - il First 40.7 di Roberto Reccanello - è 28esimo, l'Italia 12.98 di Marco Moro e Alberto Illoti Pax Tibi è 41esima mentre in classe C oltre ad Airis risultata vincitrice, l'X-35 X-Real di Federico Servadio è 15esimo, Demon X di Nicola Borgatello e Daniele Lombardo è 17esimo, Olalla il First 35 di Fabrizio Cazzoli è 20esimo.
A portare i complimenti di tutto Il Portodimare è il presidente del sodalizio patavino Stefano Genova:"Grazie a Cesare Bressan e all'equipaggio di Airis che hanno vinto il campionato mondiale ORC portando nel gradino più alto del podio il guidone del Portodimare. Complimenti anche a Riccardo Ravagnan per il bronzo ottenuto a bordo di Sheraa dopo l'argento conquistato al Campionato Italiano. Visto l'alto livello degli atleti in gara  porgo i miei complimenti anche  agli altri equipaggi dei soci del Portodimare. Un ringraziamento a tutti da parte del consiglio del Circolo".


09/07/2017 19:42:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Barcolana: nella lotta tra ex la spunta Morning Glory (Spirit of Portopiccolo)

Vince Spirit of Portopiccolo, ovvero l'ex Morning Glory costruita nel 2006, davanti a CQS Tempus Fugit, ex Nicorette un 29,76 metri del 2004 e all'ex Maxi Iena Way of Live

FLASH - Oro per Giorgia Speciale alle Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires

Giorgia Speciale ha dominato nella classe dei Techno 293 Plus femminile ed ha conquistato l'Oro alle Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires

Barcolana, se non sono 2000 non ci si diverte

Superata la soglia dei 2000 iscritti. Spirit of Portopiccolo riconsegna la Coppa, ma è pronto a riprendersela.

Barcolana 50: prima regata per il Team MSC

Con MSC Team parte da Trieste l’esperienza velica della compagnia di navigazione con la barca classe Psaros33. In partnership con Marevivo, l’organizzazione dedicata alla conservazione marina, MSC promuoverà la passione e il rispetto per il mare

Olimpiadi Giovanili: arriva un altro oro con Sofia Tomasoni

Sofia Tomasoni (CV Windsurfing Club Cagliari) è la prima Campionessa Olimpica Giovanile della classe Kiteboard Twin Tip Racing femminile

Olimpiadi Giovanili: Speciale e Renna oggi in acqua per una medaglia

Appuntamento in acqua con primo segnale di avviso alle ore 12:00 locali (17:00 italiane) con le finali delle tavole a vela previste alle 12:05 (17:05 italiane) quella maschile e alle 12:45 (17:45 italiane) quella femminile

Muore Ian Kiernan, l'uomo della "Mission Impossible" di pulire il Mondo

E’ morto a 78 anni portato via da un cancro un grande uomo, Ian Kiernan, velista ed ecologista, che si era dato il compito di “pulire il mondo”

Una "Mare e Monti" per Giovanni Soldini

Giovanni Soldini e l'alpinista Hervé Barmasse faranno insieme una serie di traversate e di scalate con lo scopo di confrontare due mondi così diversi.

Olimpiadi Giovanili: buone notizie dalla vela azzurra

Sofia Tomasoni sale al 2° posto nei Kiteboard femminili, Nicolò Renna sempre 2° nei T293 maschili e Giorgia Speciale consolida il 1° posto nei T293 femminili

Olimpiadi Giovanili: Argento per Nicolò Renna

L'atleta del Circolo Surf Torbole ha conquistato l'argento nella classe techno 293 plus maschile

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci