domenica, 25 febbraio 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

altura    regate    marevivo    volvo ocean race    reale yacht club canottieri savoia    ucina    perini    press    soldini    saetec    nautica    crn    radar    mascalzone latino    giovanni soldini    pesca   

PRESS

Il Golfo dei Poeti in cerca di identità

il golfo dei poeti in cerca di identit 224
redazione

Nell'ambito delle strategie di rilancio del Golfo dei poeti, nella Liguria di Levante, provincia di La Spezia, il Comune di Porto Venere, in partnership con il Grand Hotel Portovenere, sostengono un progetto di studio degli allievi del Master in Tourism Sales Management (MTSM) della Università Bicocca di Milano, su un'ipotesi di riqualificazione dei servizi turistici del borgo. Direttamente coinvolta nel progetto è anche la Federazione Turismo Organizzato – FTO- in quanto a sua volta sponsor del Master.

Obiettivo della ricerca: aumentare la riconoscibilità della destinazione valorizzandone l'identità rispetto a località limitrofe, per es. Cinque Terre, Portofino, autentici brand internazionali, per incentivare un turismo di qualità.

Avviato in aula in giugno, il project work ha previsto anche un soggiorno degli studenti sul territorio, dove sono stati accompagnati dalla coordinatrice del corso dott.ssa Laura Gavinelli, con il prof. Angelo Di Gregorio, ordinario di Management in Bicocca e direttore del Centro di ricerca inter universitario in Economia del territorio (CRIET),  la coordinatrice del Master dott.ssa Marianna Melesi e il direttore generale FTO   dott. Francesco Sottosanti. Ad accogliere il team a Porto Venere, il direttore del  Grand Hotel Antonio Polesel e l'assessore all'urbanistica Fabrizia Dorgia.

L'iniziativa si concluderà a settembre con la cerimonia di consegna ed esposizione degli elaborati  nella Sala Meeting dell' Albergo. 

“Gli studenti del MTSM – dichiara il team di docenti del Master - hanno accolto  con entusiasmo l'opportunità di analizzare una destinazione importante come Porto Venere e lavoreranno a gruppi formulando proposte coerenti con la sua identità e vocazione per proporre una Unic Defination Proposition; non si tratta di un piano marketing completo, ma di linee strategiche”.

Così descrive l'obiettivo  il Sindaco di Porto Venere Matteo Cozzani: “Nel 2016 auspichiamo di poter raggiungere la quota di 100mila presenze dopo un’annata straordinaria come quella del 2015, continuando a migliorare, insieme agli imprenditori locali, la qualità dei nostri servizi ricettivi.  La recente acquisizione di diversi immobili presenti sull’'isola Palmaria, da parte del Comune di Porto Venere, l'unica dell'arcipelago abitata e aperta al pubblico sarà sicuramente l'occasione per ripensare il potenziale ricettivo del territorio. Vorremmo fare di Porto Venere un brand del turismo di qualità, per chi ama natura e cultura, in un paesaggio unico”. 

I primi ad aver creduto in questa mission sono stati gli imprenditori immobiliari Paletti di Milano, che hanno investito 5 milioni nella ristrutturazione di un antico convento nella posizione più romantica del paese, affacciato sull'isola Palmaria, per realizzare il Grand Hotel Portovenere, un albergo con 56 camere di qualità 5 stelle, dotato anche di ristorante panoramico e sala Meeting.

Spiega Raffaele Paletti: “Porto Venere non è conosciuta, vive di rendita della fama delle Cinque Terre che porta  qui soprattutto stranieri, americani, francesi, russi ed anche cinesi e coreani. Eppure è uno splendido sito, Patrimonio Unesco e immerso in un Parco naturale corredato dallo spettacolare arcipelago della Palmaria. E' un evento in se', con la chiesetta romanica di San Pietro, dove gli sposi vengono a replicare le scene del matrimonio solo per una foto ricordo; i carugi, dove il tempo è fermo, le vestigia della sua storia importante, dai Romani fino al 1113 quando Porto Venere fu acquistata dai genovesi per avere un avamposto nel Mediterraneo nella perenne lotta con Pisa per la supremazia. Il mare è pescoso, la terra fertile, il territorio è sempre stato considerato importante. Purtroppo negli ultimi anni se ci si vuole paragonare con le principali mete del turismo in Italia e all’estero le idee, e le nuove proposte erano atrofizzate e con visione di corto raggio e prettamente locale .

Penso che aver dato il via al progetto Grand Hotel abbia portato una nuova visione che è stata condivisa anche dall' attuale  Amministrazione che sa guardare  al futuro e ai turisti che vengono da tutto il mondo.”

Effettivamente, nei secoli, il fascino del Golfo spezzino, del quale Porto Venere è considerata 'la perla', ha conquistato artisti e grandi personaggi tanto da meritarsi appunto l'appellativo di Golfo dei Poeti: da Dante, Boccaccio, Petrarca, Byron, Shelley, Hemingway, il poeta italiano Giovanni Giudici, fino alle star contemporanee come  Andrea Bocelli e i divi di Hollywood come Spielberg che capita di incontrare a fare shopping nelle tipiche botteghe artigiane. 

“Eppure - sottolinea il direttore del Grand Hotel Portovenere Polesel - la storia antica e nobile di Porto Venere, approdo sicuro per le navi sin dai tempi dei Romani, ricco borgo conteso nelle lotte tra le repubbliche Marinare, poi meta nei Grand Tour d’talia di tanti poeti si respira ancora in ogni angolo e soprattutto al Grand Hotel, dove le volte in mattoni rossi del convento che fu, contribuiscono a creare un'atmosfera preziosa.  Ora la destinazione di moda sono le Cinque Terre, ma Porto Venere ha tutto il diritto di avere il riconoscimento del suo valore straordinario, legato anche alla posizione strategica, con la possibilità di essere la base per visitare non solo la Liguria ma anche la Toscana e l'Emilia. I nostri clienti se ne rendono conto e ne rimangono entusiasti! ”.

 “Stiamo cercando di destagionalizzare creando eventi di rilievo che possano portare flussi turistici sul nostro territorio anche al di fuori della stagione estiva - specifica l'Assessore Fabrizia Dorgia – infatti, come dimostrato dagli ultimi dati dell’Osservatorio Turistico, nei mesi di marzo e aprile dell’anno in corso abbiamo avuto un aumento delle presenze del 60% rispetto all’anno passato”.

 

                                                     


04/08/2016 09:05:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Giovanni Soldini e Maserati Multi 70: arrivati nella Manica

L’arrivo a Londra è previsto domani verso le 11 UTC

VOR: Turn the Tide on Plastic prende il comando

Il giovane equipaggio di Turn the Tide on Plastic, con la triestina Francesca Clapcich, ha preso il comando della Leg 6 della Volvo Ocean Race, quando mancano meno di 1.500 miglia ad Auckland

Volvo Ocean Race: donne al comando

La skipper britannica Dee Caffari e il suo giovane team (tra cui c'è Francesca Clapcich) si stanno preparando a guidare la flotta nella zona della seconda barriera corallina più grande del pianeta

La lunga stagione velica dei "Protagonist" sul Lago di Garda

Un calendario agonistico ricco e variegato dunque, con molte conferme e importanti novità. Alle tradizionali regate suddivise tra i circuiti Sailing Series, Long Distance e Campionato Nazionale, si aggiunge il Trofeo Protagonist nella sua prima edizione

Invernale Riva di Traiano: un week end che vale doppio

Si regaterà sabato e domenica per il recupero delle prove perse questo inverno. Iniziano a crescere le iscrizioni alla Roma per 1/2/Tutti

Invernale West Liguria: vittoria per MC SEAWONDER

Seguito al 2° posto da ANGE TRASPARENT II di Valter Pizzoli (Yacht Club Monaco) e Terzo Classificato CRISTIANA TI. di Emilio Milanino (Yacht Club Aregai)

Consegnato il “Premio Perini Navi” nei Premi di Laurea del Comitato Leonardo

Ad aggiudicarsi il premio è stato il progetto denominato “Soluzioni tecnologiche innovative per un diporto ecosostenibile integrate nel design di un sailing luxury yacht” a cura di Giuseppe Sorrenti

Soldini e Maserati a 1.000 miglia dall'arrivo

Ultime 1000 miglia per Giovanni Soldini e il team di Maserati Multi 70. L’arrivo a Londra è previsto nella mattinata di venerdì 23 febbraio

Record per il Nauticsud: in crescita del 13% i visitatori

Trend positivo di vendite per la 45.ma edizione. Award 2018 a Nautica Salpa, Coastal boat e Rivellini design ed ai giornalisti Antonino Pane (Il Mattin) e Sandro Donato Grosso (Sky)

Volvo Ocean Race: alla ricerca del vento

La flotta della Volvo Ocean Race sta affrontando altre ore di navigazione difficile, essendo entrata in pieno in una ampissima zona di aria leggera

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci