giovedí, 16 agosto 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

rs feva    420    fiv    attualità    les sables-les açores-les sables    mini 650    turismo    circoli velici    luna rossa    farr 40    vela olimpica    nacra 17    optimist    windsurf    press   

VOLVO OCEAN RACE

Il giorno delle decisioni

il giorno delle decisioni
redazione

Dopo una partenza ad alta tensione, con le barche lanciate a oltre trenta nodi di velocità lungo la costa portoghese non appena uscite dalle acque del fiume Tago, la flotta impegnata nella Leg 2 della Volvo Ocean Race sta cominciando a prendere il ritmo. A questo link le migliori immagini della partenza della Leg 2

“Non abbiamo riposato molto, si fa fatica a dormire in queste condizioni. Ne abbiamo ancora per 24 ore, poi il vento e il mare dovrebbero diminuire. E’ stata una nottata bagnata, con 30/35 nodi, e una lotta serrata. Ma per ora tutto bene.” Ha raccontato Antonio 'Ñeti' Cuervas-Mons, prodiere e boat captain di MAPFRE.

Sam Greenfield, l’onboard reporter di Turn the Tide on Plastic ha inviato a terra una descrizione piuttosto forte delle prime ore di navigazione della seconda tappa: “Ho visto cose folli... Un’onda ha trascinato via Bianca (Cook, la giovane velista neozelandese). Fortunatamente era legata, ma c’era talmente tanta acqua che il suo salvagente si è gonfiato. E’ rimasta sdraiata sul fondo del pozzetto, travolta da centinaia di litri di acqua. Una scena paurosa. Liz (Wardley) è riuscita a raggiungerla e l’ha aiutata. Non so come facciano a stare in coperta in queste condizioni. quando sono sceso sottocoperta avevo la bocca piena di sale e le mani che tremavano troppo per scrivere. Non trovo le parole per descrivere la forza dei ragazzi che navigano su questa barca.” L'acqua che spazza la coperta in un video

Le condizioni dovrebbero diventare più maneggevoli nelle prossime ore ma, soprattutto navigatori ed equipaggi saranno chiamati a prendere le prime di una lunga serie di decisioni cruciali sulla lunga rotta da Lisbona a Città del Capo. Oggi infatti si capirà quanto a ovest strano disposti a spingersi i team per approcciare nella maniera migliore la zona delle calme equatoriali.

“Pensiamo di strambare ancora una volta verso ovest per guadagnare sui salti di vento” ha spiegato Juan Vila, uno dei navigatori più esperti al mondo da bordo di MAPFRE questa mattina. E infatti più tardi lo scafo rosso degli spagnoli ha strambato e, al rilevamento delle 13 UTC era quello più a ovest, fatta eccezione per Dongfeng Race Team, che aveva già puntato la prua a occidente.

Sembravano pensarla diversamente invece a bordo di Sun Hung Kai/Scallywag , dove lo skipper David Witt e il navigatore Steve Hayles puntavano decisamente verso sud e la barca con bandiera di Hong Kong era quella posizionata più a est. Ma, poco dopo il rilevamento delle ore 14, anche loro hanno strambato e passeranno a nord dell’isola portoghese. Il team guidato dall’australiano è stato anche protagonista di attimi di tensione, come documentato in un video da bordo

La flotta sta navigando verso acque familiari, dato che nella prima tappa la piccola isola di Porto Santo fungeva da boa di percorso ma, in questa seconda frazione i team sono liberi di lasciare l’arcipelago da entrambi i lati. I team dovrebbero passare in serata.

“Teniamo aperte tutte le opzioni.” Ha spiegato Simon Fisher, il navigatore di Vestas 11th Hour Racing. “Poco fa abbiamo incrociato MAPFRE e anche Dongfeng e sembra che stiano puntando a ovest.  In termini generali è la cosa da fare, ma bisogna considerare che è una tappa che dura oltre 20 giorni e vogliamo tenere d’occhio tutta la flotta. Bisogna guardare la meteo ma anche la tattica, quindi le prossime posizioni saranno da studiare bene.”

In questa prima parte della Leg 2 è importante capire che il sistema di cartografia elettronica che calcola le posizioni e la classifica provvisoria, premia le barche che sono più a sud, perché non prende in considerazione l’aspetto tattico e la situazione meteorologica ma calcola la distanza da Città del Capo. Perciò le barche posizionate più a sud e a est appaiono avvantaggiate, mentre da un punto di vista strategico lo sono quelle più a ovest.

Come ha spiegato Conrad Colman, uno del team di esperti del Race Control Centre di Alicante: “Si tratta solo di un sistema per definire le posizioni, basato su una serie di waypoint che fungono da punti di riferimento. E’ complesso non solo per il pubblico ma anche per gli stessi velisti.” Colman ha spiegato anche che i navigatori si trovano a prendere delle decisioni non facili e che avranno un effetto a medio termine. “La scelta di andare a ovest o a est deciderà le mosse dei team per i prossimi giorni. Lasciando l’isola di Madeira a nord o a sud, per evitarne la zona d’ombra con minore vento, gli equipaggi faranno una scelta, un investimento, per il futuro.”

“Dietro a Madeira c’è una zona di sottovento enorme, di diverse centinaia di miglia. E non vogliamo finirci.”Ha spiegato la skipper di Turn the Tide on Plastic Dee Caffari. “Se andiamo più a sud, verso le Canarie, c’è il rischio di una bassa pressione che potrebbe essere un problema. Tutti i calcoli dicono di andare a ovest di Madeira.”

 

Leg 2  - Lunedì 6 novembre (Day 2) –  Posizioni delle ore 14.00 italiane
1. Sun Hung Kai/Scallywag -- distanza teorica all’arrivo  – 4.723,5 miglia
2. team AkzoNobel +5.4
3. Vestas 11th Hour Racing +14.1
4. Turn the Tide on Plastic +14.9
5. Team Brunel +27.7nm
6. MAPFRE + 35.2nm
7. Dongfeng Race Team +51.2

 


06/11/2017 19:00:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Mini 650, SAS: Ambrogio Beccaria domina tra i Serie

Ecco la sua prima intervista una volta a terra. Il milanese, ha vinto entrambe le tappe e ha conquistato il titolo di Campione di Francia di Course au Large

Caorle, "Festa del Pesce": una sfida a colpi di sarde

La Festa del Pesce - A settembre l’evento culinario più tradizionale di Caorle (VE)

Mondiali Aarhus: Carolina Albano qualifica l'Italia nel Laser Radial a Tokyo 2020

L’Italia conquista oggi ad Aarhus la terza qualifica per le Olimpiadi di Tokyo 2020! Si tratta del Laser Radial e a compiere l’impresa è stata la giovane Laserista triestina Carolina Albano (CV Muggia) non ancora ventenne

Nacra 17: oro per l'Italia ai Mondiali di Aarhus

La coppia formata da Ruggero Tita e Caterina Banti ha vinto il titolo della classe Nacra 17 al termine della 'medal race' di oggi

Mondiali Aarhus: sei le classi qualificate per Tokio 2020

Triplete per Tita-Banti che aggiungono il titolo mondiale all'europeo e all'italiano già conquistati nel 2018

Tokio 2020: altre 3 qualifiche per l'Italia ai mondiali di Aarhus

L’Italia è qualificata alle Olimpiadi di Tokyo 2020 anche nelle classi RS:X maschile, RS:X femminile con Marta Maggetti e il Nacra 17 con Ruggero Tita e Caterina Banti

Techno 293: 3 volte Campioni del mondo con Speciale, Graciotti e Renna

Mondiale da incorniciare per gli azzurri quello appena conclusosi a Liepāja in Lettonia.

Iniziati a Newport i mondiali classe 420

In rappresentanza dell’Italia nella classifica Open con 73 iscritti provenienti da 15 nazioni abbiamo 7 equipaggi:

Benetti vara lo "Spectre", nuovo omaggio a James Bond

Lo scafo, concepito dallo studio olandese Mulder Design, punta a ottenere prestazioni straordinarie per yacht di queste dimensioni e dispone della nuova tecnologia Ride Control di Naiad Dynamics

Gargnano festeggia l'argento di Waink e Gambarin

Ferragosto di festa al Circolo Vela Gargnano-lago di Garda grazie a Michelle Waink e Claudia Gambarin, vice campionesse d'Europa 29Er alle regate disputate sul mare finlandese di Helsinki

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci