mercoledí, 23 agosto 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

disabili    melges 32    centomiglia    palermo-montecarlo    circoli velici    windsurfing    j class    waszp    swan    yacht club hannibal    marine    420    laser    match race    regate   

AMERICA'S CUP

Il Deed of Gift è carta straccia

il deed of gift 232 carta straccia
Cino Ricci

Vela, America's Cup - E’ carta straccia. Il Deed of Gift, l’atto di donazione che dal 1887 fino a ieri ha regolato la sfida alla Coppa America è diventato definitivamente carta straccia.  George L. Schuyler, che già molte volte aveva smesso di riposare in pace, ora si starà veramente rivoltando nella tomba per non vedere il nuovo scempio di questa edizione, che potrebbe essere realmente l’inizio della fine del mito per il trofeo sportivo più antico del mondo.

Qualcuno si è chiesto perché L’America’s Cup è sopravvissuta per così tanto tempo mantenendo inalterato il suo fascino? Non certo perché c’erano delle regate velocissime con barche tutte uguali. Non certo perché i due sfidanti si mettevano d’accordo per costruire insieme il loro scafo e soprattutto non certo perché il Defender progettava il proprio scafo insieme ad uno sfidante. Se è possibile che Luna Rossa e New Zealand progettino insieme il loro AC72 (chi dei due poi rimpiangerà se sarà l’altro a buttarlo fuori?), che Oracle ed Artemis facciano lo stesso è una bestemmia. Non siamo nei Melges,  non siamo al mondiale Farr e nemmeno nel circuito degli Extreme 40. Questa è la Coppa America, questa è una lotta tra uno sfidante e un Defender, tra uno Yacht Club che lancia la sua sfida e mostra il proprio scafo e un altro Club che prende tutte le sue contromisure senza rivelare nulla. Non può essere un circuito e nemmeno una sfida tra barche fatte in serie dagli stessi progettisti.

“Non è richiesto al detentore di dichiarare in anticipo il veliero che lo rappresenterà ma solo prima dell’inizio delle regate o in data stabilita tra le parti” Questo recita di Deed of Gift  e che, annacquato o meno dall’ esigenza di una Louis Vuitton Cup che selezioni lo sfidante, va rispettato.  Ora chiamatela come volete, ma non Coppa America. Oppure ridatecela nel suo spirito originario, che, pensateci bene, non esclude affatto tutte le innovazioni tecniche che sono state poste in essere. Anzi nel vero spirito del Deed of Gift le innovazioni dovrebbero essere ancora di più e ancora più stupefacenti. Solo rispettando il passato si costruirà un grande futuro che questa meravigliosa manifestazione, e tutti i tifosi, meritano.

 


21/05/2012 11:25:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Volvo Ocean Race, Alberto Bolzan: "Perché ho scelto Team Brunel"

Alberto Bolzan è già da alcune settimane impegnato a bordo del VOR 65 battente bandiera dei Paesi Bassi con il quale ha completato la Leg Zero

Primo Rally della Laguna Sud

La prima tappa partirà da Chioggia, sabato 26 agosto alle 11.00 (Raduno alle 09.00 Darsena Mosella) e, attraversando la laguna sud, terminerà a Malamocco

"Audi J/70 World Championship": da Moby e Tirrenia super sconti per i partecipanti

La manifestazione nata dalla collaborazione tra lo Yacht Club Costa Smeralda e la Classe J/70 che si terrà dal 12 al 16 settembre prossimi nello splendido scenario di Porto Cervo

I Campionati del Mondo MicroClass di Annecy

73 barche già iscritte ad una settimana dal via è un record assoluto per la Micro Class. 3 continenti e 10 nazioni rappresentate sono un ottimo biglietto da visita

È iniziato il countdown della XIII Palermo-Montecarlo

Saranno 44 nell’edizione numero XIII le barche sulla linea di partenza lunedì 21 agosto, di cui 20 straniere in rappresentanza di 9 Paesi

Domenica il Trofeo Formenton TAG Heuer Vela Cup

Anche il pluricampione Tommaso Chieffi alla regata delle vacanze; quest'anno Vittorio Codecasa, con lo Swan 45 Jeroboam Ca’Nova, potrebbe aggiudicarsi per la terza volta il Trofeo

Ardi è arrivato a Mahon

Dal 29 agosto al 2 settembre lo stupendo One Tonner, barca scuola del Club Nautico Versilia parteciperà alla XIV Copa Del Rey De Barcos de Epoca, penultima tappa del Panerai Classic Yachts Challenge 2017

Palermo, dalla Cala ai Palazzi Storici. Passeggiata al Piano della Marina

La zona prosciugata attorno all’ anno 1000, veniva anche chiamato ‘’platea marittima’’ e dagli inizi del ‘300 venne bonificato per volere della famiglia Chiaramonte che vi costruì il proprio hosterium, oggi Palazzo Steri

VOR: MAPFRE si aggiudica la Leg Zero

MAPFRE si aggiudica la Leg Zero, e ora due mesi di lavoro prima della partenza della Volvo Ocean Race

Prosegue l’avventura di Ardi

L'One Tonner, barca scuola del Club Nautico Versilia prosegue la navigazione verso Mahon dove dal 29 agosto al 2 settembre parteciperà alla XIV Copa Del Rey De Barcos de Epoca, penultima tappa del Panerai Classic Yachts Challenge 2017

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci