sabato, 22 novembre 2014

TURISMO

iDockers: la nuova piattaforma indispensabile alla navigazione

Ogni diportista approda ogni sera in un porto: l’obiettivo che si propone iDockers, attraverso l’offerta a partire da giugno 2012 di un innovativo servizio di booking on-line per operatori nautici e privati, è di agevolare questo momento.

La Marina, è un microcosmo che vive di vita propria, un intreccio di pratiche burocratiche e forniture in cui diventa difficile orientarsi e iDockers, attraverso il proprio portale, semplifica tutti questi processi, affiancando l’armatore nella ricerca del posto barca e nella selezione di tutti i servizi accessori necessari.

Con la nascita di iDockers il sogno di poter pianificare con largo anticipo le proprie vacanze diventerà realtà, potendo contare su un passepartout per vivere la propria passione in modo rilassato: un innovativo servizio operante sulla reale disponibilità degli ormeggi e dei posti barca presenti nelle Marina partner o messi a disposizione da proprietari privati abbonati al servizio.

Grazie a un’interfaccia grafica semplice e intuitiva, gli iscritti potranno verificare, sia attraverso il portale www.idockers.com che utilizzando le principali piattaforme mobile e quindi con APP per Ipad ed Iphone, Android e Windows Mobile, la reale disponibilità di posti barca e ormeggi.

Da mobile iDockers consentirà, attraverso la funzione di geolocalizzazione della posizione del mezzo di trasporto - sulla base delle caratteristiche della propria barca (lunghezza, larghezza, pescaggio) e della distanza massima richiesta - di individuare le migliori soluzioni, visualizzando la pianta della Marina e di concludere la prenotazione e il pagamento con la massima sicurezza in pochi e semplici passaggi.

Il nuovo servizio si pone l’ambizione di agevolare i navigatori nel vivere in totale relax le proprie vacanza in barca, programmando in anticipo ormeggi e servizi, con la certezza di trovare quanto si desidera all’arrivo.

Oltre a questo innovativo e indispensabile servizio, gli abbonati al portale potranno trovare informazioni relative al meteo, alla fruizione di ulteriori facilities all’interno delle Marina (forniture idriche/elettriche, interventi tecnici specialistici e ricambi, cambusa, noleggio bici/vetture, hotel, parrucchiere, etc.) ed ampie sezioni vetrina dedicate al chartering, alla vendita di posti barca, accessori e barche, news e segnalazione di eventi nazionali e internazionali.

Le Marina, dal canto loro, avranno la possibilità di fornire al diportista un panorama completo di servizi e strutture interne ed esterne, che saranno gestite in maniera organica in funzione di prenotazioni e orari prefissati, contrariamente a quello che caratterizza oggi l’organizzazione degli stessi.

Il progetto iDockers, nato da un’idea di Enzo Carlo Cambrea che può vantare un’expertise decennale come fondatore ed amministratore di aziende operanti nel campo del commercio elettronico legato all’emissione di titoli d’accesso per lo spettacolo in Italia e nel mondo, prevede due linee d’intervento: B2B, rivolto all’informatizzazione della gestione dei posti barca da parte delle Marina; B2C rivolto ai privati che vogliono affittare ad altri privati il posto barca di proprietà quando assenti dalla Marina di riferimento o semplicemente affittarli sul network.

Dopo la prima stagione italiana, l’obiettivo di iDockers è di aprire rapporti di partnership focalizzate allo sviluppo della rete internazionale, stringendo rapporti commerciali a partire dai paesi che si affacciano sul bacino del Mar Mediterraneo per arrivare a tutto il resto del mondo.

Lo Scenario:
Attualmente il panorama italiano, anche in comparazione con il livello del servizio offerto da altre nazioni, si caratterizza per uno scenario altamente frammentato e privo di un player che possa offrire un’organizzazione altrettanto efficiente e informatizzata.

Le informazioni relative alla consistenza del naviglio ed alle infrastrutture mostrano come, al 31 dicembre 2010, le unità da diporto rilevate siano 102.041 (erano 101.538 al 31/12/2009), delle quali 82.226 iscritte negli Uffici Marittimi Periferici delle Capitanerie di Porto e 19.815 presso gli Uffici Provinciali della Motorizzazione Civile (503 in più rispetto a un anno prima). Prosegue, quindi, il positivo trend settoriale, con un aumento, tra il 2009 e il 2010, delle unità da diporto e dei posti barca rispettivamente dello 0,5% e del 2,4% (Ministero delle Infrastrutture e Trasporti – Il diporto nautico in Italia).

In Italia sono disponibili 149.605 posti barca e il loro costo varia tra il 30% e il 150% del costo in altri paesi europei più attrezzati del nostro. Marine e porticcioli sono distribuiti non equamente lungo il litorale italiano ma in generale ogni 70 km di costa contro i 15 della Francia e i 21 della Spagna. Al nord rapporto di 70,1 posti barca per ogni km di costa, contro una media nazionale di 20, mentre in Francia si arriva a 40 per km (fonte: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Il Diporto nautico in Italia, Anno 2010).

La gestione dei posti barca turistici nel totale è affidata a circa un migliaio di operatori del settore (fonte: Assonautica). L’accoglienza destinata al diporto nautico è riservata a sole 5 regioni su 15 (Sicilia, Toscana, Puglia, Liguria e Sardegna). Solo il 68% delle strutture è definita buona/ottima.

Il 59% delle strutture è specializzato nel transito del diporto nautico, di cui solo il 42% dichiara di possedere spazi idonei allo sbarco/imbarco. Per quel che riguarda le strutture attrezzate solo il 57% delle società prevede rudimentali sistemi di prenotazione basati sull’invio di e-mail o fax (fonte: Rapporto sulla Portualità turistica e commerciale - Isnart e Uniontrasporti).

Considerando infine che il settore nautico ha contribuito al PIL per un 2,2% negli ultimi dieci anni e che il fatturato nel 2008 è stato di 6,18 mld di euro, di cui il 61,5% è derivato direttamente dalla cantieristica (fonte: Assonautica), la nascita di iDockers rappresenta una vera e propria rivoluzione nelle consuetudini nautiche per andare verso un sistema sempre più avanzato e d’avanguardia utile alla crescita dell’intero segmento.


09/05/2012 11.42.00 © riproduzione riservata





I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

MSC Armonia: più lunga e più bella dopo la cura Fincantieri

I lavori hanno previsto l’inserimento al centro dello scafo della nave di un nuovo troncone, varato alla fine del mese di luglio, ottenendo in questo modo circa 200 nuove cabine

Route du Rhum: la ricetta di zia Anne per cucinare Andrea Mura

Anne Caseneuve è la terza donna a vincere questa difficile corsa in solitario dopo Florence Arthaud (24 anni fa) e Ellen MacArthur (12 anni fa)

All'Invernale di Riva di Traiano Lancillotto parte "lancia in resta"

Il First 40R di Alberto Ammonini vince una difficile regata regolando "Vahiné 7" di Francesco Raponi e "Er Cavaliere Nero" di Paolo Morville. In Crociera il primo posto va al Grand Soleil "Blue Bite IV"

Invernale Riva di Traiano: video colllisione Milu - Costellation

Riva di Traiano, 1a giornata del Campionato Invernale Trofeo Paolo Venanzangeli. Collisione Milu - Costellation

Route du Rhum: in classe IMOCA vince François Gabart

Ultima prova vincente del francese in classe IMOCA prima del salto sul suo nuovo Maxi-tri - ph. Alexis Courcoux

Velaterapia e disabilità mentale: il progetto di GattoGatto a Riva di Traiano

Matteo Miceli, attualmente impegnato nel giro del mondo in autosufficienza energetica con il suo Eco 40, supporta #gattogattovelaterapia

Guardia Costiera: il filmato dei salvataggi di oggi in acque libiche

Le segnalazioni sono giunte alla Centrale Operativa di Roma tramite telefonate satellitari che indicavano la presenza in acque S.A.R. libiche di 11 unità con a bordo migranti in difficoltà - il filmato dell'operazione

VOR: Abu Dhabi Ocean Racing vince anche la In-port di Città del Capo

Ian Walker e il suo equipaggio di Abu Dhabi Ocean Racing sono stati incoronati re di Città del Capo, vincendo anche la In-port race dopo aver ottenuto la vittoria nella prima tappa una decina di giorni fa - ph. Charlie Shoemake

VOR: condizioni "orrende" nella prima notte di regata

Per rischio cicloni stabilita una ulteriore zona di esclusione alla navigazione nel tratto verso l'arcipelago delle Seychelles

Route du Rhum: un 3° posto epico per Marc Guillemot

Senza energia e senza pilota automatico, Marc Guillemot è riuscito a conservare il 3° posto restando ininterrottamente alla barra di Safran per 72 ore