giovedí, 29 gennaio 2015

TURISMO

iDockers: la nuova piattaforma indispensabile alla navigazione

Ogni diportista approda ogni sera in un porto: l’obiettivo che si propone iDockers, attraverso l’offerta a partire da giugno 2012 di un innovativo servizio di booking on-line per operatori nautici e privati, è di agevolare questo momento.

La Marina, è un microcosmo che vive di vita propria, un intreccio di pratiche burocratiche e forniture in cui diventa difficile orientarsi e iDockers, attraverso il proprio portale, semplifica tutti questi processi, affiancando l’armatore nella ricerca del posto barca e nella selezione di tutti i servizi accessori necessari.

Con la nascita di iDockers il sogno di poter pianificare con largo anticipo le proprie vacanze diventerà realtà, potendo contare su un passepartout per vivere la propria passione in modo rilassato: un innovativo servizio operante sulla reale disponibilità degli ormeggi e dei posti barca presenti nelle Marina partner o messi a disposizione da proprietari privati abbonati al servizio.

Grazie a un’interfaccia grafica semplice e intuitiva, gli iscritti potranno verificare, sia attraverso il portale www.idockers.com che utilizzando le principali piattaforme mobile e quindi con APP per Ipad ed Iphone, Android e Windows Mobile, la reale disponibilità di posti barca e ormeggi.

Da mobile iDockers consentirà, attraverso la funzione di geolocalizzazione della posizione del mezzo di trasporto - sulla base delle caratteristiche della propria barca (lunghezza, larghezza, pescaggio) e della distanza massima richiesta - di individuare le migliori soluzioni, visualizzando la pianta della Marina e di concludere la prenotazione e il pagamento con la massima sicurezza in pochi e semplici passaggi.

Il nuovo servizio si pone l’ambizione di agevolare i navigatori nel vivere in totale relax le proprie vacanza in barca, programmando in anticipo ormeggi e servizi, con la certezza di trovare quanto si desidera all’arrivo.

Oltre a questo innovativo e indispensabile servizio, gli abbonati al portale potranno trovare informazioni relative al meteo, alla fruizione di ulteriori facilities all’interno delle Marina (forniture idriche/elettriche, interventi tecnici specialistici e ricambi, cambusa, noleggio bici/vetture, hotel, parrucchiere, etc.) ed ampie sezioni vetrina dedicate al chartering, alla vendita di posti barca, accessori e barche, news e segnalazione di eventi nazionali e internazionali.

Le Marina, dal canto loro, avranno la possibilità di fornire al diportista un panorama completo di servizi e strutture interne ed esterne, che saranno gestite in maniera organica in funzione di prenotazioni e orari prefissati, contrariamente a quello che caratterizza oggi l’organizzazione degli stessi.

Il progetto iDockers, nato da un’idea di Enzo Carlo Cambrea che può vantare un’expertise decennale come fondatore ed amministratore di aziende operanti nel campo del commercio elettronico legato all’emissione di titoli d’accesso per lo spettacolo in Italia e nel mondo, prevede due linee d’intervento: B2B, rivolto all’informatizzazione della gestione dei posti barca da parte delle Marina; B2C rivolto ai privati che vogliono affittare ad altri privati il posto barca di proprietà quando assenti dalla Marina di riferimento o semplicemente affittarli sul network.

Dopo la prima stagione italiana, l’obiettivo di iDockers è di aprire rapporti di partnership focalizzate allo sviluppo della rete internazionale, stringendo rapporti commerciali a partire dai paesi che si affacciano sul bacino del Mar Mediterraneo per arrivare a tutto il resto del mondo.

Lo Scenario:
Attualmente il panorama italiano, anche in comparazione con il livello del servizio offerto da altre nazioni, si caratterizza per uno scenario altamente frammentato e privo di un player che possa offrire un’organizzazione altrettanto efficiente e informatizzata.

Le informazioni relative alla consistenza del naviglio ed alle infrastrutture mostrano come, al 31 dicembre 2010, le unità da diporto rilevate siano 102.041 (erano 101.538 al 31/12/2009), delle quali 82.226 iscritte negli Uffici Marittimi Periferici delle Capitanerie di Porto e 19.815 presso gli Uffici Provinciali della Motorizzazione Civile (503 in più rispetto a un anno prima). Prosegue, quindi, il positivo trend settoriale, con un aumento, tra il 2009 e il 2010, delle unità da diporto e dei posti barca rispettivamente dello 0,5% e del 2,4% (Ministero delle Infrastrutture e Trasporti – Il diporto nautico in Italia).

In Italia sono disponibili 149.605 posti barca e il loro costo varia tra il 30% e il 150% del costo in altri paesi europei più attrezzati del nostro. Marine e porticcioli sono distribuiti non equamente lungo il litorale italiano ma in generale ogni 70 km di costa contro i 15 della Francia e i 21 della Spagna. Al nord rapporto di 70,1 posti barca per ogni km di costa, contro una media nazionale di 20, mentre in Francia si arriva a 40 per km (fonte: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Il Diporto nautico in Italia, Anno 2010).

La gestione dei posti barca turistici nel totale è affidata a circa un migliaio di operatori del settore (fonte: Assonautica). L’accoglienza destinata al diporto nautico è riservata a sole 5 regioni su 15 (Sicilia, Toscana, Puglia, Liguria e Sardegna). Solo il 68% delle strutture è definita buona/ottima.

Il 59% delle strutture è specializzato nel transito del diporto nautico, di cui solo il 42% dichiara di possedere spazi idonei allo sbarco/imbarco. Per quel che riguarda le strutture attrezzate solo il 57% delle società prevede rudimentali sistemi di prenotazione basati sull’invio di e-mail o fax (fonte: Rapporto sulla Portualità turistica e commerciale - Isnart e Uniontrasporti).

Considerando infine che il settore nautico ha contribuito al PIL per un 2,2% negli ultimi dieci anni e che il fatturato nel 2008 è stato di 6,18 mld di euro, di cui il 61,5% è derivato direttamente dalla cantieristica (fonte: Assonautica), la nascita di iDockers rappresenta una vera e propria rivoluzione nelle consuetudini nautiche per andare verso un sistema sempre più avanzato e d’avanguardia utile alla crescita dell’intero segmento.


09/05/2012 11.42.00 © riproduzione riservata





I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Matteo Miceli: l'uomo che visse due volte (lo stesso giorno) - VIDEO

Nei tanti paradossi che si vivono nel fare il giro del mondo in barca, c’è quello di vivere la stessa giornata due volte, come sta capitando ora a Matteo Miceli che ha appena passato il meridiano del cambio data

Discovery Route: parte da Portovenere la sfida di Sergio Frattaruolo

Dalle Grazie alla conquista di uno dei più ambiti e prestigiosi record della vela oceanica: è iniziata dal Cantiere Valdettaro la sfida di Calaluna alla Discovery Route.

Otranto: VII regata "Più vela per tutti"

Al timone di “Great Expectations”, coadiuvato dal prodiere Gabriele Gorgoni, Sandro Montefusco ha portato l’XYacht412 non proprio in ottima forma nelle ultime regate sul primo gradino del podio

Alce Nero attraversa l’oceano con l’Extreme Sail Academy sulla Discovery Route

È fissata per il 25 gennaio la partenza dell’iniziativa sportiva di cui Alce Nero è partner: in barca a vela da Cadiz, in Spagna, con destinazione San Salvador, Bahamas, seguendo la rotta che fu di Cristoforo Colombo

America's Cup: Jimmy Sphitill alle Bermuda per preparare il trasloco di Oracle

"E' importante che Oracle sia la prima squadra ad arrivare qui – ha detto Sphitill - perché siamo i responsabili della scelta delle Bermuda e abbiamo bisogno di integrarci bene con la comunità locale"

Garda: Hyak Onlus in gara alla Trans Lac en Du

Si parte alle 17 dal lungolago sulla rotta Salò-Gargnano-Salò. L'organizzazione curata dalla Canottieri Garda in collaborazione con il Circolo Vela Gargnano

Isaf e Gazprom: per la vela un accordo che vale Yalta

A marzo scadrà la validità del primo giro di sanzioni imposte alla Russia dall’Europa, e i paesi membri dovranno decidere se rinnovarle o meno. Per rinnovarle ci vuole un voto all’unanimità, quindi, grazie all’ISAF, sappiamo già come andrà a finire

VOR: salta una scotta ed è emergenza a bordo di Dongfeng

L'incidente che ha costretto l'equipaggio ad una riparazione immediata ricorda come le insidie di questa gara siano sempre dietro l'angolo

VOR: naufragio Team Vestas, Wouter Verbraak paga per tutti

Team Vestas Wind ha annunciato oggi che il navigatore Wouter Verbraak ha cessato di far parte del suo equipaggio della Volvo Ocean Race

Volvo Ocean Race, Dongfeng: "Good Morning Vietnam"

Meno di cinquecento miglia alla linea del traguardo di Sanya per Dongfeng Race Team, sempre alla guida della flotta nel Mar Cinese Meridionale, e che naviga a poca distanza dalla costa vietnamita