lunedí, 23 ottobre 2017

PORTI

Hal9000, il software per le manutenzioni portuali lanciato da Marina Cala de' Medici

Hal9000, il software per la gestione delle manutenzioni portuali lanciato da Marina Cala de’ Medici l’autunno scorso scaramanticamente chiamato “Hal9000”, mainframe del famoso film “2001 Odissea nello Spazio” di Kubric, si evolve e diventa Hal9001. Le innovazioni, rispetto ad Hal9000, sono innanzitutto di carattere tecnologico, infatti le sue funzionalità vengono estese per offrire una soluzione mobile completamente rinnovata, fruibile su tutti i tipi di dispositivi (Android, Windows Phone ed Apple) e basata su di un’innovativa piattaforma di sviluppo, la cui recente acquisizione da parte di Microsoft ne conferma le qualità tecniche e ne garantisce il continuo miglioramento.
Anche l’architettura del sistema di comunicazione ha subito una profonda re-ingegnerizzazione, grazie all’introduzione dei servizi Cloud Microsoft Azure, attraverso i quali si potrà beneficiare di un punto di raccolta dei dati in mobilità altamente affidabile, sempre disponibile e scalabile nelle prestazioni. Una soluzione basata su un’impostazione classica, ovvero strutturata su di un datacenter interno, non avrebbe potuto offrire le stesse garanzie di servizio che, nella distribuzione di soluzioni mobile, diventano cruciali, se non fondamentali, per la loro stessa fruibilità. I costi, inoltre, a parità di performance e dotazioni necessarie, non sono nemmeno paragonabili, ovviamente a favore del Cloud, che permette una tariffazione a consumo, forfettizzata a soglie di utilizzo, ed unicamente limitata al servizio di comunicazione impiegato.
Sempre sul Cloud, l’utilizzo di questo sistema apre un’infinità di applicazioni future ed una molteplicità di scenari estremamente interessanti. Uno di questi, ad esempio, riguarda le imbarcazioni in transito. Una volta giunta un’imbarcazione in Porto l’ormeggiatore, tramite un dispositivo, potrebbe comunicare in tempo reale il nome, la targa, fare una foto al libretto da mettere in archivio e far pagare il cliente, sempre dal medesimo dispositivo, con la carta di credito.
Ma come funziona Hal9001? Ogni dipendente avrà installato sul proprio smartphone un’applicazione (APP) che consentirà di aprire delle segnalazioni (dal malfunzionamento di una colonnina ad una lampadina bruciata), allegando all’occorrenza immagini dalla libreria o foto scattate in tempo reale, per inoltrarle al centro di controllo Hal9001, attraverso sei “punti di ingresso” differenziati, uno per ciascuno dei soggetti responsabili incaricati. Il “cervellone”, acquisite le informazioni, penserà sia a smistare le comunicazioni, in base alla loro pertinenza, sia ad attivare una serie di automatismi propedeutici all’apertura dei procedimenti di gestione. Ne consegue, quindi, la distribuzione ai vari manutentori che saranno avvisati periodicamente tramite le funzionalità dello scadenziario, che ricordano all’incaricato l’intervento da effettuare ed eventuali altre note.
Importante sottolineare che l’architettura di Hal9001 sia già pronta per sviluppi futuri: il gestionale per il momento verrà utilizzato dal personale interno di Cala de’ Medici, ma in futuro potrà essere utilizzato anche dai Soci e dagli utenti esterni. Un altro obiettivo di un ipotetico Hal9002 potrebbe essere quello che al proprio arrivo in Porto, ogni dipendente possa timbrare il badge e stampare o leggere da un dispositivo, in automatico, quella che è la lista delle lavorazioni da effettuare nell’arco della giornata. Guardando ancora oltre, potrebbe essere istituita una figura di controller che, quando viene smarcata una lavorazione, verifica che questa sia stata effettivamente portata a termine.
Hal9001 è una soluzione commercializzabile, personalizzabile ed estendibile, una volta superato il periodo di “rodaggio”. Si presta, pertanto, ad essere adottato da altre strutture portuali.


06/03/2017 18:44:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Al via la 12ª edizione della Totano’s Cup

La manifestazione prevede una regata per imbarcazioni a vela e un trasferimento in flottiglia per quelle a motore da Marina Cala de’ Medici fino all’Isola di Capraia

“Piu’ Vela per Tutti” IX Edizione Campionato Invernale Otranto 2017 – 2018

Quello di domneica è stato un inizio impegnativo per le 15 barche in acqua, poiché il mare era formato e il vento non scendeva sotto i 18 nodi

Sabato 21 ottobre al via La Cinquanta del Circolo Nautico Santa Margherita

A Caorle anche Michele Zambelli che sarà alle ore 21.00 presso l’Aula Magna Parrocchiale per un incontro aperto a tutti dal titolo “Il mio Oceano”

Alla Fraglia Vela Riva il Trofeo Torboli

Si confermano primi Demurtas e Cesana. Domenica disputate altre due prove con vento da nord

Fincantieri: al via i lavori in bacino della sesta unità per Viking

La nave, la cui consegna è prevista nel 2019, si posizionerà nel segmento di mercato di unità di piccole dimensioni

Match Race Internazionale l’Argentario è pronto a ben figurare

La squadra del CNVA, nelle acque dell’Argentario, affronta quotati campioni internazionali nell’ evento di match race di Grado 2

La Coppa Italia d’Altura cambia pelle e sceglie Riva di Traiano per il 2018

Una nuova formula, con il Circolo vincente che sceglierà la sede per il 2019, e nuove date per le regate, che si svolgeranno a metà luglio 2018

Tavolo tecnico sullo sviluppo della nautica e della cantieristica

Inaugurato da Confindustria nella sede dei Nuovi Cantieri Apuania a Marina di Carrara.Necessità di fare sistema, qualificazione e supporto alle imprese,i temi messi in evidenza

Tu vuò fà o' catamarano

Joe Valia è il nuovo socio di C-Cat; grande appassionato di barche e navigazione, con due giri del mondo a vela alle spalle di cui il primo su un vecchio 13 metri quando non aveva ancora 18 anni

Hilton Molino Stucky sul podio della IV edizione della Venice Hospitality Challenge

A bordo di Pendragon VI anche il Campione Olimpionico Antonio Rossi

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci