giovedí, 21 settembre 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

giancarlo pedote    este 24    nautica    salone nautico    regate    press    ufo 22    azzurra    circoli velici    barcolana    52 super series    federagenti    chioggiavela    swan    solidarietà    ufo22   

REGATE

Gonfi Gonfi il primo cabinato a tagliare il traguardo del trofeo Alpin Renault

gonfi gonfi il primo cabinato tagliare il traguardo del trofeo alpin renault
redazione

Scattati dalla linea di partenza a Torbole con vento da nord, il noto <Pèler> che soffia da Torbole in direzione Sirmione, i cabinati partecipanti a questa "veleggiata" si sono diretti verso Capo Reamol sospinti dalla brezza sui 12 nodi (22 Km/h) che soffiava sul Garda trentino. Qui, da sempre, tutti sono incappati nel classico "buco di vento" che caratterizza la parte a ovest del lago di Garda, quella del confine tra le Province di Trento e Brescia, dove non si è mai superato i 6 nodi, per riprendersi subito dopo nel lasco in direzione dell'Isola dell'Olivo, nel golfo di Malcesine, lato bresciano grazie all'aumento, sempre di vento da nord, sugli otto-dieci nodi.

Da segnalare l'inossidabile Gianni Torboli, capace di "buttare fuori" allineamento in partenza proprio Gonfi Gonfi ma nel pieno rispetto delle regole d'ingaggio! L'ex olimpionico del Soling ad Atlanta 1996 con i fratelli Celon, già campione del mondo della classe Fun, al timone dell'imbarcazione Bikini dell'armatore Flavio Biondo (nella foto sotto a corredo) è sempre una garanzia!

Virato di poppa attorno all'isola, il vento cedeva il passo alla famosa Ora del Garda, il vento da sud che i regatanti più "accaniti" si rifiutano di chiamare vento. Tant'è che, Ora o vento che dir si voglia, col vento in poppa i partecipanti hanno ben presto issato tutto quanto si poteva issare oltre la randa, e con un'Ora misurata sui 27 nodi, pari a 50 chilometri orari esatti ben presto si sono presentati al traguardo di Torbole.

Verso le 15.30 tutti avevano fatto rientro in porto, presentandosi al classico pasta party affamati come lupi dopo la regata lunga 17 miglia, per rilassarsi in compagnia e affidarsi agli inevitabili "sfottò" di sempre in questi casi. Senza nulla togliere al valore agonistico messo in campo, la regata è stata organizzata per stare assieme, veleggiare senza lo stress agonistico puro, per il piacere poi di condividere i momenti trascorsi in barca con le gambe sotto il tavolo, gustandosi le prelibatezze della gastronomia trentina che, statene certi, non sono affatto mancate!

Prima imbarcazione CVT Bikini dell'armatore Flavio Biondo, mentre Malossini su Macondo è il 1° anche della tappa Fraglia Cup.

CLASSIFICA 

ORC 1:                1. Macondo (Paolo Malossini), 2. Bikini (Flavio Biondo), 3. Raptus (Matteo Pilati);

ORC 2:                1. Babbo 2 (Giorgio Vairani), 2. Sudulland, 3. Dolphing 81;

VELE BIANCHE:  1. Free Spirit, 2. Maruzzella, 3. Maeva;

REALE:                1. Gonfi Gonfi (Claudio Pinter) in 2 h 34' e 08" 

 


23/07/2017 19:45:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Stazza J70, querelle infinita: lettera aperta di Carlo Alberini

"A pervadermi è ancora un sentimento di profondo rammarico, che è aumentato a dismisura questa mattina, quando ho visto la flotta lasciare gli ormeggi per andare incontro al primo giorno di regate"

Davide Sampiero vince il titolo Nazionale Meteor Match Race 2017

A Castiglione del Lago sono scesi in acqua. per contendersi il titolo, ben sei tra i primi dieci classificati dell’ultimo Campionato Nazionale Meteor compreso Lorenzo Carloia neo campione Italiano assoluto e campione match race uscente

SAAR Depositi Portuali compie 85 anni

Il più grande polo logistico di olii alimentari nel Mediterraneo festeggia la sua storia e guarda al futuro con nuovi progetti

L' 11° Childrenwidcup dell’Abe

La regata dei sorrisi con i piccoli dell'ospedale dei reparti di onco-ematologia pediatrica del Civili di Brescia

Allo Yacht Club Porto Rotondo la Fideuram Cup

Dal 15 al 17 settembre, la sfida tra i manager dell’istituto bancario

Ferretti Group Cantiere dell'Anno 2017 ai World Yachts Trophies

Insieme al riconoscimento come miglior Cantiere, ecco i trionfi per le premiere appena lanciate sul mercato: Ferretti Yachts 780, Riva 56’ Rivale, CRN 74 m Cloud 9 e Custom Line Navetta 33

L’ Altura è la nuova sfida dell’Invernale di Riva di Traiano

Per gli equipaggi in doppio saranno possibili una o più regate d’altura verso Giglio/Giannutri che faranno parte integrante del Campionato Invernale 2017/2018

Domami al Laghetto dell'Eur la Re Boat Roma Race 2017

Giunta alla sua VIII edizione, i 24 i team in gara andranno a sfidarsi in una regata assolutamente innovativa

Con Eleva Yacht la vela italiana si arricchisce di un nuovo marchio

Il primo modello è The Fifty, un fast cruiser per la crociera velocedi quindici metri

Il Campionato Europeo D-One

Ad Alassio dal 21 al 24 settembre.Sono sei le nazioni rappresentate, tra cui Gran Bretagna e Cecoslovacchia per un totale di oltre 25 timonieri

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci