martedí, 21 novembre 2017

REGATE

Gonfi Gonfi il primo cabinato a tagliare il traguardo del trofeo Alpin Renault

gonfi gonfi il primo cabinato tagliare il traguardo del trofeo alpin renault
redazione

Scattati dalla linea di partenza a Torbole con vento da nord, il noto <Pèler> che soffia da Torbole in direzione Sirmione, i cabinati partecipanti a questa "veleggiata" si sono diretti verso Capo Reamol sospinti dalla brezza sui 12 nodi (22 Km/h) che soffiava sul Garda trentino. Qui, da sempre, tutti sono incappati nel classico "buco di vento" che caratterizza la parte a ovest del lago di Garda, quella del confine tra le Province di Trento e Brescia, dove non si è mai superato i 6 nodi, per riprendersi subito dopo nel lasco in direzione dell'Isola dell'Olivo, nel golfo di Malcesine, lato bresciano grazie all'aumento, sempre di vento da nord, sugli otto-dieci nodi.

Da segnalare l'inossidabile Gianni Torboli, capace di "buttare fuori" allineamento in partenza proprio Gonfi Gonfi ma nel pieno rispetto delle regole d'ingaggio! L'ex olimpionico del Soling ad Atlanta 1996 con i fratelli Celon, già campione del mondo della classe Fun, al timone dell'imbarcazione Bikini dell'armatore Flavio Biondo (nella foto sotto a corredo) è sempre una garanzia!

Virato di poppa attorno all'isola, il vento cedeva il passo alla famosa Ora del Garda, il vento da sud che i regatanti più "accaniti" si rifiutano di chiamare vento. Tant'è che, Ora o vento che dir si voglia, col vento in poppa i partecipanti hanno ben presto issato tutto quanto si poteva issare oltre la randa, e con un'Ora misurata sui 27 nodi, pari a 50 chilometri orari esatti ben presto si sono presentati al traguardo di Torbole.

Verso le 15.30 tutti avevano fatto rientro in porto, presentandosi al classico pasta party affamati come lupi dopo la regata lunga 17 miglia, per rilassarsi in compagnia e affidarsi agli inevitabili "sfottò" di sempre in questi casi. Senza nulla togliere al valore agonistico messo in campo, la regata è stata organizzata per stare assieme, veleggiare senza lo stress agonistico puro, per il piacere poi di condividere i momenti trascorsi in barca con le gambe sotto il tavolo, gustandosi le prelibatezze della gastronomia trentina che, statene certi, non sono affatto mancate!

Prima imbarcazione CVT Bikini dell'armatore Flavio Biondo, mentre Malossini su Macondo è il 1° anche della tappa Fraglia Cup.

CLASSIFICA 

ORC 1:                1. Macondo (Paolo Malossini), 2. Bikini (Flavio Biondo), 3. Raptus (Matteo Pilati);

ORC 2:                1. Babbo 2 (Giorgio Vairani), 2. Sudulland, 3. Dolphing 81;

VELE BIANCHE:  1. Free Spirit, 2. Maruzzella, 3. Maeva;

REALE:                1. Gonfi Gonfi (Claudio Pinter) in 2 h 34' e 08" 

 


23/07/2017 19:45:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Montura presenta la linea Keep Sailing

Linea di abbigliamento destinato alla nautica e all'agonismo velico ricca di soluzioni innovative e realizzata con tecnologie applicate per la prima volta nel mondo della vela

Invernale Riva di Traiano: i Big subito in evidenza

Sole, mare calmo e poco vento. Ma la regata si fa e brilla lo Swan 45 Aphrodite

Nauta firma il Tender 48’ dei cantieri Maxi Dolphin di Erbusco

Nasce come progetto di imbarcazione veloce da appoggio e connessione per un superyacht di maggiori dimensioni; è dotata di un bottazzo continuo e morbido di protezione che agevola l’appoggio alla barca “madre”

Riva Boutique: eccellenza e artigianalità per un Natale in grande stile

Lo store online ufficiale di Riva si arricchisce di nuovi accessori realizzati con lo stile e la qualità del cantiere mito della nautica mondiale, perfette idee regalo per le festività

L’Ocean Film Festival World Tour fa tappa a Roma

Kayak, surf, vela, esplorazione subacquea: una selezione di medio e cortometraggi per tutti gli appassionati di mare e avventura - Il 20 novembre al cinema Moderno ore 20:15

All'Arsenale della Marina Regia si presenta il progetto “Sirene nel blu tra mare e cielo”

Il progetto nasce dall’idea congiunta tra la Soprintendenza del Mare e “l’Associazione amici della Soprintendenza del Mare”, di volere attivare una campagna di sensibilizzazione rivolta al rispetto del mare

Terza giornata all'Invernale del Circeo

La classifica generale IRC dopo 5 prove e uno scarto vede in testa TAHRIBA l’Elan E5 dello skipper Francesco Di Diodato portacolori del Nautilus Yacht Club con al timone Pino Stillitano

Francesco Cappuzzo campione nazionale Wave Windsurf per la seconda volta

Il campione in carica ha prima battuto nella finale del single elimination il milanese Jacopo Testa, campione nazionale Freestyle 2017, giunto terzo, e nell'avvincente finale del double elimination ha sconfitto di misura Andrea Rosati

Besenzoni vince il Dame Design Award 2017

Besenzoni ha ottenuto il riconoscimento finale della sua straordinaria capacità di innovazione: la poltrona pilota P400 Matrix ha ricevuto il più prestigioso premio dato nell’industria marina

Nicolò Renna vince i Campionati Sudamericani Techno Plus

all’altra italiana Giorgia Speciale oro tra le femmine. Nel 2018 dovranno guadagnarsi la convocazione olimpica personale con i risultati conseguiti dopo 3 eventi internazionali

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci