domenica, 25 giugno 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

52 super series    optimist    vela olimpica    alcatel j/70    azzurra    altura    j/70    gc32    finn    scarlino    nautica    vele d'epoca    tp52    press   

QUANTUM KEY WEST 2017

Gladiator e Quantum: due acuti da owner driver

gladiator quantum due acuti da owner driver
redazione


Una giornata difficile da interpretare per molti, difficile da inserire in un contesto attuale. Vedere Gladiator vincere una prova in mezzo a due decimi posti ed un nono fa sorridere, Quantum inizia a carburare, il rodaggio di ieri oggi si è trasformato in un martedì di consistenza, un quarto ed un primo posto di giornata “ricolloca” lo squadrone americano ad un punto dalla leadership, quella mantenuta dalla barca di Harm Müller-Spreer che oggi non ha brillato, mantenendo per ora la testa della classifica generale. Di Azzurra si può dire che un gennaker rotto nella prima prova di giornata ha tolto quei due/tre punti che a fine settimana potrebbero fare la differenza, per Vascotto e Parada la terza piazza sta un pò stretta viste le premesse. Meglio di ieri Bronenosec che chiude la giornata con un terzo posto. Provezza fa un bel salto in classifica, due secondi posti di giornata per Imre e il suo team che quest’anno schiera al timone Peter Holmberg. Rán, Sled e Interlodge non trovano lo spunto giusto per poter vincere una manche di giornata. Tutto molto aperto, difficile e in fase evolutiva, alcuni team sanno che possono e devono migliorare, ogni giorno ci sono punti in palio, molto importanti sia per la classifica della Quantum Key West Race Week che della generale delle 52 SUPER SERIES 2017.
Una mattinata dal meteo perfetto, 125° gradi di direzione ed un’intensità intorno ai 15 nodi, un vero spettacolo nelle acque azzurre di Key West. Al via Interlodge va sul pin molto spedito, seguito sopravento da Gladiator, una bella battaglia per la testa della regata, Platoon e Azzura non sono da meno, prime fasi molto intense, come sempre del resto. Si rivede Provezza, insieme a Gladiator nella prima parte della bolina, Quantum e Azzurra vanno a sinistra. Bronenosec non brilla in partenza, regata in salita anche per Rán. Interlodge, Gladiator e Azzurra al passaggio della bolina, seguiti da Provezza, Quantum e Platoon, regata molto aperta. La flotta si spinge maggiormente a sinistra del campo, al gate Gladiator, Azzurra e Provezza compongono il terzetto di testa, Rán si prende anche una penalità. Al terzetto si aggiunge Bronenosec che ha ripreso terreno. Si gira la boa e si va verso la fine. Problemi al gennaker dei russi, subito dopo anche per Azzurra, un peccato per la barca italiana. Gladiator, timonata da Tony Langley torna a vincere dopo qualche mese, era luglio del 2016, in quel di Porto Cervo, il nuovo acquisto Ed Baird ha dato i suoi frutti. Provezza, Quantum e Azzurra penalizzata dalla rottura al gennaker. Buon rientro per Bronenosec giunto quinto, seguito da Platoon, Alegre, Sled, Rán, Paprec, Interlodge non finisce la regata. Platoon ancora in testa nella generale, Azzurra seconda a tre punti seguita da Quantum. Il tempo di rimettere le scotte in ordine e il Comitato di Regata richiama i team. Molta apprensione e tensione, lo start è un ecatombe di over de line, tutto da rifare, Azzurra, Rán e Sled le più agguerrite. Tutto da rifare, questa volta Gladiator e Interlodge al centtro della linea a mettere in fila gli altri. Al primo passaggio però in testa c’è Provezza insieme a Bronenosec e Sled, non ci può lasciare neppure un metro in queste regate. Provezza mantiene la testa, segue Quantum insieme a Bronenosec. Eì battaglia prua a prua tra i due leader. Quantum, complice un Terry Hutchinson in gran forma vince lo scontro diretto con la barca turca, manche agli americani davanti ai turchi, Bronenosec, Rán, Interlodge, Platoon, Paprec, Azzurra, Gladiator, Alegre e Sled.

Vasco Vascotto (ITA) tattico di Azzurra (ITA):

“Oggi potremmo essere qui a celebrare una giornata fantastica, invece ci troviamo a commentare quello che è andato storto. Tuttavia sono contento e fiducioso per il prosieguo, la barca va bene e oggi sono capitate una serie di sfortune tipiche da giorno 17. Meglio pagare qualcosa all’ inizio che ritrovarsi alla fine a maledire la sfortuna, abbiamo davanti ancora una stagione di regate. Nella prima prova stavamo per rollare Gladiator al comando, ma non avevamo visto un J 111 che saliva di bolina con diritto di rotta. Collisione evitata per un soffio, ma il nostro gennaker si è rotto sul loro albero e abbiamo dovuto fare la penalità. Da quasi primi a terzi, e abbiamo pure limitato i danni.
Nella seconda prova siamo partiti benissimo, ma il Comitato ha deciso di annullare perché c’erano barche in OCS e avevano chiamato alcuni numeri di prua sbagliati, tra cui il nostro. Ripartiti nuovamente bene appaiati a Quantum, lo abbiamo costretto a virare. Peccato però che abbiamo perso il momento giusto per virare noi. La beffa è stata che Quantum è andato a vincere mentre noi siamo rimasti intruppati nel traffico per tutta la regata senza poter recuperare. Ma ripeto, mi sento tranquillo.”
Peter Holmberg (USVI) timoniere di Provezza (TUR):

“Abbiamo avuto un inizio diffcile nella prima giornata e abbiamo lavorato sulla partenza e su come gestirla. Oggi il team ha fatto un lavoro impressionante. Abbiamo navigato molto bene e abbiamo ottenuto alcuni buoni risultati. È stato grandioso. Abbiamo analizzato tutto quello che abbiamo fatto in questi giorni e sappiamo che c’è ancora da fare molto. Sappiamo che abbiamo delle buone opportunità per far bene. oggi Tony (Rey) ha fatto un ottimo lavoro alla tattica, lui ci mette sempre nei punti giusti del campo di regata. E andato tutto bene oggi.”
Doug DeVos (USA) armatore-timoniere di Quantum Racing (USA):

“E ‘stata una vera e propria giornata glamour là fuori, la brezza, le onde, il colore dell’acqua. Cosa potreva andare storto? Abbiamo avuto un grande giorno. Siamo stati in grado tenere duro nella prima regata e vincere la seconda, quindi siamo entusiasti della nostra giornata. Abbiamo trovato delle zone buone sul campo di regata e in poppa siamo stati veloci. Cerchiamo di far andare la barca al massimo. Oggi abbiamo navigato bene con queste condizioni, Terry e Lorenzo mi dicono dove stare per mantenere la barca e per mantenerla veloce ed è molto divertente. Non solo è divertente, ma la barca sta andando molto in fretta. Stiamo andando bene con Bora. Egli è la persona giusta, ogni giorno ha più feeling con il gruppo ed è stato un valore aggiunto dal primo giorno.”


18/01/2017 09:46:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Campionato Italiano Assoluto d’Altura: due prove per tutta la flotta

Ottimo avvio nelle acque di Monfalcone per il massimo appuntamento tricolore d’altura

I ragazzi di Simone Camba riportano a Cagliari Azuree

I ragazzi di NewSardiniaSail porteranno a Cagliari dalla Grecia Azuree, la barca a vela dell'associazione. Un'esperienza preziosa per i giovani in affido dal Dipartimento di Giustizia

Tutto pronto per la 21.A Edizione della Cooking Cup con il nuovo Title Sponsor Prosecco Doc

Compagnia della Vela di Venezia e Barcolana assieme per lo sport marketing nelle regate in Alto Adriatico

Sled si porta al comando nella prima giornata dell'Audi Sailing Week

L'americano Sled timonato dall'armatore Takashi Okura ha condotto i giochi fin dal primo gate di poppa, con un distacco di circa 150 metri sul secondo classificato, l'inglese Alegre con alla tattica il velista di America's Cup, Andy Horton

Tutto pronto per il XXII Trofeo Challenge Ammiraglio Giuseppe Francese

Al via la manifestazione dedicata ad un uomo che ha dato tanto alla Versilia e alla città di Viareggio

Dopo il trionfo europeo Petite Terrible-Adria Ferries rientra in Italia per il terzo evento di stagione

Alcatel J/70 Cup, che prenderà il via venerdì 23 giugno grazie all'organizzazione di J/70 Italian Class, con il supporto della Fraglia Vela Riva

VIDEO - America's Cup: è ancora New Zealand

Peter Burling sta massacrando James Spithill, alla faccia di chi non credeva che fosse abbastanza aggressivo o forte in partenza

La Centomiglia del Garda al Bol d'Or in Svizzera

Il prossimo appuntamento per il circuito "Interlake 2017" è programmato al lago Balaton in Ungheria con il giro del lago magiaro

VIDEO - America's Cup, Day 1: due vittorie per New Zealand

Il video della 1a giornata delll'America's Cup con le due vittorie di New Zealand su Oracle

Conclusa l’Argentario Sailing Week - Panerai Classic Yachts Challenge 2017

Una menzione particolare va a Linnet (1905) di Patrizio Bertelli con Pietro D’Alì al timone, che ha girato la prima boa di bolina del percorso odierno al primo posto in tempo reale davanti a imbarcazioni di maggiori dimensioni e dello stesso progettista

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci