venerdí, 22 giugno 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

tp52    regate    altura    volvo ocean race    ucina    gc32    cnrt    vela    j24    melges 20    vela olimpica    laser 4.7    manifestazioni    azzurra   

SUZUKI

A Gibilterra in gommone: Suzuki e Italo al giro di boa delle Colonne d’Ercole

gibilterra in gommone suzuki italo al giro di boa delle colonne 8217 ercole
redazione

Partiti il 21 aprile da Salone di Genova, infatti, gli equipaggi del Club del Gommone di Milano, che ha organizzato questo insolito raid patrocinato dall’UCINA, ne hanno portato a compimento la prima parte, arrivando alle Colonne d’Ercole con un ruolino di marcia praticamente perfetto.
Delle 2.200 miglia previste, i cinque equipaggi composti esclusivamente da gentleman driver, ottimi marinai esperti che fanno capo al Club milanese, ne hanno percorse giusto la metà. Bravi ragazzi! Ma un bravo va anche e forse soprattutto ai mezzi che hanno consentito loro tale precisione nel rispettare le tabelle di marcia previste a tavolino: il fuoribordo senza patente Suzuki DF40A che ha spinto lo ZARmini RIB 16 fino a Gibilterra.
Loro non hanno avuto cambi: si sono fatti tutte le quasi 1.100 miglia di mare, navigando davanti alle coste di tre nazioni, senza mostrare alcuna incertezza. Come d’altronde avevano già fatto nella precedente impresa che li aveva visti protagonisti l’anno scorso durante la Circumnavigazione d’Italia #italiaingommone con 1767 miglia di navigazione. Sempre loro e proprio loro!
Alle 74 ore di moto finora sostenute per arrivare a Gibilterra, dunque, vanno sommate le 140 ore che il fuoribordo senza patente del costruttore giapponese aveva accumulato nel precedente raid, e poi le altre che serviranno per tornare a casa, a Genova.
Virginio Gandini, Presidente del Club del Gommone, annunciando ai suoi associati l’arrivo a Gibilterra del raid, così si è espresso al riguardo: “motore quanto mai parco nei consumi - il che non guasta in percorrenze simili - e gommone con carena in alluminio dall’ottima tenuta in mare”.
“Non siamo affatto sorpresi di come stia procedendo il raid, perfettamente organizzato, in piena sicurezza e secondo i piani, e anche del commento del Presidente Gandini sul nostro motore, perché conosciamo a fondo la qualità del nostro DF40A, un fuoribordo che ha caratteristiche tecniche e prestazioni di riferimento nell’ambito della fascia di mercato di appartenenza” Questa la dichiarazione di Paolo Ilariuzzi, Direttore Commerciale di Suzuki Italia divisione Marine, che sul fuoribordo poi aggiunge: “Il sistema Lean Burn di Suzuki, a combustione magra, che accomuna tutta la gamma di Suzuki da 9,9 a 350HP, quindi presente anche sul DF40A, è in grado di assicurare un notevole risparmio di carburante proprio nella navigazione a velocità costante, quando si è in crociera”
Siamo nell’ordine del 14% di benzina in meno e ciò si traduce anche in minor impatto ambientale e minori emissioni nocive da parte del motore.
“Durante e dopo il raid dell’anno scorso, il DF40A è stato sottoposto solo al normale ciclo di manutenzione ordinaria – ha concluso Paolo Ilariuzzi – e prima di partire quest’anno da Genova gli abbiamo fatto il tagliando, ma nulla di più. Il motore di Italo è assolutamente di serie e non preparato, sempre lo stesso. Il segreto di tale performance in termini di affidabilità? Sta proprio in questo, nel fare una corretta manutenzione. La tecnologia Suzuki, quanto di meglio il settore dei fuoribordo quattro tempi possa esprimere, fa il resto”
Il raid “A Gibilterra in Gommone” riprenderà l’11 maggio, con gli equipaggi del Club del Gommone impegnati sulla via del ritorno. La sesta staffetta a prendere parte all’impresa - Alessandro Di Lelio e Ambrogio Fumagalli- la prima di altre cinque previste per il rientro di “Italo” a Genova, farà di nuovo prua verso Almeria dove è previsto un controllo di routine da parte della filiale spagnola di Suzuki.


10/05/2018 13:34:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Tutti i vincitori della Giraglia 2018

La regata si è dunque chiusa questa mattina con il tempo limite delle 11 del mattino e la premiazione nel villaggio allestito per i regatanti nei piazzali della sede dello Yacht Club Italiano

Panerai Classic Yacht Challenge: vincono Bertelli su Linnet e Ferruzzi con Il Moro di Venezia I

Vittoria per Patrizio Bertelli su ‘Linnet' nella categoria Vintage e di Massimiliano Ferruzzi con 'Il Moro di Venezia I' nei Classic

Joshua e Suhaili, ecco la Storia della Vela

Eccole, affiancate dopo 50 anni a Les Sables d'Olone, JOSHUA, la barca di Bernard Moitessier, e SUHAILI di Sir Robin Knox-Johnston

Volvo Ocean Race: Team Brunel vince a Göteborg

Team Brunel, guidato dallo skipper olandese Bouwe Bekking e con il velista italiano Alberto Bolzan, si è aggiudicato la decima tappa della Volvo Ocean Race in un finale ad alta tensione battendo gli spagnoli di MAPFRE

Mini 6.50, Boggi Beccaria vince il MAP

Ambrogio Beccaria vince il Trofeo Marie-AgnèsPéron” (MAP) nella categoria Serie a bordo di “Sponsor wanted”.

Prosecco Doc - Cooking Cup: vince Keep Cool

Francesco Dal Bon e Davide Cori vincono per il terzo anno consecutivo con a bordo il cuoco professionista Alessando Ramel

Giraglia: al Maxi 72 Momo il Trofeo Challenge Rolex, il ClubSwan 50 Skorpios, primo in ORC

Con un tempo compensato di 24h21m44s, il velocissimo maxi 72 si aggiudica il suo secondo risultato importante alla Rolex Giraglia. In Classe ORC, vittoria per il ClubSwan 50 Skorpios

Volvo Ocean Race: Vestas vince la Gothenburg In-Port Race, MAPFRE le Series

Spettacolare regata costiera nelle acque di Göteborg, piena di azione e di cambi al vertice. La vittoria va a Vestas 11th Racing ma con il terzo posto di oggi gli spagnoli di MAPFRE si sono matematicamente aggiudicati le In-Port Series

Un'estate di grandi eventi per il Circolo Vela Gargnano

Tante regate prima di Gorla & Centomiglia, anticipate dal Circuito Internazionale del Catamarano M 32. Il 22 settembre la Childrenwindcup. Si parte a fine giugno con il trofeo Danesi, a metà luglio il Trofeo Alpe del Garda alla base di Campione Univela

Forio d'Ischia: parte il Campionato Italiano Altura

Le acque dell’isola di Ischia faranno da palcoscenico alle sessantatré imbarcazioni, per un totale di oltre ottocento atleti che si daranno battaglia per quattro giorni sui due campi di regata al largo di Forio d’Ischia

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci