lunedí, 27 marzo 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

trofeo princesa sofia    vela olimpica    optimist    vela    seatec    suzuki    campionati invernali    regate    libri    melges    classi olimpiche    fraglia vela riva    altura    press    derive   

GAETANO MURA

Gateno Mura e Italia, colpiti da un'altra burrasca: 55 nodi in pieno Oceano Indiano

gateno mura italia colpiti da un altra burrasca 55 nodi in pieno oceano indiano
redazione

Una nuova burrasca nell'oceano Indiano, quasi a metà strada tra Capo di Buona Speranza e Capo Leeuwin, colpisce Gaetano Mura e il Class 40 Italia, skipper e barca impegnati nel tentativo di record nella circumnavigazione del globo non-stop e senza assistenza. Dopo un paio di giorni di vento leggero per il passaggio di un'alta pressione, nei prossimi giorni si attendono venti di Nord-Nord Ovest a 35-40 nodi con raffiche a 45 nodi e relativi temporali.
Questa situazione permetterà a Gaetano Mura di fare rotta più a Sud, verso il passaggio di Capo Leeuwin, a sud dell'Australia. Così lo shore team 1Off che segue l'impresa di Italia: "La strategia a medio termine verso questo secondo grande capo sarà quella di navigare verso Est in condizioni di vento compresi tra i 25-35 nodi. E' proprio in queste situazioni infatti che Italia sviluppa le migliori performance." L'ocean-racer sardo potrebbe anche aumentare la massima percorrenza nelle 24 ore, che fin qui nel corso della sua navigazione è di 255 miglia, fatte segnare lo scorso 1 dicembre in condizioni meteo simili a quelle di queste ore.
"Purtroppo - dichiarano i routier meteo - queste condizioni ottimali non saranno sempre possibili. Infatti le grosse depressioni in movimento nel Southern Ocean attorno tra i 50°S ed i 55°S si estendono spesso molto a nord fino alla latitudine dei 35°S, originando venti burrascosi ben superiori ai 35-40 nodi, rallentando l'imbarcazione che deve procedere con velatura da burrasca forte." 

IL DIARIO DI BORDO DI GETANO MURA

 "Una delle paure dei navigatori è quella di rompere, di subire dei danni che compromettono la navigazione e in questo senso l’Oceano Indiano è particolarmente insidioso. Qui non c'è traffico commerciale, solo balene e albatros. Le barche, come dimostrano i tanti ritiri alla Vendée Globe, sono molto delicate e bisogna andare veloci. Tanto è vero che il navigare è una continua ricerca di un compromesso tra velocità, da una parte, e rischio di rottura dall'altra. Senza dimenticare l'inevitabile consumo e usura dei materiali che devono affrontare maratone della durata di mesi come questa. A tutto questo si aggiungono incognite né prevedibili né, spesso, controllabili.”
"Quando si verificano situazioni come quella dei giorni scorsi (l'urto con un oggetto sommerso non identificato ha procurato danni ai timoni, fortunatamente riparabili, ndr) non c'è tempo per lo sconforto. Bisogna agire veloci per trovare una soluzione, subito. Per superare questi ostacoli è necessario saper fare di tutto, avere molteplici competenze: meccaniche, dei materiali, informatiche, meteo. Per fortuna i sistemi di comunicazione attuali permettono, come in questo caso con il team 1Off a terra, di avere il giusto supporto". 
Gaetano da bordo di Italia affronta anche il tema psicologico delle tenuta davanti allo stress: "Io per mia natura e per carattere sono uno che rimane molto calmo e lucido nelle situazioni di emergenza, guai se così non fosse facendo ciò che faccio. Ma l'istintività e la calma non sono sufficienti ad un certo livello di "gioco". Ho lavorato molto, a livello mentale oltre che fisico, su questi aspetti negli ultimi anni. E oggi, più che mai, mi rendo conto dei benefici che ne traggo. 
"Poi ho avuto la grande fortuna ed il grande privilegio di incrociare sulla rotta della mia vita un grande professionista che ha giocato un ruolo fondamentale e senza il quale, con certezza, non sarei qui. Si chiama Marco Caboi il preparatore atletico e coach mentale che mi segue da anni. Quindi, un grazie speciale a Marco."


14/12/2016 21:28:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Il Centro Velico Caprera compie cinquant’anni

E per l’occasione ha presentato oggi a Milano il suo progetto di responsabilita’ ambientale, etica e sociale in partnership con realta' di eccellenza

Edd China lascia Affari a 4 Ruote

a nuova produzione americana (Velocity Channel) gli aveva chiesto di non effettuare tutte le riparazioni per risparmiare tempo e soldi. "Questa nuova direzione non mi trova d'accordo, perché penso che venga compromessa la qualità del mio lavoro".

Roma per 1: la vela "No Frills" di Riva di Traiano fa tendenza

Sette solitari e diciannove equipaggi in doppio. Al momento più della metà della flotta in partenza per la Roma per1/2/Tutti non è in equipaggio

Mini 6.50: Andrea Fornaro vince l’Arcipelago 650 in classe Proto

Di nuovo in coppia col canario Oliver Bravo de Laguna Fornaro sembra soddisfatto di questa prima regata italiana della stagione, nonostante le difficoltà dovute ad una messa a punto avvenuta praticamente in acqua

Marina Cala de’ Medici diventa ora anche palestra di preparazione

Palestra di preparazione per gli armatori che hanno di recente acquistato i loro Mylius e si accingono alle prime prove in mare di regata, in attesa dei prossimi appuntamenti a livello italiano, europeo e mondiale

Tavola rotonda al Porto Marina Cala de’ Medici con l’Assessore regionale Stefano Ciuoffo

Temi cardini integrazione Porto-territorio e del prossimo salone di Viareggio

Comandanti e designer al Seatec 2017

Alla 15° edizione due delegazioni di comandanti di grandi yacht e di designer, s’incontrano con le aziende espositrici su tematiche comuni e dedicate

Morgan IV vince il Campionato Invernale di Vela d'Altura di Bari

Vincitori per la minialtura “Cocò” di Natuzzi Vitantonio con Marco Magrone al timone (CN Bari). A loro si aggiungono i vincitori delle diverse categorie e quelli della classe libera

Al via il calendario di attività 2017 del Club Nautico Scarlino

Il Campionato del Mondo TP52 e il Campionato del Mondo Flying Dutchman sono i due highlight di una stagione intensa e variegata

Fincantieri: a Marghera al via i lavori in bacino per “Nieuw Statendam”

Il blocco dell’unità, lungo 11,3 metri, largo 34,8 e dal peso di 260 tonnellate, fa parte della sezione di centro nave di “Nieuw Statendam”, la cui consegna è prevista alla fine del 2018

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci