sabato, 17 febbraio 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vela    volvo ocean race    x-yachts    nauticsud    marevivo    cambusa    social media    campionati invernali    ambiente    formazione    porti    libri    nautica    assarmatori    ferreti group    press    premi   

GAETANO MURA

Gateno Mura e Italia, colpiti da un'altra burrasca: 55 nodi in pieno Oceano Indiano

gateno mura italia colpiti da un altra burrasca 55 nodi in pieno oceano indiano
redazione

Una nuova burrasca nell'oceano Indiano, quasi a metà strada tra Capo di Buona Speranza e Capo Leeuwin, colpisce Gaetano Mura e il Class 40 Italia, skipper e barca impegnati nel tentativo di record nella circumnavigazione del globo non-stop e senza assistenza. Dopo un paio di giorni di vento leggero per il passaggio di un'alta pressione, nei prossimi giorni si attendono venti di Nord-Nord Ovest a 35-40 nodi con raffiche a 45 nodi e relativi temporali.
Questa situazione permetterà a Gaetano Mura di fare rotta più a Sud, verso il passaggio di Capo Leeuwin, a sud dell'Australia. Così lo shore team 1Off che segue l'impresa di Italia: "La strategia a medio termine verso questo secondo grande capo sarà quella di navigare verso Est in condizioni di vento compresi tra i 25-35 nodi. E' proprio in queste situazioni infatti che Italia sviluppa le migliori performance." L'ocean-racer sardo potrebbe anche aumentare la massima percorrenza nelle 24 ore, che fin qui nel corso della sua navigazione è di 255 miglia, fatte segnare lo scorso 1 dicembre in condizioni meteo simili a quelle di queste ore.
"Purtroppo - dichiarano i routier meteo - queste condizioni ottimali non saranno sempre possibili. Infatti le grosse depressioni in movimento nel Southern Ocean attorno tra i 50°S ed i 55°S si estendono spesso molto a nord fino alla latitudine dei 35°S, originando venti burrascosi ben superiori ai 35-40 nodi, rallentando l'imbarcazione che deve procedere con velatura da burrasca forte." 

IL DIARIO DI BORDO DI GETANO MURA

 "Una delle paure dei navigatori è quella di rompere, di subire dei danni che compromettono la navigazione e in questo senso l’Oceano Indiano è particolarmente insidioso. Qui non c'è traffico commerciale, solo balene e albatros. Le barche, come dimostrano i tanti ritiri alla Vendée Globe, sono molto delicate e bisogna andare veloci. Tanto è vero che il navigare è una continua ricerca di un compromesso tra velocità, da una parte, e rischio di rottura dall'altra. Senza dimenticare l'inevitabile consumo e usura dei materiali che devono affrontare maratone della durata di mesi come questa. A tutto questo si aggiungono incognite né prevedibili né, spesso, controllabili.”
"Quando si verificano situazioni come quella dei giorni scorsi (l'urto con un oggetto sommerso non identificato ha procurato danni ai timoni, fortunatamente riparabili, ndr) non c'è tempo per lo sconforto. Bisogna agire veloci per trovare una soluzione, subito. Per superare questi ostacoli è necessario saper fare di tutto, avere molteplici competenze: meccaniche, dei materiali, informatiche, meteo. Per fortuna i sistemi di comunicazione attuali permettono, come in questo caso con il team 1Off a terra, di avere il giusto supporto". 
Gaetano da bordo di Italia affronta anche il tema psicologico delle tenuta davanti allo stress: "Io per mia natura e per carattere sono uno che rimane molto calmo e lucido nelle situazioni di emergenza, guai se così non fosse facendo ciò che faccio. Ma l'istintività e la calma non sono sufficienti ad un certo livello di "gioco". Ho lavorato molto, a livello mentale oltre che fisico, su questi aspetti negli ultimi anni. E oggi, più che mai, mi rendo conto dei benefici che ne traggo. 
"Poi ho avuto la grande fortuna ed il grande privilegio di incrociare sulla rotta della mia vita un grande professionista che ha giocato un ruolo fondamentale e senza il quale, con certezza, non sarei qui. Si chiama Marco Caboi il preparatore atletico e coach mentale che mi segue da anni. Quindi, un grazie speciale a Marco."


14/12/2016 21:28:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Bruno Bozzetto, la Rete ti ama!

Dal 1 Settembre 2017 al 13 Febbraio 2018 sono stati pubblicati circa 600 articoli online che citano il papà del Signor Rossi, e hanno raccolto oltre 150.000 azioni di engagement (Fonte dati: BauciWeb)

Giovanni Soldini e Maserati: ancora 2700 miglia per Londra

Dopo aver lottato due giorni per superare una depressione tropicale, questa notte poco prima dell’alba, il trimarano italiano è entrato nella fascia degli alisei da Nord Est, sinonimi di venti costanti

Bper Banca Crotone International Carnival Race 2018

Le ultime regate hanno rimesso ordine nella classifica: Gradoni con due vittorie ha consolidato il primato; Schulteis (secondo) ha confermato di essere il suo vero rivale; Nuccorini ha scalzato dal podio Yuill;

Invernale Riva di Traiano: una giornata che vale doppio

Disputate due prove che rimettono in linea il numero di regate disputate. Nei "per 2" testata l'innovativa formula "Finish&Go"

Stati Uniti e Russia si impongono nel fine settimana di regate Melges 20

Il campione del Mondo Pacific Yankee conquista la prima tappa Melges 20 World League a Miami

Undicesima Regata all'Invernale del Circeo

In IRC 1 primo Cavallo Pazzo l'X35 di Enrico Danielli, secondo Twins dei fratelli Gemini, terzo Tityre di Borsò. In IRC2 primo primo VIS IOVIS di Magliozzi, secondo Gunboat Rangiriri di Masucci, terzo Loucura di Gagliardi

Nautica: Ice si prepara a lanciare il nuovissimo Icecat 61

Il carattere sportivo dell'ICECAT 61 è facilmente percepibile dall'ampio uso del carbonio, che viene infuso con resina epossidica della miglior qualità col sistema del sottovuoto per scafo, coperta e paratie

FIV: siglato l'accordo con la Guldmann per l'attività paralimpica

Guldmann è un'azienda con sede in Danimarca che dedica il suo operato allo sviluppo , alla produzione e alla vendita di tecnologie applicate al benessere delle persone

Velista dell'Anno FIV, ecco tutti i finalisti

I nomi e le schede dei finalisti del Velista dell'Anno FIV. La premiazione a Roma, Villa Miani, il 12 marzo p.v., preceduta da una tavola rotonda dedicata all'America's Cup

Annullata la prima giornata del Campionato Vela d'Altura di Bari

Vento tra i 22 e i 29 nodi e onda fino a tre metri bloccano la prima giornata di prove. I 37 equipaggi torneranno in acqua il 25 febbraio

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci