giovedí, 18 dicembre 2014

COPA DEL REY

Gagà Milano sale a bordo di STIG il nuovo Baltic 72 GP

gag 224 milano sale bordo di stig il nuovo baltic 72
redazione

STIG, il nuovo Baltic 72 Grand Prix dell’armatore Alessandro Rombelli è stato varato a Valencia lo scorso 4 luglio e, dopo una serie di test, è ora pronto per affrontare il suo primo impegno agonistico, la Coppa del Re, regata storica nel calendario internazionale della vela d'altura, che comincia domani lunedì 16 luglio a Palma di Maiorca, in Spagna.

Ruben Tomella, fondatore di GaGà Milano, ha così commentato l’ingresso della sua azienda nel mondo della vela:“Saliamo a bordo di STIG per supportare un progetto ambizioso e vincente del quale condividiamo valori e strategie. GaGà Milano, come STIG, nasce da un’idea innovativa, una vera e propria sfida di design e di tecnologia alla ricerca dell'eccellenza. Anche noi per realizzare i nostri orologi facciamo largo uso di di materiali avanzati come carbonio, titanio e Kevlar. Noi misuriamo il tempo, un altro elemento forte e ricco di significati che ci accomuna a STIG e al suo equipaggio sempre alla ricerca del risultato e della performance. Con STIG  comunichiamo i nostri valori rivolgendoci a un pubblico attento all'innovazione, allo stile, ai dettagli e alla qualità del made in Italy".

Alessandro Rombelli, 47 anni, milanese, armatore e timoniere di STIG (al suo attivo tra l'altro un titolo mondiale nella classe Melges 20), al termine dell'allenamento odierno ha dichiarato:“ Siamo molto motivati. Abbiamo investito risorse importanti in questo progetto, il team ha lavorato duramente nelle fasi di progettazione e di messa a punto della barca. Le prove in mare hanno dimostrato che lo scafo è veloce e performante, il team è di altissimo profilo e abbiamo un partner come GaGà Milano che ha creduto nel progetto dal primo momento. Tutto ciò ci consente di puntare a traguardi molto ambiziosi".

STIG, costruita nel cantiere finlandese Baltic Yachts su progetto dello studio Judel/Vrolijk, è un racer puro ottimizzato per le regate del circuito internazionale IRC. La barca scende in acqua con l'ambizione di essere uno dei Mini Maxi più performanti progettati fino ad oggi. Dopo la Coppa del Re a Palma di Majorca, STIG parteciperà alla Maxi Rolex Cup a Porto Cervo dal 2 al 9 settembre prossimi e la Rolex Middle Sea Race a Malta dal 20 al 27 ottobre.

A bordo di STIG un team d’eccezione che Alessandro Rombelli ha voluto di nuovo accanto a se dopo i successi degli anni scorsi:  il fuoriclasse triestino Lorenzo Bressani nel ruolo di tattico, Silvio Arrivabene ex di Alinghi è il project manager e il navigatore, Giorgio Tortarolo il team manager. Con loro diversi ex di Coppa America come: Cristian Griggio, Massimo Gherarducci, Michele Gnutti, Andrea Pavan, Corrado Rossignoli e Ciccio Scalici. Completano la rosa Alessio Razeto di North Sails Italia, responsabile del progetto vele, Daniele Raddavero comandante di STIG, Stefano Spangaro, Edoardo Natucci, Alessandro Tonelli, Michele Gnutti, Niccolò Robello, Lorenzo Fantoni e Martino Tortarolo.

Alla Coppa del Re 2012 sono iscritte oltre 100 imbarcazioni provenienti da 18 nazioni. STIG si confronterà nella sua categoria con avversari di tutto rispetto tra cui Ran di Niklas Zennstrom il fondatore di Skype, Bella Mente del finanziere americano Hap Fauth, Highland Fling dello scozzese Irvine Laidlaw. Le regate cominceranno domani 16 luglio per concludersi sabato 21 luglio.

Grande attesa, infine, a Palma di Maiorca per l'arrivo del Re di Spagna,  Juan Carlos di Borbone che con la moglie e regina consorte Sofia è sempre stato presente in passato almeno alla cerimonia di premiazione dell'evento.


15/07/2012 23.35.00 © riproduzione riservata





I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Matteo Miceli: "Sono al centro di Roma!!!"

Matteo Miceli: diario di bordo dell'11 dicembre 2014

"Il Pianeta ci ascolta". Così Matteo Miceli festeggia in Oceano il suo compleanno

Nei 40 ruggenti Matteo Miceli affronta l'Indiano e i suoi 44 anni vissuti "ecologicamente". Non solo questo giro del mondo nel suo ecocurriculum ma tante altre imprese da ricordare

VOR: verso lo stretto

Ventiduesimo giorno di regata della seconda tappa della Volvo Ocean Race. Il terzetto di testa naviga nel golfo di Oman alla ricerca della migliore soluzione per passare oltre lo stretto di Hormuz e puntare verso la linea del traguardo di Abu Dhabi

Riva di Traiano: omaggio a Straulino poi Lancillotto fa sua la regata

Un minuto di silenzio per ricordare l’Ammiraglio Agostino Straulino nel decennale della morte. Così è iniziato questa mattina il briefing dell’Invernale di Riva di Traiano – Trofeo Paolo Venanzangeli

Volvo Ocean Race: "Tris d'Assi" per la vittoria

Mancano ormai meno di 170 miglia alla linea del traguardo di Abu Dhabi ed è ancora testa a testa fra i tre leader, distanziati di pochissimo, per cercare di guadagnare un margine significativo

Maxi-Tri: prende forma il nuovo sogno di François Gabart

In questi giorni è stato consegnato dello scafo centrale trasferito con un trasporto eccezionale dal cantiere Multiplast al cantiere CDK Keroman. Il varo previsto nell'estate del 2015

Invernale Riva di Traiano: Vahine' 7 difende la sua leadership

In testa in "Regata" c’è Francesco Raponi, con il suo First 45 Vahine’ 7 (pt.3), incalzato dal First 40’ Lancillotto (Alberto Ammonini) ad un solo punto e dal First 34.7’ Vulcano 2 di Morani Zamorani a 3 punti

Volvo Ocean Race: Team Brunel "quasi" al fotofinish

In un finale ancora una volta combattuto Team Brunel, guidato dal veterano olandese Bouwe Bekking ha tagliato la linea del traguardo di Abu Dhabi alle 8.25.20 UTC battendo di soli 16 minuti Team Dongfeng

La Volvo Ocean Race commissiona un rapporto sull'incidente di Team Vestas Wind

Gli organizzatori della Volvo Ocean Race hanno commissionato un rapporto indipendente sull'incagliamento della barca di Team Vestas Wind su una barriera corallina nell'oceano Indiano - ph. Brian Carlin

Extreme 40: The Wave, Muscat in testa a Sydney

Le condizioni ideali della prima giornata delle Extreme Sailing Series, 18 nodi di vento con raffiche fino a 24 nodi, hanno permesso agli Extreme 40 di esprimere tutta la loro potenza nello stretto campo di regata - ph. Lloyd Images