sabato, 27 maggio 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cnsm    cinquecento    calvi network    j24    vela    regate    guardia costiera    j70    attualità    federagenti    brindisi-corfù    suzuki    meteor    mini 6.50    barche d'epoca    giraglia rolex cup   

SUZUKI

Fuoribordo Suzuki: la scelta dei professionisti

L’intera gamma di motori marini Suzuki è stata progettata per essere durevole, affidabile e in grado di garantire prestazioni elevate a fronte di consumi contenuti. Tutte caratteristiche sono preziose per chi lavora in mare e sceglie, per questo motivo, Suzuki Marine, come hanno fatto il biologo marino inglese Monty Halls e i fratelli francesi Nicolas e Mathieu Mureau, titolari di un’azienda specializzata nella coltivazione di ostriche.
Da 2,5 a 300 HP, Suzuki realizza motori fuoribordo d’avanguardia, con numerose soluzioni tecnologiche in grado di assicurare a chiunque li utilizzi, professionisti o diportisti, l’affidabilità necessaria per non perdere una giornata di lavoro o una di vacanza. Motori evoluti, progettati e costruiti per durare e per offrire prestazioni e consumi di riferimento, tutti elementi che li rendono dei compagni di lavoro e d’avventura ideali.
Il biologo marino e broadcaster inglese Monty Halls, che utilizza un DF200AP sul suo RIB, ha dichiarato:
“Da broadcaster, oltre che come biologo marino ed esploratore, dipendo tantissimo dal mio motore fuoribordo, soprattutto nelle condizioni più dure, per essere certo di poter svolgere al meglio il mio lavoro. Per me la caratteristica più importante di un motore è la sua affidabilità; non ho mai trovato nulla di più affidabile dei fuoribordo Suzuki, semplicemente questo! La silenziosità del mio DF200AP poi, contribuisce a rendere le mie giornate di lavoro piacevoli e confortevoli. Dopo innumerevoli ore vissute in mare, questo motore ancora oggi riesce a stupirmi per le sue qualità, in particolare per la leggerezza e la silenziosità”.
I fratelli francesi Mureau utilizzano una coppia di DF300AP per la loro barca da lavoro, oltre ad un DF175AP per un altro mezzo che utilizzano per le loro attività professionali. Queste le loro parole:
“Siamo clienti Suzuki dal 1980 e oggi abbiamo due barche da pesca, una con una coppia di DF300AP e l’altra con un DF175AP. Nel 2015 abbiamo sostituito i precedenti motori DF250 con gli attuali 300 HP, ma questo lo abbiamo fatto dopo oltre 3.000 ore di lavoro. L’avvento dei motori quattro tempi per noi ha rappresentato dei grandi vantaggi, intanto l’intervallo delle manutenzioni è tre volte più lungo di quello con i due tempi; in più, consumano meno della metà, sono più silenziosi e con emissioni nocive molto più basse. Questi motori sono fondamentali nel nostro mestiere, poiché deve essere sempre profittevole e ciò dipende molto dall’affidabilità dei fuoribordo, dalle sue prestazioni e dai consumi, soprattutto quando dobbiamo spostare tonnellate di ostriche su distanze elevate. Questo è il motivo per il quale stiamo usando i Suzuki V6 da oltre 12 anni. Abbiamo utilizzato anche altri motori in passato, ma consideriamo Suzuki il Brand con i motori più affidabili sul mercato e, dato che li utilizziamo ogni giorno per la nostra attività, è quello che raccomandiamo!”
I motori fuoribordo Suzuki sono disponibili in oltre 120 Paesi nel mondo, con una rete commerciale e di assistenza tecnica molto diffusa e soprattutto in grado di fornire il supporto adeguato anche ai professionisti del mare. Efficienza e rapidità di intervento sono una priorità per chi lavora in mare; lo stesso vale anche per Suzuki che, per le stesse ragioni, progetta e costruisce motori in grado di minimizzare il tempo che trascorreranno fuori dall’acqua, ottimizzando la resa e la longevità a favore della soddisfazione del Cliente.


08/05/2017 21:13:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Salina Sailing Week 25/28 Maggio

Sarà una edizione con una leggera contrazione numerica dovuta alla immediatamente successiva tappa di Trapani dei Beneteau 25

Monfalcone: un "College" per imparare la vela alla Scuola Vela Tito Nordio

La Scuola Vela Tito Nordio dello Yacht Club Hannibal, la prima Scuola Vela riconosciuta dalla Federazione Italiana Vela è organizzata con il sistema del “college inglese”

Veneto e Friuli Venezia Giulia insieme nel brand "Alto Adriatico"

L’idea è di unire le forze per presentare all’estero le spiagge delle due regioni sotto un unico brand ispirato all’area geografica di appartenenza: l’Alto Adriatico

Mare: allarme plastica

Quante micro e nano plastiche ci sono in mare? E quali effetti hanno sulla catena alimentare? Da dove provengono e quali sono le soluzioni applicabili?

Riva di Traiano - La Maddalena: parte il 2 giugno la 1000 Vele per Garibaldi

125 miglia di traversata e due regate costiere nell'arcipelago de La Maddalena

America’s Cup 2017: l’italiana KASK fornitrice ufficiale dei caschi all’equipaggio inglese di Land Rover BAR

L'azienda bergamasca che da più di dieci anni rappresenta un punto di riferimento nel mondo del ciclismo e in altri comparti sportivi come lo sci alpino e l’equitazione

Bel week end di regate e podi per le squadre Optimist e Laser Fraglia Vela Riva

La Fraglia Vela Riva qualificata ai Campionati nazionali a Squadre Optimist dopo la vittoria alla "Due giorni di Ledro", organizzata dall'Associazione Velica Lago di Ledro

Lauderdale Yacht Club è il vincitore del XXXI Trofeo Marco Rizzotti

Sul podio anche la Nazionale Italia, uscita sconfitta solamente dallo scontro diretto con Lauderdale, e LISOT New York

Il Circolo Canottieri Aniene vince l'Audi - Italian Sailing League

Al secondo posto il Circolo Velico Ravennate e ottimo esordio da terzi per il Centro Velico 3V

I Mini 6.50 ricordano Simone Bianchetti

200 miglia in Adriatico per un Trofeo dedicato allo skipper romagnolo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci