sabato, 25 marzo 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

turismo    formazione    fraglia vela riva    barcolana    regate    suzuki    press    cala de medici    vela oceanica    guardia costiera    circoli nautici    altura    nautica    fincantieri   

NAUTICA

Floating Life nuova central per vendita Benetti My Paradis Tradition Supreme 108

floating life nuova central per vendita benetti my paradis tradition supreme 108
redazione

Floating Life Charter & Brokerage ha il piacere di annunciare la nuova Central per la vendita dello yacht My Paradis – Benetti Tradition Supreme 108.Lanciato nel 2014 dall’iconico cantiere Benetti, è il primo scafo della linea Tradition Supreme 108’ ed è tuttora in condizioni perfette. My Paradis, disegnato da Stefano Righini, presenta una propulsione alternativa con un motore elettrico in grado di raggiungere i 6 nodi di velocità con un’autonomia straordinaria. Grazie ad un’attenta manutenzione annuale ha garantito le perfette condizioni di questo yacht.
 
Key Features:
IVA assolta
In garanzia fino a giugno 2017
Confomre LY2
Propulsione ibrida
Grande autonomia di crociera
Volumi ampi e particolarmente sfruttabili
 
CARATTERISTICHE UNICHE
Il My Paradis, il cui design esterno è stato curato da Stefano Righini, si articola su tre ponti più il sun deck. Ed è proprio il sun deck che offre il primo elemento caratterizzante dell’imbarcazione: la porzione superiore della sovrastruttura, il roll bar e l’hard top sono in fibra di carbonio, una scelta effettuata dai tecnici Benetti per rendere la sovrastruttura più leggera assicurando migliore stabilità alla nave. Sempre sul sun deck si notano altre soluzioni caratterizzanti da un punto di vista distributivo. Raggiungibile da un doppio accesso sia dall’interno che dall’esterno per la massima privacy di Armatore e ospiti, il sun deck è stato sfruttato interamente: oltre alla meravigliosa vasca Jacuzzi centrale e all’elegante tavolo da pranzo per dieci persone al centro, il ponte si completa con comode sedute prendisole a poppavia e un sofa con storage posto frontemarcia a lato della timoneria esterna.
Sull’upper deck, lo skylounge, separato da una porta scorrevole dal salottino esterno  è illuminato su tre lati da finestre con vista panoramica ed è dotato di uno spettacolare bagno turco in cui, grazie allo skylight, ci si può rilassare stando sdraiati ad ammirare il cielo. Per quanto riguarda gli interni, l’ufficio stile Benetti ha lavorato sulla percezione degli spazi e sulla luce, usando effetti di ombre e colori a contrasto.
A partire dalle pareti, che grazie all’adozione di doghe di sezioni diverse ed irregolari, posizionate secondo uno schema random,  creano un effetto tridimensionale molto particolare. Questa soluzione offre caratteristici giochi di luce e ombra naturali, rafforzati dalle ampie finestrature che mettono in comunicazione gli ambienti interni con gli spazi all’aperto. La luminosità degli ambienti è amplificata dalla combinazione dei colori chiari del legno rovere con i legni più scuri, che permettono alla luce di riflettersi sulle superfici con diverse angolature. Il progetto illuminotecnico ha inoltre previsto l’illuminazione a led in posizioni strategiche al fine di ricreare lo stesso effetto spettacolare anche nelle ore serali, in assenza di luce naturale.
Risulta molto interessante e particolare la scelta personalizzata del layout del ponte principale: l’area destinata tradizionalmente alla zona pranzo è integrata con il salone a creare un unico enorme open space, suddiviso in zona lounge e zona bar, direttamente affacciato sul mare grazie alle vetrate a tutta altezza che regalano panorami mozzafiato e riempiono la stanza di luce naturale; i designer, inoltre, hanno voluto qui adottare un’ulteriore soluzione, decisamente innovativa, andando ad abbassare la falchetta esterna  in corrispondenza delle vetrate stesse, eliminando così virtualmente ogni barriera fra l’ambiente interno e il mare. La falchetta è analogamente “ritagliata” anche in prossimità delle finestre a tutta altezza della cabina dell’Armatore che potrà godere di uno spettacolare effetto luce naturale in tutto il suo appartamento.
Lo yacht può accogliere a bordo fino a dodici ospiti (10+2). A loro disposizione quattro cabine VIP doppie sul lower deck, oltre all’appartamento dell’Armatore a tutto baglio, situato a proravia sul main deck. Anche per la realizzazione dei bagni sono stati utilizzati rivestimenti ‘interattivi’ estremamente scenografici, riproposti questa volta nelle docce, decorate interamente a mosaico. Anche qui si è voluto ricorrere ad un gioco di dislivelli, rafforzato attraverso il posizionamento strategico delle luci a LED. 
Lo yacht è stato dotato di un nuovo sistema di propulsione ibrida che consentirà di navigare, oltre che con i tradizionali motori principali, anche utilizzando due motori elettrici da 35 kW collegati direttamente ai riduttori/invertitori della propulsione diesel-elettrica. I motori elettrici sono alimentati direttamente dai gruppi elettrogeni consentendo di navigare fino ad una velocità di circa 6 nodi. Come unica fonte propulsiva ed alimentazione delle varie utenze di bordo vengono utilizzati i gruppi elettrogeni. Tale configurazione consentirà di navigare riducendo al minimo rumore e vibrazioni massimizzando il comfort.
Quella elettrica è anche una propulsione ausiliaria a supporto del motore principale. Solo per fare un esempio, l’efficienza garantita da un motore di ridotta potenza (35 kW) alla bassa andatura (6/7 nodi), tipica nei trasferimenti notturni, è certamente maggiore rispetto ad un motore più potente che non può essere utilizzato a lungo in questa modalità.


10/02/2017 19:44:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Il Centro Velico Caprera compie cinquant’anni

E per l’occasione ha presentato oggi a Milano il suo progetto di responsabilita’ ambientale, etica e sociale in partnership con realta' di eccellenza

Mini 6.50: all'Arcipelago 650 si cerca il vento

Corrono insieme anche due dei protagonisti della prossima Roma per 1/2/Tutti, Ambrogio Beccaria e Luca Sabiu. DOpo i 10 nodi di ieri, oggi solo 4 nodi da Ovest per una flotta compatta

Roma per 1: la vela "No Frills" di Riva di Traiano fa tendenza

Sette solitari e diciannove equipaggi in doppio. Al momento più della metà della flotta in partenza per la Roma per1/2/Tutti non è in equipaggio

CICO 2017: Mattia Camboni è Campione Italiano con un giorno d'anticipo

Un titolo che invece è ancora in ballo nella flotta femminile, dato il distacco tra la leader Marta Maggetti (Fiamme Gialle) e l’Olimpionica di Rio Flavia Tartaglini (Fiamme Gialle)

Mini 6.50: Andrea Fornaro vince l’Arcipelago 650 in classe Proto

Di nuovo in coppia col canario Oliver Bravo de Laguna Fornaro sembra soddisfatto di questa prima regata italiana della stagione, nonostante le difficoltà dovute ad una messa a punto avvenuta praticamente in acqua

Coppa Adriatico, la novità targata Il Portodimare

La regata si disputerà a Chioggia dal 12 al 14 maggio ed ai vincitori di classe garantirà l'iscrizione gratuita al Campionato Italiano Assoluto di vela d'altura di Monfalcone

Morgan IV vince il Campionato Invernale di Vela d'Altura di Bari

Vincitori per la minialtura “Cocò” di Natuzzi Vitantonio con Marco Magrone al timone (CN Bari). A loro si aggiungono i vincitori delle diverse categorie e quelli della classe libera

La conclusione del CICO 2017 di Ostia

I titoli Italiani sono andati a Mattia Camboni (RS:X M), Francesco Marrai (Laser Standard), Joyce Floridia (Radial), Marta Maggetti (RS:X F), Ratti-Porro (Nacra 17), Tita-Zucchetti (49er)

Fincantieri: a Marghera al via i lavori in bacino per “Nieuw Statendam”

Il blocco dell’unità, lungo 11,3 metri, largo 34,8 e dal peso di 260 tonnellate, fa parte della sezione di centro nave di “Nieuw Statendam”, la cui consegna è prevista alla fine del 2018

L'Arcipelago 650 in salsa francese

All’1 e 44 minuti della mattina del 19 marzo i primi a tagliare il traguardo sono gli skipper di FRA 868 Alternative Sailing, i bravissimi Remì Aubrun e Nicolas Ferrelel

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci