mercoledí, 23 aprile 2014


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

garda    este 24    rc44    windsurf    vela olimpica    press    circoli velici    regate    rolex china sea race    420    idec    pasquavela    meteo    transat ag2r    altura   

CANTIERISTICA

Ferretti: proseguono i lavori del Pershing 82'

ferretti proseguono lavori del pershing 82
redazione

Cresce l’attesa per la presentazione del nuovo Pershing 82’, l’ultimo modello ideato in casa Pershing, brand del Gruppo Ferretti, tra i principali produttori di high performance open motor yacht dai 15 ai 35 metri, che sarà presentato ai prossimi saloni autunnali con anteprima assoluta al Salone di Cannes. Dopo il varo tecnico previsto per fine Luglio, il primo scafo approderà in Costa Azzurra, partendo da Fano e circumnavigando tutta la nostra penisola.
Il sito di Mondolfo è dunque pronto ad ospitare gli indispensabili collaudi tecnici in vasca prova dell’ultima imbarcazione firmata Pershing, lunga 24,97 metri, larga 5,50 e ideata ancora una volta dallo yacht designer Fulvio De Simoni in stretta collaborazione con l’AYT (Advanced Yacht Technology – centro di ricerca e progettazione navale del Gruppo Ferretti) ed il team di architetti e designer del Centro Stile Ferrettigroup.
La sovrastruttura, già montata e verniciata con uno speciale color silver (così come lo scafo), e gli allestimenti, quasi ultimati, mostrano fin da subito il carattere fortemente sportivo di questo modello, immediatamente riconoscibile dal profilo esterno ancora più accattivante rispetto al Pershing 80’, il suo predecessore.
Già visibile in questa fase anche il profilo del sun-deck, che sarà facilmente raggiungibile da un tambuccio automatizzato e tramite una scala interamente in carbonio, realizzata in collaborazione tra AYT e Besenzoni. Una volta inserita, la scala sarà decentrata e scenderà automaticamente sul pozzetto grazie ad un comando elettroidraulico, scomparendo automaticamente verso l’alto nel momento in cui viene riposta, lasciando libero il pozzetto.
Restano tutti gli stilemi che hanno reso inconfondibili i modelli della flotta Pershing, contribuendo al successo del brand in tutto il mondo: le ampie vetrate sulle murate, la grande porta a scomparsa che suddivide il pozzetto dal salone con movimentazione elettroidraulica, e lo speciale sistema di stampaggio della vetroresina sotto vuoto.
Il primo scafo del nuovo Pershing 82’ presenta il layout interno standard con 4 comode cabine ospiti: la suite armatoriale a centro barca, una cabina VIP a prua e due cabine con letti affiancati a prua dell’armatoriale. A queste si aggiungono due cabine equipaggio (una per il comandante e una per i marinai) dotate di lavanderia e bagno.
Sottocoperta si gode di una pianificazione degli spazi tipica di un megayacht, come dimostra la cucina separata dal salone e in comunicazione con la zona equipaggio per una maggiore privacy degli ospiti e dell’armatore. La cucina, disposta ad “L” e completamente separata dalla zona notte, garantisce una più confortevole e discreta vita a bordo.
La zona notte è un esempio di comfort e design. Nella cabina armatoriale, posta a centro barca, è già ben riconoscibile la maxi finestratura open-view, che ha segnato il corso estetico della nuova gamma Pershing. La linea sinuosa della finestra disegna un varco generoso di luce che va ad incorniciare con piacevoli giochi di luce i molti dettagli in pelle firmati Poltrona Frau.
La cabina vip, posizionata a prua, con bagno en-suite, ospita un elegante letto centrale e due capienti armadi alle murate, mentre le due cabine ospiti propongono la tradizionale soluzione estetica con due letti affiancati. Tutte le cabine ospiti hanno il pavimento in moquette.
Già confermato sottocoperta anche il sistema di illuminazione a luci a led incassate tramite canaline nei cielini che giocano con rimandi di luce indiretta, garantendo un’atmosfera avvolgente anche sottocoperta.
Accanto alle soluzioni innovative studiate per la struttura esterna e per il design sottocoperta, il nuovo Pershing 82’ è stato sviluppato per garantire massime prestazioni in mare: già montati nella sala macchine i due potenti MTU 16 V M93 da 2435 mhp (1792 kW) e le trasmissioni Searex SR140S, abbinate alle eliche di superficie Rolla, per garantire una velocità massima di 45 nodi ed una velocità da crociera di 40 nodi mantenendo livelli di comfort elevato, oltre che un’autonomia superiore alle 300 miglia nautiche. Il sistema di propulsione si completa con la gestione AUTOTRIM, una funzionalità esclusiva che ottimizza le prestazioni, gli assetti e i consumi della barca ad ogni andatura e stato di carico, in maniera completamente automatica.
Nada Serafini, Brand Manager di Pershing, afferma: “Siamo ormai prossimi al varo di questo nuovo modello, un’imbarcazione che si inserisce perfettamente nel nuovo corso estetico del brand e che crediamo possa corrispondere alle esigenze espresse dai molti armatori che chiedono eccellenti performance in mare accanto all’inconfondibile design firmato Pershing. Il Pershing 82’ sarà dunque la punta di diamante con cui ci presenteremo ai prossimi saloni nautici autunnali”.
La totale flessibilità degli spazi e gli innovativi contenuti tecnologici sono le linee guida che hanno animato tutte le scelte stilistiche di questa nuova imbarcazione, che porta le firme dei più prestigiosi brand del decor confermando le elevate prestazioni sportive tipiche di ogni yacht Pershing.


28/06/2012 12.59.00 © riproduzione riservata







I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Rolex China Sea Race: vince Ragamuffin

Il 90 piedi di Syd Fischer ha dominato questa edizione fin dalla partenza da Hong Kong e ha terminato la gara in 57 ore 31 minuti e 18 secondi

Pasquavela: Vanitè, Muzyka 2, Vulcano, Low Noise e La Superba i vincitori

L'ultimo giorno di regate, caratterizzato da venti sui 12 nodi di intensità che sono andati poi a diminuire nel corso della giornata, ha consentito di disputare 2 prove sia per le classi d'Altura che per i J24 - ph. J.R. Taylor

Rolex China, vince Neil Pryde:"In vita mia non ho mai navigato, ho sempre gareggiato"

Sabato mattina, Hi Fi è stata la terza barca a completare il percorso di 565 miglia da Hong Kong a Subic Bay, nelle Filippine, dopo una intensa competizione con il TP 52 lo statunitense Lucky - ph. K. Arrigo/Rolex

GP Italia, Mini 6.50: nei serie si impone Marina Militare

Andrea Pendibene e Giovanna Valsecchi su ITA520MM chiudono, primi della Classe Serie, il Grand Prix d’Italie. Un altro risultato eccezionale per lo skipper della Marina Militare e la sua co-skipper, in lotta per il titolo italiano.

RC44: Bombarda Racing a Cascais con la novità Kostecki

Bombarda Racing si presenterà all'appuntamento di Cascais forte di un equipaggio in parte rinnovato. A bordo di ITA-42 saliranno il tattico John Kostecki e il prodiere Paolo Bassani

Nasce Cerevisia, il Primo Festival delle birre artigianali del Trentino

Il 6,17 e 18 maggio 2014 incontri, degustazioni, tavole rotonde e laboratori per conoscere al meglio la birra e il suo mondo al Palanaunia di Fondo

Concluso lo Stintino Funboard Event

Verso le 13 Eolo ha inziato a soffiare con la sufficiente intensità (tra i 12 e i 16 nodi) da Libeccio e si è dato così il via alle danze delle batterie dei regatanti - ph. Roberto Pintus

L'Italia domina al 32° meeting del Garda Optimist

Davide Duchi - atleta della Fraglia Vela Riva - vince il 32° Meeting del Garda Optimist. Tra i cadetti conquista il gradino più alto del podio Francesco Novelli

FLASH - GP Italia: Zambelli/Bona nei Proto Pendibene/Valsecchi nei Serie

Al Gran Prix d'Italia Mini 6.50 hanno tagliato il traguardo per primi in tempo reale Michele Zambelli e Alberto Bona (788 proto)

Hyeres: un acuto della Tartaglini nella prima giornata di regate

Oltre a Flavia Tartaglini (una vittoria su tre regate), sono andati discretamente anche Filippo Baldassarri e Giulia Conti e Francesca Clapcich