giovedí, 26 aprile 2018

NAUTICA

Evo Yachts vince il Premio Giovani Imprese Altagamma

evo yachts vince il premio giovani imprese altagamma
redazione

Evo Yachts ha vinto il premio Giovani Imprese di Fondazione Altagamma nella categoria Motori e Velocità. 
Giunto alla sua seconda edizione, il riconoscimento premia le aziende italiane emergenti che si sono distinte per design, qualità e contenuto innovativo del proprio prodotto. Caratteristiche che la giuria – composta dal Presidente Andrea Illy e da tutto il Board di Fondazione Altagamma - ha riscontrato nel rivoluzionario day cruiser EVO 43’, prodotto dal cantiere partenopeo Evo Yachts.
La qualità del prodotto, la cura dei dettagli, il design di grande impatto e gli alti contenuti tecnologici e di innovazione, sono gli ingredienti che, combinati con una aggressiva strategia di espansione sui mercati esteri, hanno portato EVO ONE, in meno di un anno dalla nascita, ad un grande successo internazionale, contribuendo a rendere Evo Yachts un emblema della qualità del Made in Italy all’estero.
Alla cerimonia di premiazione erano presenti i maggiori rappresentanti del mondo della moda, del lusso e della finanza italiana, tra cui gli sponsor dell’evento: Borsa Italiana, Maserati, SDA Bocconi e L’Uomo Vogue. Ha ritirato il premio Corrado Del Fanti - Head of Sales and Marketing. 
 “Questo riconoscimento – commentano i fratelli Giuseppe, Alfredo e Rosario Mercuri, proprietari di Evo Yachts – è nato dall’amore per il mare, dalla creatività e dalla voglia di realizzare uno yacht unico ed innovativo che unisse in sé tecnologia, sportività, stile e bellezza italiani. Ringraziamo il designer Valerio Rivellini e siamo estremamente grati a Fondazione Altagamma per aver premiato i nostri sforzi. Questo riconoscimento ci sprona a continuare ad innovare e a tenere alto il valore del made in Italy nel mondo”.


24/01/2017 21:35:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Francesca e Giovanna, facce da Mini

La Marina Militare e l'Aeronautica militare hanno affidato i loro colori a due ottime veliste come Giovanna Valsecchi e Francesca Komatar

Luise Group: nuovi uffici a Portofino, Viareggio, Capri e Castellammare di Stabia

Il viaggio partito da Napoli nel 1847 della famiglia Luise continua dunque nei porti più importanti al mondo, con l'apertura di nuovi uffici e creando addirittura a Napoli nuovi dipartimenti tecnici

“Una Vela Senza Esclusi” diventa una tappa del progetto Sailing For Health

Tante le novità di questa edizione, a partire dalla flotta che accanto alle Azzurre 600 vedrà sfidarsi anche le nuove Hansa 303, imbarcazioni affidate dal Panathlon Club Palermo alla L.N.I. e finalizzate alla formazione atletica dei ragazzi diversabili

A Brenzone i monotipi d'acqua dolce

Nella flotta dei Dolphin vince proprio il detentore del titolo tricolore, "Fantastica" della sorelle Navoni della Fraglia Desenzano, scafo condotto da Davide Bianchini (Canottieri Garda) con ben 4 primi posti su 6 manche

VOR: Scallywag è arrivato, oggi la Itajaì In-Port Race

Scallywag è arrivato nel porto di Itajaì dopo un lungo viaggio dal Cile, e affronta una corsa contro il tempo per poter prendere parte alla ottava tappa. Gli altri sei team invece si preparano per la Itajaí In-Port Race di oggi

La Settimana Velica Internazionale Accademia Navale e Città di Livorno 2018”

600 imbarcazioni, 1000 regatanti e 9 circoli velici impegnati in 15 classi di regate

Ieri Norwegian Cruise Line ha preso in consegna la Norwegian Bliss

La nuova nave di Norwegian Cruise Line debutta in Europa prima di iniziare il suo tour inaugurale intorno agli Stati Uniti. La cerimonia ufficiale di battesimo si terrà a Seattle, nello Stato di Washington

La Regata dell'Accademia Navale

Alla gara, che sarà valida anche come tappa di qualificazione per la regata “Madeira Race 950”, possono partecipare le imbarcazioni d’altura Maxi, IRC/ORC e 9.50

Lab Boat: navigare con la scienza

Lunedì a Cagliari laboratori didattici per le scuole e seminari per il pubblico

Senza vento la Bolina è più Lunga

Difficoltà in partenza per la Lunga Bolina, che ha sofferto per un vento latitante per quasi tutto il percorso

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci