martedí, 21 agosto 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

regate    attualità    velaterapia    azzurra    palermo-montecarlo    vela    laser radial    laser    press    centomiglia    hobie cat    microclass    vela oceanica    nacra 15    circoli velici    420    pesca   

NAUTICA

Evo Yachts presenta il nuovo Evo CC

evo yachts presenta il nuovo evo
redazione


Con 13 metri di lunghezza (43 piedi) e una larghezza che supera i 4 metri, il nuovo Evo Center Consolle è l’ultimo modello del cantiere napoletano Evo Yachts, firmato da Valerio Rivellini, che ha dichiarato: “Il nuovo center consolle è indubbiamente ispirato ai precedenti modelli Evo Yachts: la vera sfida è stata proprio essere coerente con gli stilemi e il family-feeling del brand, realizzando al tempo stesso una barca veloce, sportiva e funzionale, rivolta specificatamente al mondo degli armatori affezionati a praticità e prestazioni dei fuoribordo”.
Lo scafo si presenta con uno stile aggressivo e filante, con prua dritta e forme decise, firma inconfondibile di Rivellini. Bitte, parabordi e ancora sono a scomparsa, per non intaccare in alcun modo la pulizia e la muscolarità delle linee che incorniciano uno spazio in coperta totalmente votato al comfort. Caratterizzato da soluzioni di design smart e allo stesso tempo impeccabili dal punto di vista estetico - che seguono a pieno la filosofia del Form&Function - il pozzetto di poppa è interamente pavimentato in teak massello e ospita un nuovo, ampio prendisole (2 x 2 m) che offre comodamente spazio per tre ospiti e, sollevandosi 46 cm dalla coperta, garantisce il massimo comfort. L’intera struttura è facilmente sollevabile per accedere al vano tender. Scorrendo verso prua, troviamo un tavolo pieghevole, che in apertura massima raggiunge una larghezza di 140 cm, seguito da tre sedute. Tutti gli schienali di questa zona sono ribaltabili per poter cambiare l’orientamento della seduta; quelli della chaise longue sono anche reclinabili e possono quindi permettere di avere altre tre sedute per il tavolo, oppure di avere dei cuscini. L’area è ombreggiabile grazie a un tendalino vela sostenuto da pali in carbonio.
Procedendo ancora verso prua incontriamo una cucina centrale in Corian con fuochi a induzione (oppure, a scelta, grill o piastra Teppanyaki), lavandino e frigo. Un T-Top in carbonio offre ampio riparo dal sole e arriva a fare ombra anche alle tre sedute centrali che guardano la consolle di guida, costituita da un elemento curvo in vetroresina dove trovano spazio tutte le strumentazioni di bordo. A prua, si trova un secondo prendisole, anch’esso ombreggiabile con un tendalino vela, le cui forme accompagnano con eleganza verso il vano ancora, dove trova posto un’ancora a ribalta bruce in acciaio inox, facilmente accessibile e ampio al punto tale da poter fungere anche da area stivaggio per i parabordi.
Anche sottocoperta, dove troviamo una dinette trasformabile in “cabina”, vige l’imperativo del design votato alla funzionalità. Un tavolo a scomparsa è utilizzabile all’occorrenza come tavolo da pranzo o letto (o zona sofà, quando abbassato), mentre il bagno ospita una doccia interna a tutta altezza. La zona di poppa non risulta separata dal resto dell’imbarcazione e si configura come un open-space, grazie al quale si ottiene una cabina di poppa luminosa e confortevole (optional). I posti letto possono dunque arrivare a quattro.
I fuoribuordo sono la vera novità del nuovo arrivato del range Evo Yachts, che si apre così al mondo degli armatori che amano sprint, praticità e performance di questo tipo di propulsione. Tre sono le opzioni disponibili, tutte firmate Mercury Verado: 350 cavalli di potenza (moltiplicati per tre o quattro motori), oppure 400 cavalli per tre motori. La velocità varia a seconda della motorizzazione scelta, ma è possibile arrivare a una massima di quasi 50 nodi. A ottimizzare le prestazioni contribuisce la carena progettata con angolo deadrise di 18° che assicura un’ottima tenuta del mare in navigazione e il massimo della sicurezza anche durante virate strette o mare formato. 
Molte le aspettative riposte dai fratelli Alfredo e Rosario Mercuri, proprietari di Evo Yachts, nella presentazione di questo nuovo progetto: “Evo CC rispecchia l’evoluzione e la maturità del cantiere, una barca ricca di possibilità di configurazione che al tempo stesso offre grande comfort già a partire dal modello base. È un prodotto competitivo, che strizza l’occhio al mercato europeo e d’Oltreoceano, dove ci stiamo consolidando sempre di più grazie ai nostri partner in Florida, Messico, Caraibi e California. Crediamo molto in questo nuovo modello, che completa la gamma Evo Yachts e offre ancora più possibilità di scelta ai nostri armatori più esigenti”.


23/05/2018 21:09:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Mini 650, SAS: Ambrogio Beccaria domina tra i Serie

Ecco la sua prima intervista una volta a terra. Il milanese, ha vinto entrambe le tappe e ha conquistato il titolo di Campione di Francia di Course au Large

Hobie Cat: Bronzo per Antonello Ciabatti e Luisa Mereu alla World Cat

Ancora una buona prestazione per l'equipaggio Hobie Cat formato da Antonello Ciabatti e Luisa Mereu

Prime multe per il divieto di pesca al tonno rosso

Lo scorso 9 agosto il ministero per le politiche agricole ha firmato un decreto che vieta la pesca del tonno rosso e la Capitaneria di Porto di Policoro ha subito applicato la nuova norma

Alla scoperta della Messina misteriosa

Nelle date del 16 agosto 2018 e del 1 settembre 2018 due suggestivi Tour notturni per le vie cittadine, alla scoperta di itinerari insoliti, simboli misterici, leggende e miti

Gargnano festeggia l'argento di Waink e Gambarin

Ferragosto di festa al Circolo Vela Gargnano-lago di Garda grazie a Michelle Waink e Claudia Gambarin, vice campionesse d'Europa 29Er alle regate disputate sul mare finlandese di Helsinki

Una Luna Rossa gommata Pirelli

Pirelli ha sottoscritto con Luna Rossa Challenge un accordo per realizzare una partnership che sarà finalizzata allo sviluppo del progetto pluriennale che porterà Luna Rossa a partecipare alla prossima edizione dell’America’s Cup

Campionato del Mondo Micro Class: vince l'italiana BELIMO ITA-80

BELIMO ITA-80, la barca della Squadra Agonistica Nazionale di Micro Class Italia, si laurea Campione del Mondo ia Swinoujscie n Polonia

Europei Nacra 15: Andrea Spagnolli e Giulia Fava lottano per il podio

In testa alla classifica si trovano sempre i belgi Henri Demesmaeker con Frederique Van Eupen seguiti dagli argentini Dante Cittadini e Teresa Romairone

Mini 650, SAS: a Jörg Riechers la tappa, a François Jambou la regata

La seconda tappa è stata vinta dal tedesco Jörg Riechers, mentre il francese François Jambou si è aggiudicato la Les Sables-Les Açores-Les Sables

Concluso a Newport il Mondiale 420

In un mondiale quasi tutto spagnolo gli italiano non brillano

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci