giovedí, 23 ottobre 2014


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

j24    mascalzone latino    volvo ocean race    garda    attualità    cantieristica    regate    middle sea race    optimist    politica    soldini    record    windsurf    meteo    vela olimpica    riva di traiano    invernali    solidarietà    star    ufo22   

REGATE

Europeo Junior: azzurri protagonisti in entrambe le classi

europeo junior azzurri protagonisti in entrambe le classi
redazione

Il Garda Trentino ha regalato in queste prime tre giornate condizioni fantastiche per i velisti impegnati nei Campionati Europei Juniores per le classi 420 e 470. Oggi un po' meno onda e un po' meno vento, soffiato comunque sui 16-18 nodi per tutto il pomeriggio, hanno permesso la disputa delle ultime due prove sulle 6 totali di qualifica. La macchina organizzativa della Fraglia Vela Riva ha dimostrato ancora una volta di saper gestire eventi di portata internazionale e i numeri importanti dei partecipanti non spaventano. Giudici e responsabili delle classi in realtà arrivano al circolo pensando di dover spiegare più di una cosa, ma spesso l'esperienza dello staff tecnico fragliotto, dimostra che spesso non serve ricordare o suggerire dinamiche organizzative e tecniche, perchè al circolo esiste già un protocollo che di regata in regata si segue e permette il lineare svolgimento di eventi con 100-300 o 1000 partecipanti, senza tralasciare alcun dettaglio, sia tecnico, che organizzativo. Dopo questa prima fase in cui si è dimostrato che nulla è lasciato al caso, si può dunque tirare un sospiro di sollievo e godersi la giornata di riposo di domani, prima del rush finale, con le regate che si concluderanno il 17 agosto.

Soddisfazione anche per i colori azzurri, che stanno dando grandi speranze per il futuro della vela olimpica. Con l'applicazione dello scarto della prova peggiore la classifica ha avuto qualche cambiamento, ma nei primi 10 sarà sicuramente lotta fino all'ultima prova sia nei 470, che nei 420. 

 

420 - under 19

Passano in testa i detentori del titolo, i francesi Pirouelle-Sipan, che a parte una prima prova storta (27esimi) hanno dominato con un successivo secondo e quattro vittorie parziali. Fortunatamente anche gli italiani Giacomo Ferrari con a prua Giulio Calabrò, dopo una prima giornata mediocre hanno trovato il passo giusto mantenendo un'ottima regolarità con il vento più sostenuto. Attualmente sono secondi (7, 6-1-1-2-3) 7 punti dietro ai capoclassifica, ma con 5 punti di vantaggio sui greci Mpakatsias-Evaggelos, in netta rimonta e in continuo miglioramento. Balzo in avanti in classifica anche dei turchi Bagci-Tuna, quarti ad un solo punto di distacco. Gli italiani Rebaudi-Canepa purtroppo sono stati penalizzati oggi da una partenza anticipata presa nell'ultima prova; un vero peccato dato che avevano realizzato una bella vittoria in regata 5. Attualmente sono sesti, a soli 5 punti dal podio. Partenza anticipata anche per le genovesi Paternoster-Di Salle, più sofferenti rispetto alle avversarie in condizioni di vento medio-forte; sono seste nella classifica femminile.

 

470 - under 21

Gli azzurri campioni del mondo juniores in carica Simon Sivitz Kosuta-Jas Farneti sono passati al comando a parità di punteggio con i greci Kavvas. I triestini dello Yacht Club Cüpa oggi sono stati perfetti con una doppietta, ma gli inseguitori non mollano la presa. Se i greci sono secondi con gli stessi 10 punti, al terzo posto troviamo i francesi Peponnet-Berthier a soli due punti di distacco. Penalizzati da una partenza anticipata nella prima regata odierna gli altri azzurri nella top ten 470: Falcetelli-Franciolini sono settimi con parecchi punti da recuperare per avvicinarsi al podio.

 

470 Donne

Bel recupero delle italiane Caputo-Paolillo, ottime seconde in regata 5 e poi settime nell'ultima regata di qualifica: sono balzate in sesta posizione (ieri erano none). Al comando fin dal primo giorno le polacche Szczesna-Gliszczynska.


13/08/2012 20.09.00 © riproduzione riservata





I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Parte domenica da Riva di Traiano il giro del mondo di Matteo Miceli

Oltre 28.000 le miglia teoriche da percorrere da Roma a Roma, molte di più delle 24.300 "dell’originale", ovvero del Vendée Globe che parte da Les Sables d’Olonne

Pendragon Alilaguna conquista la Veleziana 2014

Subito dietro Pendragon è il piccolo Illyteca di Marino Quaiat timonato da Adriano Condello, vero outsider di giornata e dominatore della categoria 1. A completare il podio è Idrusa Brinmarshop di Paolo Montefusco - ph. Matteo Bertolin

Matteo Miceli: "Mo' torno"

Partenza per il giro del mondo in solitario di Matteo Miceli. Tempo stimato 5 mesi

Middle Sea Race: da Malta un saluto di Sergio Frattaruolo a Matteo Miceli

La nostra tensione per la Rolex Middle Sea Race è nulla in confronto alla sua. Noi abbiamo altri 4 Class 40 da superare, Matteo ha invece 4 Oceani

Iniziano oggi in Argentina i Mondiali Optimist

Tutto il Team azzurro pronto per l'avventura mondiale con Alessandra Sensini per la prima volta team leader di una trasferta Internazionale Optimist - ph. Capizzano

Una Veleziana da record

A poche ore dalla chiusura ufficiale delle iscrizioni della Veleziana 2014 il numero di partecipanti ha raggiunto i 147, che potrebbero ancora aumentare visto che il Comitato Organizzatore ha deciso di accettare anche i ritardatari

Vendée Globe: i foils ammessi sulle barche della prossima edizione

L'Assemblea Generale della classe IMOCA, riunitasi ieri mercoledì 15 ottobre a Nantes ha confermato le linee guida indicate nel 2013 fino al termine del Vendée Globe 2016/2017. Le appendici restano libere

Partita la Middle Sea Race: bene le italiane B2 e Amapola

In tempo reale in testa c'è il solito Esimit Europa 2 che ha però perso la partenza contro Ran V

Middle Sea Race: la prima volta di Vincenzo Onorato ed il suo Mascalzone Latino

Vincenzo Onorato: “È la mia prima volta alla Middle Sea Race. Ho sempre sentito parlare di questa regata con grande entusiasmo e finalmente eccoci qua"

Record Atlantico: Giovanni Soldini in lotta con il tempo

A 24 ore dalla partenza da New York, Maserati è entrata finalmente nel vento, quando mancano 2470 su 2880 miglia a Lizard Point, estremo lembo occidentale dell'Inghilterra e punto di arrivo del record del nord Atlantico