mercoledí, 4 marzo 2015

REGATE

Europeo Junior: azzurri protagonisti in entrambe le classi

europeo junior azzurri protagonisti in entrambe le classi
redazione

Il Garda Trentino ha regalato in queste prime tre giornate condizioni fantastiche per i velisti impegnati nei Campionati Europei Juniores per le classi 420 e 470. Oggi un po' meno onda e un po' meno vento, soffiato comunque sui 16-18 nodi per tutto il pomeriggio, hanno permesso la disputa delle ultime due prove sulle 6 totali di qualifica. La macchina organizzativa della Fraglia Vela Riva ha dimostrato ancora una volta di saper gestire eventi di portata internazionale e i numeri importanti dei partecipanti non spaventano. Giudici e responsabili delle classi in realtà arrivano al circolo pensando di dover spiegare più di una cosa, ma spesso l'esperienza dello staff tecnico fragliotto, dimostra che spesso non serve ricordare o suggerire dinamiche organizzative e tecniche, perchè al circolo esiste già un protocollo che di regata in regata si segue e permette il lineare svolgimento di eventi con 100-300 o 1000 partecipanti, senza tralasciare alcun dettaglio, sia tecnico, che organizzativo. Dopo questa prima fase in cui si è dimostrato che nulla è lasciato al caso, si può dunque tirare un sospiro di sollievo e godersi la giornata di riposo di domani, prima del rush finale, con le regate che si concluderanno il 17 agosto.

Soddisfazione anche per i colori azzurri, che stanno dando grandi speranze per il futuro della vela olimpica. Con l'applicazione dello scarto della prova peggiore la classifica ha avuto qualche cambiamento, ma nei primi 10 sarà sicuramente lotta fino all'ultima prova sia nei 470, che nei 420. 

 

420 - under 19

Passano in testa i detentori del titolo, i francesi Pirouelle-Sipan, che a parte una prima prova storta (27esimi) hanno dominato con un successivo secondo e quattro vittorie parziali. Fortunatamente anche gli italiani Giacomo Ferrari con a prua Giulio Calabrò, dopo una prima giornata mediocre hanno trovato il passo giusto mantenendo un'ottima regolarità con il vento più sostenuto. Attualmente sono secondi (7, 6-1-1-2-3) 7 punti dietro ai capoclassifica, ma con 5 punti di vantaggio sui greci Mpakatsias-Evaggelos, in netta rimonta e in continuo miglioramento. Balzo in avanti in classifica anche dei turchi Bagci-Tuna, quarti ad un solo punto di distacco. Gli italiani Rebaudi-Canepa purtroppo sono stati penalizzati oggi da una partenza anticipata presa nell'ultima prova; un vero peccato dato che avevano realizzato una bella vittoria in regata 5. Attualmente sono sesti, a soli 5 punti dal podio. Partenza anticipata anche per le genovesi Paternoster-Di Salle, più sofferenti rispetto alle avversarie in condizioni di vento medio-forte; sono seste nella classifica femminile.

 

470 - under 21

Gli azzurri campioni del mondo juniores in carica Simon Sivitz Kosuta-Jas Farneti sono passati al comando a parità di punteggio con i greci Kavvas. I triestini dello Yacht Club Cüpa oggi sono stati perfetti con una doppietta, ma gli inseguitori non mollano la presa. Se i greci sono secondi con gli stessi 10 punti, al terzo posto troviamo i francesi Peponnet-Berthier a soli due punti di distacco. Penalizzati da una partenza anticipata nella prima regata odierna gli altri azzurri nella top ten 470: Falcetelli-Franciolini sono settimi con parecchi punti da recuperare per avvicinarsi al podio.

 

470 Donne

Bel recupero delle italiane Caputo-Paolillo, ottime seconde in regata 5 e poi settime nell'ultima regata di qualifica: sono balzate in sesta posizione (ieri erano none). Al comando fin dal primo giorno le polacche Szczesna-Gliszczynska.


13/08/2012 20.09.00 © riproduzione riservata





I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Frattaruolo&Miceli: l'Oceano navigato sui Social

Tutti navigano con Sergio e Matteo accompagnandoli in Oceano sui Social anche grazie ai Contest che gli staff a terra mettono a punto per tenere viva l'attenzione sulle loro imprese

Matteo Miceli: "Torno e faccio la Roma per 2"

E' una promessa che ho fatto a Paolo De Girolamo e intendo mantenerla. E poi cosa sono altri tre giorni di mare?

Discovery Route: verso le Canarie tra planate e "dolci clandestini"

Oggi a bordo festeggiato Pierpaolo Ballerini. La barca naviga molto bene, con grandi planate e una top speed di 24.70 nodi. Le condizioni molto variabili: in alcuni tratti 10 nodi da ovest, in altri 25/30 da nord

Discovery Route: parte stasera alle 20:30 in mare e sui Social l'avventura di Sergio Frattaruolo

Contemporanamente alla partenza verrà lanciato sui Social un concorso per indovinare la data e l'orario di arrivo di Sergio Frattaruolo e del suo equipaggio al traguardo di San Salvador

Boat Show Roma: da oggi fino a domenica la nautica torna nella Capitale

Anche quest’anno la Federazione Italiana Vela avrà un proprio spazio espositivo, situato presso il Padiglione 1 (stand D32), dove sarà presente con le tradizionali classi veliche sportive e con una serie di atleti di spicco del panorama nazionale

Muore a 29 anni il Campione italiano di Windsurd Alberto Menegatti

E' deceduto la notte scorsa, nella sua casa di Tenerife, in Spagna, dove si stava allenando in vista della prossima stagione, Alberto Menegatti, vice campione del mondo slalom nel 2013 e più volte campione italiano di windsurf

Alberto Menegatti: l'autopsia conferma le cause naturali del decesso

E’ stato un malore improvviso, forse causato da un problema cardiaco secondo le prime ricostruzioni, ad aver causato la morte di Alberto Menegatti, il giovane campione di windsurf scomparso a Tenerife nella notte tra domenica e lunedì

Volvo Ocean Race: duello in Pacifico

Se nella notte il team degli emirati guidato dal britannico Ian Walker era riuscito a strappare la prima piazza a Dongfeng, questa mattina è l'equipaggio di Charles Caudrelier ad aver ripreso la testa della flotta

Caribbean 600: si ritira Giovanni Soldini

Giovanni Soldini ha annunciato che Maserati è stata costretta ad abbandonare la RORC Caribbean 600 Race a causa della rottura del raccordo di un tubo idraulico della chiglia

Volvo Ocean Race: arrivo al fotofinish?

Solo poco più di un miglio e mezzo divide le tre barche di testa, e solo poco più di 400 sono le miglia al traguardo di Auckland: il finale della quarta tappa della Volvo Ocean Race si fa sempre più incerto e sempre più emozionante