martedí, 16 ottobre 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

porti    vele d'epoca    melges 32    circoli velici    invernali    soldini    regate    vela olimpica    barcolana    melges 20    melges20    nautica   

REGATE

Domani a Porto Rotondo la XXIV Regata dei Legionari

domani porto rotondo la xxiv regata dei legionari
redazione

Per il finale di stagione, lo Yacht Club Porto Rotondo celebra la vela tutta. Sarà aperta infatti a qualsiasi tipo di imbarcazione, la Regata dei Legionari, in calendario domani domenica 29 ottobre con la 24a edizione.
La storica regata, ormai diventata una piccola Barcolana, è fedele alla tradizione, a cominciare dalla data. Si svolge infatti sempre nell’ultimo fine settimana di ottobre, scelta voluta per allungare la stagione velica del nord Sardegna e mostrare la bellezza del territorio agli equipaggi giunti da lontano. Anche il suo nome, simboleggia un forte legame con le origini e si deve ad Andrea Campesi, storico nostromo del Marina di Porto Rotondo scomparso nel 1993: i suoi “legionari” si ritrovano a Porto Rotondo per una giornata di grande vela e di amicizia, senza porsi problemi di “rating”.
La Regata dei Legionari è rimasta come allora, una competizione dove ogni armatore partecipante, esperto o semplice amante dell’andar per mare, può mettersi alla prova. E’ una sfida goliardica, conviviale e molto inclusiva, apprezzata dai numerosissimi partecipanti.
Quest’anno saranno veramente tante le barche a sfidarsi a distanza nel percorso costiero, che sarà illustrato questa sera durante il briefing alla club house, quando le iscrizioni saranno chiuse e resa nota una entry list destinata ad allungarsi fino all’ultimo.
Certa la partecipazione del 16 metri aurico d’epoca “Vistona”, del Baltic 65 “Castigo”, del Camper & Nicholson di oltre 21 metri “Delfina”, dell’immancabile “Botta Dritta V” e di ben sei imbarcazioni dal Circolo di Solenzara (Corsica). Sulla linea dello start anche il “Vela”, Jeanneau 64  di Alexander Riklin, tra i vincitori della scorsa edizione.
Durante il briefing di sabato sarà presentato il libro “Luigi Carpaneda – l’uomo dalle mille sfide”. L’atleta pluridecorato nella scherma e vela, uomo dalle mille qualità, ha ricoperto anche i ruoli prima di Presidente e in seguito di Commodoro dello YCPR.
“Dopo un anno, siamo di nuovo qui, con una regata che ha saputo mantenersi fedele allo spirito originale, ma anche stare al passo con i tempi, attirando un numero crescente di iscritti, cosa che ci rende felici ed entusiasti di vedere la flotta in mare”, ha dichiarato il presidente dello Yacht Club Porto Rotondo, Roberto Azzi, “abbiamo lavorato molto, per mettere in campo azioni atte a farne un volano per il turismo fuori stagione”
Al termine della regata, saranno premiati i primi classificati di ogni categoria: deriva (multiscafo), deriva (monoscafo), regata / crociera, vela latina, classica; epoca e/o da Lavoro. In palio anche il “Trofeo Challenge Paolo Oggiano”, che sarà assegnato da un comitato d’onore presieduto dalla Signora Oggiano, quale  “Premio Speciale della Giuria” e il  “Trofeo Challenge Andrea Campesi” per l’equipaggio più giovane.
Trofeo dei due Golfi
La regata dei Legionari segue di due settimane un’altra classica, il Trofeo dei Due Golfi – Memorial Bepi Carlini. Nella Classe ORC ha trionfato “Robelgiò” di Edoardo Vivarelli, tallonata al secondo posto da “Apache” di Alberto ferracini. Il terzo gradino del podio è andato ad “Anna Maria I” di Giancarlo Campus.
La vittoria nella categoria Vele Bianche è stata conquistata da “Allegra” di Ivan Marabini, seguita da “Est Indiana” di Antonio Brigaglia e da “Alia” di Monica Campesi.
Nella categoria Derive ha vinto Roberto Aversano, con il suo “Extreme Sail”. Al secondo posto “Tostoine Biattu” di Leonardo Secchi. 
Il Trofeo Bepi Carlini è andato a “I Vezzi Miei” di Antonello Spano, che ha battuto “Durlindana II” per un solo secondo, soffiandole la possibilità di vincere l’ambito premio per la seconda volta consecutiva.


28/10/2017 18:10:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Barcolana: nella lotta tra ex la spunta Morning Glory (Spirit of Portopiccolo)

Vince Spirit of Portopiccolo, ovvero l'ex Morning Glory costruita nel 2006, davanti a CQS Tempus Fugit, ex Nicorette un 29,76 metri del 2004 e all'ex Maxi Iena Way of Live

FLASH - Oro per Giorgia Speciale alle Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires

Giorgia Speciale ha dominato nella classe dei Techno 293 Plus femminile ed ha conquistato l'Oro alle Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires

Barcolana, se non sono 2000 non ci si diverte

Superata la soglia dei 2000 iscritti. Spirit of Portopiccolo riconsegna la Coppa, ma è pronto a riprendersela.

Barcolana 50: prima regata per il Team MSC

Con MSC Team parte da Trieste l’esperienza velica della compagnia di navigazione con la barca classe Psaros33. In partnership con Marevivo, l’organizzazione dedicata alla conservazione marina, MSC promuoverà la passione e il rispetto per il mare

Olimpiadi Giovanili: arriva un altro oro con Sofia Tomasoni

Sofia Tomasoni (CV Windsurfing Club Cagliari) è la prima Campionessa Olimpica Giovanile della classe Kiteboard Twin Tip Racing femminile

Olimpiadi Giovanili: la Speciale sempre in testa, Nicolò Renna sale al 2° posto

Nel Techno 293 Plus Giorgia Speciale scarta il terzo posto quale peggior risultato. Nicolò Renna vince una prova e sale al 2° posto in classifica

Olimpiadi Giovanili: Speciale e Renna oggi in acqua per una medaglia

Appuntamento in acqua con primo segnale di avviso alle ore 12:00 locali (17:00 italiane) con le finali delle tavole a vela previste alle 12:05 (17:05 italiane) quella maschile e alle 12:45 (17:45 italiane) quella femminile

Olimpiadi Giovanili: buone notizie dalla vela azzurra

Sofia Tomasoni sale al 2° posto nei Kiteboard femminili, Nicolò Renna sempre 2° nei T293 maschili e Giorgia Speciale consolida il 1° posto nei T293 femminili

Olimpiadi Giovanili: Argento per Nicolò Renna

L'atleta del Circolo Surf Torbole ha conquistato l'argento nella classe techno 293 plus maschile

Una "Mare e Monti" per Giovanni Soldini

Giovanni Soldini e l'alpinista Hervé Barmasse faranno insieme una serie di traversate e di scalate con lo scopo di confrontare due mondi così diversi.

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci