lunedí, 19 febbraio 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

orc    kitesurf e windsurf    nauticsud    regate    vela    volvo ocean race    x-yachts    marevivo    cambusa    social media    campionati invernali    ambiente    formazione    porti    libri    nautica    assarmatori    ferreti group   

GAETANO MURA

Domani Gaetano Mura e il Class40 Italia lasciano Puerto Banùs, ESP, per entrare in Atlantico

domani gaetano mura il class40 italia lasciano puerto ban 249 esp per entrare in atlantico
redazione

Gaetano Mura e Italia, la sua barca a vela Class40 lunga 12 metri, ripartono domani, mercoledì 26 ottobre nel tardo pomeriggio da Puerto Banùs (Marbella, Spagna), dopo il pit-stop dovuto agli adempimenti del World Sailing Speed Recond Council (WSSRC), l'organismo certificatore dei record di navigazione a vela. Adesso finalmente tutto è pronto per la partenza dell’ocean racer per il “Solo Round the Globe Record”, con partenza da Gibilterra e ritorno a Gibilterra.
I commissari del WSSRC hanno indicato la linea di partenza della circumnavigazione di Italia: il passaggio a Sud del Trinity Lighthouse, il faro di Europa Point, sull'estremità della rocca di Gibilterra, dove Gaetano Mura dovrebbe arrivare all'alba di giovedi 27. Il routier meteo dello skipper, Andrea Boscolo, spiega le condizioni che troverà: "All'inizio vento leggero, con possibile rinforzo nel passaggio dello stretto a 20-25 nodi e sensibile corrente contraria, verso est. Avremo pertanto onda ripida e per questo è importante passare lo stretto con la luce del giorno, quindi con visibilità sufficiente per poter gestire le onde e l'intenso traffico marittimo."
Successivamente Gaetano e Italia faranno prua verso le Isole Canarie. I primi tre giorni si prospettano impegnativi, come spiega ancora Boscolo: "Nell'area di navigazione lungo le coste dell'Africa, oltre all'intenso traffico di naviglio da pesca c'è una depressione che potrebbe portare temporali anche localmente significativi. Domenica 30 ottobre mattina dovremmo essere in approccio tra Lanzarote e Fuerteventura. Gaetano passerà tra queste isole e la costa africana; da qui in poi la situazione dovrebbe migliorare e stabilizzarsi."
La linea di partenza confermata dai commissari del WSSRC dopo varie verifiche, darà il via all'impresa di Gaetano e Italia, il “Solo Round the Globe Record” da Gibilterra a Gibilterra. L'indicazione del WSSRC, tra l'altro, considera questo percorso non direttamente confrontabile con il record registrato nel 2013 dal velista cinese Guo Chuan in Class40 (137 giorni da Qingdao a Qingdao, CHN), che pertanto resta come semplice punto di riferimento per la circumnavigazione di Gaetano Mura.
In 1Off, il team di Gaetano Mura, c’è ferma convinzione che il carattere internazionale e la posizione baricentrica di Gibilterra rispetto a Mediterraneo e Atlantico del Nord rendano il percorso appetibile per la replica del record su cui Gaetano andrà a cimentarsi, cosa che è meno facile affermare per la rotta stabilita da Guo Chuan.
Il velista di Cala Gonone, dal canto suo, racconta come ha vissuto questi giorni di pit-stop e come si è preparato alla ripartenza di domani: "Questo pit-stop era una possibilità che avevo messo in conto. Ho cercato di vivere la sosta nel miglior modo possibile, una difficoltà come tante in una impresa lunga come un giro del mondo, l'importante è restare concentrati, per fortuna si riparte velocemente. Di solito si approfitta per fare lavoretti dell'ultimo momento a bordo, ma in questo caso fortunatamente non è stato necessario, la barca è prontissima, come me.”
"Adesso sono concentrato sul passaggio di Gibilterra, che richiede attenzione per il traffico e per la corrente contraria, nei primi tre giorni e fino alle Canarie potrò riposare poco, senza la sosta avrei affrontato questo passaggio già rodato, ma va bene così. In questi giorni abbiamo avuto tanti messaggi di attenzione, per sapere quando sarei ripartito, è una grande sensazione essere seguiti da tanti appassionati, è un onore, è come averli tutti a bordo di Italia."


25/10/2016 22:37:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Bruno Bozzetto, la Rete ti ama!

Dal 1 Settembre 2017 al 13 Febbraio 2018 sono stati pubblicati circa 600 articoli online che citano il papà del Signor Rossi, e hanno raccolto oltre 150.000 azioni di engagement (Fonte dati: BauciWeb)

Giovanni Soldini e Maserati: ancora 2700 miglia per Londra

Dopo aver lottato due giorni per superare una depressione tropicale, questa notte poco prima dell’alba, il trimarano italiano è entrato nella fascia degli alisei da Nord Est, sinonimi di venti costanti

Stati Uniti e Russia si impongono nel fine settimana di regate Melges 20

Il campione del Mondo Pacific Yankee conquista la prima tappa Melges 20 World League a Miami

Bper Banca Crotone International Carnival Race 2018

Le ultime regate hanno rimesso ordine nella classifica: Gradoni con due vittorie ha consolidato il primato; Schulteis (secondo) ha confermato di essere il suo vero rivale; Nuccorini ha scalzato dal podio Yuill;

Invernale Riva di Traiano: una giornata che vale doppio

Disputate due prove che rimettono in linea il numero di regate disputate. Nei "per 2" testata l'innovativa formula "Finish&Go"

Nautica: Ice si prepara a lanciare il nuovissimo Icecat 61

Il carattere sportivo dell'ICECAT 61 è facilmente percepibile dall'ampio uso del carbonio, che viene infuso con resina epossidica della miglior qualità col sistema del sottovuoto per scafo, coperta e paratie

Undicesima Regata all'Invernale del Circeo

In IRC 1 primo Cavallo Pazzo l'X35 di Enrico Danielli, secondo Twins dei fratelli Gemini, terzo Tityre di Borsò. In IRC2 primo primo VIS IOVIS di Magliozzi, secondo Gunboat Rangiriri di Masucci, terzo Loucura di Gagliardi

Velista dell'Anno FIV, ecco tutti i finalisti

I nomi e le schede dei finalisti del Velista dell'Anno FIV. La premiazione a Roma, Villa Miani, il 12 marzo p.v., preceduta da una tavola rotonda dedicata all'America's Cup

Volvo Ocean Race: Turn the Tide on Plastic incontra barca alla deriva

Turn The Tide on Plastic ha avvistato Sea Nymph mercoledì 14 febbraio a circa 360 miglia ad est di Guam (VIDEO)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci