martedí, 12 dicembre 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

invernale    volvo ocean race    il portodimare    cala de medici    press    regate    vela    campionati invernali    laser    canoa    windsurf   

FORMAZIONE

CUS Bari e Politecnico insieme per promuovere la vela con il progetto Polimare

cus bari politecnico insieme per promuovere la vela con il progetto polimare
redazione

Docenti e studenti del Politecnico di Bari e la Banks Sail con l’Ing. Paolo Semeraro, in pieno fermento per il Progetto POLIMARE, condiviso con il CUS BARI  finalizzato alla divulgazione della cultura tecnica e sportiva della vela. In quest’ottica il Centro Universitario Sportivo di Bari ha subito condiviso e supportato l’idea contribuendo alle prime attività logistiche ed economiche.
Dopo gli importanti risultati ottenuti con le partecipazioni alle regate d’altura  Est105, Nicolajana e ultima solo in ordine di tempo Bari in vela, che hanno visto l’imbarcazione NEOPOLIBA CUS Bari, primeggiare, con equipaggio misto formato da docenti del Politecnico di Bari, studenti universitari, giovani velisti agonisti e non, e velisti professionisti, vogliamo soffermarci sul progetto che ha come protagonista la barca Neo Poliba, circa 13 metri di carbonio ad alta tecnologia, che il Politecnico ha charterizzato dalla Neo Yacht & Composit, marchio  di costruzione barche hitech, controllato dalla Banks Sails.
Neo Poliba ha la sua base logistica presso i pontili della darsena del CUS Bari ed è disponibile per tutti quanti vogliano avvicinarsi o perfezionarsi nel mondo della vela. Il CUS Bari e il Politecnico, che vogliono avvicinare quanti più studenti e non alla Vela, stanno varando una serie di attività che consentiranno l’iniziazione alla vela svolgendo corsi a partire da piccole barche, passando per barche più impegnative di dimensioni più approcciabili, sino a corsi di perfezionamento per regate d’altura su Neo Poliba.
In questo mese di ottobre sarà allestito e avviato presso uno dei laboratori del dipartimento DICATECH del Campus Universitario, il “cantiere” dove sarà sviluppato e costruito il nuovo Neo 400 Plus, barca a vela con taglio sportivo ed attenzione al confort e prestazioni marinare. La barca, realizzata con tecnologie avanzante sia per lo scafo che per impianti e attrezzature, sarà in acqua per l’estate 2017 e potrà pensarsi il primo dei prodotti che il laboratorio Polimare e Banks Sails genereranno.  Il laboratorio sarà aperto a tutti quelli che vorranno appassionarsi, o solo incuriosirsi, e contribuire o assistere alla nascita di un prodotto completo, di una barca che unisce il sapere di molte culture ed è il risultato di uno sbrogliamento di una matassa complessa che all’utente finale potrebbe apparire solo come un bel prodotto. La professionalità e la passione, già tutte presenti, saranno impegnate in un immediato futuro a realizzare altri “oggetti” sempre legati al mare. Il Politecnico mira a realizzare, nell’immediato futuro, un’altra barca a vela, con design regatistico e tecnologie avanzate, con la quale riuscire a far appassionare quanti più studenti universitari allo sport della vela, mantenendo l’interesse e il punto di vista del tecnico.
Il CUS Bari – spiega Giuseppe Seccia Presidente del CUS - oltre a continuare a svolgere corsi autunnali per ragazzi, sta promuovendo e organizzando corsi di altura e minialtura adulti, con l’’obiettivo di incrementare l’’attività agonistica su classe Altura e la formazione equipaggi. E’ nostra convinzione che in una città “marinara” come Bari ci siano tutti i presupposti per poter sensibilizzare la popolazione ad un approccio “più normale” nei confronti del mondo della vela, poter finalmente dire “vado a vela”, con una normalità che è già patrimonio culturale di altri sport e altre città italiane. A testimonianza del grande lavoro che si sta portando avanti per la promozione di questa attività sportiva, sono le numerose richieste di informazioni e iscrizioni alla Vela d’Altura, in particolare. Pasquale Triggiani, segretario Generale del Centro Universitario Sportivo da parecchi anni, sta investendo considerevoli energie sulla promozione ad alti livelli di questo sport.”
Il Prof. Mario Massimo Foglia, coordinatore del progetto, spiega: “Grazie ad un coincidenza di interessi che saltuariamente accade, lo staff della Banks Sails, noi del Politecnico e il Centro Universitario Sportivo Bari, riusciremmo a realizzare un nuovo modo di divulgare la vela nell’università e nel territorio. Il Politecnico, unico italiano sul mare, crede fortemente in questo laboratorio che avvicinerà la cultura tecnica accademica alla nautica e i professionisti del mare all’università, ricucendo un legame offuscato dal tempo tra la città e l’acqua. In un futuro, speriamo di avviare un master di yacht design come completamento logico di questo progetto. Con l’assistenza del Cus, spero di poter veder presto e sempre più frequentemente un equipaggio tutto del Politecnico partecipare alle regate di livello nazionale ed internazionale. Gli studenti, per ora pochi, hanno già capito cosa sta nascendo: stiamo tutti comprendendo come una passione possa diventare una professione, la vela come sport diventa il mondo dove maturare le proprie competenze tecniche per un grande trampolino di lancio per architetti ed ingegneri. ”
“Oggi abbiamo la fortuna di avere docenti e studenti che del mare vogliono fare le loro ali, come recita lo stesso motto del nostro Politecnico. Siamo impegnati –dice Eugenio Di Sciascio, rettore del Politecnico di Bari - con i nostri laboratori nella costruzione di una barca. Abbiamo creduto nell'opportunità di fare ingegneria e architettura sul mare, nell’unico Politecnico in Italia che effettivamente si affaccia sul mare".


08/10/2016 12:31:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

La Talisker Whisky Atlantic Challenge

L’oceano Atlantico attraversato a bordo di una canoa che per tutto il corso dell’impresa rappresenta l’unico riparo dalle intemperie e dai pericoli e Solbian realizza un’installazione senza precedenti

Volvo Ocean Race: domani la In-port race di Città del Capo

L'8 dicembrei torna in mare per la In-port race di Città del Capo, dopo che le barche sono state sottoposte a un'attenta manutenzione e i velisti hanno ricaricato le batterie in vista delle prossime, intense, settimane nell'Oceano meridionale

Pershing presenta il nuovo Owner Set by Poltrona Frau

E celebra i primi 10 anni di sodalizio fra due icone del Made in Italy

Invernale Argentario: freddo e maltempo, ma il campionato va avanti

Sabato si è regatato, domenica no. In tutte le divisioni le classifiche sono molto corte e la battaglia in campo è aperta

Fincantieri: varata a Marghera “Nieuw Statendam”

Madrina della cerimonia è stata Anne Marie Bartels, socia élite del programma fedeltà President’s Club di Holland America Line e che da giovane fu tra le prime ad attraversare l’Atlantico da Rotterdam a New York

Dolphin e Meteor animano il 27° Cimento del Garda

La classifica provvisoria è guidata da "Fantastica" di Anna e Giulia Navoni, alla barra Davide Bianchini, team Campione Italiano in carica

Volvo Ocean Race: Dongfeng Race Team vince la In-port di Città del Capo red-line

Secondi dopo una grande rimonta gli spagnoli di MAPFRE, che mantengono la testa della classifica e terzo AkzoNobel

Ultimo appuntamento di Autunno In Mare con la XV Edizione del Trofeo Nicolaiano

Il trofeo Nicolaiano organizzato dal Centro Universitario Sportivo di Bari ha una connotazione speciale inserendosi nell’ampio progetto di grande solidarietà

Kingii premiato con la Menzione d’Onore all'ADI Compasso d’Oro International Award 2017

“Un riconoscimento che premia l’impegno di Kingii Corporation nella ricerca e nell’innovazione che caratterizzano gli sforzi progettuali alla base della nuova versione di Kingii Wearable"

Meteorsharing, il punto al termine della stagione

Cominciata nel modo migliore grazie alla vittoria di Lucia Mauro a bordo di "Gatto Nero" al Cimento Invernale di Desenzano, è proseguita con gli oramai classici Match Race organizzati a Venezia e Jesolo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci