martedí, 21 novembre 2017

NAUTICA

CRN presenta al Monaco Yacht Show i suoi progetti di design

crn presenta al monaco yacht show suoi progetti di design
Roberto Imbastaro

CRN, Cantiere e marchio italiano del Gruppo Ferretti specializzato nella costruzione di navi da diporto completamente customizzate in acciaio e alluminio dai 40 ai 100 metri, sceglie il Monaco Yacht Show per presentare alcuni dei suoi progetti di new design, pensati per tradurre e realizzare le richieste di armatori esigenti, senza porre limiti.
Il Cantiere sviluppa constantemente nuovi concept, avvalendosi della collaborazione di designer internazionali, tra cui: Zuccon International Project, Omega Architects, Francesco Paszkowski Design, Nuvolari Lenard, dalle cui matite sono nate le più iconiche imbarcazioni della flotta CRN.
M/Y CRN Superconero 55 metri – Zuccon International Project
Il nome fa riferimento alla storica “SuperConero” degli anni Sessanta: è una nave lunga 55 mt e larga 9 mt, entro le 500 GRT, disegnata dallo studio Zuccon International Project e sviluppata progettualmente da CRN Engineering.
Racchiude in sé tutte le più importanti dotazioni sviluppate da CRN, come il balcony utilizzabile anche in navigazione, la terrazza sul mare apribile e godibile in rada, il beach club a poppa e il garage allagabile per il tender che crea un ambiente unico e aperto con lo stesso beach club, trasformando così uno spazio tecnico in un’ampia zona lounge a pelo d’acqua.
Gli ampi volumi interni e la forte predilezione all’utilizzo di parti in vetro per le grandi finestrature cielo-terra per il costante contatto visivo con la natura, fanno di M/Y Superconero 55mt un’imbarcazione unica, ambìta da tutti gli armatori che vogliono vivere il mare in libertà.
M/Y CRN Oceansport 61 metri e M/Y Oceansport 75 metri – Omega Architects
Firmati dallo studio Omega Architects, i due megayacht di 61 e 75 metri, con un baglio rispettivamente di 11 e 13 metri, si ispirano ad uno stesso concept che si fonde perfettamente con il Dna di CRN. Oceansport unisce infatti all’eccellente navigabilità delle piattaforme navali di CRN, il profilo sportivo e filante tipico dello stile progettuale di Omega Architects, e forme iconiche armoniose e allungate, tracciate dalle vetrate scure che si uniscono a formare un continuum visivo, sia sul ponte principale che sull’upper deck.
Entrambe le versioni di Oceansport sono disegnate e progettate nel massimo rispetto delle proporzioni, valorizzando gli ampi spazi destinati agli ospiti, l’ariosità delle zone conviviali, il beach club con area benessere e fitness: sauna, palestra e area piscina. Ogni progetto vanta finestrature a tutta altezza su
 entrambe le murate della zona di poppa sul ponte principale, che offrono una vista mozzafiato sul mare, salvaguardando al tempo stesso la privacy degli ospiti.
M/Y CRN 72 metri – Francesco Paszkowski Design
In family feeling con M/Y Saramour, il primo superyacht realizzato da CRN con l’Arch. Paszkowski, il progetto del 72 mt, pur condividendo gli stessi principi ispiratori del 61 mt, introduce soluzioni architettoniche innovative lavorando su dimensioni e volumi decisamente più ampi.
La filosofia che ha guidato la creazione di questo progetto si fonda su tre principi ispiratori: linee sempre più slanciate che conferiscono leggerezza alla silhouette, forme arrotondate che donano all’imbarcazione un aspetto complessivo più compatto e ampio utilizzo di finestrature lineari in aggiunta a balconate trasparenti che sapientemente eliminano barriere tra gli elementi della natura, acqua e aria.
Lunga 72 mt e larga 13 mt, dedica grande attenzione agli spazi conviviali e al relax a bordo, come dimostra la presenza di vari dining, di uno spazio entertainment sull’upper deck, oltre a palestra, sauna e sala massaggi per gli ospiti. Il contatto con gli elementi circostanti, acqua e aria, gioca un ruolo fondamentale nel concept, che si concretizza in terrazze protese sul mare, piscine esterne, ampie finestrature e, naturalmente grande spazio riservato al beach club, con l’obiettivo di creare e valorizzare sempre il contatto visivo con il mare.
M/Y CRN 62 metri – Nuvolari Lenard
Scafo numero 137 di CRN, 62 metri di lunghezza e 12 metri di baglio, il nuovo progetto navale, dallo stile accattivante, è sviluppato dall’ufficio tecnico del cantiere in stretta collaborazione con lo studio italiano di design Nuvolari Lenard, che ne cura il concept ed il design degli esterni e degli interni.
Linee morbide e sinuose accentuate da un movimento che crea volumi ad onde tra lo scafo e la sovrastruttura, quest’ultima scolpita che finisce a picco sulla prua reversa: sono queste le caratteristiche che guidano la progettazione e lo sviluppo della nuova nave da diporto di CRN, che prevede un ponte armatoriale con la suite principale a poppa con una panoramica vista sul mare.
La costruzione di questo yacht, il cui contratto è stato firmato questa estate, inizierà a fine 2016 ed il varo è previsto per il 2019.
Oltre ad essere uno dei poli nautici più importanti a livello europeo, CRN è il sito produttivo delle imbarcazioni di grandi dimensioni del Gruppo Ferretti e ha attualmente in lavorazione tre nuovi megayacht: M/Y CRN 135, che con i suoi 79m di lunghezza si appresta a diventare la seconda imbarcazione più grande mai realizzata dal Cantiere e porta la firma di Zuccon International Project per gli esterni e di Laura Sessa per gli interni; M/Y CRN 131 di 74m, realizzato in collaborazione con Zuccon International Project per gli esterni e Andrew Winch Interior Designer per gli interni, che verrà varato nei prossimi mesi, e un
 M/Y Superconero di 50m i cui esterni sono disegnati da Zuccon International Project, che cura anche gli interni insieme a CRN Interior Design.


30/09/2016 10:39:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Montura presenta la linea Keep Sailing

Linea di abbigliamento destinato alla nautica e all'agonismo velico ricca di soluzioni innovative e realizzata con tecnologie applicate per la prima volta nel mondo della vela

Invernale Riva di Traiano: i Big subito in evidenza

Sole, mare calmo e poco vento. Ma la regata si fa e brilla lo Swan 45 Aphrodite

Nauta firma il Tender 48’ dei cantieri Maxi Dolphin di Erbusco

Nasce come progetto di imbarcazione veloce da appoggio e connessione per un superyacht di maggiori dimensioni; è dotata di un bottazzo continuo e morbido di protezione che agevola l’appoggio alla barca “madre”

Riva Boutique: eccellenza e artigianalità per un Natale in grande stile

Lo store online ufficiale di Riva si arricchisce di nuovi accessori realizzati con lo stile e la qualità del cantiere mito della nautica mondiale, perfette idee regalo per le festività

L’Ocean Film Festival World Tour fa tappa a Roma

Kayak, surf, vela, esplorazione subacquea: una selezione di medio e cortometraggi per tutti gli appassionati di mare e avventura - Il 20 novembre al cinema Moderno ore 20:15

Terza giornata all'Invernale del Circeo

La classifica generale IRC dopo 5 prove e uno scarto vede in testa TAHRIBA l’Elan E5 dello skipper Francesco Di Diodato portacolori del Nautilus Yacht Club con al timone Pino Stillitano

All'Arsenale della Marina Regia si presenta il progetto “Sirene nel blu tra mare e cielo”

Il progetto nasce dall’idea congiunta tra la Soprintendenza del Mare e “l’Associazione amici della Soprintendenza del Mare”, di volere attivare una campagna di sensibilizzazione rivolta al rispetto del mare

Francesco Cappuzzo campione nazionale Wave Windsurf per la seconda volta

Il campione in carica ha prima battuto nella finale del single elimination il milanese Jacopo Testa, campione nazionale Freestyle 2017, giunto terzo, e nell'avvincente finale del double elimination ha sconfitto di misura Andrea Rosati

Besenzoni vince il Dame Design Award 2017

Besenzoni ha ottenuto il riconoscimento finale della sua straordinaria capacità di innovazione: la poltrona pilota P400 Matrix ha ricevuto il più prestigioso premio dato nell’industria marina

Il nipponico Sikon si porta al comando del Melges 40 Grand Prix di Palma de Mallorca

La giornata odierna, iniziata con vento sui 15 / 17 nodi di intensità (poi andato a calare nel corso della seconda e terza prova) ed oscillante tra i 300 e 330 gradi

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci