mercoledí, 20 settembre 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

regate    laser    azzurra    disabili    52 super series    mare    swan    nautica    melges 24    salone nautico    volvo ocean race    campionato invernale riva di traiano    j70    j24    porti   

NAUTICA

Con Eleva Yacht la vela italiana si arricchisce di un nuovo marchio

con eleva yacht la vela italiana si arricchisce di un nuovo marchio
redazione

Nasce una nuova realtà cantieristica, con Eleva Yacht la vela italiana si arricchisce di un nuovo marchio. Il primo modello è The Fifty, un fast cruiser per la crociera velocedi quindici metri. A wave forwardElevaè un nuovo marchio che si inserisce nel mercato dei fast cruiser con una missione precisa: barche a vela di alta qualità dedicate al gran turismo nautico, alla crociera veloce dove l’abitabilità e il comfort si sposano con il piacere di andare a vela e alle doti marine.  Per arrivare a questi risultati la struttura di ogni modello nasce da un team di esperti, che sanno infondere nel prodotto il meglio della tecnologia contemporanea in termini di costruzione struttura e prestazioni ma anche che sanno indagare gli aspetti funzionali più semplici, quelle piccole cose che finiscono per essere determinanti per godere in pieno il piacere della grande crociera. L’armatore che sceglie Eleva si inserisce inunteam che sa guidarlo nelle sue scelte e ne interpreta i reali bisogni nautici. Eleva Yachtnasce presso Carbon Line,un noto costruttoredi imbarcazioni, per il progetto è stato scelto il progettista Giovanni Ceccarelli. The Fifty –Cruising to the futureE’ il primo progetto e la barca entry level di una serie di modellidi dimensioni maggiori destinati a diventare benchmark, nuovi riferimenti per il mercato di barche da crociera veloce. I nuovi Eleva Fast Cruisersapranno abbinare la facilità di conduzione anche in equipaggio ridotto e con manovre assistite a ottime prestazioni in acqua, diventando cruiser totali senza limiti di condizioni marine. Progettati per rispondere alla impegnativa classe di navigazione A, conservando  un design pulito, innovativo e molto personale, che diventa una autentica firma riconoscibile in un panorama di concorrenti molto simili che giocano tra loro su piccole differenze. Il futuro di Eleva è fatto di autentici cruiser che sapranno farsi notare anche in regata e non di carene nate per competere tra le boe e addomesticate alla crociera. Tutto frutto di una progettazione integrata che parte dalla carena ma non dimentica le necessità ergonomiche. Il progetto  -Born for the seaIl progetto è lavoro dello studio Ceccarelli Yacht Designche è intervenuto nei diversi aspetti:  linee di carena, esternie coperta, interni e strutture. Pur partendo dalle linee di carena, pensate per un dislocamento medio leggeroe con l’ausilio del CFD (Computational Fluid Dynamics)hastato realizzato il design esterno e quello interno senza scendere mai a compromessi. Lo stile esprime  linee che sono direttamente legate alla funzione come il fregio nel mascone a prua che ha la funzione di deflettere l’acqua. La sheerline  è caratterizzata da un motivo ad ondache è una novità assoluta nelmondo delle barche a vela, questo oltre a dare una forte personalità al progetto  permette di avere una prua alta sull’acqua che la renderà meno bagnata in navigazione e una tuga leggera che si ferma subito a prua via dell’albero.Prestazioni –A full sailing experienceLe linee d’acqua con sezioni di poppa larghe e svasate, relativamente strette al galleggiamento con importanti volumi di prua rendono la barca stabile e bilanciata oltre che veloce intutte le andature e condizioni di vento. La grande stabilità di forma è pensata al fine di avere ottime prestazioni  nelle andature larghe e portanti sotto gennaker  per raggiungere il massimo piacere di timonare, unito ad una facilità di conduzione e sicurezza di navigazione.  In caso di traversata atlantica The Fiftypuò esprimere elevate medie giornaliere di trasferimento, che superano le 200 miglia per giorno.  Queste forme di carena permettono anche di svilupparevelocità di crociera a motore elevate,grazie allo scafo che facilmente supera la velocità critica, un altro elemento di comfort soprattutto nelle estati mediterranee. Il doppio timone oltre alla distribuzione dei volumi consente una grande stabilità di rotta e facilità di conduzione anche con autopilota, peculiarità delle barche nate per la conduzione in solitario per le regate oceaniche.Costruzione –The quality challengePer la progettazione delle strutture è stato fatto un grande lavoro di dettaglio nel rispetto delle normative ISO  categoria A, la realizzazione sarà fatta utilizzando le migliori resine e tessuti attualmente in commercio. Tutto il processo di realizzazione di scafo e coperta è in infusione,  garantito dalla grande esperienza e professionalità di Carbon Line, struttura unica in Italia con questo potenziale specializzata in infusione di imbarcazioni di grandi dimensioni in grado di dedicare un cantiere intero per la produzione delle barche a vela.  Tutta la filiera produttiva è realizzata e controllata internamente fin dalla costruzione dei modelli con seste e fasciame mediante taglio con macchine a controllo numerico e poi con la realizzazione di stampi femmina con resine caricate. Lo scafo  è laminato contessuti di vetro e resina epossidicacon il processo di infusione in 3 step, con la prima fase che riguarda la infusione della pelle esterna, la seconda l’incollaggio dell’anima sotto vuoto e la terza fase l’infusione della pelle interno. L’obbiettivo è di donaremaggiore robustezza e leggerezza allo scafo,grazie a un più accurato controllo nel processo stesso. Le strutture dello scafo sono a loro volta tutte infuse, sempre con resina epossidica e anche loroapplicate in tre fasi di processo, prima i longitudinali alti, poi i madieri, la terza fase è la posa deilongitudinali centrali. Per irinforzi delle strutture si impiegail carbonio,compresa la zona di sostegno della chiglia. Le paratie sono tutte strutturali, infuse su placca con resine epossidiche, incollate e resinate a bordo. Le lande strutturali sono di carbonio, laminate con il processo del sottovuoto. La copertaè interamente realizzata di carboniocon resine epossidiche ininfusione, la soluzione è stata scelta per avere un miglior rating con il regolamento di stazza ORC eabbassare il baricentro e limitare i pesi in alto e rendere l’insieme scafo/coperta più rigido.Tutte le varie fasi di lavorazione del composito sono controllate con processi accurati, che prevedono il controllo continuo delle temperature dell’ambiente e dei manufatti durante l’iniezione della resina che viene portata alla giusta temperatura per avere in tutti i punti lo stesso grado di viscosità; inoltre l’elevato numero di punti di infusione garantiscono lo stesso grado di catalisi in diverse zone dello scafo. Per ottimizzare le migliori caratteristiche della resina epossidica i manufatti vengono postcurati in un forno di grosse dimensioni che è in grado di raggiungere gli 80°.La chiglia è realizzata in acciaio scatolare ad alta resistenza  con bulbo in piombo al fine di abbassare  il centro di gravità ed aumentare il momento raddrizzante in maniera considerevole. Coperta e piano velicoIl pozzetto di The Fiftyè il più grande tra quelli delle imbarcazioni di 50 piedi attualmente in produzione.  E’ nato per vivere il mare in crociera ma si rivela ergonomico se usato in regata o in equipaggio alla ricerca di prestazioni e regolazioni rapide. Il trasto della randadavanti al timoniere è una garanzia di sicurezza con vento forte e conserva le potenzialità di regolazione che servono ad un velista evoluto per regolare al meglio le vele.  Il piano velico è caratterizzato da un albero  posizionato circa a mezza nave, che permette di avere una distribuzione della tela esposta molto equilibrata sia nelle andature di bolina che alle andature portanti. L’armo è frazionato al 90% e sono previsti un genoa al 104% di LPG , una trinchetta ed un Code 0 montato sul bompresso sul quale può essere armato anche il gennaker.Layout –Comfort and lightIl layout della compartimentazione interna prevede la distribuzione ormai classica per unità di questa dimensione: tre cabine e due bagni di cui uno dedicato alla cabina di prua, considerata armatoriale e uno alle due di poppa e per uso diurno.  Mentre la disposizione delle cabine letto non cambia è prevista una opzione per la cucina, che può essere come da progetto originale a centro barca oppure in posizione più classica in prossimità della scaletta di discesa. Anche il divanetto centrale può essere trasformato in tavolo carteggio.

INTERNI –Less is betterSono pensati per vivere il mare con ampie parti vetrate ed aperture in tuga per un corretto movimento dell’aria questo per il piacere di abitare anche l’interno della barca.  Gli arredi sono strutturali, in gran parte realizzati in composito poi rivestito di essenze di legno  prodotte da ALPI , che offre una ampia scelta di essenze che abbinato alle scelte dei  tessuti per i rivestimenti saranno parte della personalizzazione che ogni cliente vorrà proporre.  La finitura di ogni barca sarà personalizzata in base alle esigenze della committenza. Puntando alla qualità è stata fatta una grande ricerca per i materiali, gli impianti e gli accessori le finiture.  Ogni dettaglio è stato scelto  in armonia con il progetto per restituire quel carattere solido e innovativo che fa di Eleva The Fiftyuna barca che guarda al futuro rispettando la tradizione.Carbon Lineè una azienda leader per la fornitura di materialicompostiti, nasce nel 2013 dalla visione imprenditoriale dei suoi tre titolari che hanno avutola forza e la determinazione necessaria per dare vita a una azienda che a oggi conta tre stabilimenti operativi più di 20000 metri quadrati di eree produttive al coperto, 180 dipendenti e più di 120 maestranze esterne. L’azienda vanta clienti di livello internazionale del settore nautico (tra cui Ferretti, Riva, Pershing, Itama, Custom Line, Azimut, Benetti) ai quali fornisce servizi produttivi e analisi di laboratoriosempre all’avanguardia, al fine di ottener prodotti di alta qualità con il massimo rendimento e spese contenute. Ceccarelli Yacht Design è una degli studi professionali dedicati allo yachting più famosi nel mondo.   Giovanni Ceccarelli(Ravenna 1961) attuale responsabile studio si è laureatoin Ingegneria a Bologna nel 1987 quando lo studio di progettazione era condotto dal padre Epaminonda, considerato uno dei pionieri della moderna progettazione nell’yacht design in Italia e uomo eclettico.Giovanni si è espresso prima come timoniere e poi come progettista vincendo diecititoli del mondo di alturanelle classi IOR e IMS ora ORC, con il Dimore del Gardaè stato vincitore assoluto della Cento Miglia del Garda. E’ stato Principal Designer per due sfide di Coppa America,nel 2000 in Nuova Zelanda con Mascalzone Latino e nel2007 con +39Challenge, un punto di arrivo professionale raggiunto da pochi in Italia.Ha impostato la metodologia per il recuperodella nave Concordia.


15/09/2017 21:22:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Stazza J70, querelle infinita: lettera aperta di Carlo Alberini

"A pervadermi è ancora un sentimento di profondo rammarico, che è aumentato a dismisura questa mattina, quando ho visto la flotta lasciare gli ormeggi per andare incontro al primo giorno di regate"

Davide Sampiero vince il titolo Nazionale Meteor Match Race 2017

A Castiglione del Lago sono scesi in acqua. per contendersi il titolo, ben sei tra i primi dieci classificati dell’ultimo Campionato Nazionale Meteor compreso Lorenzo Carloia neo campione Italiano assoluto e campione match race uscente

Mondiale J70: scintille tra Vincenzo Onorato e lo YCCS

Vincenzo Onorato abbandona il Mondiale J70 in polemica con lo Yacht Club Costa Smeralda

SAAR Depositi Portuali compie 85 anni

Il più grande polo logistico di olii alimentari nel Mediterraneo festeggia la sua storia e guarda al futuro con nuovi progetti

L' 11° Childrenwidcup dell’Abe

La regata dei sorrisi con i piccoli dell'ospedale dei reparti di onco-ematologia pediatrica del Civili di Brescia

YCCS: lettera aperta in risposta alle dichiarazioni di Mascalzone Latino

Il mio compito da quando il Commodoro Gianfranco Alberini mi ha chiamato a organizzare le regate dello Yacht Club Costa Smeralda 17 anni fa è sempre stato lo stesso, garantire a tutti i partecipanti lo stesso trattamento imparziale

Allo Yacht Club Porto Rotondo la Fideuram Cup

Dal 15 al 17 settembre, la sfida tra i manager dell’istituto bancario

Ferretti Group Cantiere dell'Anno 2017 ai World Yachts Trophies

Insieme al riconoscimento come miglior Cantiere, ecco i trionfi per le premiere appena lanciate sul mercato: Ferretti Yachts 780, Riva 56’ Rivale, CRN 74 m Cloud 9 e Custom Line Navetta 33

L’ Altura è la nuova sfida dell’Invernale di Riva di Traiano

Per gli equipaggi in doppio saranno possibili una o più regate d’altura verso Giglio/Giannutri che faranno parte integrante del Campionato Invernale 2017/2018

Ferretti Yachts 920: un big a Cannes

Frutto della collaborazione fra Comitato Strategico di Prodotto e Dipartimento Engineering Ferretti Group insieme a Studio Zuccon International Project, il nuovo gigante Ferretti Yachts - LOA 28,49 metri - ha una lunghezza scafo di 23,98 metri

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci