mercoledí, 15 agosto 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

420    fiv    attualità    les sables-les açores-les sables    mini 650    turismo    circoli velici    luna rossa    farr 40    rs feva    vela olimpica    nacra 17    optimist    windsurf    press    melges 24   

NAUTICA

Coastal 10 Rada, il primo modello cabinato del cantiere napoletano

coastal 10 rada il primo modello cabinato del cantiere napoletano
redazione

Eleganza, Design, Stabilità di rotta e Qualità degli interni sono le caratteristiche principali del nuovo modello del cantiere napoletano Coastal Boat, il Coastal 10 Rada.
Il 10 metri Rada è il primo modello cabinato prodotto dal cantiere e, come da tradizione di Coastal, è stato disegnato da Francesco Guida (Studio Guida Design), uno dei designer maggiormente affermati a livello internazionale.
Gli interni della cabina, perfettamente integrata alla coperta, sono personalizzabili al massimo per rispondere alle peculiari esigenze di ogni cliente con una chiave di lettura univoca per tutti: la qualità delle finiture, dei materiali e dei tessuti, tutti rigorosamente made in Italy, creati da artigiani che rappresentano il miglior vanto della produzione italiana.
La stabilità di rotta e la tenuta del mare anche in condizioni complesse, con onde formate, sono garantite dalla carena monoedrica a V profonda, con pattini longitudinali e una distribuzione dei pesi in coperta che rende possibile la navigazione in ogni condizione, anche in quella proibitive per gommoni che non presentino queste caratteristiche.
I due motori da 300 cv consentono di toccare e tenere una velocità di circa 50 nodi, con un’autonomia di navigazione di oltre 200 miglia, grazie all’utilizzo di due serbatoi da 320 litri ciascuno.
Un gommone cabinato che sposa in un mix unico, comodità, abitabilità e navigabilità al top. Sarà presentato da Coastal Boat ai saloni autunnali 2018.


03/04/2018 13:54:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Marina Cala de’ Medici si conferma per il terzo anno consecutivo Porto d’eccellenza

Ratificata l’attestazione di MaRINA Excellence, nonché i riconoscimenti 24 Plus e 50 Gold

Caorle, "Festa del Pesce": una sfida a colpi di sarde

La Festa del Pesce - A settembre l’evento culinario più tradizionale di Caorle (VE)

Mondiali Aarhus: Carolina Albano qualifica l'Italia nel Laser Radial a Tokyo 2020

L’Italia conquista oggi ad Aarhus la terza qualifica per le Olimpiadi di Tokyo 2020! Si tratta del Laser Radial e a compiere l’impresa è stata la giovane Laserista triestina Carolina Albano (CV Muggia) non ancora ventenne

Mini 650, SAS: Ambrogio Beccaria domina tra i Serie

Ecco la sua prima intervista una volta a terra. Il milanese, ha vinto entrambe le tappe e ha conquistato il titolo di Campione di Francia di Course au Large

Mondiali Aarhus: anche il 470 maschile si qualifica per Tokio

Anche oggi arriva una preziosa qualifica per l’Italia ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare) con il quinto posto odierno entrano in Medal Race e qualificano l'Italia per Tokio 2020

Nacra 17: oro per l'Italia ai Mondiali di Aarhus

La coppia formata da Ruggero Tita e Caterina Banti ha vinto il titolo della classe Nacra 17 al termine della 'medal race' di oggi

Europeo Melges 24: Maidollis allunga il passo

I Campioni del Mondo 2017 a bordo di Maidollis (7-1-1 oggi), dopo l'ottimo esordio della prima giornata in cui avevano messo a segno una magnifica doppietta, tornano ad essere protagonisti e consolidano la leadership della classifica provvisoria

Mondiali Aarhus: sei le classi qualificate per Tokio 2020

Triplete per Tita-Banti che aggiungono il titolo mondiale all'europeo e all'italiano già conquistati nel 2018

Gargnano, Garda: Itaca è tornata a casa

Tredici anni dopo la sua ideazione il progetto Itaca ha fatto nuovamente tappa al Circolo Vela della Centomiglia

Tokio 2020: altre 3 qualifiche per l'Italia ai mondiali di Aarhus

L’Italia è qualificata alle Olimpiadi di Tokyo 2020 anche nelle classi RS:X maschile, RS:X femminile con Marta Maggetti e il Nacra 17 con Ruggero Tita e Caterina Banti

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci