domenica, 26 marzo 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

altura    fraglia vela riva    regate    press    derive    seatec    turismo    formazione    barcolana    suzuki    cala de medici    vela oceanica    guardia costiera    circoli nautici   

LEGA ITALIANA VELA

Cinque vittorie per il Club Canottieri Roggero di Lauria nella seconda giornata di regata

cinque vittorie per il club canottieri roggero di lauria nella seconda giornata di regata
redazione

 Una giornata intensa a Cala Galera per la Lega Italiana Vela: onde e vento hanno messo a dura prova equipaggi e imbarcazioni. Undici i match disputati grazie all’esperienza del Comitato di Regata e del Principal Race Officer, si è comunque superato il traguardo dei due terzi del programma di questa tappa di selezione della Italian Sailing League con ancora un giorno di regate a disposizione.
Un disalberamento, una collisione e la perdita della drizza di una randa hanno complicato i piani del Comitato di Regata, ma l’organizzazione del Club ospitante, il Circolo Nautico e della Vela Argentario, e della stessa Lega Italiana Vela hanno consentito di arrivare a un totale di 32 race completati con una classifica che si è accorciata nelle posizioni di vertice e che lascia ancora apertissimi i giochi per conquistare un posto nella metà alta del tabellone, essenziale per l’accesso alla Finale nazionale di Napoli a fine ottobre.
Protagonista in acqua oggi l’equipaggio del Club Canottieri Roggero di Lauria, con al timone Matteo Ivaldi, che ha conquistato cinque vittorie in altrettante prove disputate, portandosi a soli 2,5 punti dal CNVA capolista e riscattandosi dopo un inizio di evento con diversi piazzamenti.
“Siamo riusciti ad arrivare qui solo giovedì sera - ha spiegato il Capitano Gabriele Bruni - e il fatto di non aver potuto provare le barche ci ha condizionato nella prima giornata. L’esperienza accumulata ieri e anche le condizioni meteo di oggi, con un vento più forte, ci hanno permesso di esprimerci al meglio e credo che ci sarà una bella lotta con l’equipaggio dell’Argentario, sono molto giovani ma molto bravi. Ci sarà da divertirsi, anche perché il format di queste regate è tra i più belli che abbia mai fatto, non solo perché ci sono elementi vari dalla regata di flotta al match race, ma anche perché mette in competizione diretta i Circoli e valorizza i Club più che il singolo atleta. Voglio ringraziare il Circolo Nautico e della Vela Argentario - ha concluso Bruni - perché come Club ospitante ci sta facendo davvero sentire a casa, e per un velista in questo tipo di manifestazioni è una cosa importantissima”.
La classifica provvisoria vede in testa il CNVA (16,5pt) seguito dal CCRL (19), in lotta per il terzo gradino del podio troviamo lo Yacht Club Italiano (21) e il Reale Circolo Canottieri Tevere Remo (23,1), seguiti da Club Velico Crotone (27), Lega Navale Napoli (27), Yacht Club Gaeta(33) e Yacht Club Santo Stefano (36). Queste al momento le prime otto posizioni valide per l’accesso alla Finale nazionale di Napoli, ma Lega Navale Follonica (37), Diporto Nautico Sistiana (37) e Circolo Vela Brindisi (37,4) inseguono a breve distanza. Chiudono il tabellone il Club Nautico Gela (43), Ali6 Club Vela (50), Yacht Club Capri (51), Circolo nautico Torre del Greco (51) e Compagnia della Vela Forte dei Marmi (54), penalizzato di tre punti per una collisione in Race 32 con il CN Torre del Greco.
“E’ stata una giornata molto impegnativa - ha spiegato il Principal Race Officer Giuseppe D’Amico - con un numero così elevato di club ogni imprevisto, piccolo o grande che sia, quando impedisce ad una barca di regatare causa delle difficoltà organizzative. Il disalberamento di questa mattina è stato risolto molto velocemente ma ci ha comunque costretto a svolgere tre match con un equipaggio in meno, chi non ha potuto regatare ha ricevuto riparazione. Rientra nelle regole del gioco, sono regate aggressive dove possono esserci imprevisti e gli equipaggi sono pronti ad accettarlo. Nel pomeriggio invece - ha continuato D’Amico - abbiamo deciso di interrompere la regata quando due barche hanno avuto problemi, per avere il tempo di ripararle. Nel frattempo però le condizioni meteo sono peggiorate e abbiamo interrotto con vento sopra i 18 nodi e onda di un metro e mezzo in aumento, condizioni non più praticabili per gli equipaggi. Domani partiremo il prima possibile e cercheremo di fare il maggior numero di regate, ne mancano 13 e se il meteo ci assiste potrebbe essere fattibile concludere l’intero programma di 45 race”.


01/10/2016 23:12:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Il Centro Velico Caprera compie cinquant’anni

E per l’occasione ha presentato oggi a Milano il suo progetto di responsabilita’ ambientale, etica e sociale in partnership con realta' di eccellenza

Roma per 1: la vela "No Frills" di Riva di Traiano fa tendenza

Sette solitari e diciannove equipaggi in doppio. Al momento più della metà della flotta in partenza per la Roma per1/2/Tutti non è in equipaggio

Mini 6.50: Andrea Fornaro vince l’Arcipelago 650 in classe Proto

Di nuovo in coppia col canario Oliver Bravo de Laguna Fornaro sembra soddisfatto di questa prima regata italiana della stagione, nonostante le difficoltà dovute ad una messa a punto avvenuta praticamente in acqua

Morgan IV vince il Campionato Invernale di Vela d'Altura di Bari

Vincitori per la minialtura “Cocò” di Natuzzi Vitantonio con Marco Magrone al timone (CN Bari). A loro si aggiungono i vincitori delle diverse categorie e quelli della classe libera

La conclusione del CICO 2017 di Ostia

I titoli Italiani sono andati a Mattia Camboni (RS:X M), Francesco Marrai (Laser Standard), Joyce Floridia (Radial), Marta Maggetti (RS:X F), Ratti-Porro (Nacra 17), Tita-Zucchetti (49er)

Tavola rotonda al Porto Marina Cala de’ Medici con l’Assessore regionale Stefano Ciuoffo

Temi cardini integrazione Porto-territorio e del prossimo salone di Viareggio

Fincantieri: a Marghera al via i lavori in bacino per “Nieuw Statendam”

Il blocco dell’unità, lungo 11,3 metri, largo 34,8 e dal peso di 260 tonnellate, fa parte della sezione di centro nave di “Nieuw Statendam”, la cui consegna è prevista alla fine del 2018

L'Arcipelago 650 in salsa francese

All’1 e 44 minuti della mattina del 19 marzo i primi a tagliare il traguardo sono gli skipper di FRA 868 Alternative Sailing, i bravissimi Remì Aubrun e Nicolas Ferrelel

Regata Nazionale 420: prima giornata a secco di vento

Il ricordo per il giudice e arbitro di regata Flavio Marendon

Marina Cala de’ Medici diventa ora anche palestra di preparazione

Palestra di preparazione per gli armatori che hanno di recente acquistato i loro Mylius e si accingono alle prime prove in mare di regata, in attesa dei prossimi appuntamenti a livello italiano, europeo e mondiale

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci