martedí, 21 novembre 2017

MASCALZONE LATINO

Boston: quinto anno di scambio per due allievi della Scuola Vela Mascalzone Latino

boston quinto anno di scambio per due allievi della scuola vela mascalzone latino
redazione

È con grande piacere che la Scuola Vela Mascalzone Latino annuncia per il quinto anno consecutivo la partenza di due allievi e un istruttore alla volta di Boston (USA), una città che, grazie alla presenza di circoli altrettanto destinati a scopi sociali, si è gemellata alla perfezione con il progetto di Vincenzo Onorato, ormai prossimo al settimo anno di attività nella sua sede definitiva di Napoli. 
I ragazzi coinvolti nel programma PIB (Professionisti Italiani a Boston) Summer Event 2017 sono Giuseppe Masecchia e Alessio Garau, 16 e 15 anni, che saranno accompagnati dall'istruttore Salvatore Ercolano. Si tratta di due promettenti allievi, validi velisti ma dall’opposto profilo scolastico, che, con questa occasione, vengono premiati per l’impegno e la serietà dimostrata alla Scuola Vela. È ancora una volta infatti un’opportunità che viene offerta loro per conoscere il “nuovo mondo”, visitando una delle città culturalmente più fertili di attività universitarie e sportive ai massimi livelli, fra cui ben figurano il MIT Sailing Pavillon (legato appunto all’omonima sede accademica), il Courageous Sailing Center e il Community Boating Center. Un’occasione dalla quale si può tornare non solo più ricchi di esperienza e conoscenza, ma anche ben più “carichi” e motivati sopratutto dopo aver visto una comunità pulsante di giovani istruiti e in grado di realizzarsi velocemente grazie alla dinamicità della società americana. 
Per conoscerli meglio: Giuseppe vive ad Afragola e frequenta la Scuola Vela Mascalzone Latino dal 2013. Oggi si sta formando come prodiere a prua del 420; non ne vuole sapere di studiare, ma è volenteroso e ha una gran voglia di imparare e fare cose manuali. È un ragazzo agile con grandi qualità motorie: vederlo all'opera in barca o sul suo skateboard lascia tutti meravigliati.
Alessio è il suo timoniere. Un ragazzo posato, di grande intelligenza ma estremamente pigro. Non ama il latino, ma è molto bravo in matematica; passerebbe ore a giocare ai videogame.
Due adolescenti contrastanti ma che ben funzionano assieme in barca, per i quali lo scambio culturale a Boston sarà una grande opportunità per conoscere nuove realtà, capire cosa è importante per il loro futuro e, forse, riflettere su quale strada prendere negli studi.
Nel fitto programma che gli è stato riservato anche quest'anno, oltre alle regate nei principali club della città, è prevista la visita al museo delle scienze, all'acquario, alle principali università di Boston ma anche una gita fuori porta a Cape Cod e una giornata in classe in una scuola internazionale di inglese, tutto in compagnia degli amici del PIB. La partenza è programmata per domenica 9 luglio, mentre il rientro avverrà giovedì 20 luglio. In mezzo a queste esperienze, tre momenti di regata: martedì 11 luglio dalle 17.30 al MIT Sailing center, giovedì 13 luglio dalle 17.30 al Courageous Sailing Center e Venerdì alle 9.00 al Community Boating, con la classica cerimonia di premiazione finale al Consolato Generale d’Italia a Boston. 
Anche nel 2017 a supportare la spedizione dei Mascalzoni a Boston sono state le ditte locali Danforth Dental, FLS International School - Saraceni Family e Logo Mix. A ospitarli, come negli anni precedenti, gli amici Frank Facella, un dentista, e Giovanni Abbadessa, ricercatore medico e co-fondatore del PIB. La loro accoglienza è inoltre garantita da altri membri del PIB, e dalla famiglia Saraceni per quanto riguarda l’organizzazione e accompagnamento a diverse visite e attività.


08/07/2017 20:06:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Montura presenta la linea Keep Sailing

Linea di abbigliamento destinato alla nautica e all'agonismo velico ricca di soluzioni innovative e realizzata con tecnologie applicate per la prima volta nel mondo della vela

Invernale Riva di Traiano: i Big subito in evidenza

Sole, mare calmo e poco vento. Ma la regata si fa e brilla lo Swan 45 Aphrodite

Nauta firma il Tender 48’ dei cantieri Maxi Dolphin di Erbusco

Nasce come progetto di imbarcazione veloce da appoggio e connessione per un superyacht di maggiori dimensioni; è dotata di un bottazzo continuo e morbido di protezione che agevola l’appoggio alla barca “madre”

Riva Boutique: eccellenza e artigianalità per un Natale in grande stile

Lo store online ufficiale di Riva si arricchisce di nuovi accessori realizzati con lo stile e la qualità del cantiere mito della nautica mondiale, perfette idee regalo per le festività

L’Ocean Film Festival World Tour fa tappa a Roma

Kayak, surf, vela, esplorazione subacquea: una selezione di medio e cortometraggi per tutti gli appassionati di mare e avventura - Il 20 novembre al cinema Moderno ore 20:15

All'Arsenale della Marina Regia si presenta il progetto “Sirene nel blu tra mare e cielo”

Il progetto nasce dall’idea congiunta tra la Soprintendenza del Mare e “l’Associazione amici della Soprintendenza del Mare”, di volere attivare una campagna di sensibilizzazione rivolta al rispetto del mare

Terza giornata all'Invernale del Circeo

La classifica generale IRC dopo 5 prove e uno scarto vede in testa TAHRIBA l’Elan E5 dello skipper Francesco Di Diodato portacolori del Nautilus Yacht Club con al timone Pino Stillitano

Francesco Cappuzzo campione nazionale Wave Windsurf per la seconda volta

Il campione in carica ha prima battuto nella finale del single elimination il milanese Jacopo Testa, campione nazionale Freestyle 2017, giunto terzo, e nell'avvincente finale del double elimination ha sconfitto di misura Andrea Rosati

Besenzoni vince il Dame Design Award 2017

Besenzoni ha ottenuto il riconoscimento finale della sua straordinaria capacità di innovazione: la poltrona pilota P400 Matrix ha ricevuto il più prestigioso premio dato nell’industria marina

Nicolò Renna vince i Campionati Sudamericani Techno Plus

all’altra italiana Giorgia Speciale oro tra le femmine. Nel 2018 dovranno guadagnarsi la convocazione olimpica personale con i risultati conseguiti dopo 3 eventi internazionali

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci