giovedí, 22 febbraio 2018

470

Berta-Carraro e North Sails: un inizio di stagione in grande stile

berta carraro north sails un inizio di stagione in grande stile
redazione

Elena Berta e Sveva Carraro, atlete rispettivamente del C.C. Aniene e dell'Aeronautica Militare, sono reduci da un quinto posto overall nella World Cup Series di Hyeres, ottenuto anche grazie all'affermazione nella Medal Race. In regata con i profili North Sails, le due atlete della squadra azzurra hanno chiacchierato con noi in merito alla loro esperienza in 470 e all'imminente Campionato Europeo di Montecarlo.
Elena, Sveva, da quanto tempo avete iniziato l'esperienza in 470 insieme?
E: È ormai un anno e mezzo che regatiamo insieme: abbiamo iniziato ad agosto 2015. 
Le vostre esperienze, in termini di Classi Olimpiche, sono simili? 
S: Ci sono dei punti in comune, ma il percorso formativo è stato in realtà molto diverso: Elena ha fatto esperienza in Optimist, 420 e 470, mentre io provengo dal mondo del Moth Europa, che ho iniziato a circa tredici anni perché anche da piccolina ero già abbastanza prestante a livello fisico. Poi ho fatto la scelta di passare al 470.
L'inizio di stagione è stato per voi ottimo e a Hyeres è arrivata un'altra bella soddisfazione: in cosa è consistita la vostra preparazione invernale che vi ha poi portato a vincere l'Italiano e a ottenere il quinto posto sia a Palma de Maiorca che in Francia?
E: Durante l'inverno abbiamo scelto di fare una preparazione centrata sulla crescita del nostro binomio, quindi dopo alcuni allenamenti con il gruppo della Nazionale ci siamo concentrate più su noi stesse, anche grazie al supporto del nostro allenatore Paolo Mariotti, lavorando sui nostri punti deboli e sulla nostra sincronia. I risultati si sono visti: è tangibile il fatto che siamo riuscite a colmare alcune lacune che con la preparazione fatta insieme a altri equipaggi non riuscivamo a risolvere. C'è poi stato tanto lavoro anche sulla preparazione fisica, che sta portando ottimi frutti: in questo caso, la scelta della preparatrice è stata affidata in toto a Sveva e oggi siamo seguite dalla bravissima Francesca Keper. I nostri circoli ci forniscono un supporto essenziale nella preparazione, così come gli sponsor tecnici che seguono la nostra attività.
Quali sono i vostri punti di forza e su cosa, invece, c'è margine di miglioramento?
S: Anche a fronte di come sono andati i primi eventi di stagione, mi sento di dire che abbiamo una buona velocità in bolina e spesso le scelte tattiche si rivelano vincenti. Stiamo migliorando sulle partenze, che per noi sono sempre state un punto critico, e dovremo continuare a lavorare sulle andature portanti dove i margini di miglioramento sono notevoli. 
La vostra attività è seguita anche da North Sails, tra l'altro fornitrice delle vostre vele: com'è lavorare a così stretto contatto con una veleria?
E: Quella di continuare a lavorare con North Sails è stata una scelta facile, anche dettata dal fatto che, in un momento di crescita dell'equipaggio delicato come questo, anche i più piccoli dettagli fanno la differenza. La cura della barca, lo studio sulle vele, la scelta dei materiali non possono essere lasciati da parte. Con North Sails siamo tranquille perché abbiamo la garanzia di avere materiali di prima qualità e, soprattutto, i prodotti consegnati, pur essendo tecnicamente differenti l'uno dall'altro, sono sempre simili, per cui non si deve impazzire per capire come sfruttarne a pieno le potenzialità e trovare il setting ottimale. Un grande aiuto ci arriva dal nostro velaio di riferimento Giulio Desiderato, amico ed allenatore che ci dispensa sempre ottimi consigli: stare con North Sails garantisce un rapporto di fiducia. E' una costante che accomuna tutto il nostro mix di fornitori. 
In Italia il 420 è sempre molto attivo, voi siete un equipaggio che è di ispirazione per tanti giovanissimi nel mondo della vela: vi sentite di dare un messaggio a tutti coloro che scelgono di approcciarsi alla vela olimpica?
S: Sicuramente, prima di tutto, bisogna avere tanta pazienza, nel senso che la Classe Olimpica richiede costanza, voglia e impegno. Non bisogna scoraggiarsi se, inizialmente, come spesso succede, i risultati non arrivano subito o arrivano in modo scostante: ci si trova a regatare con gente che lavora sodo curando ogni piccolo dettaglio, non a caso si tratta di professionisti a tutti gli effetti. È comunque un ambiente molto bello, dove lo sport è il centro di tutto, dove gli stimoli sono tantissimi anche grazie al livello alto delle flotte. 
E: Bisogna anche scegliere il tecnico ed il gruppo di allenamento giusti, perché il passaggio dalla classe giovanile a quella Olimpica è molto forte, quindi è necessario avere a fianco una persona che sia in grado di accompagnare l'atleta in questo percorso. 


08/05/2017 21:24:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

La X-Yachts Med Cup 2018

L'evento che coniugherà un week end di regate a momenti di socializzazione tra armatori, si svolgerà nel golfo del Tigullio, a Chiavari nei giorni 18-20 Maggio

Wine: Prosecco e Chianti star sul web

Kristina Isso a Londra con la sua Prosecco House e Sting in Toscana hanno catalizzato l'attenzione sul web in questa settimana. Cordoglio per la morte di Bruno Giacosa, storico produttore di Barolo e Barbaresco. Due vini foggiani premiati in Giappone

Volvo Ocean Race: Turn the Tide on Plastic incontra barca alla deriva

Turn The Tide on Plastic ha avvistato Sea Nymph mercoledì 14 febbraio a circa 360 miglia ad est di Guam (VIDEO)

Nasce Seatec Academy, un centro di formazione per ingegneri e architetti nautici

In programma dal 5 al 7 aprile, IMM CarraraFiere lancia Seatec Academy un’offerta formativa rivolta ai professionisti della nautica da diporto che necessitino di CFP, Crediti Formativi Professionali

Ferretti Group conquista anche l’America

Al “Miami Yacht Show” il Gruppo espone 17 modelli, fra cui tre première per il mercato statunitense: Custom Line Navetta 33, Riva 56’ Rivale e Ferretti Yachts 920

Gommoni a gas e con tecnologia Foil il progetto di Coastal Boat e Newtak

Le due importanti innovazioni emerse, che potrebbero rivoluzionare il settore della nautica, sono HEB (Hybrid Ecological Boat) e FRB (Foil Rubber Boat).

De Magistris: “Nauticsud, bilancio positivo per l’economia del mare”

63mila presenze e trend positivo di vendite, il resoconto del 45° salone nautico di Napoli. Nauticsud Award 2018 per le aziende: Nautica Salpa, Coastal boat e Rivellini design

Fumo in spiaggia, la sfida verde di Bibione

Permane il divieto sulla battigia, mentre sotto l’ombrellone si punta a un patto con i turisti

Rinviata causa allerta meteo la ripresa del Memorial Pirini

È al comando il vincitore delle ultime due edizioni, Kismet, armato da Francesca Focardi e timonato da Dario Luciani, battente bandiera del circolo ospitante

Invernale West Liguria: vittoria per MC SEAWONDER

Seguito al 2° posto da ANGE TRASPARENT II di Valter Pizzoli (Yacht Club Monaco) e Terzo Classificato CRISTIANA TI. di Emilio Milanino (Yacht Club Aregai)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci