sabato, 20 gennaio 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

ferreti group    crn    volvo ocean race    azimut yachts    porti    vela    regate    fincantieri    yacht d'epoca    giovanni soldini    j24    porti turistici    ambiente   

NAUTICA

Benetti vara il nuovo Delfino 95

benetti vara il nuovo delfino
redazione


Il 30 novembre a Viareggio è stato varato il Delfino 95’, la prima unità della nuova linea di prodotto dislocante Class, pensata per armatori che desiderano estremo comfort e grande abitabilità, con l’alto livello di qualità tipico degli yacht Benetti.
Dopo il successo del Delfino 93’, di cui sono state vendute 14 unità, il cantiere ha deciso di intraprendere un nuovo progetto che fosse caratterizzato da una grande continuità degli spazi e da una distribuzione interna degli ambienti che ricorda quella di yacht di dimensioni maggiori. Dal punto di vista progettuale si tratta, quindi, di una barca costruita con l’intenzione di meravigliare per i volumi che offre: nonostante la lunghezza fuori tutto di 28,95 metri e una stazza inferiore alle 200 tonnellate (un armatore esperto è in grado di portarla senza l’aiuto del comandante), offre cabine molto grandi e può ospitare cinque persone di equipaggio. Dal punto di vista stilistico c’è stata una grande attenzione a tradurre tutti gli elementi funzionali in componenti di decoro e a progettare un light design unico e innovativo, grazie anche alla collaborazione con lo studio inglese Aqualuce. Gli interni sono stati arredati in stile moderno, con colori e atmosfere calde: il legno principale è il noce canaletto selezionato senza fiamma, intervallato da pannellature in pelle stampata. Il pavimento delle aree comuni è in legno, mentre nelle cabine è stata usata la moquette. Il marmo scelto è eramosa, caratterizzato da due tagli differenti, al verso e al contro, che fanno variare il disegno delle venature.
Il Lower Deck è dedicato agli ospiti e accoglie quattro cabine doppie, di cui due vip con letto matrimoniale, comunicanti tra loro attraverso una grande porta scorrevole, e due a letti gemelli. Ogni cabina ha il proprio bagno, mentre gli spazi destinati all’equipaggio prevedono cinque posti letto.
Il Main Deck, disegnato su unico livello, è caratterizzato da ambienti e forme regolari, per dare la possibilità di personalizzare gli spazi a proprio piacimento. Molto ampia è la cabina armatoriale wide body, che offre una larghezza di quasi 7 metri e una lunghezza di 3,20 metri. Inoltre ha un guardaroba separato, disegnato su specifica richiesta dell’armatore, mentre il bagno dispone di un grande vano doccia.
Il salone principale è invece contraddistinto da due grandi vetrati laterali che coprono l’intera lunghezza di questo ambiente, mentre la porta scorrevole di poppa regala un grande senso di continuità tra interno ed esterni. 
Grazie all’innovativo posizionamento in alto dell’intera zona di comando, è stato possibile concentrare tutta la zona servizi su unico ponte, in modo da rendere più pratiche e agevoli le operazioni dell’equipaggio e da garantire maggiore privacy a ospiti e armatore. La cucina è molto ampia (sia come calpestio sia come piano di lavoro), mentre la zona lavanderia è stata collocata a centro barca. L’Upper Deck è caratterizzato da un’ampia area relax, la classica zona prendisole, la timoneria, e, alle sue spalle, un’area pranzo con tetto apribile e suggestiva illuminazione per la sera, mentre l’estrema poppa ospita un salotto open air di dimensioni inedite. Il grande ponte in teak può essere arredato a seconda dei gusti e delle esigenze dell’armatore. Le zattere di salvataggio sono state integrate nella sovrastruttura, per non pregiudicare in nessun modo l’eleganza delle linee esterne.
Innovazione importante su barche di queste dimensioni, è stato concepito anche un Sun Deck con due divani, di cui uno riservato alla timoneria esterna, per dare la possibilità agli ospiti di godersi la vista durante la navigazione e al tempo stesso offrire una timoneria in più, che, grazie alla notevole altezza, può risultare utile soprattutto durante le operazioni di manovra.  
Il garage può ospitare un tender fino a 4,40 metri, mentre i motori sono due Man V8 da 1.000 cavalli ciascuno con i quali lo yacht raggiunge i 13,5 nodi.


04/12/2017 20:26:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Jules Verne: la sfida di Spindrift parte a mezzogiorno

Dovrebbe partire oggi il tentativo di Spindrift di conquistare il record sul giro del mondo in equipaggio detenuto da Francis Joyon con 40 giorni 23 ore e 30 minuti

Al via la seconda manche all'Invernale del Circeo

In IRC 1 primo CAVALLO PAZZO l'X35 di Enrico Danielli, che recupera su tutta la flotta dopo una partenza non brillantissima

Maggetti e Ciabatti a Miami per la Coppa del Mondo di Vela

"Finalmente nuovamente in gara" dichiara la Maggetti "L'ultima regata è stata in Giappone, lo scorso Settembre in occasione del Campionato del Mondo Assoluto, regata in cui sono riuscita aconquistare un importante 16mo posto"

Jules Verne: Spindrift disalbera ancor prima di partire

Il maxi-tri di Yann Guichard disalbera mentre era in trasferimento verso la linea di partenza per il tentativo di battere il record sul giro del mondo a vela senza scalo, Trofeo Jules Verne

Rete FVG Marinas Network: salgono a 20 i Marina aderenti

La Rete parteciperà alle principali Fiere nautiche europee “Esportiamo la passione per la nautica”

La terza tappa dell'Inverno in regata

Protagonisti indiscussi Il Pingone di mare III, Sarchiapone Fuoriserie e Ange Trasparent II

VOR: man overboard on leg leader Sun Hung Kai/Scallywag

Following a dramatic man overboard recovery on Sunday, Sun Hung Kai/Scallywag retain their lead in the race to Hong Kong.

La Four Oarsmen stabilisce il nuovo record mondiale nella Talisker Whisky Atlantic Challenge

La squadra ha completato questa epica sfida in 29 giorni, 14 ore e 34 minuti, battendo l’attuale record mondiale di 2 giorni e il record delle edizioni precedenti della gara di ben 5 giorni

VOR: uomo a mare sul leader Scallywag

Momenti di tensione a bordo di Sun Hung Kai/Scallywag, Alex Gough cade in mare ma viene recuperato dai compagni e il team rimane in testa. Alle spalle della barca di Hong Kong si lotta per le posizioni di rincalzo in buone condizioni meteo

1° Trofeo Nazionale Giangiacomo Ciaccio Montalto

Regata velica commemorativa in occasione del XXXV anniversario dall’omicidio del magistrato Giangiacomo Ciaccio Montalto

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci