giovedí, 16 agosto 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

pesca    rs feva    420    fiv    attualità    les sables-les açores-les sables    mini 650    turismo    circoli velici    luna rossa    farr 40    vela olimpica    nacra 17    optimist    windsurf   

BARCOLANA

Barcolana si presenta alla Dacia Arena nell’ambito degli eventi della Club House Udinese

Una sede d’eccellenza, nel cuore del Friuli, per presentare la Barcolana. Oggi la regata più affollata del mondo, in programma l’8 ottobre a Trieste e preceduta da dieci giorni di grandi eventi a terra e in mare – è stata ospite della Dacia Arena: a poco meno di un mese dall’evento, la regata è stata presentata nell’ambito degli appuntamenti della Club House dell’Udinese.
A fare gli onori di casa, sono stati la famiglia Pozzo e il Presidente Soldati, a presentare la regata il Presidente della Società Velica di Barcola e Grignano, Mitja Gialuz, assieme agli olimpionici triestini Roberto Vencato e Roberto Sponza, e al defender della regata, vincitore dell’edizione 2016, Furio Benussi.
“Ringrazio la famiglia Pozzo e l’Udinese – ha esordito il Presidente della SVBG Mitja Gialuz – per la possibilità di presentare la regata in questa splendida cornice: Barcolana e Udinese hanno in comune la passione per il Friuli Venezia Giulia e l’impegno a sviluppare l’economia e l’immagine della nostra splendida regione”.
Il Presidente Gialuz, assieme a Roberto Sponza – direttore del Marina di Porto San Rocco - e a Roberto Vencato – noto velaio a livello internazionale – hanno illustrato concept e ricadute economiche della Barcolana su tutta la Regione, parlando dello spirito unico dell’evento, capace di catalizzare l’attenzione a livello internazionale. Nel corso della presentazione, lo skipper e imprenditore Furio Benussi, vincitore dell’edizione 2016, ha lanciato la propria sfida per il 2017: “Vincere la Barcolana – ha dichiarato Benussi – è un’esperienza unica: credo non sia lontana, nel calcio, all’esperienza che prova l’attaccante quando segna il gol della stagione, quello decisivo. E’ per questo che, nel mio ruolo di Defender, assieme a un gruppo di imprenditori, alcuni dei quali friulani, formalizzo oggi l’acquisto di un Super Maxi da 87 piedi, con il quale punterò a vincere in assoluto questa edizione della regata”.
L’operazione di Benussi è stata chiusa nei giorni scorsi, con l’acquisto dell’imbarcazione, in perfetto tempismo per portare lo splendido yacht da Marsiglia, dove si trova attualmente, a Trieste. “L’operazione è stata delineata in modo millimetrico: lo scafo è un Reichel Plug, realizzato per un armatore tedesco, vincitore della Middle Sea Race - ha raccontato Benussi – domani inizieremo i lavori preparatori in cantiere a Marsiglia, e il 21 settembre la barca partirà per l’Italia. Uno scafo di questo tipo era necessario per difendere il titolo: abbiamo valutato infatti i potenziali competitor e la grande attenzione nei confronti dell’evento, e abbiamo cercato uno scafo in grado di essere veloce e performante, con una superficie velica adatta alle condizioni della Barcolana”.
“Barcolana – ha commentato Mitja Gialuz – è un evento in grado di creare entusiasmo, catalizzare attenzione e creare sinergie per raggiungere obiettivi molto complessi: ringrazio Furio Benussi per questo suo grande impegno, perché vincere la Barcolana è impegnativo, sia dal punto di vista sportivo che imprenditoriale”.
Barcolana ha tanti racconti e storie di mare: il grande campione e l’equipaggio creato per vincere naviga a fianco agli appassionati di vela e proprio questo mix crea il gigantesco romanzo collettivo che rende la regata unica al mondo. “Quest’anno – ha spiegato ancora Gialuz – abbiamo l’obiettivo di superare i duemila iscritti e raggiungere quel record che da anni stiamo costruendo: serve l’impegno e la volontà di tutti gli armatori, perché il segreto di Barcolana è che chi partecipa ha già vinto, perché tutti, davvero tutti, possono essere protagonisti”.
E’ il caso anche di Alberto Calligaris e Alison Crabtree, due friulani invitati alla presentazione di Barcolana, che hanno concluso a giugno il loro giro del mondo iniziato nel 2013: prima avevano partecipato con la loro imbarcazione per sette volte alla Barcolana, o il caso dei friulani Carlo e Alessandra Peano, affezionati velisti della Barcolana che lo scorso maggio grazie a Barcolana hanno potuto seguire dal vivo la Coppa America, vincendo il contest dedicato agli iscritti. “Barcolana rende tutti protagonisti, perché la regata è popolare, vera, unica: vi aspettiamo a Trieste, dal 29 settembre all’8 ottobre – ha concluso Mitja Gialuz, con 290 eventi dedicati a tutto il pubblico e a tutti i velisti della regata”.


10/09/2017 19:59:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Mini 650, SAS: Ambrogio Beccaria domina tra i Serie

Ecco la sua prima intervista una volta a terra. Il milanese, ha vinto entrambe le tappe e ha conquistato il titolo di Campione di Francia di Course au Large

Caorle, "Festa del Pesce": una sfida a colpi di sarde

La Festa del Pesce - A settembre l’evento culinario più tradizionale di Caorle (VE)

Mondiali Aarhus: Carolina Albano qualifica l'Italia nel Laser Radial a Tokyo 2020

L’Italia conquista oggi ad Aarhus la terza qualifica per le Olimpiadi di Tokyo 2020! Si tratta del Laser Radial e a compiere l’impresa è stata la giovane Laserista triestina Carolina Albano (CV Muggia) non ancora ventenne

Nacra 17: oro per l'Italia ai Mondiali di Aarhus

La coppia formata da Ruggero Tita e Caterina Banti ha vinto il titolo della classe Nacra 17 al termine della 'medal race' di oggi

Mondiali Aarhus: sei le classi qualificate per Tokio 2020

Triplete per Tita-Banti che aggiungono il titolo mondiale all'europeo e all'italiano già conquistati nel 2018

Tokio 2020: altre 3 qualifiche per l'Italia ai mondiali di Aarhus

L’Italia è qualificata alle Olimpiadi di Tokyo 2020 anche nelle classi RS:X maschile, RS:X femminile con Marta Maggetti e il Nacra 17 con Ruggero Tita e Caterina Banti

Techno 293: 3 volte Campioni del mondo con Speciale, Graciotti e Renna

Mondiale da incorniciare per gli azzurri quello appena conclusosi a Liepāja in Lettonia.

Iniziati a Newport i mondiali classe 420

In rappresentanza dell’Italia nella classifica Open con 73 iscritti provenienti da 15 nazioni abbiamo 7 equipaggi:

Benetti vara lo "Spectre", nuovo omaggio a James Bond

Lo scafo, concepito dallo studio olandese Mulder Design, punta a ottenere prestazioni straordinarie per yacht di queste dimensioni e dispone della nuova tecnologia Ride Control di Naiad Dynamics

Gargnano festeggia l'argento di Waink e Gambarin

Ferragosto di festa al Circolo Vela Gargnano-lago di Garda grazie a Michelle Waink e Claudia Gambarin, vice campionesse d'Europa 29Er alle regate disputate sul mare finlandese di Helsinki

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci