martedí, 30 maggio 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

turismo    michele zambelli    regate    j/70    ostar    coppa america    fraglia vela riva    fincantieri    vela day    marina di varazze    motonautica    yacht club italiano    porti    j24    centri velici    nautica    cnsm    cinquecento    meteor   

NAUTICA

Azuree 41 e Euphoria 68 doppio debutto a Cannes

azuree 41 euphoria 68 doppio debutto cannes
redazione


LA FILOSOFIA PROGETTUALE - La crisi nel mondo della nautica si combatte e si vince con poche ma efficaci armi: qualità senza compromessi, eccellenza progettuale, passione e “visione strategica”. Lo dimostra Sirena Marine, il cantiere turco che in 10 anni di attività – i più duri nella storia della cantieristica navale - ha varato 350 imbarcazioni (tra vela e motore), lanciato due brand di successo internazionale e conquistato un’importante fetta di mercato. Orgoglioso dei successi e dell’apprezzamento di pubblico e stampa specializzata il cantiere, Sirena Marine è stato fondato dalla famiglia Kıraç nel 2006 come fornitore d’imbarcazioni per uno dei più importanti shipyard a livello mondiale.

Attualmente produttore dei brand Azuree ed Euphoria, il cantiere è lieto di annunciare importanti ed innovative strategie per il futuro che consolideranno il nuovo approccio “brand oriented” e amplieranno la presenza a livello internazionale.

Sirena Marine è già presente in Europa, USA, Hong Kong, Australia e Cina.

 

2010 - 2013: LA NASCITA DI AZUREE ED EUPHORIA – Il Consiglio di Amministrazione della società (attivo anche nei settori automotive e ferroviario) nel 2010 decise che Sirena Marine aveva ormai raggiunto le competenze e la forza necessarie per lanciare un proprio brand. La capacità di lavorare in maniera impeccabile il GRP (vinilestere) con la tecnica dell’infusione sotto vuoto, l’utilizzo di macchinari, tecnologie e apparecchiature all’avanguardia, il know-how accumulato in tanti anni di boat-building e l’indiscussa perizia artigianale delle maestranze turche, uniti al genio dei progettisti, si traducono in barche realizzate 100% “in house”.

La decisione presa si orientò sulla vela e non lasciò spazio a fraintendimenti: bisognava realizzare una barca che spiazzasse le concorrenti - bella, confortevole, marina, ma anche divertente e performante. E per riuscirci esisteva una sola strada, unire l’eccellenza artigianale e l’esperienza delle maestranze turche con i migliori progettisti dello yachting internazionale. Detto fatto: l’Azuree 40’ - designer Giovanni Ceccarelli - ebbe un successo strepitoso, con circa 40 unità vendute. Questo nuovo marchio fu catapultato sotto i riflettori del mondo nautico: si trattava infatti della prima barca con caratteristica da regata quali scafo a spigolo e carena derivata da imbarcazioni da regata oceanica. Era l’inizio di una nuova gamma e di una nuova era per il cantiere che cominciava a camminare con le proprie gambe.

In seguito, la linea Azuree amplia la sua offerta con il 33-piedi, uno yacht dalla solida struttura con una carena rinforzata in carbonio e disponibile in due modelli; Fast Cruiser e Cruiser e viene eletta “Barca dell’Anno” 2010 dalla rivista italiana Vela&Motore soprattutto per essere stata la prima barca sotto i dieci metri con doppio sistema di timoneria pala-ruota.

Da quando Miss Ä°pek Kıraç entrò in Sirena Marine nel 2012, la strategia della società ha compiuto importanti passi in avanti, rafforzando la sua presenza internazionale grazie a collaborazioni con Designer coinvolti in nuovi progetti e a nuovi sforzi per consolidare il marchio nel mercato.

Azuree 46’, firmato da Rob Humphreys, segna la svolta internazionale del brand e rappresenta il primo outcome della nuova strategia. L’ammiraglia della performante serie Azuree riceve in breve tempo una grande attenzione da parte della stampa internazionale e si aggiudica inoltre numerosi trofei in gare quali il Fastnet, Spi Ouest, King’s Cup, IMS European Championship e la Spanish Royal Cup.

 

Per perseguire l’obiettivo strategico stabilito dal nuovo management, Sirena Marine investe risorse e finanze (fatturato complessivo 30 M di euro annuali e ben 25 M di euro investiti nel corso degli ultimi 5 anni), sia per sviluppare il cantiere di Bursa Orhangazi (che oggi dà lavoro a 550 persone e si sviluppa su un’area di 155.000 mq dei quali 35.000 mq sono coperti) tra più tecnologicamente all’avanguardia del Mediterraneo, sia per ampliare la gamma produttiva, lanciando sul mercato il brand Euphoria nel 2013.

 

Euphoria è una raffinatissima linea di yacht semi-custom da 54’ a 84’ destinata a una clientela esigente, esperta e competente. Ancora una volta, le firme sono il top in circolazione: Germán Frers, progettista argentino autore di centinaia di scafi celebri (lo Stealth di Giovanni Agnelli, Luna Rossa, Il Moro di Venezia…) e Design Unlimited, uno dei più rinomati studi di architettura di interni, molto attivo anche nel mondo dei superyacht.

Le imbarcazioni prodotte da Sirena Marine sono eccezionalmente belle, marine (certificazione CE A), confortevoli, iper rifinite e contemporaneamente veloci e performanti, per accontentare sia il crocerista puro, sia quello in cerca di “brividi” sportivi. Caratteristiche vincenti delle linee Azuree ed Euphoria sono coperta flush deck con manovre a scomparsa, alta opera di ingegneria navale dello scafo, timoni custom made, albero, boma e winch di fornitori/partners di altissimo livello, finiture di primissima qualità, design moderno e accattivante, volumi sfruttati al centimetro per offrire soluzioni abitative degne di yacht di taglia decisamente superiore e un ampio ventaglio di personalizzazioni.

 

LA LINEA AZUREE COMPRENDE ATTUALMENTE I SEGUENTI MODELLI

33’ (Ceccarelli – Sirena Marine), 41’ (Humphreys –Spadolini), 46’ (Humphreys –Sirena Marine)

 

LA LINEA EUPHORIA COMPRENDE ATTUALMENTE I SEGUENTI MODELLI

54’ (Frers – Design Unlimited), 68’ (Frers – Design Unlimited), 84’ (Frers)

CANNES 2016 – DOPPIO DEBUTTO MONDIALE DI AZUREE 41’ ED EUPHORIA 68’

Sirena Marine sarà al Cannes Yachting Festival 2016 (6 - 11 settembre) con entrambi i brand Azuree ed Euphoria, svelando due imbarcazioni di grande impatto e indiscusso fascino che – nelle rispettive categorie – emergono per l’altissima qualità, il concept generale innovativo e funzionale, il confort senza compromessi e le eccellenti prestazioni veliche.

 

LO SPORT INCONTRA IL COMFORT: AZUREE 41’

Per questo 12 metri Rob Humphreys (ingegnerizzazione JIB Design) ha tratto ispirazione dalla sua precedente “creatura” di 46’, riuscendo a riproporre le soluzioni tecnico / progettuali che hanno fatto il successo dell’ammiraglia della gamma su un’imbarcazione di taglia decisamente più piccola. Azuree 41’ - con ben quattro unità già vendute - arriva quindi sul mercato con la grinta di un progetto innovativo, riuscito e certamente vincente nella sua categoria. Perfetto testimonial della filosofia produttiva di Sirena Marine, il performance cruiser realizzato in vinilestere - con la tecnica dell’infusione sotto vuoto - e rinforzi in carbonio (decisamente più leggero e performante dei diretti concorrenti), è studiato per essere veloce con vento leggero ma contemporaneamente potente e stabile quando l’aria rinforza. Sotto coperta Tommaso Spadolini ha sfruttato al massimo i volumi con soluzioni di stile eccellenti tra le quali spicca l'integrazione dell'albero nelle strutture sotto coperta così da proporre spazio senza confini, offrendo due diverse soluzioni “abitative”, entrambe con tre cabine più cala vele (confort mai visto prima su un 41’). L’uso di legni chiari e finiture di pregio e le ampie vetrature che illuminano gli ambienti interni completano questo fast cruiser, ideale per la crociera ma sempre pronto a confrontarsi con chiunque.

 

BRIEF SPECS - LOA 12.5 m, LWL 11,58 m, Baglio massimo 3.93 m, Pescaggio standard 2.4 / optional 2.0m, Dislocamento 8.600 kg, Superficie velica totale 100 mq

LA CLASSE È (IN) ACQUA: EUPHORIA 68’

Il designer argentino Germán Frers e lo studio britannico Design Unlimited firmano l’ultima nata della linea semicustom che, come le altre della gamma, si rivolge a una clientela sofisticata ed esigente, offrendo un ampio margine di customizzazione, sia nel layout interno sia nel rigging e nel pescaggio. L’opera viva ottimizzata, la coperta sgombra dalle manovre, le ampie e sicure aree a disposizione degli ospiti, la configurazione con twin rudder e un dislocamento distribuito lungo tutta la lunghezza al galleggiamento rendono la barca potente ma contemporaneamente stabile e confortevole in qualsiasi andatura e condizione, garantendo lunghe e piacevoli crociere.

Vero e proprio superyacht – la prima unità già consegnata al suo armatore - l’Euphoria 68’ continua a stupire all’interno, dove il tocco raffinato di Design Unlimited è immediatamente riconoscibile: grandi fasce vetrate, tre opzioni di layout per accontentare qualsiasi esigenza, essenze di pregio e una palette di colori chiari e naturali che conferiscono all’ambiente freschezza e contemporaneità. Se al gusto squisito sommiamo la facilità di gestione e gli ampi spazi riservati allo storage otteniamo una perfetta blue-water boat, ideale per viaggiare il mondo. Con classe.

 

BRIEF SPECS - LOA 21.04 m, LWL 19.53 m, Baglio massimo 5.81 m, Pescaggio standard 3,8 / optional 2.40m, Dislocamento 32.000 kg, Superficie velica totale 265 mq

Intenzionata a calcare – e a conquistare - una scena a oggi presidiata da pochissimi “attori”, Sirena Marine ritorna al motore, in un segmento che conosce molto bene, avendo negli anni prodotto e progettato centinaia di motoryacht di successo. I pochi dettagli conosciuti di un progetto ancora rigorosamente top secret sono la presenza di progettisti di fama mondiale e la produzione già avviata di imbarcazioni di due modelli distinti che saranno svelate nei prossimi Saloni di Dusseldorf e Miami, nel 2017.


14/07/2016 13:45:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Caorle: la Cinquecento ha il suo "Angelo Negro"

Matteo Miceli al via in doppio su Black Angel di Paolo Striuli. E minaccia di cantare....

Salina Sailing Week 25/28 Maggio

Sarà una edizione con una leggera contrazione numerica dovuta alla immediatamente successiva tappa di Trapani dei Beneteau 25

Monfalcone: un "College" per imparare la vela alla Scuola Vela Tito Nordio

La Scuola Vela Tito Nordio dello Yacht Club Hannibal, la prima Scuola Vela riconosciuta dalla Federazione Italiana Vela è organizzata con il sistema del “college inglese”

La Cinquecento: Lazy guida la flotta a Sansego

Lazy di Mueller/Hanakamp insieme a Rocket I di Gianluca Chini/Alberto Taddei, guidano la corsa e sembrano marcarsi piuttosto stretti, dando vita a un appassionante match-race

Dicono sia iniziata l'America's Cup

Partita l'America's Cup, ma non se ne è accorto quasi nessuno

I Mini 6.50 ricordano Simone Bianchetti

200 miglia in Adriatico per un Trofeo dedicato allo skipper romagnolo

Il Wider 150, rinominato M/Y ‘Bartali’, è di nuovo in acqua e pronto per la consegna

"Il team Wider ha lavorato intensamente, facendo anche turni extra negli ultimi due mesi per assicurare il completamento delle modifiche richieste e rispettare la data di consegna concordata con il nuovo proprietario"

Lauderdale Yacht Club è il vincitore del XXXI Trofeo Marco Rizzotti

Sul podio anche la Nazionale Italia, uscita sconfitta solamente dallo scontro diretto con Lauderdale, e LISOT New York

E' tornata in Italia "Fiamma Nera", la barca del Duce

Ritorna in Italia “Fiamma Nera”, l'imbarcazione appartenuta a Benito Mussolini, che ha attraccato ieri sera al Porto di Roma

Benetti vara il nuovo BF104 MY Lejos 3

M/Y “Lejos 3” è la quarta unità del fortunato modello Fast 125’ e sarà consegnato all’armatore nei prossimi mesi

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci