lunedí, 21 agosto 2017

NAUTICA

Azimut Yachts accelera la crescita: +15% a valore nei primi 4 mesi dell’anno

azimut yachts accelera la crescita 15 valore nei primi mesi dell 8217 anno
redazione

La stagione nautica si prospetta decisamente positiva per Azimut Yachts, il brand del Gruppo Azimut Benetti che quest’anno, secondo il Global Order Book 2017*, si è classificato per la 17° volta primo produttore mondiale di yacht di lusso sopra i 24 metri, con 2.594 metri di yacht prodotti. La divisione Azimut Yachts, che è focalizzata sulle imbarcazioni dai 12 ai 35 metri e che sviluppa circa il 50% del totale fatturato del Gruppo, nei primi quattro mesi dell’anno nautico (Settembre – Dicembre 2016) ha viaggiato, infatti, a velocità doppia rispetto al mercato registrando una raccolta ordini di oltre 221 milioni di euro.
A fronte di un mercato che, secondo le stime, è cresciuto dell’8% a valore, la divisione ha visto un trend di crescita del +15% a valore rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, aumentando conseguentemente la propria market share a livello globale. Infatti, dopo una crescita del +7% registrata già lo scorso anno nel mercato US, arrivano buoni segnali anche in MEA (+12%), Asia Pacific (+18%), Europa (+25%). Le migliori performance sono state registrate in Brasile, mercato che cresce del +28% e dove Azimut Yachts accresce la propria posizione di leadership indiscussa grazie ad una strategia lungimirante di creazione di un hub internazionale per il continente americano.
Gli ottimi risultati di Azimut Yachts sono stati trainati sia dalle barche di grandi dimensioni (> 80’), che segnano un +27% a valore, sia dai segmenti di barche di minori dimensioni (< 45’) che aumentano del +18 % a valore.
La crescita a doppia cifra a livello globale è frutto sia di un’attenta strategia commerciale, fondata sul presidio diretto dei mercati in partnership con i migliori operatori di volta in volta presenti sui territori, sia di un costante lavoro di sviluppo e ricerca, fondamentale per porsi come marchio innovativo (per il triennio 2016-2019 il Gruppo ha destinato complessivamente 100 milioni di euro alle attività di R&D). L’attenzione all’innovazione e alla tecnologia, infatti, fanno parte del DNA dell’azienda e le hanno consentito di posizionarsi fin da subito come apripista sul mercato lanciando barche che hanno fatto la storia della nautica.

Uso sistematico del carbon-tech

Attualmente, l’azienda sta investendo in modo sistematico sull’uso estensivo della fibra di carbonio, che è già realtà su un numero ampio di prodotti in gamma, dal più piccolo, un 16 metri, fino alla nuova flagship di gamma, il Grande 35 Metri, ormai prossimo al varo. La svolta in tal senso è rappresentata dall’investimento fatto dal Gruppo nel nuovo forno di “postcuring”, costruito presso l’Head Quarter di Avigliana (Torino) che permette di internalizzare i processi di produzione legati alla fibra di carbonio per i modelli realizzati nel cantiere di Avigliana. L’azienda si posiziona in tal modo come il primo grande player al mondo nella propria Industry. Le proprietà meccaniche dei compositi in carbonio sono tali da consentire una riduzione importante del peso dei manufatti in funzione degli obiettivi del progetto, e questi - in molti settori - sono legati all’aumento delle performance. A seconda dalle resine utilizzate si raggiungono alleggerimenti del 20%-40%; questa opportunità è stata colta da Azimut in ampio anticipo rispetto all’Industry di riferimento e non con l’obiettivo di offrire velocità di punta maggiorate, ma di aumentare il comfort (più spazi vivibili preservando eccellenti livelli di stabilità dinamica) che si può apprezzare a bordo, vero driver di acquisto della clientela. Il know-how messo a punto in questi anni è estremamente articolato perché ha richiesto importanti investimenti sia in progettazione sia in ingegneria di processo, con un maggior costo complessivo per la laminazione dei manufatti in carbonio (+40%) che l’azienda ha scelto di non far ricadere sul cliente finale dandosi lo sfidante obiettivo di ridurlo nel medio termine grazie a visione di gamma ed economie di scala.

Supremazia produttiva

La supremazia produttiva, garantita da questo approccio fortemente sperimentale e tecnologico ed espressa attraverso la costante proposta di modelli nuovi, consentono ad Azimut Yachts di partecipare da protagonista ai più importanti eventi di settore a livello internazionale. Solo nei primi quattro mesi dell’anno nautico, infatti, il brand ha presenziato a ben 20 saloni, da Cannes a Southampton, da Newport a Barcellona, da Annapolis a SanPaolo per citarne alcuni, mettendo a display 110 barche. In particolare nei 2 grandi saloni curati direttamente dal brand (Cannes/Flibs) Azimut Yachts ha mostrato una forte presenza con 35 barche esposte. In particolare, il fiore all’occhiello della collezione Flybridge, il 66Fly, presentato nel gennaio 2016 al Salone di Düsseldorf, in meno in un anno ha già venduto 44 unità.
Al prossimo Düsseldorf Boat Show, in scena dal 21 al 29 gennaio 2017, il cantiere italiano esibirà ben 7 modelli, a coprire quasi tutte le collezioni Azimut Yachts: dal 14 metri Atlantis 43 – dalla classe indiscutibile, sportivo ma con stile – al 24 metri 77S – caratterizzato dall’eleganza sportiva, aggressivo e di classe allo stesso tempo.
In particolare a Düsseldorf, il pubblico potrà ammirare il layout alternativo di Azimut 50, da sempre pezzo forte della collezione Fly, in questo caso dotato di cucina sul ponte principale e di una pantry sottostante, uno spazio storage addizionale pronto per alloggiare elettrodomestici e fare cambusa comodamente. L'unità esposta al salone presenta anche i nuovi divani da esterno che Azimut ha fatto disegnare appositamente per offrire il comfort tipico dei divani di casa anche quando ci si accomoda sul flybridge, che - nel caso del 50 - si fa terrazza sul mare con una superficie di quasi 20 metri quadri.
Gli estimatori di questo prodotto potranno pertanto scegliere la versione più congeniale al loro utilizzo, con galley sul main deck o nel lower deck, ulteriore esempio di flessibilità e capacità produttiva del Cantiere per offrire sempre prodotti all’avanguardia.
Il 2017, infine, vedrà 6 nuovi lanci con cui il brand stupirà il mercato e che andranno ad aggiungersi ai 26 modelli attualmente in produzione, per un’offerta considerevole di 32 prodotti. Tra le novità, ci saranno l’S7, il 27MT e il 35MT. Questi ultimi due modelli, in particolare, hanno già raccolto i primi ordini ancora prima della presentazione ufficiale: sono, infatti, quattro le unità già vendute per il 35 MT e sette quelle per il 27MT.


22/01/2017 11:52:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Adelasia di Torres alla Maxi Yacht Rolex Cup

A settembre il team sardo parteciperà alla prestigiosa regata organizzata dallo Yacht Club Costa Smeralda

Turismo: a Fiumicino la tradizionale processione a mare dell'Assunta

Ferragosto:a Fiumicino la Processione a mare dell'Assunta Attesi al rito migliaia di romani su banchine porto canale

La regata di Santa Chiara al Circolo della Vela Marciana Marina

Nella classe Optimist Categoria Cadetti (nati negli anni 2006/2008) il primo posto della classifica è stato conquistato dal timoniere milanese Francesco Castelli che non ha avuto praticamente rivali

Volvo Ocean Race: verso Lisbona con Mapfre al comando

La flotta della VOR è quasi tutta compatta all'altezza di Capo Finisterre con Mapfre che guida le danze cercando la vittoria nella Leg Zero

Volvo Ocean Race, Alberto Bolzan: "Perché ho scelto Team Brunel"

Alberto Bolzan è già da alcune settimane impegnato a bordo del VOR 65 battente bandiera dei Paesi Bassi con il quale ha completato la Leg Zero

La Centomiglia gioca con il territorio del Garda

L'appuntamento con le regate in tutti i vari week end di settembre

Primo Rally della Laguna Sud

La prima tappa partirà da Chioggia, sabato 26 agosto alle 11.00 (Raduno alle 09.00 Darsena Mosella) e, attraversando la laguna sud, terminerà a Malamocco

Domenica il Trofeo Formenton TAG Heuer Vela Cup

Anche il pluricampione Tommaso Chieffi alla regata delle vacanze; quest'anno Vittorio Codecasa, con lo Swan 45 Jeroboam Ca’Nova, potrebbe aggiudicarsi per la terza volta il Trofeo

È iniziato il countdown della XIII Palermo-Montecarlo

Saranno 44 nell’edizione numero XIII le barche sulla linea di partenza lunedì 21 agosto, di cui 20 straniere in rappresentanza di 9 Paesi

I Campionati del Mondo MicroClass di Annecy

73 barche già iscritte ad una settimana dal via è un record assoluto per la Micro Class. 3 continenti e 10 nazioni rappresentate sono un ottimo biglietto da visita

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci