martedí, 21 novembre 2017

J/70

Audi J/70 World Championship: Relative Obscurity nettamente al comando

audi 70 world championship relative obscurity nettamente al comando
redazione

Penultimo giorno di regata all'Audi J/70 World Championship organizzato dallo Yacht Club Costa Smeralda in collaborazione con la J/70 International Class, il Title Sponsor Audi e il supporto dell'Official Sailmaker Quantum Sails.
Alle ore 11 il comitato di regata ha dato il via alle procedure di partenza con vento da ovest di circa 12 nodi saliti a 15 nel corso della regata. Nella Gold Fleet si è imposto Power Play di Peter Cunningham, yachtsman esperto che in passato ha già regatato a Porto Cervo nella 52 Super Series. In grande evidenza gli americani di Relative Obscurity (Duncan-Diaz de Leon) i quali, con il secondo posto odierno, si portano nettamente al comando della classifica provvisoria del Mondiale con un ruolino di marcia di livello assoluto: 3-1-1-2 per un totale di 7 punti, ben 10 di vantaggio sugli spagnoli di Fermax (Martinez Doreste - Martinez) oggi quarti. Il terzo posto in classifica generale provvisoria è di Petite Terrible #Audi (C.Rossi- Paoletti) a pari punti con un altro italiano, Notaro Team di Luca Domenici.
Jud Smith, già campione mondiale Etchells e tattico di Relative Obscurity ha così commentato: "Il Maestrale di oggi era più leggero, noi abbiamo pensato che la destra pagasse e così è stato. In tanti anni non ho mai visto una flotta di monotipi a chiglia così numerosa, ma va detto che regatiamo in due gruppi da 80 barche, un numero simile al mondiale dello scorso anno. Penso che questa barca sia così popolare perché adatta a tutti, senza distinzioni di genere ed età, è bello vedere tanti equipaggi di giovanissimi!".
Relative Obscurity, Audi J/70 World Championship 2017. Foto credits: YCCS/Kurt Arrigo
Oggi le 162 barche, record assoluto per un Campionato Mondiale di sportboat, hanno regatato suddivise in Gold e Silver Fleet, sulla base della classifica stilata ieri dopo tre "voli" che hanno consentito di compiere un Round Robin completo a ciascuno dei quattro raggruppamenti in cui erano state suddivise. I punteggi acquisiti durante i Round Robin vengono conteggiati ai fini della classifica finale in entrambe le flotte.
Terminata regolarmente la prima prova, il Comitato ha riposizionato il campo in funzione della rotazione a sinistra del vento e, dopo un richiamo generale nella Silver, entrambe le flotte sono regolarmente partite in successione. Il vento ha continuato a ruotare e diminuire quando, nel corso dell'ultima bolina, il Comitato si è visto costretto ad annullare la regata in corso. Dopo una paziente attesa che si stendesse il nuovo vento da sud, è stato issato il segnale "AP over A" rimandando tutti in porto.
Fermax, Audi J/70 World Championship 2017. Foto credits: YCCS/Kurt Arrigo
Nella categoria Corinthian, l'unica prova disputata ha visto Gianfranco Noè su White Hawk come miglior piazzato (13°),  posizione che gli vale l'ottavo posto in classifica generale. Nella Silver Fleet affermazione odierna dei tedeschi di Paint It Black di Michael Grau davanti a Piccinina di Stefano Roberti, portacolori dello Yacht Club de Monaco. La classifica provvisoria della Silver Fleet vede al comando Norwegian Steam di Eivind Astrup con ben 29 punti di vantaggio di Paint It Black. Terzo e primo dei Corinthian Noberasco Das di Alessandro Zampori.
Petite Terrible #Audi, Audi J/70 World Championship 2017. Foto credits: YCCS/Kurt Arrigo
Questa sera i team hanno festeggiato in Piazza Azzurra in occasione del Crew Party organizzato dallo YCCS.
Domani le regate riprendono alle ore 10, con un'ora d'anticipo rispetto al programma iniziale. Le previsioni meteo indicano un vento di circa 15 nodi da ovest.


15/09/2017 21:15:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Montura presenta la linea Keep Sailing

Linea di abbigliamento destinato alla nautica e all'agonismo velico ricca di soluzioni innovative e realizzata con tecnologie applicate per la prima volta nel mondo della vela

Invernale Riva di Traiano: i Big subito in evidenza

Sole, mare calmo e poco vento. Ma la regata si fa e brilla lo Swan 45 Aphrodite

Nauta firma il Tender 48’ dei cantieri Maxi Dolphin di Erbusco

Nasce come progetto di imbarcazione veloce da appoggio e connessione per un superyacht di maggiori dimensioni; è dotata di un bottazzo continuo e morbido di protezione che agevola l’appoggio alla barca “madre”

Riva Boutique: eccellenza e artigianalità per un Natale in grande stile

Lo store online ufficiale di Riva si arricchisce di nuovi accessori realizzati con lo stile e la qualità del cantiere mito della nautica mondiale, perfette idee regalo per le festività

L’Ocean Film Festival World Tour fa tappa a Roma

Kayak, surf, vela, esplorazione subacquea: una selezione di medio e cortometraggi per tutti gli appassionati di mare e avventura - Il 20 novembre al cinema Moderno ore 20:15

All'Arsenale della Marina Regia si presenta il progetto “Sirene nel blu tra mare e cielo”

Il progetto nasce dall’idea congiunta tra la Soprintendenza del Mare e “l’Associazione amici della Soprintendenza del Mare”, di volere attivare una campagna di sensibilizzazione rivolta al rispetto del mare

Terza giornata all'Invernale del Circeo

La classifica generale IRC dopo 5 prove e uno scarto vede in testa TAHRIBA l’Elan E5 dello skipper Francesco Di Diodato portacolori del Nautilus Yacht Club con al timone Pino Stillitano

Francesco Cappuzzo campione nazionale Wave Windsurf per la seconda volta

Il campione in carica ha prima battuto nella finale del single elimination il milanese Jacopo Testa, campione nazionale Freestyle 2017, giunto terzo, e nell'avvincente finale del double elimination ha sconfitto di misura Andrea Rosati

Besenzoni vince il Dame Design Award 2017

Besenzoni ha ottenuto il riconoscimento finale della sua straordinaria capacità di innovazione: la poltrona pilota P400 Matrix ha ricevuto il più prestigioso premio dato nell’industria marina

Nicolò Renna vince i Campionati Sudamericani Techno Plus

all’altra italiana Giorgia Speciale oro tra le femmine. Nel 2018 dovranno guadagnarsi la convocazione olimpica personale con i risultati conseguiti dopo 3 eventi internazionali

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci