martedí, 21 novembre 2017

NAUTICA

Arcadia Yachts svela un futuro ricco di importanti novità

arcadia yachts svela un futuro ricco di importanti novit 224
redazione


Al Cannes Yachting Festival 2017, ARCADIA YACHTS ha presentato in esclusiva le sue ultime rivoluzionarie novità.
Ancora una volta il moderno cantiere sempre più simbolo della nautica dell’area di Capri, Sorrento e Pompei rompe gli schemi e lo fa dalla sua straordinaria Lounge all’interno del Vieux Port di Cannes. Tutto fa pensare al mare, all’immersività nella natura - che gli yacht ARCADIA offrono - alla completa armonizzazione tra uomo e ambiente: perché lo yacht ARCADIA va oltre, abbandonando il concetto di palazzo galleggiante per abbracciare il mare con i suoi profumi e suoni.
Anche la Lounge ARCADIA a Cannes rispecchia la filosofia rivoluzionaria del cantiere e la sua volontà di rompere gli schemi per andare oltre la tradizione, creando anche qui un’atmosfera immersiva nell’ambiente marino con un’opera ispirata ad un sub che con sguardo ammirato, osserva gli yacht ARCADIA esposti in banchina.
 
ARCADIA E LA YACHTING REINASSANCE
A 7 anni dalla sua nascita, il cantiere ARCADIA YACHTS - che nel 2010 ha rivoluzionato il mercato nautico internazionale con le sue imbarcazioni dal design unico -  ha il piacere di annunciare il suo nuovo corso - la “Yachting Reinessance”.
Dopo la sua introduzione ufficiale, ARCADIA YACHTS continua a implementare con successo il concetto di Yachting Reinassance, concettualizzato 7 anni fa con la nascita del cantiere e formalizzato negli ultimi mesi.
Il concetto ”Arcadiano” di Yachting rinascimentale si basa sulla centralizzazione della figura dell’armatore, sulla creazione degli spazi che lo avvolgano, che gli permettano di vivere pienamente la natura che lo circonda. L’idea è di partire dall’Armatore e dall’uso che farà dell’imbarcazione, non dalla forma dello scafo.
In uno yacht ARCADIA il navigare per mare cambia completamente di significato e di sensazioni: non è più solo un’occasione di godere del cullare dell’acqua, ma consente di entrare a stretto contatto con il paesaggio circostante praticamente da ogni punto di vista.
Gli ampi spazi aperti permettono di immergersi nell’ambiente marino, gli aft-deck di gran lunga più spaziosi della media creano un tutt’uno tra lo yacht e il mare, quasi questo fosse un naturale prolungamento dell’imbarcazione. Le grandi finestrature a tutta altezza, le aperture laterali e le innovative vetrate che si alzano e si abbassano come i vetri di un’automobile, generano degli spazi in cui il confine tra esterno ed interno diventa impercettibile, gli spazi chiusi si dissolvono e vengono assimilati dalla natura circostante.
L’ambiente naturale negli yacht ARCADIA non viene solamente esaltato, ma anche, e forse soprattutto, rispettato. Le ampie aperture limitano l’uso dell’aria condizionata grazie al beneficio delle piacevoli brezze marine che possono circolare liberamente nello yacht; i pannelli solari integrati nella sovrastruttura permettono di ridurre l’uso dei generatori esaltando i suoni della natura quando in rada e l’ampio utilizzo di soluzioni vetrate all’avanguardia ad altissimo isolamento termico testimonia la volontà del cantiere di restare fedele ai suoi valori ecologici.
Grande valore è stato dato alla convivialità e al relax a bordo portando avanti quella che è la vision di ARCADIA YACHTS ovvero realizzare imbarcazioni che esaltino convivialità e immersività nella natura proteggendola con soluzioni che favoriscano comportamenti virtuosi nei suoi confronti.
DA UNA A TRE GAMME
L’interesse suscitato da ARCADIA YACHTS tra i professionisti del settore e il successo tra gli appassionati testimoniato dai numeri di vendita, ha, con il passare del tempo, spinto sempre più players storici del mercato nautico a prendere ispirazione dalle soluzione innovative lanciate da ARCADIA come ad esempio le grandi vetrate in frame di alluminio, le finestrature Up&Down, l’ampiezza degli scafi e la ricerca di reali performance di efficienza di consumi di carburate ed energetici.
Forte anche di una mission ambiziosa ma pienamente rispettata, ovvero contribuire allo sviluppo dello yachting del XXI° secolo coniugando design, marinità e funzionalità con tecnologie consolidate, affidabili e dalla minima “Carbon Footprint” possibile, ARCADIA YACHTS annuncia l’estensione della flotta attuale e la sua espansione in 3 diverse gamme:
GAMMA A
GAMMA SHERPA
GAMMA FOR.TH.
 
I CINQUE MODELLI DELLA GAMMA A
La Gamma A, la prima e la più caratterizzante classificazione del cantiere che rispecchia i valori di ARCADIA YACHTS, si compone di 5 modelli:
A85 Comfort ed eleganza si incontrano in soli 25,90 metri, tra design ed efficienza tecnologica.Con la sua sovrastruttura completamente in vetrocamera, l’A85 è un open space luminoso, un jardin d’hiver sul mare.
A85S Grazie alla movimentazione Up&Down delle finestrature, lo sky lounge diventa un terzo ponte coperto utilizzabile tutto l’anno in ogni le condizione meteo.
A100 Un nuovo concetto di zona living che diventa patio: la convertible sky lounge dell’A100 è uno spazio fluido in cui l’Armatore è al centro del mare stagione dopo stagione, avvolto da silenzio, luce e comfort.
A100+ Un progetto che fa della flessibilità e della continuità tra spazi interni ed esterni il suo punto cardine, nel massimo rispetto dell’ambiente circostante.
A115 Un layout flessibile che va dalle 4 alle 6 cabine doppie, un ampio deck principale e un luminoso sky lounge: un’esperienza senza confini, dove gli ambienti sono connessi e si fondono l’uno nell’altro nel più grande yacht per dimensioni della flotta.
SHERPA: DA MODELLO A GAMMA
ARCADIA YACHTS, forte degli ordini raggiunti nel corso dell’ultimo anno (7unità), ha avuto conferma della bontà delle proprie scelte stilistiche e dei propri valori.
Ecco perché anche SHERPA diventerà una gamma, portando il concetto di “Pocket-mega-yacht”, l’unico yacht multifunzionale oggi davvero competitivo sul mercato, su misure mai raggiunte prima.
Nel giro dei prossimi diciotto mesi verrà infatti lanciato sul mercato uno SHERPA di 72’, dove l’armatore potrà godere di due aree conviviali esterne sul ponte principale e su quello superiore, entrambe di dimensioni maggiori rispetto alla media del mercato. La presenza della convertible skylounge assicura, nel pieno rispetto della vision ARCADIA YACHTS, il continuo contatto visivo col mare e la natura.
La manovrabilità sarà assicurata dalla scelta di montare i propulsori Volvo Penta IPS, soluzione ottimale per valorizzare gli spazi “nobili” vivibili, ridurre la rumorosità e non potranno mancare i pannelli solari, che garantiranno energia sufficiente per molte delle attrezzature e dei sistemi di bordo.
IL DEFINITIVO INGRESSO NEL MONDO DELL’ACCIAIO
Il cantiere italiano intende inoltre diffondere la propria visione anche su yacht di dimensioni ancora maggiori, quelle dove spesso il rapporto tra l’armatore e il mare viene quasi interrotto a causa di una ricerca di maestosità anche a discapito del piacere puro dell’andar per mare.
ARCADIA YACHTS continua a guardare avanti e ha deciso di confermare definitivamente l'entrata nel mondo dell’acciaio con la nuova gamma FOR.TH., che sta appunto per Forward Thinking, un progetto in linea con la sua filosofia, proposto in collaborazione con lo studio Hot Lab. Una collaborazione che si rinnova dopo il successo ottenuto con l’A100+.
Anche per quanto riguarda l’ingegneristica e la realizzazione del primo esemplare della nuova gamma, ARCADIA YACHTS sta valutando possibili partnership anche estere, per portare avanti il progetto nel rispetto dei propri standard di massima qualità.
Il primo modello della gamma FOR.TH. sarà un 47 metri, per 9 metri di baglio massimo, sul quale il contatto con la natura circostante sarà assicurato dalle grandi vetrate, ma anche dagli specchi di poppa aperti, sia sul main deck sia sull’upper deck. Il design lineare tipicamente ARCADIA si contrappone a una struttura prismatica quasi interamente vetrata e marcatamente architettonica, che dona agli spazi interni una grande quantità di luce naturale. Questo contrasto viene enfatizzato e concettualmente portato all'estremo, le taglienti carrozzerie della sovrastruttura si scompongono e si allontanano tra di loro come in un gioco con i prismi vetrati. Un sottile frame, cromaticamente in contrasto con l'insieme, ricongiunge idealmente le volumetrie in un gioco di pieni e vuoti che consente alla luce di farsi spazio dall'esterno verso l'interno.
I volumi sono concentrati leggermente più verso prua per consentire la presenza di grandi spazi soleggiati o ombreggiati nelle aree esterne di poppa, tuttavia, il gioco di pieni e vuoti che letteralmente scompone lo yacht suggerisce uno slancio verso poppa, che restituisce dinamismo all'insieme.
Tutte le soluzioni esterne sono improntate alla massima convivialità. La filosofia degli interni proposti come possibile soluzione, parte da un’impostazione di base contemporanea e raffinata, che ragiona a pianta aperta, volendosi richiamare apertamente alle real estate design più moderne. Grandi saloni di dimensioni generose, che interagiscono in contatto strettissimo con gli esterni, quasi a raddoppiarne la percezione: un layout che lega la fruizione degli interni a quella degli esterni in un rapporto privo di soluzioni di continuità. Il tutto su uno yacht dalle dimensioni di poco inferiori ai 500GT.
Il sun deck di 78 metri quadri è circondato da una struttura bassa e discreta, su cui poggiano gli esili montanti dell'hard top. Le carrozzerie sono interamente verniciate di nero e si fondono con i prismi vetrati che più a prua disegnano il parabrezza della timoneria. All'interno dei prismi sono state ricavate delle pannellature solari, uno degli storici segni distintivi di ARCADIA. In questa fase, il cantiere italiano propone un esempio di soluzione con jacuzzi trasparente, intorno alla quale si sviluppa un grande prendisole a C che occupa la sezione prodiera del ponte, mentre a poppa ecco due divani lineari serviti da un tavolino centrale. Al centro del ponte è stata proposta una zona bar, rivolta verso poppa, così da poter servire anche gli ospiti seduti sugli sgabelli presenti all'interno della piscina.
Un elemento, quello del bar, che ritroviamo anche sull’upper deck, dove è sovrastato da un sistema lamellare che all'occorrenza consente al sole di filtrare attraverso il sun deck. Su questo ponte ARCADIA ha sviluppato, tra le tante soluzioni possibili, due divani a L contrapposti: una configurazione che rende quest’area la quintessenza della convivialità, sviluppata su ben 43 metri quadri. In pieno stile ARCADIA anche la skylounge convertibile, le finestrature laterali sono a tutta altezza e scorrevoli verso prua fino a scomparire dalla vista completamente, mentre i divani sono disposti per consentire a tutti gli ospiti seduti di godere della brezza naturale. La luce inonda questo ambiente anche verticalmente attraverso alcuni lucernari.
Molto interessante la proposta di una dining area separata che richiama impostazioni tipiche di yacht di oltre 70 metri, collegata alla cucina sottostante tramite una pantry che garantisce un preciso e discreto servizio da parte dell’equipaggio senza in alcun modo disturbare gli ospiti. Nel complesso, gli spazi dedicati agli ospiti su questo ponte raggiungono ben 68 metri quadri di superficie. A completare l’upper deck ecco poi l’alloggio privato del comandante, con accesso diretto alla wheelhouse. 
All’insegna della massima fruibilità degli spazi anche la proposta di configurazione dell’aft deck sul ponte principale (di ben 90 metri quadri di superficie esterna): una dining table è in grado di accogliere fino a otto persone e risulta riparata e ombreggiata dalla sovrastruttura del ponte superiore. A un grande divano a C segue, verso poppa, un ampio prendisole con schienali amovibili, così da ottenere ulteriori sedute per gli ospiti, sotto al quale è stata ricavata un beach club adibito a palestra, delimitato a poppavia da una grande porta vetrata a filo della plancetta. Questo accorgimento consente il passaggio di una grande quantità di luce e abbatte ogni barriera visiva verso il mare.
Anche il main saloon interno di 53 metri quadri gode della presenza di porte vetrate laterali a tutta altezza, che aprendosi assicurano tra l’altro un comodo accesso ai camminamenti laterali. Alla suite armatoriale si accede invece attraverso l’owner office: una soluzione che, oltre ad aumentarne la privacy, assicura anche una notevole insonorizzazione. L’armatore può così godere di ben 51 metri quadri a lui interamente dedicati e arricchiti tra l’altro da una terrazza laterale apribile privata.
Scendendo sul lower deck, gli ospiti hanno a disposizione due VIP Cabin di ben 29 metri quadri ciascuna, con bagni e aree studio private. Due Twin cabin di 16 metri quadri, anch’esse con bagno privato, completano l’area dedicata al riposo degli ospiti. Importante la scelta di creare un accesso diretto a quest’a zona dagli alloggi dell’equipaggio, che così possono per esempio sistemare le cabine senza mai dover transitare dalla scala dedicata agli ospiti.
In definitiva, uno yacht estremamente innovativo e rivoluzionario che mantiene l’esclusivo stile ARCADIA, il quale si propone ma soprattutto desidera continuare ad affermarsi nel ruolo di apripista e protagonista di quello che sarà lo yachting del XXI secolo.


13/09/2017 11:40:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Montura presenta la linea Keep Sailing

Linea di abbigliamento destinato alla nautica e all'agonismo velico ricca di soluzioni innovative e realizzata con tecnologie applicate per la prima volta nel mondo della vela

Invernale Riva di Traiano: i Big subito in evidenza

Sole, mare calmo e poco vento. Ma la regata si fa e brilla lo Swan 45 Aphrodite

Nauta firma il Tender 48’ dei cantieri Maxi Dolphin di Erbusco

Nasce come progetto di imbarcazione veloce da appoggio e connessione per un superyacht di maggiori dimensioni; è dotata di un bottazzo continuo e morbido di protezione che agevola l’appoggio alla barca “madre”

Riva Boutique: eccellenza e artigianalità per un Natale in grande stile

Lo store online ufficiale di Riva si arricchisce di nuovi accessori realizzati con lo stile e la qualità del cantiere mito della nautica mondiale, perfette idee regalo per le festività

L’Ocean Film Festival World Tour fa tappa a Roma

Kayak, surf, vela, esplorazione subacquea: una selezione di medio e cortometraggi per tutti gli appassionati di mare e avventura - Il 20 novembre al cinema Moderno ore 20:15

All'Arsenale della Marina Regia si presenta il progetto “Sirene nel blu tra mare e cielo”

Il progetto nasce dall’idea congiunta tra la Soprintendenza del Mare e “l’Associazione amici della Soprintendenza del Mare”, di volere attivare una campagna di sensibilizzazione rivolta al rispetto del mare

Terza giornata all'Invernale del Circeo

La classifica generale IRC dopo 5 prove e uno scarto vede in testa TAHRIBA l’Elan E5 dello skipper Francesco Di Diodato portacolori del Nautilus Yacht Club con al timone Pino Stillitano

Francesco Cappuzzo campione nazionale Wave Windsurf per la seconda volta

Il campione in carica ha prima battuto nella finale del single elimination il milanese Jacopo Testa, campione nazionale Freestyle 2017, giunto terzo, e nell'avvincente finale del double elimination ha sconfitto di misura Andrea Rosati

Besenzoni vince il Dame Design Award 2017

Besenzoni ha ottenuto il riconoscimento finale della sua straordinaria capacità di innovazione: la poltrona pilota P400 Matrix ha ricevuto il più prestigioso premio dato nell’industria marina

Il nipponico Sikon si porta al comando del Melges 40 Grand Prix di Palma de Mallorca

La giornata odierna, iniziata con vento sui 15 / 17 nodi di intensità (poi andato a calare nel corso della seconda e terza prova) ed oscillante tra i 300 e 330 gradi

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci