lunedí, 11 dicembre 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

campionati invernali    regate    volvo ocean race    laser    vela    canoa    windsurf    confitarma    nautica    lega italiana vela    extreme sailing series    fincantieri    altura    nave italia   

NAUTICA

Arcadia Yachts si rinnova e presenta Arcadia 2.0

arcadia yachts si rinnova presenta arcadia
redazione

A 7 anni dalla sua nascita, il cantiere ARCADIA YACHTS - che nel 2010 ha rivoluzionato il mercato nautico internazionale con le sue imbarcazioni dal design unico che annulla il confine tra interni ed esterni creando un solo spazio -  ha il piacere di annunciare il suo nuovo “percorso” che è stato presentato il 16 maggio a Milano in occasione del Montenapoleone Yacht Club 2017.
Il cantiere partenopeo ARCADIA YACHTS - punto di riferimento per chi cerca yacht dalla forte personalità, molto marini e capaci di offrire un’esperienza totale e immersiva nell’ambiente circostante, guarda avanti puntando sull’evoluzione del proprio stile nel rispetto dei principi del cantiere e dando vita a un nuovo corso che porterà all’ampliamento e al rinnovo della gamma attuale e a un rinforzato management. DESIGN IN COLLABORAZIONE CON HOT LAB
Per questo nuovo “corso stilistico” ARCADIA YACHTS affida il design di interni ed esterni allo studio milanese Hot Lab, celebre per il suo approccio raffinato, giovane ed innovativo, capace di conciliare contemporaneità ed eleganza e di esaltare, in tutti i suoi yacht, quella “timeless beauty” che lo ha reso famoso nel mondo. 
Ugo Pellegrino, Amministratore Unico di ARCADIA YACHTS ha così commentato la nuova collaborazione: “Siamo convinti che il successo di un cantiere, e quindi anche di ARCADIA, sia legato all’intera esperienza che l’armatore ed il suo entourage vivono dal momento in cui si inizia a pensare ad un nuovo yacht a quando decide di venderlo per comprarne un altro… oltre che ovviamente alla sua possibilità di realizzarlo. In tal senso il ruolo dello studio di design nella primissima fase della relazione gioca un ruolo fondamentale per costruire una relazione cliente – cantiere solida e di massima fiducia. Abbiamo quindi ricercato tra i migliori professionisti dello yacht design chi, oltre a possedere delle ottime competenze tecniche, avesse anche delle capacità di ascolto e di empatia straordinarie. Solo immedesimandosi appieno con l’armatore si riescono a capire le sfumature dei desideri dei clienti e immaginare, disegnare quei dettagli che fanno davvero la differenza di un progetto di pieno successo in ottica semi-custom.
Dopo una scelta estremamente ponderata e qualche progetto “pilota” su cui avevamo già collaborato, abbiamo quindi ritenuto che il miglior partner con cui costruire la ARCADIA2.0 fosse lo studio di design Hot Lab. Sono sicuro che la collaborazione con Hot Lab ci premierà anche alla luce dei primi progetti e soprattutto delle relazioni che si stanno creando e sviluppando sia con armatori ARCADIA sia con nuovi.”
«Il senso del nostro lavoro con ARCADIA sarà quello di contribuire alla continua evoluzione di questo marchio così all’avanguardia», spiega Antonio Romano Partner di Hot Lab. «L’obiettivo, infatti, è sviluppare con il cantiere le caratteristiche vincenti di ARCADIA alla luce dei brief ricevuti dai clienti. Quella di ARCADIA è una realtà ormai consolidata e vincente alla quale ci siamo accostati con grande rispetto ed enorme piacere perché abbiamo toccato con mano la qualità del prodotto e la professionalità del management e delle maestranze».DESIGN IN COLLABORAZIONE CON HOT LAB
Per questo nuovo “corso stilistico” ARCADIA YACHTS affida il design di interni ed esterni allo studio milanese Hot Lab, celebre per il suo approccio raffinato, giovane ed innovativo, capace di conciliare contemporaneità ed eleganza e di esaltare, in tutti i suoi yacht, quella “timeless beauty” che lo ha reso famoso nel mondo.
Ugo Pellegrino, Amministratore Unico di ARCADIA YACHTS ha così commentato la nuova collaborazione: “Siamo convinti che il successo di un cantiere, e quindi anche di ARCADIA, sia legato all’intera esperienza che l’armatore ed il suo entourage vivono dal momento in cui si inizia a pensare ad un nuovo yacht a quando decide di venderlo per comprarne un altro… oltre che ovviamente alla sua possibilità di realizzarlo. In tal senso il ruolo dello studio di design nella primissima fase della relazione gioca un ruolo fondamentale per costruire una relazione cliente – cantiere solida e di massima fiducia. Abbiamo quindi ricercato tra i migliori professionisti dello yacht design chi, oltre a possedere delle ottime competenze tecniche, avesse anche delle capacità di ascolto e di empatia straordinarie. Solo immedesimandosi appieno con l’armatore si riescono a capire le sfumature dei desideri dei clienti e immaginare, disegnare quei dettagli che fanno davvero la differenza di un progetto di pieno successo in ottica semi-custom.
Dopo una scelta estremamente ponderata e qualche progetto “pilota” su cui avevamo già collaborato, abbiamo quindi ritenuto che il miglior partner con cui costruire la ARCADIA2.0 fosse lo studio di design Hot Lab. Sono sicuro che la collaborazione con Hot Lab ci premierà anche alla luce dei primi progetti e soprattutto delle relazioni che si stanno creando e sviluppando sia con armatori ARCADIA sia con nuovi.”
«Il senso del nostro lavoro con ARCADIA sarà quello di contribuire alla continua evoluzione di questo marchio così all’avanguardia», spiega Antonio Romano Partner di Hot Lab. «L’obiettivo, infatti, è sviluppare con il cantiere le caratteristiche vincenti di ARCADIA alla luce dei brief ricevuti dai clienti. Quella di ARCADIA è una realtà ormai consolidata e vincente alla quale ci siamo accostati con grande rispetto ed enorme piacere perché abbiamo toccato con mano la qualità del prodotto e la professionalità del management e delle maestranze».
ARACDIA YACHTING RENAISSANCE
Quando lo stile incontra la funzione, un oggetto diventa di design; quando un’imbarcazione incontra il design e l’eco-funzionalità, diventa ARCADIA YACHTS. Parlare di yachting rinascimentale può suonare pretenzioso, ma non è del tutto fuori luogo a proposito dell’omonimo cantiere di Pompei (NA) che nel 2010, quando si presentò sul mercato nautico, sconvolse il settore con la forza di una supernova.
ARCADIA nasce infatti dalla volontà di centralizzare la figura dell’armatore, di creare degli spazi che lo avvolgano e che gli permettano di vivere pienamente la natura che lo circonda.
In uno yacht ARCADIA il navigare per mare cambia completamente di significato e di sensazioni:  non è più solo un’occasione di godere del dolce cullare dell’acqua e del calore del sole, ma consente di entrare a stretto contatto con il paesaggio circostante.
 Gli ampi spazi aperti permettono di immergersi nell’ambiente marino, gli aft-deck di gran lunga più spaziosi della media creano un tutt’uno tra lo yacht e il mare, quasi questo fosse un naturale prolungamento dell’imbarcazione. Le grandi finestrature e aperture laterali generano degli spazi in cui il confine tra esterno ed interno diventa impercettibile, gli spazi chiusi si dissolvono e vengono assimilati dalla natura circostante. Il profumo del mare, i suoi suoni e i suoi riflessi inondano gli spazi interni creando un solo elemento.
L’ambiente naturale negli yacht ARCADIA non viene solamente esaltato, ma anche, e forse soprattutto, rispettato. Le ampie aperture limitano l’uso dell’aria condizionata grazie al beneficio delle piacevoli brezze marine che possono circolare liberamente nello yacht; i pannelli solari integrati nella sovrastruttura permettono di ridurre l’uso dei generatori esaltando i suoni della natura quando in rada e l’ampio utilizzo di soluzioni vetrate all’avanguardia ad altissimo isolamento termico testimonia la volontà del cantiere di restare fedele ai suoi valori ecologici.
Con grande lungimiranza – e un pizzico di fortuna – ARCADIA YACHTS anticipò quindi i bisogni che stavano nascendo, o per meglio dire “rinascendo”, in quel periodo.
Il mondo stava rapidamente cambiando e la crisi di quegli anni avrebbe modificato il corso della nautica per sempre. Gli armatori iniziavano ad affacciarsi sul mercato con esigenze diverse da quelle soddisfatte dai player storici. Chiedevano di tornare a un navigare lento e consapevole, a stretto contatto con l’acqua, di sentire la brezza marina sul viso e di godersi la parte più piacevole di una crociera: la navigazione. Armatori esperti ed esigenti che, da un lato chiedevano qualcosa di radicalmente nuovo, ma dall’altro non avrebbero mai barattato sicurezza e comfort per un semplice esercizio di stile privo di contenuti. Bisognava sviluppare nuove forme in grado di soddisfare al meglio le rinate aspettative.
Partendo dal principio che la barca dovesse tornare a “ruotare” attorno all’uomo, a stretto contatto con l’ambiente circostante e nel pieno rispetto della natura, il cantiere propose un progetto di totale rottura con la tipologia d’imbarcazioni in voga all’epoca: mentre il trend imponeva scafi filanti, aggressivi e rumorosi, per armatori che amavano ostentare, ARCADIA YACHTS presentò uno yacht dalle ampie superfici vetrate – in larghezza e in altezza – basso sull’acqua, largo, senza flybridge e dall’aria forte e sicura, con una carena pensata per viaggiare intorno al Mediterraneo o ai Caraibi ad una velocità più soft (15 / 18 nodi), senza rumore, sbalzi, vibrazioni. In una parola, l’ARCADIA 85 – oggi A85.
Fu un incredibile successo, come dimostra la nutrita serie di unità e modelli prodotti fino a oggi (A85, A85s, A100, A115, Sherpa) e la rapida crescita sul mercato, che vede il cantiere in questi anni assestarsi su una quota di mercato nei propri segmenti di riferimento intorno al 15%.
Sono barche dalla forte e ineguagliata personalità, che colpiscono non solo per il look innovativo, ma anche per la straordinaria ottimizzazione dello spazio - concepito per essere vissuto e goduto a 360 gradi 24 ore al giorno - per l’eccellente tenuta di mare, e per il fatto di essere rispettose dell’ambiente circostante e soprattutto, capaci di offrire un’esperienza “immersiva” e interattiva con l’universo mare.ARCADIA YACHTS COME OGGETTO DI STILE
Le imbarcazioni semi-dislocanti e semi-custom del cantiere differiscono nelle misure (dai 58 ai 115 piedi), nel layout e nel decor (concordati con il cliente), ma tutte – compreso l’entry level “Sherpa”, uno dei progetti più innovativi e ammirati degli ultimi anni - rispecchiano la volontà di coniugare forma e funzione attraverso un “involucro” che non solo “ospita” i migliori brand di design al mondo (Cassina, B&B, Cappellini, Alias, Olivari, Zucchetti, PoltronaFrau; Molteni, Sunbrella, Pamar, Fontana arte, Flos, Nahoor, BCM…), ma è lui stesso un oggetto di stile, incarnazione di un “design strutturale”, capace di esaltare tutto quello che gli ruota attorno.
Una “forma”, insomma, costruita intorno all’uomo e al mare che gioca sulle trasparenze, sui tagli di luce, sull’interscambio continuo tra dentro e fuori - grazie alle innovative vetrate che si alzano e si abbassano come i vetri di un’automobile - sugli spazi enormi esterni e interni e sulla cura maniacale nella scelta dei materiali e delle finiture: basti dire che su uno yacht ARCADIA anche i corridoi e il disimpegno sono luoghi gradevolissimi, dove gli armatori hanno ampia facoltà di personalizzazione e di espressione.
I pannelli solari in vetrocamera integrati nella sovrastruttura che permettono di ricaricare le batterie riducendo l’uso (e il rumore) dei generatori, i doppi vetri con gas Krypton, per avere elevato coefficiente termo-isolante (fino a 18° di differenziale termico tra le temperature interne ed esterne), i sistemi anti vibrazione e anti-rollio o quelli per il trattamento delle acque reflue sono altri plus che rendono uno yacht ARCADIA unico nel suo genere.
La zona attorno a Pompei diventa presto il polo di assemblaggio delle eccellenze europee: dal Regno Unito arrivano i disegni delle carene dislocanti NPL sviluppate negli anni Settanta dal Royal Institution of Naval Architects di Londra per assicurare - grazie al ginocchio tondo e alle buone caratteristiche di resistenza al moto a velocità medio basse - un’ottima tenuta di mare in qualsiasi condizione alle imbarcazioni da lavoro; dal Nord Europa provengono i doppi vetri con ottime caratteristiche di isolamento termico – l’elemento preponderante delle imbarcazioni, dagli Usa i sistemi di stabilizzazione dinamica ABT TRAC e dalla Germania i pannelli solari di ultima generazione che forniscono  energia sufficiente ad alimentare molte attrezzature e sistemi di bordo, assicurando al contempo un comfort acustico impareggiabile in rada, un risparmio notevole in termini di consumi e un conseguente un limitato impatto ambientale.
Ultime ma non ultime le maestranze artigiane della Campania e dell’Italia in generale, con le quali il cantiere collabora con enorme soddisfazione.
NON SOLO LO STILE - ANCHE IL MANAGEMENT SI RINNOVA
Forte della consolidata presenza sul mercato internazionale, con 20 imbarcazioni prodotte e consegnate, ed una quota nel segmento di riferimento di oltre il 15% - Ugo Pellegrino, Amministratore Unico di ARCADIA YACHTS, ha in questi mesi deciso di ampliare il management del cantiere nominando Francesco Ansalone responsabile dell’area Marketing & Comunicazione, e Mario De Camillis "After Sales & Service Manager".
Con l’ingresso di questi nuovi professionisti il management ARCADIA YACHTS è certo di riuscire a migliorarsi sempre più.


17/05/2017 20:36:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Invernale Riva di Traiano: l'arcobaleno non basta

Ancora una volta poco vento sul campo di regata di Riva di Traiano. Partiti solo i X2 e subito fermati. Una sola regata disputata in tre giornate.

Quarta giornata all'Invernale del Circeo

In IRC 1 Primo CAVALLO PAZZO l'X35 di Enrico Danielli portacolori del RYCC Savoia con Raimondo Cappa al timone, autore di una prova magistrale, rimanendo sempre al centro del campo di regata

Extreme Sailing Series: Alinghi vince l'ultimo Act

Il team svizzero chiude al secondo posto il Circuito delle Extreme Sailing Series 2017

La Talisker Whisky Atlantic Challenge

L’oceano Atlantico attraversato a bordo di una canoa che per tutto il corso dell’impresa rappresenta l’unico riparo dalle intemperie e dai pericoli e Solbian realizza un’installazione senza precedenti

Volvo Ocean Race: domani la In-port race di Città del Capo

L'8 dicembrei torna in mare per la In-port race di Città del Capo, dopo che le barche sono state sottoposte a un'attenta manutenzione e i velisti hanno ricaricato le batterie in vista delle prossime, intense, settimane nell'Oceano meridionale

Pershing presenta il nuovo Owner Set by Poltrona Frau

E celebra i primi 10 anni di sodalizio fra due icone del Made in Italy

Dolphin e Meteor animano il 27° Cimento del Garda

La classifica provvisoria è guidata da "Fantastica" di Anna e Giulia Navoni, alla barra Davide Bianchini, team Campione Italiano in carica

Ultimo appuntamento di Autunno In Mare con la XV Edizione del Trofeo Nicolaiano

Il trofeo Nicolaiano organizzato dal Centro Universitario Sportivo di Bari ha una connotazione speciale inserendosi nell’ampio progetto di grande solidarietà

Fincantieri: varata a Marghera “Nieuw Statendam”

Madrina della cerimonia è stata Anne Marie Bartels, socia élite del programma fedeltà President’s Club di Holland America Line e che da giovane fu tra le prime ad attraversare l’Atlantico da Rotterdam a New York

Volvo Ocean Race: Dongfeng Race Team vince la In-port di Città del Capo red-line

Secondi dopo una grande rimonta gli spagnoli di MAPFRE, che mantengono la testa della classifica e terzo AkzoNobel

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci