giovedí, 13 dicembre 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vele d'epoca    premi    seatec    recordate    star    sydney hobart    regate    protezione civile    circoli velici    golden globe race    america's cup    formazione    turismo    crociere    j24    press    campionati invernali    attualità   

NAUTICA

Arcadia Sherpa debutto americano al Miami Yacht Show 2018

arcadia sherpa debutto americano al miami yacht show 2018
redazione


Tutto pronto per il debutto americano di ARCADIA SHERPA al prossimo Miami Yacht Show, che si svolgerà nella città della Florida dal 15 al 19 febbraio 2018. Un esordio importante per ARCADIA YACHTS, a 8 anni dalla sua nascita, in occasione di un appuntamento che si è ormai affermato tra i più importanti dell’inverno americano.
Uno yacht, SHERPA, che si dimostra perfetto anche per il mercato americano, nel quale l’Armatore ha la possibilità di vivere il mare tutto l’anno. Basti pensare allo skylounge “Easy to close”, trasformabile in una lounge chiusa, protetta dalle finestre laterali che possono essere sollevate fino a incontrare l'hard-top. Esattamente come accade nel mondo delle automobili, l'upper deck di SHERPA diventa così “convertibile”.
Quest’area, essendo dotata anche di aria condizionata, risulta molto più flessibile e utilizzabile con qualsiasi condizione atmosferica alzando le finestrature up&down in climi molto caldi o in caso di maltempo oppure abbassandole per godere appieno della naturale brezza marina.
“ARCADIA YACHTS è nota al pubblico americano già da diversi anni”, ha dichiarato Ugo Pellegrino, Amministratore Unico del Cantiere, "grazie all’interesse nato intorno alla nostra filosofia di Yachting Renaissance, ai nostri progetti e alla presenza ai principali saloni della Florida. Proprio grazie agli investimenti fatti negli scorsi anni, nel 2016 abbiamo consegnato un'unità di A85 nell’area Caraibica, che ha suscitato l’interesse da parte di professionisti storici del settore tanto da arrivare a nominare K&H come distributore per il Messico e per la clientela spanish speaking in Florida.
Siamo sicuri che la presenza di SHERPA al prossimo Miami Yacht Show, dopo il notevole interesse ed il successo commerciale registrato presso i media e la clientela finale, ci permetterà di diffondere ulteriormente nel pubblico d’oltre oceano valori del nostro marchio”.

L’UOMO AL CENTRO DEL PROGETTO
SHERPA è uno yacht di 60 piedi che riesce a mantenere intatte l’idea e le caratteristiche che rendono ogni ARCADIA differente dal resto dei suoi concorrenti anche grazie a un nuovo concetto di distribuzione degli spazi di bordo, che mira a privilegiare proprio le aree conviviali e il diretto rapporto tra l’uomo e la natura circostante.
 
Basta osservare gli spazi esterni del ponte, dove gli ospiti possono accomodarsi su un grande divano a C rivolto verso poppa, a cui fanno eco due sofà trasformabili in ulteriori sunpad al centro del ponte. Proseguendo verso poppa si comprende appieno l’importanza attribuita da ARCADIA alla stretta relazione tra uomo e natura: basta scendere un gradino ai lati della grande area prendisole per essere già a pelo d’acqua sul mare. 
 
L’IMPORTANZA DI REINVENTARE LA TRADIZIONE
La linea classica dello scafo è ispirata a quella delle imbarcazioni da lavoro e si integra con elementi, come la sovrastruttura, che ne alleggeriscono e modernizzano il profilo, ponendo sempre grande attenzione alla funzionalità.
Proprio la sovrastruttura, che ripara la sezione prodiera del ponte esterno, accoglie le celle solari integrate di ultima generazione. Un sistema avanzato ed ecologico che fornisce energia sufficiente ad alimentare molte apparecchiature e sistemi di bordo, assicurando al contempo un comfort acustico impareggiabile in rada, un risparmio notevole in termini di consumi e conseguentemente un limitato impatto ambientale.
La capacità di ARCADIA di mutuare tecnologie affidabili, trasformandole e rendendole ancora più efficaci, è evidenziata poi dall’utilizzo dello scafo derivato dalla serie sistemica semi-planante NPL, testata e ottimizzata grazie al suo estensivo utilizzo fin dagli Anni 60, in combinazione con motori Volvo Penta IPS600, ottenendo così consumi estremamente ridotti e un’eccellente maneggevolezza, a tutto vantaggio del comfort di bordo. Questo avanzato scafo, insieme alla sovrastruttura ARCADIA YACHTS, particolarmente leggera, consente di ottenere prestazioni dai consumi contenuti.
 
L’ATTENZIONE AL DETTAGLIO
Il cantiere italiano ha studiato per SHERPA due soluzioni interne, ulteriormente sviluppabili con gli Armatori. La prima prevede una suite armatoriale di grandi dimensioni, dotata di una sala da bagno che può rappresentare una vera e propria area benessere privata, una seconda cabina ed un day head. La seconda conta invece di una sola suite armatoriale con zona salotto/lounge modulabile grazie a pannelli scorrevoli che ne permettono la separazione in aree differenti. In entrambe le soluzioni le altezze interne sono di circa 2 metri.
 
ARCADIA E LA YACHTING REINASSANCE
Nello sviluppo delle sue imbarcazioni, l’idea fondante di ARCADIA YACHTS è quella di partire dall’armatore e dall’uso che intende fare della barca per dare forma alle sue idee e desideri. Le richieste e volontà vengono così ascoltate, assimilate e utilizzate per concretizzare i suoi sogni.
In uno yacht ARCADIA il navigare per mare cambia di significato e di sensazioni: non è più solo un’occasione di godere del cullare dell’acqua e di ammirare la natura da un punto di vista privilegiato, ma consente di entrare a stretto contatto con il paesaggio circostante praticamente da ogni angolo visivo esterno ed interno.
Gli ampi spazi aperti, notevolmente più estesi della media, permettono di immergersi nell’ambiente marino così da creare un tutt’uno tra lo yacht e il mare, quasi questo fosse un naturale prolungamento dell’imbarcazione. Il confine tra esterno e interno diventa impercettibile, gli spazi chiusi si dissolvono e vengono assimilati dalla natura circostante.


16/01/2018 13:31:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Golden Globe Race: tratta in salvo Susie Goodall

Susie Goodall è stata finalmente recuperata 2.000 miglia a ovest di Capo Horn dall'equipaggio della nave cargo registrata a Hong Kong MV Tian

Ambrogio Beccaria e Geomag campioni di Francia!

Primo italiano a vincere il Campionato francese in solitario in classe serie (Championnat de France Promotion Course au Large), Ambrogio Beccaria, 27 anni, l’8 dicembre scorso Beccaria ha ricevuto la medaglia d’oro presso il Nautic de Paris

Lazio e Campania: allerta meteo sulle zone costiere per domenica 9 dicembre

Previsti anche venti di burrasca nord-occidentali, con raffiche fino a tempesta, sulla Sardegna in estensione a Sicilia e Calabria

Circolo Vela Gargnano: il bilancio del 2018

Gorla e Centomiglia, il ritorno della classe Star, i successi delle squadre giovanili, l'alternanza scuola lavoro, le Università di Brescia e Padova. Il prossimo anno si annuncia un Settembre a tutta vela con le classi Olimpiche e gli equipaggi azzurri

America's Cup: c'è anche Malta con una sfida molto italiana

Il Team Principal dell'Altus Challenge di Malta è Pasquale Cataldi, un uomo d'affari italiano nato a Malta, fondatore e CEO della multinazionale del settore immobiliare e dello sviluppo, Altus

My Fin vince per il terzo anno il Trofeo Città di Viareggio

I portacolori del Club Nautico Versilia Bresci e Galeassi fanno poker di vittorie di giornata e si aggiudicano anche dell’edizione 2018

Sydney/Hobart: sarà ancora lotta tra Comanche e Wild Oats XI

Il record è di LDV Comanche, che lo scorso anno ha impiegato 1 giorno, 9 ore, 15 minuti e 24 secondi per coprire le 628 miglia del percorso

Seatec prepara l'edizione 2019

La collaborazione sempre più stretta, efficace e produttiva tra ICE-Agenzia e CarraraFiere porta a Seatec 60 buyer da 25 paesi e una delegazione di giornalisti esteri da 6 paesi

Fincantieri: varata a Marghera Carnival Panorama

È stata varata oggi nello stabilimento Fincantieri di Marghera, “Carnival Panorama”, nuova nave destinata a Carnival Cruise Line, brand del gruppo statunitense Carnival Corporation & plc, primo operatore al mondo del settore crocieristico

Conclusa la Imperia Winter Regatta

Imperia Winter Regatta per le classi 420 e 470: i fratelli Caldari si impongono nei 420 open; Frascari-Lanzetta tra le femmine, mentre il podio dell’olimpica 470 è appannaggio straniero con la vittoria tedesca di Winkel-Cipra

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci